Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Una bella relazione
copertina racconto erotico

Una bella relazione

La mia ragazza Maria ed io siamo due persone dedite al sesso.
Facciamo sesso anche due volte al giorno.
Talvolta i nostri preliminari sono così intensi che non proseguiamo con la chiavata.
Una notte mi stava facendo un eccezionale pompino.
Di nascosto ha tirato fuori un dildo che gli avevo regalato alcuni mesi prima.
Ha cercato di spingermelo nel culo.
Non ci avevo mai pensato, avrei anche potuto provare.
Gli ho detto di lubrificarlo e poi l’avrei preso.
Mi ha rivolto un grande sorriso.
Ha unto il dildo e l’ha messo contro il mio buco del culo.
Ho aperto le natiche e lentamente è entrato.
Mi faceva un po’ male ma era sopportabile.
L’ha infilato solo per 8 centimetri e poi si è fermata.
Credo pensasse che non fossi in grado di prenderlo tutto.
è tornata a succhiarmi il cazzo caldo ed ero veramente eccitato da quel bocchino.
Ero rimasto estremamente eccitato.
Volevo sentire il dildo profondamente dentro di me.
Mi sono abbassato ed ho spinto il dildo più profondamente che potevo.
Sono rimasto sorpreso di essere riuscito a prenderne 22 centimetri.
Lei ha pensato che era una cosa molto selvaggia.
Ha continuato a succhiarmi violentemente mentre mi fottevo col cazzo di gomma.
Dopo pochi minuti stavo scaricando l’eiaculazione più grande della mia vita. Il mio cazzo era rimasto piuttosto duro, così si è arrampicata su di me e mi ha portato a un altro caldo climax.
Dopo di ciò mi ha tolto il dildo dal culo.
“Ti è piaciuto”? , ha domandato.
“Sì, è stata una cosa troppo selvaggia”! , ho risposto.
“Scommetto che ti piacerebbe essere fottuto veramente”! , ha detto.
“Mi piacerebbe provare. Ma solo se ci sarai anche tu e lui avrà un cazzo più grande del dildo. , ” ho detto.
“Uee, queste regole elimina la maggior parte individui. Penso che il tuo culo sia al sicuro per ora”! , ha detto scherzando.
“Bene, se ne trovi uno fammelo conoscere. , ” ho detto.
Per il momento la faccenda è finita così.
Doveva essere passato un mese quando siamo tornati sull’argomento.
“Ehi, tu sei sempre interessato ad essere fottuto”? , mi ha domandato.
“Solo se hai trovato uno stallone da 23 centimetri per il mio caldo culo”! , ho detto.
“Penso di averlo. Si chiama Luca e lavora in una palestra. , ” ha detto.
“Gliene hai parlato”? , ho domandato.
“Gli ho detto che volevamo provare un triangolo e che ti piacerebbe essere fottuto da un grande cazzo. , ” ha detto.
“Oh, dio… scommetto che ha accettato. , ” ho detto.
“è interessato. Gli ho detto quali erano le tue necessità e ha detto che non c’era alcun problema. , ” ha risposto.
“Oh, questo individuo pensa di avere un 23 centimetri”? , ho domandato.
“Mi ha detto che ce l’aveva ancora più grosso. Gli ho chiesto di darmene la prova e lui me l’ha data. Mi ha chiesto di andare dietro la cassa e, fidati di me, è più grosso. , ” ha detto.
“Oh, merda. Quando potrò prenderlo”? , ho domandato.
“ho suggerito che venerdì andrebbe bene, non credi”? , ha detto.
“Sì, credo di sì. Che aspetto ha”? , ho domandato.
“è grande e forte. Ricordati che lavora in palestra. , ” ha detto.
“Okay. Io spero che sia adatto. , ” ho detto.
Avevo tre giorni per prepararmi a questa avventura.
Ogni notte Maria mi avrebbe fottuto col dildo per preparare il mio culo.
Ho scoperto che era più facile prenderlo di quanto non fosse stato la prima vilta.
Venerdì finalmente è arrivato e sono tornato presto dal lavoro.
Volevo lavorarmi un po’ il culo per essere pronto.
Sono andato a casa e Maria era ancora al lavoro.
Sono andato sotto la doccia e ho cominciato a fottermi col dildo.
Sono rimasto sotto finché l’acqua è diventata fredda.
Pensavo che il mio culo potesse essere meglio preparato dopo di ciò.
Mi sono asciugato e mi sono messo un paio di pantaloncini.
Ho aspettato che Maria arrivasse.
