Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Scommetti che vinco io?
copertina racconto erotico

Scommetti che vinco io?

Era estate ed ero in palestra e con i miei ex-compagni di squadra di basket di due anni fa…. e stavamo facendo una partita per conto nostro… e in ballo c’era una scommessa.. promettevo di far qualunque cosa in caso di sconfitta. Dovevo vincere a tutti i costi……. Purtroppo.. un po’ per il caldo un po’ per la squadra inferiore persi ed ero distrutto…. di conseguenza persi la scommessa…. Quando andammo negli spogliatoi…. mi iniziai a spogliare ed ero in mutande quando davanti a me si presentarono i miei compagni completamente nudi….. Andrea (un mio caro amico) mi disse che siccome avevo perso la scommessa dovevo mettere in bocca il cazzo di ogni componente della squadra… sia di chi aveva vinto sia perso… lì per lì rimasi stupito… (nessuno sapeva delle mie fantasie bsx) poi un ‘idea mi passò x la testa e cambiai atteggiamento…. (volevo farla pagare a quelli che mi restavano sulle palle… che tra l’altro avevano anche il cazzo più piccolo… ) e allora accettai… visto che chi scommette paga… a condizione però di poter scegliere l’ordine… Loro accettarono senza discutere e un po’ increduli che io non avessi teso resistenza.

Così si misero in fila…. e iniziai a vedere quegli 11 maschi appena 18enni con i cazzi in mano che si stavano gonfiando… e sentii che il mio non si tirava in dietro….. dopo un’attenta visione scelsi il primo.

Lui era alto e cicciottello e aveva un cazzo ridicolo…. anche se ritto… allora mi avvicinai… lui era arrapatissimo… (è un segaiolo) e quasi imbarazzato…. così glielo toccai un po’ e poi lo misi in bocca… in effetti non era grande… e non sentivo un buon odore visto l’allenamento di prima ma continuai e iniziai ad andare su e giù con la bocca… visto che le dimensioni erano misere e poi non volevo farlo godere troppo… anzi…… lo sfilai e iniziai a segarlo velocemente con due dita…. sentivo che stava per venire e allora lo guardai negli occhi e aprii la bocca accogliendo due fiotti di sborra molto liquida… segno che non era molto che era venuto precedentemente…. e glie lo lasciai gocciolare e riammosciare…… gli altri stupiti per lo spettacolo avevano i cazzi durissimi e qualcuno già gocciolava… scelsi il secondo… e vedendo che mi guardava in modo superiore come se fossi una troia decisi di segarlo anch’esso velocemente e finire col fargli un pompino con i denti… vedendolo soffrire e sborrarmi in bocca…… via via io sempre in terra e in mutande con loro in piedi… mi misi in bocca tutti i cazzetti… per arrivare al sesto iniziava ad essere già interessante…. lui era lo sfigato del gruppo e decisi di trattarlo meglio vista la situazione facendogli un pompino e leccandogli le palle e iniziando a far sentire a tutti che iniziava a piacermi questo pagare la scommessa… Anche se era dal primo ragazzo che avevo il cazzo già gocciolante e ritto…. così andavo su e giù guardando gli altri già spompinati invidiosi di quel cazzo… così lo feci venire allontanando la bocca per far vedere a tutti quanta sborra ingoiassi…. a quel punto avevo la faccia e il petto sporchi di sborra che spalmavo come yogurt mentre pompavo….

