Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Un matrimonio riuscito
copertina racconto erotico

Un matrimonio riuscito

Alcuni anni fa, appena laureato, trovai lavoro in una Compagnia d’installazioni industriali che lavorava principalmente nei paesi del Medio Oriente.
Dopo qualche mese passato negli uffici di Genova fui spedito, come responsabile dei lavori, in un punto sperduto del deserto, dove la Compagnia stava costruendo un complesso impianto di stoccaggio del greggio.
Il posto era vicino ad un piccolo paese e vi erano sul posto 40 dei nostri tecnici più le maestranze locali.
Non essendovi più posti nei nostri alloggiamenti mi sistemai in fetido alberghetto del posto.
Le attività andavano a rilento così mi buttai a capofitto nel lavoro.
Dopo qualche settimana non sopportando più di stare in albergo me ne lamentai con un tecnico, il quale scosse la testa sconsolato. “Siamo veramente al completo” mi disse “Non c’è proprio modo di sistemarla. Però” aggiunse “Potrebbe provare con la signorina Amaldi dell’Amministrazione”
“Provare in che senso? ” gli chiesi.
“Nel senso che essendo l’unica donna l’Azienda le ha affittato una casetta. Il posto ci sarebbe ma… ”
“Ma… ”
“La signorina Amaldi è un po’ strana… Cioè… Niente di particolare, è educata e molto in gamba ma, dà poca confidenza. È una che se sta sempre sola. ”
“Provi a parlargliene prendendola alla lontana” concluse in maniera dubbiosa.
La signorina Amaldi era facile da individuare, essendo l’unica donna in quell’universo maschile, così in mensa feci in modo di attaccare discorso.
Fu abbastanza cordiale, si chiamava Giulia ed era lì da sei mesi.
Dopo qualche giorno le chiesi se poteva ospitarmi. Lei poggiò le posate nel piatto e guardandomi dritto negli occhi mi disse. “Vedi Marco tu sei un ragazzo simpatico e diverso dagli altri che lavorano qui, però quello che mi chiedi mi crea un sacco di problemi. ”
“Non capisco? ”
“Senti, non so perché, ma qualcosa mi dice che mi posso fidare di te”
“Certo che ti puoi fidare”
“Ecco vedi… io sono omosessuale e capisci da te che avere un uomo per casa non è proprio il massimo. ”
Scoppiai a ridere.
“Che c’è da ridere” si era offesa “Credo di averti mal giudicato” .
“No. Scusami è che vedi… anch’io sono gay”
“Accidenti… ” adesso scappava da ridere anche a lei. “Se è così si può fare. La casa è grande e non ci daremo fastidio. ”
Trasferii le mie cose da lei e ci organizzammo gli spazi. La casa era ben attrezzata, notai con soddisfazione che c’era il video registratore.
“Com’è la situazione in questo posto per noi poveri gay? ” le chiesi una sera.
“Terribile. Non si può fare niente. I locali sono tenuti sotto stretta sorveglianza dalla polizia e anche in cantiere, per evitare problemi con le autorità, vige un clima da inquisizione. ”
“Peccato… pensavo che in un posto di soli uomini sarebbe stato facile… ”
Mi lanciò un sorriso ironico. “Immagino cosa avevi pensato. Tutti uomini, il fascino dell’Oriente. Scordatelo, se ti beccano sono 30 frustate e la Compagnia ti licenzia. ”
“A stecchetto completo? ” ero molto deluso.
“Proprio a stecchetto no. Ogni tre mesi c’è una breve licenza a Djerba. Lì ci sono grandi alberghi e un giro di prostituzione. La polizia chiude un occhio e per un paio di giorni ci si può sfogare. ”
Le raccontai di quello che dicevano di lei i nostri colleghi.
“L’immagino” mi rispose lei “Ma devo fare così altrimenti ci proverebbero tutti. ”
“Però con me sei stata molto cordiale sin dall’inizio” .
“Sì è vero. Sentivo una certa affinità. Ora sappiamo il perché. E poi, un po’ perché la solitudine pesa, un po’ perché non hai proprio l’aspetto del macho ho sentito che potevo fidarmi ” .