Quando è arrivata si è fatta una doccia.
Luca avrebbe dovuto arrivare dopo un paio di ore.
Abbiamo cenato mentre aspettavamo Luca.
Il campanello è suonato alle 7: 30. Ho aperto la porta e davanti a me c’era un individuo enorme.
“Devi essere Luca”! , ho detto.
“In carne e ossa”! , ha risposto.
“Bene, entra. Vuoi qualcosa da bere”? , ho domandato.
“Sì, un bicchiere di acqua sarebbe benvenuto. , ” ha detto.
Non potevo credere che avesse parlato con questo individuo del nostro problema.
Era enorme.
Doveva essere alto almeno due metri e costruito come un solido mattone. Non sembrava il tipo adatto alla bisogna.
Gli ho dato l’acqua e ne ha bevuto di metà in un sorso.
“Così, mi hanno detto che vorresti farti fottere”! , ha detto.
“Bene”, ne abbiamo parlato.
Tutto è cominciato quando lei mi ha messo il dildo nel culo.
Mi è piaciuto e mi ha eccitato.
Lei ha pensato che sarebbe stato divertente guardarmi mentre vengo fottuto. Farei qualsiasi cosa per renderla felice. , ” ho detto.
“Sei sicuro di riuscire a maneggiarlo”? , ha domandato.
“Per essere onesto, non ne sono sicuro. Mi piacerebbe esserlo. , ” ho detto.
“Così, ti piacerebbe guardare”? , ha detto a Maria.
“Sicuro! Penso che sarebbe una cosa eccitante. , ” ha risposto.
“E non vorresti unirti a noi”? , Gli ha domandato.
“Preferirei guarderei. Forse più tardi mi unirò a voi. , ” ha detto.
“Okay. io sono pronto. , ” ha detto.
“Benissimo. Mettiamoci comodi. , ” ha detto lei.
Ci siamo alzati e ci siamo diretti verso la camera da letto.
Fortunatamente è una stanza grande.
L’ho guardato mentre si spogliava.
Dalla protuberanza si poteva dire che era pronto.
Quando è sgusciato fuori dalle mutande sono rimasto scioccato.
Era ancora molle ma pendeva per 20 centimetri.
Maria si è seduta su di una sedia ed io mi sono seduto sul letto.
Luca si è messo di fronte a me e ha aspettato le sue istruzioni.
“Ehi, perché non gli succhi il cazzo per farlo diventare duro”! , mi ha detto.
L’ho guardata, non pensavo che questo facesse parte del piano.
Comunque ho avvolto la mia mano intorno alla base del suo lungo uccello e l’ho vicino alla bocca.
Ho leccato la testa e l’ho fatto scivolare nella bocca.
Era abbastanza selvatico e gustoso.
Ho cominciato a leccarlo tutto e l’ho fatto diventare più duro e più lungo.
Dopo alcuni minuti era lungo almeno 25 centimetri.
Riuscivo a prenderne in bocca solo la metà.
Pensavo mi avrebbe dato fastidio ed invece mi .
Ho guardato verso Maria e lei si stava toccando.
“Ti stai divertendo”? , ho domandato.
“Oh, sì… stai facendo un buon lavoro”! , ha detto.
“Sei grande. Non ti fermare ora”! , Ha detto Luca.
Sono ritornato al suo cazzo e ho fatto del mio meglio per prendere di più. Tutte quello che potevo fare era prenderne 15 centimetri.
Mi sono fermato a leccare le sue noci pelose e si è messo a gemere.
Sembrava proprio che si divertisse.
Ho continuato per diversi minuti.
Sono ritornato di nuovo al suo cazzo e l’ho succhiato.
Era umido di pre eiaculazione e sapeva di buono.
“Hai qualche lubrificante”? , ha domandato.
“Sì. , ” ha detto Maria.
Gli ha dato un tubo di gelatina e mi ha detto di alzarmi.
Mi sono sdraiato sull’orlo del letto e mi ha strofinato la gelatina nel culo.
Il suo dito entrava nel mio culo e si muoveva dentro.
Fortunatamente l’avevo allenato.
“Oh, sì! Sei bel stretto da fottere”! , ha detto.
Ha strofinato un po’ di gelatina sul suo cazzo e si è messo in posizione per penetrarmi.
Maria si è avvicina per guardare l’azione.
Ho sono sentito il suo cazzo contro il mio culo ed era caldo.
Ho spinto e lentamente mi è entrato.
Mi ha fatto male solo per un momento.
L’ha tirato fuori e poi ha ricominciato.
