Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / La palestra con la mia amica
copertina racconto erotico

La palestra con la mia amica

Da qualche tempo, ho deciso di dedicare più tempo a me stessa in ogni modo possibile, non ne conosco la ragione ma sento di aver bisogno di attenzioni, cosi ad esempio, quando esco, faccio di tutto per non passare inosservata, sia quando cammino per strada o entro nei negozi, mi piace sentire addosso gli sguardi della gente che mi circonda , mi diletto ad indossare gonne molto corte e mogliettine scollate o aderenti, sperando che gli uomini mi trovino sempre uno schianto, cosa che apprezzo, ma ultimamente mi sono accorta che, mi piace essere ammirata anche dalle donne.

Da tre settimane circa frequento una palestra, così oltre a mantenere la forma ho l’opportunità’ di conoscere gente nuova; ed infatti di gente ne ho conosciuta parecchia e, in particolare ho approfondito l’amicizia con una …. ragazza……. qualche giorno fa, dopo una faticosissima lezione, siamo andate , come al solito , a cambiarci negli spogliatoi, solo che a differenza delle altre volte, parlavamo di sesso e lei ad un certo punto, parlando di seni prende il mio tra le mani e lo palpa per sentirne la morbidezza, io rimango un po’ scioccata, non mi ero mai fatta toccare il seno da una donna….. poi lei mi mette la mano nel suo per farmi sentire la differenza….. il contatto della sua pelle mi fece subito correre un brivido lungo la schiena, ma non scostai la mano ne tolsi la sua dal mio seno nudo; mentre ancora io pensavo a ciò che stava accadendo lei avvicino le sue labbra alle mie sfiorandomele con un bacio leggero, la lasciai fare…poi come se nulla fosse si diresse alle docce salutandomi.. Sinceramente non mi aspettavo ma quella strana situazione mi eccitò molto……. feci anche io la doccia, ma quando uscii dal box lei era gia andata via…pensavo che magari potevamo parlarne………

Non ho poi dovuto aspettare molto infatti la stessa sera mi mandò un sms chiedendomi se poteva passare a casa ed un ora dopo la stavo facendo entrare nel mio appartamento……

Quando è entrata mi sono accorta che eravamo entrambe imbarazzate, ma non potevo smettere di pensare al suo seno ed a quel bacio che ci siamo date….. sono convinta che anche lei in mente non pensava ad altro….

Prendemmo un caffè, poi lei non disse nulla e cominciò a baciarmi sulla bocca…. mi baciò il collo…. io mi sentii paralizzata…. mi chiese di spogliarmi completamente; ero talmente eccitata che l’ascoltai e mi accorsi che mentre mi spogliavo oltre ad i vestiti da dosso se ne andava via anche il mio…”pudore”…. lei si era gia spogliata, aveva i capezzoli eretti, eravamo entrambe eccitate, le nostre lingue continuavano ad intrecciarsi; mi sentivo in estasi per questa assurda situazione…. avevo la fica completamente fradicia , lei senza timore iniziò a sfiorare la mia pelle, mi fece sdraiare sul divanetto e mi divaricò le gambe…inizio a baciarmi l’ombellico, infilandoci la lingua e giocherellandoci un po’ poi scese fino al pube….. mentre le sue mani scorrevano lungo le gambe…mi baciò le grandi labbra e continuo il suo lungo viaggio alla scoperta del mio corpo…. scese fino alle ginocchia ed ancora più giù…. con la lingua si soffermò a leccare la pianta dei miei piedi, insinuandosi negli interstizi che separano le singole dita, per poi succhiarli, uno dopo l’altro, sentivo la mia fica grondare di piacere…mentre lei iniziava a leccare l’altro piede, sentivo che sarei esplosa da un momento all’altro…. poi lei cominciò a risalire con la lingua lungo le cosce fino alla mia fica iniziando a leccarmi ma quando stavo per venire; ha sollevato la testa avvicinando la sua bocca alla mia…. cominciando a toccarmi il seno, strizzando e solleticando i miei capezzoli…. avevo voglia di leccarla, di godere anche io del suo corpo cosi la feci mettere a 69, io ero sotto ed avevo la sua fica ad un centimetro dalla faccia, sentivo il suo profumo, così appoggiai le labbra sul suo clitoride era turgido gonfio e grondante di voglia. mi eccitava così tanto che lo cominciai a succhiare…. è buffo pensarci adesso ma ci trovavamo sdraiate nel divanetto col capo affondato una nella fica dell’altra riempiendo di piacere le nostre bocche……all’improvviso sentii il mio piacere crescere fino ad esplodere in un susseguirsi di contrazioni e spasmi……venne anche lei…

Mi sentivo appagata, ma non ancora sazia così iniziai a palpare il suo corpo prendendo tra le mani il suo seno che cominciai a leccare tutto intorno all’aureola facendola gridare di piacere, la baciai sulle labbra ma sentivo che anche lei aveva ancora voglia di godere cosi le allargai le gambe e la leccai nuovamente infilandole due dita in fica, più le muovevo velocemente più sentivo i suoi gemiti di piacere ed anche io ne provavo sentendola fremere….. adesso lei è la mia migliore amica! FINE

About Hard stories

Scrivo racconti erotici per hobby, perché mi piace. Perché quando scrivo mi sento in un'altra domensione. Arriva all'improvviso una carica incredibile da scaricare sulla tastiera. E' così che nasce un racconto erotico.

Leggi anche

copertina racconto erotico

A casa di mio zio

Sono una ragazza di una famiglia ricca che viviamo in Istanbul. Quando avevo 16 anni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.