Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Gay e Lesbo / Una fredda giornata d’inverno
copertina racconto erotico

Una fredda giornata d’inverno

Era una fredda giornata di metà dicembre, mancavano pochi giorni a Natale.
Io quel tardo pomeriggio decisi di uscire per andare in palestra visto che dopo lo stress dello studio avevo bisogno di rilassarmi un po’.
Arrivato nella palestra che ormai frequento da circa 2 anni, sono entrato ho salutato gli istruttori e mi sono fermato a scambiare quattro chiacchiere con loro, nella conversazione mi hanno annunciato che la palestra aveva aperto la sauna nella palestra da circa 10 giorni (loro mi avevano informato sulla novità perché erano più di 20 giorni che non andavo in palestra a causa del tanto studio per prepararmi ad un ‘esame universitario).
Io molto attratto da questa nuova opzione nella palestra avevo deciso che dopo un po’ di pesi e di ciclette avrei fatto una bella sauna per rilassarmi un po’.
Dopo aver fatto i miei soliti 30 minuti di ciclette e un po’ di pettorali e addominali mi sono recato nello spogliatoio mi sono denudato dei pantaloncini attillati e dalla mia canottiera. Lo spogliatoio era vuoto, invece nella palestra ci saranno state poco più di 20 persone, direi molto poche infatti la palestra è circa sempre piena e nella zona palestra ci saranno sempre circa una novantina di persone.
Essendo lo spogliatoi vuoto sono andato nella zona docce e bagni per andarmi a sciacquare un attimo la faccia, dietro di me c’è un grande specchio dopo essermi lavato la faccio mi sono specchiato ed ho gonfiato un po’ i muscoli.
Guardandomi nello specchio mi sono ricordato del bel ragazzo che sono, ho 21 anni, sono alto 189 robusto con un bel fisico muscoloso ed abbastanza magro infatti anche se ultimamente ho preso qualche chilo peso 72kg, il mio fisico è stato modellato da molti sport sin da quando ero piccolo, infatti dall’età di 5 anni ho fatto nuoto fino all’età di 15 anni e poi ho praticato tennis per due anni, poi mi sono dedicato alla palestra come tuttora, il mio viso considerato sempre il mio punto forte dall’età infantile, ho i capelli biondo scuro con riflessi più chiari e gli occhi verdazzurri e delle labbra carnose e ben delineate. Dopo aver passato questo minuto d’autostima e d’ammirazione verso di me ho regolato la temperatura della sauna nella temperatura meno calda e sono entrato dentro.
Quando ero entrato nella sauna erano circa le 18. 10 mi sono sdraiato nella sauna ho chiuso gli occhi e mi sono cominciato a rilassare ma dopo poco èentrato una ragazzo muscolosissimo sui 28 anni da me notato altre volte in palestra che si è sdraiato dalla parte opposta della sauna, non si è per nulla curato del fatto che io ero sdraiato con gli occhi semichiusi.
Con la vista spiavo i suoi movimenti ed il suo corpo e quando ho centrato la vista sul suo cazzo sono rimasto sbalordito era veramente spropositatamente enorme in posizione di riposo saranno stati 20cm, era anche molto largo e circonciso con una cappella molto grande e più larga dell’asta, la pelle era di un colore roseo molto bello e la cappella di un colore leggermente più scuro. I testicoli erano molto grandi e pendenti ricoperti da una leggerissima peluria. Era l’apparato più bello che io avessi visto in tutta la mia vita e di cazzi ne avevo visti molti negli spogliatoi della palestra o della piscina.
La visione di tutta quella meraviglia mi aveva procurato un’erezione e quel ragazzo che dopo poco avevo saputo che si chiamava Michele se ne era accorto delle miei condizioni e apparentemente ne era rimasto indifferente ma dopo poco si alzo venne verso di me e mi baciò profondamente e io ne rimasi molto sorpreso e perplesso anche se la cosa mi piacque molto visto che per me era la prima volta.