Aveva ragione non avevo l’aria del macho, , ero abbastanza magro quasi senza barba e lineamenti non certo marcati. Anche Gloria non aveva il fisico da pin up: capelli corti, fisico asciutto, il seno si intravedeva appena e le spalle erano più larghe delle ragazze in genere.
“Bene” conclusi “Predisponiamoci a un lungo periodo di castità. Fortuna che almeno c’è il videoregistratore” .
“Qualcosa mi dice che hai fatto incetta di cassette porno. Sei stato più previdente di me. Ma come hai fatto a farle passare alla dogana? ”
“Ho un piccolo doppiofondo in una sacca. Sai loro cercano soprattutto liquori” .
Ci scambiammo la buonanotte e ci ritirammo nelle nostre camere.
Qualche sera dopo non riuscendo a dormire un po’ per il caldo un po’ per l’erezione decisi di guardarmi una cassetta. Andai in sala e feci partire la cassetta dopo aver tolto l’audio.
Erano ovviamente cassette gay piene di ragazzi che si spompinavano e sodomizzavano alla grande.
Ero lì nudo sul divano con l’uccello in mano quando sentii la voce di Gloria alle mie spalle
“Si festeggia eh? ” il suo tono era più divertito che sorpreso.
“Scusami… ” ero un po’ imbarazzato a starmene lì con l’uccello in mano…
“Scusami tu. Sai non dormivo e quando ho visto la luce del televisore ho immaginato che stessi vedendo le tue cassette e mi sono incuriosita. Posso vederne un pezzo anch’io? ”
“Certo. Vuoi che la rimando indietro? ”
“No. Non credo ci sia nulla di diverso da quello che si vede adesso”
Annui. Ero un po’ imbarazzato. Non avevo mai condiviso con una donna le mie emozioni sessuali.
Ma con Gloria si era creato un rapporto di confidenza e complicità che pur non desiderandola sessualmente la cosa non mi dispiaceva più di tanto.
“Sono queste le cose che fate fra maschietti? ”
“Si in genere è questo che si fa”
“Noi femminucce invece abbiamo più fantasia” disse con tono scherzoso.
“Se lo dici tu”
Guardammo il film per circa una mezz’oretta poi lei m fece “Puoi pure riprendere quello che stavi facendo, a me non da nessun fastidio. Anzi non ti spiace se pure io… ”
“Si certo. Nessun problema”
Aveva indosso solo una maglietta e gli slip. Si accomodò meglio sul divano e dopo essersi scostata il bordo degli slip iniziò a masturbarsi energicamente. Io dopo un primo momento distolsi lo sguardo da lei e mi occupai del mio uccello.
Finito ci guardammo sorridendo un po’ imbarazzati.
“Sono talmente in astinenza che anche immagini così lontano dal mio mondo riescono ad eccitarmi” mi confidò.
“Si ti capisco l’astinenza forzata è una brutta cosa. La prossima volta che vado all’aeroporto cercherò di trovare qualcosa di più adatto a te” .
“Questo si chiama essere gentili. Ti va una sigaretta? ” mi passò il suo pacchetto. Fumammo in silenzio poi ce ne tornammo a dormire.
Il caso volle che qualche giorno dopo arrivasse un carico di materiale all’aeroporto più vicino e io feci di tutto per entrare nella squadra che sarebbe andato a ritirarlo.
Il viaggio in camion fu un tormento ma l’idea di bazzicare per qualche ora in un posto civile mi allettava.
Espletate le formalità cercai una scusa per allontanarmi dai miei compagni e fare gli acquisti che avevo in mente ma anche loro erano venuti per questo motivo così ci dirigemmo insieme verso il duty free.
Loro erano molto esperti e mi portarono in un negozio che nel retro vendeva video e riviste porno. Scelsi un paio di riviste lesbo e un video, l’unico che c’era. La cosa non destò sospetti nei miei compagni e ripartimmo maledicendo in cuor nostro la rigidità dei costumi mussulmani.