La seconda volta non faceva male dopo tutto.
Ne ha spinto dentro circa la metà e ha tirato fuori di nuovo.
Poi ha ricominciato ancora.
Ogni volta che lo toglieva aveva una grande sensazione. Alla fine, l’ultima volta, non l’ha tirato .
è restato immobile e ha spinto dentro di me.
Sentivo che mi riempiva rapidamente.
Finalmente, dopo due minuti buoni, era completamente dentro di me.
Sentivo le sue palle contro il mio culo.
“Non ci credo. L’hai preso tutto”! , ha detto.
“Wow. Questo è proprio eccitante. , ” ha detto Maria.
“Vediamo se è abbastanza uomo da sopportare una vera fottuta”! , ha Luca detto.
L’ha tirato fuori e mi sono sentito come se le mie interiora fossero succhiate fuori.
Ha spinto ancora dentro e la sensazione è stata grande.
Il dildo era nulla in confronto.
Ha cominciato a scoparmi un po’ più velocemente e duramente.
Cominciavo a grugnire ad ogni spinta.
Il mio cazzo era duro come una roccia e chiedeva aiuto.
“Ehi, Maria! Perché non mi succhi”! , ho detto.
Non ha emesso una parola.
Si è inginocchiata sul pavimento e ha cominciato a leccarmi il cazzo.
Mi ha succhiato come una matta ed era molto difficile tenergli dietro.
Gli ho detto di rallentare un po’ e ha smesso.
Ha preso le noci di Luca mentre mi fotteva.
Mi stava fottendo come un cane eccitato.
Ha grugnito e ha detto che stava venendo.
Maria è tornata al mio cazzo e l’ha succhiato violentemente.
Voleva farmi venire.
Ho cercato di resistere ma non ci riuscivo.
Ho sparato un carico spesso e pesante giù per la sua gola.
Il mio culo era stretto intorno al suo cazzo e lui ha sparato il suo carico profondamente dentro le mie budella.
Luca è rimasto così per circa un minuto.
Maria si è alzata pensando che fosse finita.
Anch’io lo pensavo ad essere onesto.
Ma Luca aveva altri piani.
Ha afferrato le mie anche e ha fottuto il mio culo ancora più duramente di prima.
Si è chinato sopra il mio didietro e me l’ha dato duro.
“Prendilo cane! Scuotimi il cazzo, ragazzo. Fammi sborrare di nuovo”! , ha gridato.
Il suo parlare mi faceva eccitare.
Il mio cazzo era tornato duro e Maria l’ha guardato con stupore.
Cinque, dieci e poi quindici minuti sono passati e lui non rallentava.
Dopo venti minuti di calda chiavata, ha grugnito e mi ha riempito con un altro carico.
L’ha tirato fuori ed io mi sono abbattuto sul letto.
Ero completamente esausto.
Luca era coperto di sudore.
Il suo sprema gocciolava dalle mie gambe e Maria mi ha lanciato un asciugamano.
Era impossibile alzarsi.
Ero anche esaurito.
Sono rimasto sdraiato con un sorriso sulla faccia ed un cazzo duro.
Sono rimasto sorpreso quando Luca si è alzato e ha ingoiato i miei 20 centimetri di cazzo.
Mi ha succhiato duramente ed in meno di un minuto sono venuto.
Anche Maria stava venendo.
Finalmente tutti e tre siamo riusciti a metterci in piedi.
Luca ed io abbiamo fatto la doccia mentre Maria ci preparava un paio di bibite.
“Grazie. è stato grande”! , ha detto Luca.
“Sì, veramente. Devo farlo più spesso”! , ho detto.
“Sempre”! , ha detto lui.
Ci siamo asciugati e lui era pronto ad andarsene.
Ci ha ringraziati di nuovo e se n’è andato.
Quella notte non avevo assolutamente sonno.
Nei giorni seguenti Maria ed io abbiamo fatto del sesso meraviglioso.
Lei non pensava che sarei riuscito a prendere quel grande cazzo.
Mercoledì ha ricevuto una telefonata che diceva che sua nonna era stata ricoverata all’ospedale.
Ha fatto i bagagli ed è partita.
Non sapeva quanto sarebbe stata via, ma ha promesso che sarebbe tornata.
Era rimasto solo.
Pensavo di impazzire.
Ho deciso affittare un film e di restarmene in casa. Hanno bussato alla porta ed era Luca.
“Ehi uomo, entra. , ” ho detto.
“Sei occupato”? , ha domandato.
“No, Maria è fuori città e sono solo. , ” ho detto.
