Home / Gay e Lesbo / La prima lettera a Troietta (racconto trans)
copertina racconto erotico

La prima lettera a Troietta (racconto trans)

( Dedicato a tutte le femmine, con o senza pistolino )

Premessa
Cara piccola Troietta
Oggi non posso venire da te.. ti spiegherò meglio domani … ti mando perciò una mia e_mail con il resoconto di quello che è successo ieri fra noi…. Ricordi ? .. o era domani?
So che ti piace leggere queste cose … che ti servono mentre ti masturbi.. Bacino cara … fatti una sega amore …. una sola però … domani ti voglio trovare tutta in tiro..

Entro in casa.
Quando entrai in casa tutta la casa era immersa nel silenzio .. dalle imposte socchiuse filtravano alcuni raggi di sole che rendevano l’ambiente quasi irreale. In sottofondo una musica languida. Avevi preparato tu quella scenografia, tu da qualche tempo la mia adorata Troietta …
Davvero non avrei mai immaginato di trovare tanta eccitazione, tanta passione tanto diletto nel baciare, toccare, succhiare, inc _ _ _ are un uomo.
– “Beh ma la mia troietta è veramente un uomo ? mi chiesi allora come tante altre volte .”
Alessandro, alias Al, alias Sara, alias la mia adorata Troietta, ha labbra tumide e dolci e fresche come un femmina vera, quando mi bacia …. quando cammina è sinuosa e flessibile come un giunco e leggera come una gazzella, … e quando le accarezzo il corpo nudo … ha la pelle liscia come una fanciulla e… quando la prendo… è accogliente, calda, morbida, vogliosa e stretta ….. come una vergine…
– “Sara ? ” … Silenzio
– “C’è nessuno ?…”. Silenzio ..
In cucina nessuno, in sala… nessuno …
Apro la camera da letto e tu sei nudo steso sul letto con la pancia sotto … coperto solamente da un velo celeste di seta che ti ho regalato per S. Valentino e che lascia trasparire il tuo corpo abbronzato al sole delle Kornati.
Hai le braccia unite ai polsi e legate alla testata del letto.
Le gambe divaricate legate per le caviglie …
L’ano roseo, perfetto, senza cedimento alcuno, è esposto e luccica nella penombra …
E’ già lubrificato e pronto ad accogliermi
probabilmente ti sei già dilatata … in ogni caso sul comodino c’è la birra.. proprio della marca che ieri, dopo averne
bevuto il contenuto, ti ho ficcato nel culo come preparazione… prima di incularti
Il bacio
– “Hai sete caro ? ” mi chiede Troietta
In silenzio mi spoglio nudo. Bastano due movimenti di mano per irrigidirmi il cazzo…. salgo sul letto, allontano il velo e mi adagio nudo su di te nudo appoggiando il cazzo nel solco delle tue natiche. Troietta non si muove.. Io ti bacio sul collo … dietro poi ti lecco con la lingua e scivolo davanti … cerco il collo sotto la gola.
Troietta geme e mi porge la bocca aperta. Entro con la lingua ..fino in gola. Ci baciamo a lungo..