Dopo ciò mi chiese di andare a casa sua ed io ipnotizzato dal suo arnese risposi di si.
Tutto il viaggio nella sua macchina lo abbiamo passato in silenzio arrivati in casa sua mi porto nella sua camera da letto si spoglio e mi disse ora puoi ammirare ciò che ti piace tanto, ma prima spogliati, io non me lo sono fatto ripetere due volte e mi spogliai in poco meno di 40 secondi mi avvicinai a quel pezzo enorme di carne e lo toccai era morbido e più pesante del mio dopo poco cominciò ad indurirsi e dopo alcune mie sollecitazioni arrivò alla sua massima grandezza io nel masturbarlo utilizzavo tutte e due le mani ma ne rimaneva fuori quasi la metà, più o meno saranno stati almeno 29cm molto largo almeno 6/7 cm di diametro era meraviglioso…. Era drittissimo senza una minima curva, non aveva neanche una vena in superficie la pelle era liscissima e molto tesa.
Ad un certo punto lui mi fermo e mi affermò che era ora della mia iniziazione, io sapevo cosa voleva dire ma avevo molta paura perché ero vergine ma lui mi disse che se anche non lo fossi stato avrei sofferto molto.
Io ero spaventatissimo ma mi disse che era molto esperto, mi fece mettere alla pecorina e mi disse di non muovermi, lui apri l’armadio e prese un baratto, una bottiglietta e una cannella.
Prese la cannella che era molto stretta me le la infilo nel mio piccolo buco vergine e vi versò dentro un po’ di olio di vaselina o molto lentamente tirò fuori la cannella in modo da far ungere tutto il retto…. poi si mese una crema anestetica se la spalmo sulle dita e mi allargo il buco con le dita prima una poi sue e alla fine 3 e così via fino ad infilarmi i die indici e medi delle mani nel buco, io sentivo pochissimo dolore per via della crema anestetica ora mi disse che mi avrebbe penetrato mi mise ancora della vaselina nel buco e se ne spalmo anche sul cazzo mista alla crema anestetica, appoggiò la cappella e spinse un po’ entrò con moltissima difficoltà ma entrò la tenne dentro per alcuni minuti poi la tolse rimise le quattro dita nel buco le lo allargo con le mani tirando dalle parti opposte prima lateralmente e poi sopra e sotto, poi riappoggiò la cappella e entrò quasi senza difficoltà, poi avanzò dentro per tutta la lunghezza della cappella e si cominciò a muovere per abituare lo sfintere alla larghezza dopo circa 10 minuti che mi inculava con una minima parte del cazzo io non sentivo né dolore né piacere ma poco dopo mi disse che era ora che mi penetrasse con tutto il cazzo ma che dovevo stare molto rilassato e di non urlare troppo, con tre colpi decisi e veloci mi penetrò con tutti i sui 29cm io urlavo dal dolore e piangevo ma lui non se ne preoccupava rimase fermo per circa due minuti e poi cominciò a muoversi molto lentamente ma quando ha visto che il mio buco era abbastanza pronto mi cavalco molto duramente e dopo circa 5 minuti che mi inculava io cominciavo a sentire piacere dopo circa altri 10 minuti venne nel mio intestino.
Estrasse il cazzo dal mio sedere ancore quasi eretto e mi scopo in bocca, il sapore era stupendo sapeva di sperma e di maschio mi scopo per circa 10 minuti ma poi venne nella mia bocca ed io inghiottii tutto. Io ero in estasti!
Poi mi disse che ora era il mio turno e che potevo fargli tutto quello che volevo… FINE

About erotico

I racconti erotici sono la mia passione. A volte, di sera, quando fuoi non sento rumori provenire dalla strada, guardo qualche persona passare e immagino la loro storia. La possibile situazione erotica che potranno vivere...

Leggi anche

copertina racconto erotico

Stavo giusto parlando con mia cugina

Stavo giusto parlando con mia cugina, o meglio, lei mi parlava di come andava con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.