“Grande! Hai bisogno di compagnia”? , ha domandato.
“Mi piacerebbe. , ” ho risposto.
è entrato ed abbiamo parlato per un po’. Ho saputo qualcosa di Luca quella sera.
è un bodybuilder fanatico ed aveva avuto solo una ragazza nella sua vita.
L’aveva lasciato e da allora non ne aveva avuta un’altra.
Ero stato l’unica sua chiavata degli ultimi sei mesi.
Abbiamo parlato fino a quasi alle 11.
Ha guardato l’orologio ed ha detto che doveva andarsene.
“Non devi andartene. , ” ho detto.
“Non voglio tenerti alzato tutta la notte. , ” ha detto.
“Veramente, non ha importanza. Inoltre, il letto è tremendamente solitario. Vuoi stare con me”? , ho domandato.
“Sei sicuro”? , ha domandato.
“Sì. Insisto. , ” ho risposto.
Siamo andati nella camera da letto e ci siamo svestiti.
Mi sono seduto sull’orlo del letto e ho cominciato a succhiargli il cazzo.
Per la prima volta riuscivo a prenderlo tutto in bocca.
Luca si è sdraiato e ci siamo messi in posizione del 69.
Siamo rimasti sdraiati e ci siamo succhiati il cazzo l’un l’altro fino a venire.
Era il mio primo vero pompino ed è stato grande.
Siamo rimasti sdraiati insieme per un bel po’.
Mi piaceva la sensazione del suo torace sodo.
Ho deciso di non aspettare più a lungo.
Ho preso del lubrificante dal comodino e gli ho imbrattato tutto il cazzo.
Mi sono messo sopra di lui a gambe aperte sopra la sua asta.
Con una movimento di discesa deciso, ho preso tutta la sua lunghezza.
è stato ancora migliore questa volta.
Ho cavalcato quel pony su e giù.
ui si stava divertendo veramente.
Ho premuto contro il suo torace e ho succhiato i suoi capezzoli.
Ha messo il suo braccio intorno a me e rapidamente ci ha fatti rotolare sottosopra.
Il suo corpo caldo era proprio dove lui voleva.
I nostri corpi si strofinavano l’uno contro l’altro ed il suo cazzo elettrizzava le mie interiora.
Avremmo voluto che non finisse mai.
Alla fine è venuto.
Si è fermato e poi ha ripreso.
Ha continuato per più di un’ora.
Si è seduto e ha cominciato a masturbarmi mentre mi fotteva.
Poi si è piegato e ha preso in bocca il mio cazzo.
Il suo cazzo continuava a premere nel mio culo.
Era una bella sensazione.
Ho cominciato a sborrare e lui l’ha bevuto tutto.
Ha immerso il suo cazzo dentro di me e mi ha riempito.
I nostri si sono abbandonati insieme e ci siamo baciati per la prima volta.
Era un caldo bacio bagnato.
Ci siamo alzati e ci siamo fatti rapidamente una doccia.
Quando siamo ritornati a letto siamo precipitati subito nel sonno.
Il giorno seguente non ci siamo neppure presi il disturbo di vestirci.
Abbiamo fatto sesso sei volte quel giorno.
Pensavo che il mio culo non sarebbe mai più stato lo stesso.
Luca ha pensato che sarebbe stato bello andare fuori a cena.
Ci siamo vestiti e siamo concessi una bella bistecca in un ristorante.
Quando siamo ritornati c’era un messaggio sulla segreteria telefonica.
“Ciao, sono Maria. Mia nonna non sta del tutto bene. I miei genitori vogliono rimanga. Mi dispiace. Mi ero ripromessa di tornare ma devo restare. Spero non ti dispiaccia. Spero che possa trovare qualcuno che ti ami come io ti amo. Mi dispiace. Abbi cura……. , ” diceva la registrazione.
Ho guardato verso Luca e mi è venuto da piangere.
L’amavo veramente e non pensavo che succedesse. Luca ha allungato le braccia e mi ha abbracciato.
“Hai trovato qualcuno che ti ama. Non ti abbandonerò mai. , ” ha detto.
Ci siamo baciati e mi ha portato nella camera da letto.
Per la prima volta ha unto il mio cazzo e l’ha appoggiato al suo culo.
Era molto stretto da chiavare e dava molto piacere.
Sono venuto due volte dentro di lui. Alla fine gli ho succhiato il cazzo profondamente e duramente.
Ci siamo sdraiati e ci siamo addormentati uno nelle braccia dell’altro.
Era l’inizio di una bella relazione. FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.