Durante il viaggio di ritorno uno dei due colleghi cominciò a sbraitare contro il divieto di bere alcool e frequentare prostitute. L’alcool però, ci disse in confidenza, gli mancava più delle donne.
Quella sera detti a Gloria il materiale acquistato e lei tutta contenta mi ringraziò e si ritirò i camera sua.
La sera dopo rientrando a casa dalla mensa mi confidò “Sai mi manca tanto un giovane fighetta da leccare” .
“E a me il culetto di un giovinetto da sodomizzare” le risposi scherzando.
Arrivati a casa si diresse in camera sua e tornò con la cassetta che gli avevo regalato.
“Ce la vediamo? ” “ok” risposi.
Il contenuto della cassetta era fedele al titolo. Giovani ragazze che si leccavano tra le gambe e si infilavano con falli di gomma.
“C’entrerebbe uno di quei cosi nel tuo doppiofondo” mi chiese all’improvviso.
“Sì. Penso di sì. Non ne ho portato perché pensavo di trovarne qui di canre” le risposi.
“Ti piace anche prenderlo? ” mi chiese incuriosita.
“Sì. Certo tutt’e due le cose. Ti meraviglia. ”
“No. Anzi ti rende molto più simpatico” e mi sorrise.
La visione della cassetta aveva arrapato Gloria oltre l’inverosimile “Ho il clitoride che mi scoppia fra un po’ sarà grosso come il tuo uccello” disse esasperata.
“Se così fosse avrei una proposta da farti” le dissi scherzando.
“Non ti fare illusioni, purtroppo, è solo un modo di dire. È un piccolo cazzetto ma non supera mai la lunghezza di un’unghia”
“Un po’ poco per i miei scopi” feci finta di essere deluso
“Povero Marco” mi si avvicinò e mi accarezzò i capelli “Se avessi il clitoride lungo come il tuo uccello ti sodomizzerei tutte le sere”
“Sei una vera amica”
“Però se ti piace posso farti accarezzare il mio culetto, non è quello di un ragazzo ma con un po’ di fantasia… ”
Un po’ scherzando e un po’ sul serio le infilai la mano sotto la maglietta e le accarezzai il sedere.
“Morbido e liscio come quello di giovane fanciullo”
“Che tocco gentile” le mie carezze la stavano eccitando ulteriormente.
“Senti” mi disse “se vuoi puoi approfittarne… del mio culetto”
Rimasi sorpreso dalla sua offerta, io non ero mai andato con una donna, però ero talmente arrapato e sentire il suo culetto sotto la mia mano aveva fatto venir voglia anche a me.
“Sì” le risposi “mi piacerebbe approfittarne”
“Allora aspetta un attimo” andò in camera sua e tornò dopo pochi minuti. Si era infilata un giubbotto di pelle sopra la maglietta e mentre si inginocchiava davanti al divano, dopo essersi tolta le mutande, mi disse “Fai attenzione però, non l’ho mai fatto, cerca di non farmi male”
La rassicurai ricordale la mia lunga esperienza in materia.
Effettivamente in ginocchio, con quel giubbotto sembrava proprio un ragazzo. Glielo dissi e ne fu contenta.
“Allora che aspetti? ”
Mi inginocchiai dietro di lei e, aperte le natiche, iniziai a leccarle la rosetta scura. I suoi muscoli erano tesi ma, a colpi di lingua, riuscii a rilassarli, poi le lubrificai per bene il buchetto e le appoggiai la punta del mio uccello. Si irrigidì di colpo, le accarezzai la schiena e le diedi dei colpetti col palmo della mano sulla natica.
Pian pianino si rilassò e iniziai dolcemente a penetrarla fermandomi quando la sentivo irrigidirsi.
Alla fine le fui dentro, le lasciai riprendere fiato poi, vincendo la mia tentazione di darle colpi possenti, iniziai a muovermi lentamente.
Cominciò mugolare ed io accelerai il ritmo. Si portò la mano in mezzo alle gambe e venimmo tutt’e due.
