Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Un quartetto quasi affiatato
copertina racconto erotico

Un quartetto quasi affiatato

Anna e Luisa, due ragazze amiche da sempre, si frequentavano dalle elementari, adesso erano ancora insieme all’Università stessa Facoltà Legge, fidanzate quasi ufficialmente Roberto con Anna, e Paolo chiaramente con Luisa, spesso capitava che loro due dormissero insieme, nella casa di una o dell’altra, abitavano nello stesso palazzo, i genitori amici fra loro quando andavano via il Sabato e la Domenica nella casa al mare, rimanevano per studiare loro due da sole, dicevano sempre per la tranquillità, ma la ragione era un’altra, si vedevano con Roberto e Paolo e potevano scopare tranquille in un letto tutto per loro, ma era capitato spesso che parlando dei rapporti con i loro ragazzi, alla fine erano eccitate e si masturbavano fra di loro, ormai era quasi una bella abitudine, se non c’erano i ragazzi loro si divertivano lo stesso, e non era una cosa nuova, ormai erano anni che lo praticavano il sesso fra loro, quella sera dopo la cena e il film, erano andate a letto, e Luisa raccontava ad Anna che era quasi stanca del rapporto con Paolo, diceva di lui, vuole che le faccia i bocchini, però desidera sborrarmi in bocca, questo lui lo sa che mi fa schifo, e allora quando lo ha bello teso me lo mette nel culo, dice che lo farà fino a che non mi decido a bere la sua sborra, non è che mi dispiace, ma sempre nel culo alla fine mi stanco, una bella scopata ogni tanto ci vuole non ti sembra? anche Anna diceva più o meno le stesse cose, e concludeva, io ho l’impressione, che dal momento che loro sono amici da ragazzini come noi due, si confidano e poi dopo si raccontano tutto, però io una idea l’avrei per fargliela pagare, te lo ha mai detto Paolo che gli piacerebbe vederti mentre fai un 69 con me? si rispondeva pronta Luisa, e mi ha detto che la cosa sarebbe facile, dal momento che io e te ci conosciamo da tanto tempo, e non proveremmo vergogna, sai cosa mi piacerebbe fare diceva Anna, noi potremmo fare un 69 davanti a loro, ma a un patto, che prima loro se lo mettono nel culo uno con l’altro, chi inizia non ci interessa, e la promessa sarebbe che io dopo mi faccio sborrare in bocca, e tu che fai il 69 con me, che ne dici di questa proposta? ci starebbero a farlo per quello che gli promettiamo? facciamo così, concludeva Anna, domani è Domenica e loro vengono a mangiare qui da noi, prima li facciamo bere abbastanza, e poi gli facciamo la proposta, e se va bene si rompono il culo uno con l’altro, spento il televisore, iniziavano a baciarsi e poi il 69 era quasi d’obbligo.