La preparazione
– “Come hai fatto a legarti così ? “… chiedo…
– “Prima mi sono legata le caviglie infine i polsi.. C’è un peso che scorre su di una carrucola dietro la testa del letto … che mi tira ” …
– “Girati che voglio succhiarti il pistolino “… Troietta ci prova si contorce ma non riesce…
– “Slegami od infilati sotto”, mi dice …
– “Inarcati “, dico.. Troietta inarca la schiena ed io mi infilo sotto raggiungendo il tuo pistolino molle. Prendo tutto in bocca, tutto, sia il pistolino che le palle voglio dire, e comincio a succhiare
Allora anche tu mi afferri il cazzo con la bocca…
– “Sta buona dico.. non succhiarmi, ti prego …” … Ubbidiente mi lasci il cazzo facendolo sfilare dalla bocca..
Intanto con la mani raggiungo l’ano e ti infilo un dito dentro.
Sei piena di un gel liquido e denso. Troietta quando si “prepara” si riempie sempre il retto con una miscela di burro e miele, delizioso anche da leccare, che lei stessa si inietta con una siringa..
La doppia stimolazione ha ragione della pigrizia del tuo pene ed il cazzetto ti si raddrizza…
Succhio con alterna forza e quando sembra dare segni di cedimento insisto con il dito e/o rinforzo la suzzione e lui si riprende.
In realtà Troietta, malgrado le scarse dimensioni del pene e la grande facilità a perdere rigidezza, viene diverse volte al giorno anche se ogni volta emette poca sborra. A volte, specie quando ti faccio venire in bocca, ti confesso che mi piacerebbe ” sentirti di più ” ma..
Ed è questa forse la ragione per cui sei in grado di venire anche due volte di seguito durante lo stesso rapporto, se opportunamente stimolata,…. anche qui come una ragazza calda.
– “Ti stringo il pene fra i denti fino a farti male “.
– “Ajjj ! ” ed il processo verso l’orgasmo si arresta ed io riprendo a succhiare..
Ho sete
– “Ho sete “, dico
– “Ti ho preparato la birra. Amore…” dici
Mi libero dal tuo peso … mi siedo al tuo fianco ed apro la bottiglia bevo un pò..
– “Hai sete ? ” chiedo. Troietta è sempre contenta quando le dimostro di essere attento alle sue esigenze.. come una ragazza innamorata..
– “Si… dammene un pò ” ed apre la bella bocca … ma… io ti appoggio la bottiglia sull’ano e te la infilo dentro lentamente .. tutto il collo lungo entra tutto fino al corpo eccessivo … Sono tentato di spingere ancora poi… mi fermo…
– “Bevi piccolo amore ” dico ridendo. Troietta è sorpresa. Non l’avevo mai fatto con la bottiglia piena … ma subito si riprende …
– “Ho si mi piace è fresca ” … muovo un po’ la bottiglia e con mia sorpresa di liquido ne esce parecchio… la bottiglia resta piena di schiuma ed un pò di liquido …. dopo un po’ Troietta dice con voce languida.. ..
– “Inculami amore.. ti prego ..”

La prendo
– “Si amore. Prendo un asciugamano e te lo metto sotto la pancia e fra le gambe, non voglio sporcare il letto… ” …
Ma quando estraggo la bottiglia esce solamente un poco di schiuma dolce… che lecco via ..
Sono entrato nella tua pancia, di colpo, con facilità estrema. Solo l’anello dell’ano strige ma dentro di te è……. come nuotare nel burro fresco …
Ti inculo lentamente come piace a te uscendo quasi ed entrando fino in fondo e spingendo fortemente sulle natiche quando sono tutto dentro… gemi ma so che non saresti venuta… Vieni solo se, mentre ti inculano, ti stimolano o ti stimoli il pene … . ma hai le mani legate…
– “Ora ti vengo dentro la pancia.. dopo … ti voglio guardarti mentre ti fai una sega”, dico …
– “Si va bene come vuoi”, dice Troietta. Io so che a Troietta piace sopra ogni cosa che io la faccia venire succhiandola .. mentre con le dita o con un vibratore le stimolo l’ano…. In verità glie lo faccio spesso ma lei non lo chiede mai…
Il mio orgasmo in quel brodo, divenuto ora calda schiuma, è una sborrata violenta e lunghissima.. Resto a lungo su di te immobile.
Dopo qualche tempo esco, ti sistemo l’asciugamano a mo’ di assorbente sulle natiche e fra le gambe. Poi ti slego…
– “Vatti a lavare, Sara … poi torna qui a farti una sega … ti voglio guardare mentre godi… “..
– “Ho si….”
Quando ti ho slegata, Troietta, mi ha dato un bacio leggero leggero sulle labbra e se ne è andata correndo a piccoli passi, sculettando e tenendoti l’asciugamano con le due mani. Una davanti ed una di dietro. Eri felice.

La pompa
Fra poco ti avrei vista tornare .. sdraiata sul letto…. incominciare quelle lunghissime seghe che solamente tu sai fare … fra gemiti… contorsioni…. inarcamenti della vita… e la bocca che annaspa nell’aria come se ti mancasse il respiro…
Sei meravigliosa, piccola Sara, quando ti masturbi e fantastica addirittura quando sei in preda all’orgasmo e ti inarchi e gemi con voce appena trattenuta …
Ma anche oggi, probabilmente, non avrei saputo assistere a tutto lo spettacolo e con ogni probabilità, come tante altre volte, ad un certo punto, ti avrei preso il pene in bocca … e dopo averti messo due dita nel culo per massaggiarti la prostata, ti avrei succhiato via tutto…
Quando sei apparsa sulla porta della camera eri radiosa .. Io ti ho sorriso …
A domani amore…
– Frank

FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Mentre erano a cena insieme (racconto lesbo)

Mentre erano a cena insieme capiva perchè alla maggior parte delle colleghe non era simpatica; …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.