“Mi piace la sodomia” disse a mezza voce accasciandosi ai piedi del divano.
“Allora benvenuta nel mondo dei sodomiti” la baciai sulla fronte.
“Passami un fazzoletto per favore” la vidi asciugarsi l’interno delle cosce.
“Sono fra le poche donne che al momento dell’orgasmo eiaculano come i maschietti” disse rispondendo al mio sguardo interrogativo.
“Sei decisamente piena di sorprese” si limitò a sorridermi.
“Devi ricambiarmi il favore”
“Certo” le risposi “Quel che è giusto è giusto”
La sera successiva la passammo a sfogliare le riviste porno si a mie che sue, ad un certo punto Gloria mi chiese “Ti sei mai truccato? ”
“Truccato in che senso” le chiesi
“Truccato da donne. Rossetto, rimmel ecc. ”
“Si. Ma non spesso”
“Posso truccarti io? Ti va? ”
“Sì. Facciamolo”
Mi portò in camera sua e mi fece sedere davanti allo specchio. Mi depilò un po’ le sopraciglia, mi truccò gli occhi, mi mise lo smalto ed il rossetto.
Quando mi guardai allo specchio avevo un aspetto molto femminile.
“Sei proprio bella” mi disse stampandomi un bacio sulle labbra.
“Vuoi che mi vesta anche da donna? ” le chiesi
“Saresti un amore” .
Mi spogliai, mi osservò con cura. “Bene. Peli non ne hai, per il seno possiamo fare ben poco”
Poi mi passò un paio di collant a rete “Metili senza slip” le ubbidii. Mi guardai allo specchio, se non fosse stato per l’uccello che , con questo giochetto si stava inturgidendo, non avrei avuto niente da invidiare ad una donna.
Infine mi passò un leggero vestito nero che infilai con piacere.
“Sì, sei proprio una gran figa”
“Che ne diresti se questa gran figa ti leccasse quel piccolo cazzetto? ”
“Direi che siamo fatte l’una per l’altra”
Si sfilò le mutande e si sedette al bordo del letto con le gambe aperte.
Mi inginocchiai e le poggiai la lingua sulla figa. Non sapevo assolutamente cosa fare. Poi sentii sotto la punta della mia lingua una protuberanza dura e dai mugolii di Gloria capii che avevo trovato quello che cercavo.
Non potevo succhiarlo, era troppo piccolo, così mi limitai a leccarlo con la punta della lingua.
Non dovetti aspettare molto per ricevere in faccia uno schizzo caldo che mi ricordò le eiaculazione dei miei amanti.
Gloria si accasciò sul letto attirandomi a se. Mi leccò la faccia e baciò sulle labbra. Non ero affatto dispiaciuto. Poi scese fra le mie gambe e, senza togliermi i collant, cominciò a leccarmi la parte sensibile dell’uccello portandomi all’orgasmo.
Le nostre serate passavano così a volte lei si travestiva da ragazzo, a volte io mi vestivo da donna poi, finalmente arrivò il nostro turno di riposo a Djerba.
Eravamo eccitatissimi. Sull’aereo Gloria pianificò ogni cosa. Avrebbe telefonato lei al suo contatto per procurarmi i ragazzi e avrebbe anche trovato la stanza dove portarli. In albergo neanche parlarne.
Scendemmo in albergo. “Aspettami qui. Quando ho organizzato tutto ti telefono e mi raggiungi in taxi”
Aspettai alcune ore poi arrivò la telefonata, feci chiamare il taxi e raggiunsi il posto indicatomi. Era uno squallido alberghetto. Gloria mi aspettava nella hall. “Ho organizzato tutto” mi disse “Per i soldi ho fatto io poi dividiamo. I ragazzi ci aspettano su, ho preso una stanza sola per tutti e due, ti dispiace? ”
“Assolutamente no, sei un angelo” la baciai sulla guancia.
Salimmo le scale con il cuore in gola. Nella stanza ci aspettavano due ragazzi sui vent’anni. Mi avvicinai al ragazzo e scoprii con piacere che parlava inglese.