La Domenica mattina le trovava ancora abbracciate, e dopo qualche bacino per il buon giorno, iniziavano a preparare il pranzo per i loro ragazzi, alle 12, 30 puntuali arrivavano in casa portando una bottiglia di vino e una torta Millefoglie, dopo i convenevoli iniziavano a consumare il pranzo, il vino che avevano portato, più quello che le due ragazze servivano fresco surriscaldava l’ambiente, e senza riassettare la tavola, iniziavano a pomiciare, ormai i ragazzi erano su di giri, e Anna esordiva con Roberto dicendogli, dici sempre che faresti tutto per me, oggi ho avuto una bella idea, se ti fai inculare dal tuo amico Paolo, mentre lui ti pompa dietro io ti succhio il cazzo e mi faccio sborrare in bocca tutto lo sperma che ti uscirà, che ne dici? e Luisa interveniva ancora dicendo, se anche tu fai la stessa cosa con Roberto, io mi faccio un 69 con Luisa, come vedete la posta mi sembra abbastanza alta, li avevano completamente denudati e gli toccavano succhiavano il cazzo, e ogni tanto si toccavano fra di loro scambiandosi dei baci sulla bocca, i due ragazzi erano frastornati ma eccitatissimi, era Anna che per concludere subito la cosa, proponeva una conta tra i due, fate pari o dispari, e chi viene si mette sotto, e poi una volta sborrato cambiate posizione, una inculata per uno, non fa male a nessuno concludeva, e nel frattempo continuavano a fargli bere vino fresco, l’obbiettivo era raggiunto, e dopo la conta, toccava a Roberto stare sotto per primo, interveniva Anna che con sveltezza ungeva bene il culo di Roberto, mentre Luisa, prima gli succhiava un po il cazzo a Paolo e poi gli ungeva bene la cappella, e mentre Anna iniziava il famoso bocchino con ingoio a Roberto, Luisa gli reggeva il cazzo a Paolo puntandolo sul buco del culo dell’amico, lui iniziava a spingerlo dentro, mentre Anna faceva il possibile per leccare e succhiare il cazzo a Roberto e fargli sopportare il dolore del culo che cedeva al manganello dell’amico, Roberto sentiva il dolore nel culo, ma il piacere di vedere Anna che gli succhiava il cazzo era enorme, e poi non vedeva l’ora di sborrarle dentro la bocca, come aveva sempre desiderato, Luisa si era tolta da dietro a Paolo, e raggiunta l’amica iniziava a carezzarle prima i seni e poi la fica, e diceva a Roberto, appena hai sborrato e mentre è Paolo che ti incula, io lecco la fica a Anna così sarai contento anche tu, Paolo con tutto quello che vedeva e i discorsi sentiti, iniziava a sborrare nel culo di Roberto, e Roberto finalmente sborrava nella bocca di Anna, che come promesso ingoiava tutta l’abbondante sborrata che adesso stava facendo, e poi lei leccandosi le labbra si alzava e baciava sulla bocca il ragazzo, mischiandogli cosi la saliva e lo sperma suo appena emesso.

Facevano passare circa una mezzora le ragazze, prima di darei il via alla seconda fase del programma, e continuavano a servire il vino fresco per mantenerli su di giri, ormai erano quasi partiti, ridevano e si divertivano a toccarsi i piselli uno con l’altro, poi eccitati dalle ragazze, si cambiavano la posizione, adesso era Paolo che doveva essere inculato da Roberto, e Luisa pronta cominciava a leccargli il cazzo per farlo indurire bene, e adesso che era pronto faceva la stessa cosa dell’amica, gli ungeva bene il buco del culo e poi stesso trattamento per la cappella, una volta messo a pecorina, gli si piegava davanti e cominciava a spompinarlo, mentre Anna reggeva il cazzo a Paolo per dirigerlo dentro al culo dell’amico, ma appena la cappella era entrata, andava dalla sua amica, prima le carezzava il seno e la fica, e poi si sdraiava supina sotto a lei e iniziava a leccarle la fica, lo spettacolo sortiva l’effetto dovuto, gia inebriati e allegri per il vino bevuto, i due ragazzi si scatenavano nel loro amplesso omosessuale, il solo vedere Anna che leccava la fica alla sua amica, li portava ad uno stato di eccitazione incredibile, e adesso era Paolo che riempiva il retto di Roberto con una robusta sborrata.

Una volta che i ragazzi avevano finito il loro amplesso innaturale, Anna e Luisa si sdraiavano sul letto, iniziavano il loro ennesimo 69 davanti agli occhi sbalorditi dei due ragazzi, che per non rimanere inattivi, e su consiglio delle loro donne si masturbavano a vicenda, adesso loro erano veramente e doppiamente soddisfatte, una era la soddisfazione di avere portato quei due cretini, ad incularsi fra di loro, e la seconda, che finalmente potevano dare sfogo ai loro istinti davanti ai due babbei, si erano messe d’impegno a leccarsi e carezzarsi a vicenda, e solo al terzo orgasmo provato finivano il loro gioco, ormai l’atmosfera era ritornata normale, Anna e Luisa si abbracciavano e baciavano davanti a loro, e poi rivolte ai loro ragazzi dicevano, adesso voi potete anche andare a fanculo, che a noi due ragazzi di 24 anni con il culo rotto non ci interessano più, vorrà dire che se vogliamo scopare troviamo degli uomini che il culo lo hanno sano, e non gli piacciono questi giochi da froci, tanto a noi se viene voglia, sappiamo come sfogarci, addio ragazzi, e se avrete il cazzo dritto adesso sapete anche dove mettervelo. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.