Poi toccò la volta del cazzo venoso… molto interessante e con una bella cappella… quasi in chiusura rimanevano gli ultimi due…. uno col cazzo bianco ma consistente e leggermente scappellato in cima, e quello di Andrea, un cazzo veramente bello… lungo 22cm e largo… scuro e leggermente incurvato… faceva voglia di prenderlo in bocca anche da moscio da quanto è maestoso…. Spesso mi sono segato su di lui immaginando che mi sbattesse con quella verga e che mi venisse in bocca con tutta la sborra che aveva in corpo… Così mi sfilai le mutande nere che luccicavano per il liquido trasparente oramai appiccicatosi e misi in mostra il mio cazzo tesissimo… Iniziai da quello bianco…. lo leccavo lentamente lo ciucciavo…. insomma un trattamento speciale per il secondo cazzo più grosso della squadra….. ma all’improvviso mi venne in mente una voglia a cui non seppi resistere… insomma quando sentivo che stava per venire… mi fermai improvvisamente e… con lo stupore della gente…. mi diressi verso Andrea e iniziai a prendergli il cazzo in bocca… senza che nessuno fiatasse…. Era bellissimo.. lo ingoiavo fino alle palle lo insalivavo e lo baciavo…. lo leccavo… e quando fu completamente dritto e duro…. mi staccai e voltandomi a pecorina e gli dissi di infilarmelo dentro…. non se lo fece ripetere due volte….. e dopo aver infilato un dito inumidito di saliva per allargare il buchetto…. capendo che non avevo bisogno di lubrificanti….. midi lubrificanti. iva dito umido terela squadra che mi sbattesse con quella verga e che mi venisse in bocca con tutta la sua sbor impalò con quel coso…. all’inizio feci qualche smorfia di dolore ma quando le mie interiora si adattarono a quel fallo di carne gigantesco iniziai a godere… Feci cenno al ragazzo col cazzo rimasto in sospeso di avvicinarsi …. e ripresi il lavoro già iniziato… solo che avevo 22cm nel culo che mi sbattevano…. e il cazzo in bocca ancora più gonfio… così che esplose in una sborrata magnifica… bianca densa e in quantità enormi… a tal punto da far cadere qualche goccia in terra…. tra l’acclamazione della folla che continuava a segarsi in continuazione x lo spettacolo…. Non feci in tempo a raccogliere le gocce perse che da dietro un’ondata di sperma invase il mio culo… fu una senzazione stupenda che avevo immaginato per molto tempo e ora finalmente realizzata… Quando Andrea si sfilò oramai aveva già scaricato il suo carico che stava visivamente gocciolando dal mio buchetto… gli presi in bocca il cazzo con la speranza di cogliere i residui rimastogli nell’asta e ripulirlo…… stranamente quel cazzo non voleva sgonfiarsi così una volta ripulito iniziai a pomparlo di nuovo con la bocca e una mano…. fino a farlo rivenire la seconda volta…. ingoiando tutto stavolta… a quel punto avevo finito il mio lavoretto….. e mi girai esausto verso gli altri ed esclamai… -guardate cosa succede ad avere il cazzo più grosso!! – rivolgendomi alle mezzeseghe coi cazzetti in mano spompati per primi e riferendomi alle ultime due verghe che avevo spompato e che mi avevano scopato…. Stremato mi sdraiai a terra tra uno schizzo e l’altro di sborra caduta sul pavimento e con le palle durissime che scoppiavano mi lasciai andare ad una sega liberatoria…. Vedendomi tutti i miei compagni non contenti del lavoretto svolto loro si misero in cerchio.. e si segarono l’ultima volta su di me….. emettendo gemiti tra dolore e godimento…. sputandomi sulla pancia e sul cazzo e venendomi su tutto il corpo e in faccia….. fino a che venni copiosamente sul mio stomaco….. e mi lasciarono lì e andarono a fare la doccia…

In conclusione anche se avevo perso la scommessa avevo vinto ugualmente e soddisfatto ripensavo a quanto ero diventato porco dopo quell’esperienza ma…………………………………. Fu così che aprendo gli occhi mi accorsi che era stato solo un bellissimo sogno….. ma sentii il mio cazzo barsotto e bagnato nelle mutande, e il cuore che batteva……. sollevai le coperte… il pigiama e infine le mutande nere che contenevano una quantità di sborra mai vista… col mio cazzetto mezzo in tiro che sembrava stordito da quella situazione…. e lo ero anche io….. così andai in bagno facendo attenzione a non gocciolare x rinfrescarmi e ripulirmi……. ”

Chissà che questo sogno non si realizzi al più presto visto che quest’anno rigiocherò assieme a quei fantastici amici……. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Mentre erano a cena insieme (racconto lesbo)

Mentre erano a cena insieme capiva perchè alla maggior parte delle colleghe non era simpatica; …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.