Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Pensieri erotici (racconto lesbo)
copertina racconto erotico

Pensieri erotici (racconto lesbo)

Mi piacerebbe vedere nelle tue mani un verde cetriolo, (ce l’hai in frigorifero… potresti andare a prenderlo… ) grosso, lungo, bitorzoluto… vorrei che tu lo appoggiassi tra le mie labbra e lo facessi scorrere in alto ed in basso, tra l’ingresso della vagina ed il clitoride, così fino a farmi eccitare e bagnare.
Allora vorrei sentire che la punta del cetriolo, controllato dalle tue mani, si appoggia sul mio vestibolo, e, piano aumenta la sua pressione, allargando le mie labbra, allargando l’ingresso della mia vagina.
E, finalmente, lo sento penetrare nella mia figa.
Sento le tue mani che lo spingono in fondo, facendolo entrare oltre il possibile, per poi arretrarlo fin quasi a farlo completamente uscire, poi, velocemente, farlo penetrare fino in fondo.
Avanti e indietro, senza tregua, senza darmi respiro.
Aprendo, allargando, dilatando sempre di più la mia bagnatissima vagina.
Allora, sempre lasciando il cazzo verde dentro di me, vorrei che tu ti girassi in modo da rivolgere il tuo viso verso il mio pube e la tua pelvi verso il mio viso.
Mentre le tue mani tengono fortemente in me il cetriolo vorrei che tu ti sedessi sulla mia faccia, vorrei che le tue labbra più segrete si appoggiassero alle mie, vorrei che la tua figa si schiacciasse sulla mia bocca.
Mentre tu mi scopi con il grosso ortaggio io inizierei a leccare le tue labbra, introdurrei la mia lingua nella tua vagina aperta e già umida. Porterei nella mia bocca il tuo miele e lo assaporerei con voracità.
Ti scoperei con la mia lingua facendotela penetrare dentro in ogni direzione, facendola roteare come una biscia nella tua cavità, tenendola ora leggera e superficiale come una piuma ora dura e protrusa come un cazzo.
Allargando sempre di più le mie cosce mi farei sbattere fino a lasciarmi condurre dalle tue mani all’orgasmo, inarcando la mia schiena urlerei il mio piacere dentro alla tua figa, stramazzando poi sul pavimento duro e caldo del parquet.
Allora ti sentirei abbassarti sempre di più verso la mia figa, estrarre il cetriolo, velocemente, facendomi sobbalzare per l’intensità della sensazione, lasciando la mia vagina oscenamente spalancata di fronte ai tuoi occhi ed alla tua bocca.
Continuando a leccare, a scopare con la mia lingua la tua figa, sentirei le tue labbra appoggiarsi alle mie ninfe, sentirei la tua lingua introdursi nel mare che è nella mia vagina.
Strette, avvinte, in una perfetta reciprocità le nostre lingue si affannano per condurci all’estasi.
Quando, all’improvviso, avverto la cappella del cetriolo appoggiarsi al mio buchino posteriore, e, senza intermittenze, spingere sempre più forte sulle pareti del mio ano, fino a forzarlo, fino ad allargarlo al punto da permettere al grosso corpo dell’ortaggio di fottere il mio culo, di sodomizzarmi.
Urlo di dolore, ma come un’onda, il piacere, mi assale e ti supplico di non smettere.
Sento la tua figa sempre più larga e bagnata, mentre i noduli del cetriolo, spinto avanti ed indietro dalle tua mani sapienti, solcare il mio ano, e la tua lingua introdursi vorticosamente nella mia vagina.
A quel punto non capisco più nulla, sento te urlare di piacere, sento che il tuo miele cola sul io viso e nella mia bocca, sento me urlare di piacere, mi sento aprire, spalancare il bacino e godo senza remore, senza pudore, in completa estasi erotica.
Ci ritroviamo bocca a bocca a scambiarci i reciproci sapori attraverso le nostre lingue, a scambiarci il frutto di quel piacere che meravigliosamente abbiamo saputo donarci…

FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Una competizione gradevole (racconto lesbo)

Elisa è una ragazza di 19 anni, si è Diplomata e adesso è iscritta al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.