Home / Incesti / La famiglia di mia madre
copertina racconto erotico

La famiglia di mia madre

La famiglia di mia madre è una famiglia molto numerosa, c’è la sorella più piccola di mia madre che ha appena qualche anno più di me, capita spesso che ci prendono per sorelle piuttosto che zia e nipote.
Un po’ di tempo fa dovevo andare ad una festa, che si faceva in un locale vicino all’abitazione di mia zia cosi, dato che mio padre si rifiutava di darmi la macchina, decisi che al ritorno avrei dormito da mia zia.
Andai alla festa ma l’ambiente era, molto sotto tono così prima di mezzanotte, me ne andai scocciata.
Quando entrai a casa cercai di fare meno rumore possibile per non vegliare gli zii, ma passando nel corridoio vedevo della luce nel soggiorno, pensai che gli zii non erano ancora andati a dormire e stavo entrando per augurargli la buona notte, ma guardando dentro non riuscivo a vedere nulla, se non solo il televisore acceso, che trasmetteva un porno, allora mi accorsi che il soggiorno non era vuoto, ma sul tappeto, fra il divano e la tele, cerano gli zii completamente nudi che facevano l’amore imitando quelli del film, li sentivo gemere e sospirare, sentivo mio zio che accompagnava ai possenti colpi di reni un possente ululato, li stavo guardando da un bel po’ quando si sono accorti della mia presenza, con mia grande meraviglia non si sono imbarazzati più di tanto, io più che imbarazzata ero eccitata, anche perché mio zio non era male.
Mia zia prese l’iniziativa e mi si avvicino intuendo il mio stato d’animo, con mia grande sorpresa mi sfilo la maglietta e il reggiseno e cominciò a leccarmi i capezzoli, senza capire nulla mi trovai sdraiata sul divano in quel momento mi sentivo del tutto passiva, non mi ponevo nemmeno il problema dello zio, intanto la zia mi levava i pantaloni e con una mano mi carezzava, sentivo le sue dita stuzzicarmi il clitoride, ero eccitata come non mai, ad un certo punto senti mia zia che si irrigidiva e capi che mio zio l’aveva presa da dietro, in quel momento arrivo l’orgasmo fu come un terremoto, urlai e piantai le unghie nella schiena di mia zia.
A quel punto lo zio scostò la zia e mi mise davanti alla faccia il suo membro, allora mi accorsi delle sue dimensioni, davvero spropositate, gli leccai avidamente la punta e provai a prenderlo in bocca, l’impresa non mi fu affatto facile ad un certo punto lo zio mi disse di smettere di succhiare e di prepararmi al meglio, capii che voleva dire ma avevo paura, ma la zia mi disse di non temere e mi fece sdraiare sulla schiena, non ero vergine ma un coso del genere mi faceva paura, allora vidi mio zio che si preparava, mi sentivo come una vergine pronta per il sacrificio, così vidi la zia con una mano mi apriva la fica e con l’altra guidava il membro dello zio dentro di me, lo zio fu molto delicato e paziente ma questo non tolse una certa sofferenza all’operazione, mi fece male, mi sentivo spaccare in due, alla fine mi fu tutto dentro e con le lacrime agli occhi gli chiesi di aspettare un attimo, lo zio anche qui fu molto paziente, ma pi tempo passava più lo sentivo indurirsi e crescere finche lo zio cominciò a stantuffarmi, a quel punto non capii più nulla il dolore di poco prima si era trasformato in godimento puro, sentivo il membro dello zio entrare e uscire, era duro come il marmo, non so quanti orgasmi ho avuto, mi sentivo del tutto passiva, so solo che urlavo come una pazza, e lo zio sembrava un minotauro, ad un certo punto lo zio mi mise pancia in giù e a nulla valsero le mie suppliche mi inculò selvaggiamente, tutta la delicatezza che aveva avuto prima era svanita, urlai dal dolore ma ero stordita dal piacere, e allora lo zio mi scaricò nelle viscere tutto il suo seme, mi sentivo piena e felice.
L’ultima cosa che ricordo, prima di cadere addormentata, era la zia che si masturbava.
Da allora non mi è più capitato di dormire a casa degli zii, ma in certi momenti ripenso con nostalgia a tutto quello che successe quella sera. FINE

About Erzulia

Colleziono racconti erotici perché sono sempre stati la mia passione. Il fatto è che non mi basta mai. Non mi bastano le mie esperienze, voglio anche quelle degli altri.

Leggi anche

copertina racconto erotico

E fu così che…

Ricordo ancora come arrivai a farmi masturbare da mia nonna: a piccoli passi, scalando questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.