Lo spogliai lentamente, era come mi aspettavo che fossero i ragazzi orientali. Gli presi in bocca l’uccello e sentii con piacere che si irrigidiva, non gli detti il tempo di venire, lo girai e lo sodomizzai con infinito piacere.
Accasciato sul letto vidi Gloria, dall’altro lato della stanza intenta in un forsennato sessantanove con la sua amante.
Fu poi la volta del mio amante che, con l’uccello ancora in erezione, mi sodomizzò.
Mentre venivo per la seconda volta scorsi Gloria con la coda dell’occhio che mi osservava incuriosita.
Andammo avanti ancora per un paio d’ore poi i nostri amanti se ne andarono e Gloria venne a sdraiarsi sul letto vicino a me.
“Sei soddisfatto? ” mi chiese “Sì” le risposi “Soddisfatto e distrutto. Possiamo dormire qui? ”
“No. Non è il caso. Abbiamo affittato la stanza sole per un paio d’ore” .
Ci vestimmo in fretta e chiamato un taxi dalla hall tornammo in albergo.
“Che ne diresti di organizzare un incontro un po’ più numeroso per domani? ”
“Cosa hai in mente? ”
“Almeno un paio di ragazzi per me” rise divertita.
“Sei assatanato. Vedrò quello che si può fare. ”
Ci scambiammo la buonanotte ed andammo a dormire.
La sera dopo prendemmo il taxi e tornammo al solito albergo. Il padrone ci consegnò la chiave senza dire una parola.
Dentro la stanza c’erano due ragazze e due ragazzi già nudi che ci aspettavano sui rispettivi letti. Ci scambiammo uno sguardo di intesa poi, chiusa la porta a chiave ci spogliammo e demmo inizio ad una vera e propria orgia.
Poi la vacanza purtroppo finì.
Sull’aereo che ci riportava a casa Gloria mi confidò “Sei un compagno di viaggi fantastico” le strinsi il braccio con affetto. Poi continuammo confidandoci i nostri progetti.
“Perché fai questo lavoro? ” le chiesi.
“Per i soldi” mi rispose “Perché se no? ”
“Sì. Ma è una vitaccia”
“È vero, ma fra qualche anno avrò abbastanza soldi da mettere su un’attività tutta mia” .
“È anche la mia idea” le risposi.
“Potremmo diventare soci” mi propose
“Perché no. Ci penseremo”
Tornammo al campo e riprendemmo la solita vita.
Passata la sbornia di sesso fatta a Djerba ci ritrovammo una sera sul divano arrapati a ricordare i nostri giovani amanti. Gloria ad un certo punto si alzò e, promettendomi una sorpresa, andò in camera sua.
Tornò poco dopo nuda con il giubbotto di pelle e, infilato fra le gambe, un fallo di plastica che non aveva niente da invidiare al mio.
Ero senza parole. Fu lei a spogliarmi e, dopo averglielo lubrificato con la lingua, mi sodomizzò con grande piacere di tutti e due.
I mesi passarono e si avvicinò il momento della scadenza dell’incarico.
“Chissà dove ci manderanno” mi disse una sera sconsolata.
“Dispiace molto anche a me lasciarti” le risposi.
“Eravamo una bella coppia. Insolita, ma stavamo bene insieme” .
“Non è possibile chiede la stessa destinazione? ” chiesi.
“No. Solo le coppie sposate possono avere la stessa destinazione” Ci guardammo ed avemmo insieme la stessa idea. “Sposiamoci” dicemmo tutti e due insieme. E così fu.
Sono passati quindici anni da allora. Siamo ancora sposati anche se non lavoriamo più per la Compagnia.
Ora abbiamo una nostra azienda e gli affari vanno a gonfie vele.
Anche le cose fra noi vanno a gonfie vele. Abbiamo i nostri amanti ma, spesso, facciamo sesso insieme come quando lavoravamo in Oriente. FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Stavo giusto parlando con mia cugina

Stavo giusto parlando con mia cugina, o meglio, lei mi parlava di come andava con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.