Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incesti / La nuora di Elena
copertina racconto erotico

La nuora di Elena

Mi chiamo Elena e sono una signora di quasi quarant’anni, separata con un figlio, Marco di 19.
Mi considero una donna colta ed emancipata e, soprattutto nelle questioni di sesso, non mi sono mai fatta scrupoli.
Sono cresciuta nella convinzione che nei rapporti con le altre persone, il sesso sia fondamentale per cui, essendo una bella donna, ho avuto parecchie storie sia con uomini sia con donne.
A Marco ho cercato di dare un’educazione molto permissiva cercando di fare di lui una persona libera da inibizioni e pregiudizi.
Un pomeriggio, un paio di anni fa in estate, stavo riposando in camera mia, ero sul letto leggiucchiando una rivista un po’ infastidita dal caldo, poco dopo Marco venne a sdraiarsi vicino a me, per un po’ stette in silenzio poi all’improvviso mi chiese
“”Ti arrabbi se ti chiedo una cosa? “”
“”Sentiamo? “”
“”Mi fai vedere le tette? “”
“”Non credi sarebbe meglio chiederlo a qualche tua amica? “” poggiai la rivista e guardai Marco divertita.
“”Sì, forse… Però non le hanno come le tue… E allora… “”
Scoppiai a ridere.
“”E così ti piacciono le tette della tua mamma eh? “” gli dissi scherzando, poi aggiunsi in tono rassegnato “”Cosa non farebbe una mamma per accontentare i suoi figli… “”
Mi sedetti sul letto e feci scivolare via la vestaglia rimanendo in mutandine e reggiseno, poi lentamente portai le mani dietro la mia schiena e sganciai il reggiseno e, imitando le mosse di una spogliarellista, lo tolsi lanciandolo lontano.
“”Voilà”” alzai le braccia e porsi le mie tette allo sguardo eccitato e divertito di Marco.
“”Esprimi pure il tuo giudizio”” mi stavo divertendo parecchio.
“”Mmhh… “”
“”Tutto qui? Mi aspettavo ovazioni più entusiastiche””
“”No… Sono senza parole… “”
Mi sdraiai accanto a lui che non riusciva a togliere lo sguardo dal mio seno.
“”Posso toccarlo? “” chiese timidamente. Annuii.
La sua mano si posò dolcemente su una tetta e iniziò a carezzarla, quando arrivò al capezzolo non riuscii a trattenere un sussulto e il mio capezzolo si inturgidì fra le sue dita.
“”Così finirai per farmi eccitare”” scherzavo ma non tanto, lui tolse la mano e io mi girai su un fianco per guardarlo meglio.
L’occhio mi cadde sulla patta dei pantaloncini e vidi che era gonfia.
“”Vedo che faccio ancora eccitare gli uomini”” dissi indicandogli il rigonfiamento fra le gambe.
Rise imbarazzato “”Beh… sai com’è… “”
“”Vediamo questo pisellino che scalpita””
“”Vuoi che lo tiri fuori? “” il suo tono era imbarazzato e incredulo.
“”Beh io ti ho fatto vedere le tette mi sembra il minimo che tu possa fare per sdebitarti””
Si sfilò i pantaloncini e mise a nudo un uccello niente male.
“”Complimenti! “” dissi sorridendo “”e adesso che intendi fare, non vorrai lasciarlo così tutto il giorno? “”
“”È il caso che vada in bagno”” mormorò quasi fra sé e sé.
“”Ma no””risposi””puoi restare qui se non ti imbarazza la mia presenza””.
“”Davvero mamma? “”
“”Certo così potrai toccarmi le tette. Anzi visto che piaccio così tanto ti faccio un altro regalo”” e mi sfilai le mutandine “”Non è meglio che masturbarsi da solo in bagno? “”
“”Oddio mamma… sei bellissima””
Gli presi una mano e la portai sul seno “”Dai, inizia pure””.
Cominciò a menarselo con foga “”Rallenta”” gli suggerii””non vorrai venire subito””
“”Hai ragione”” rallentò sensibilmente il ritmo poi, per facilitargli le cose mi misi a cavallo sulle sue gambe, con la mano libera percorreva il mio corpo.
“”Adesso fermati un attimo, riprendi fiato”” Si fermò continuando ad accarezzarmi, le sue mani si poggiarono sulle natiche, per facilitargli il compito mi sdraiai a pancia sotto e fu lui a sedersi sulle mie gambe mentre continuava a massaggiarmi i glutei.
“”Non ti piacciono solo le tette vedo? “” mi girai e lui venne a trovarsi in ginocchio fra le mie gambe, il suo uccello era viola e gonfio, pronto ad esplodere.
“”Dai ora fai godere questo pisellone prima che esploda””
Ricominciò a menarselo mentre con la mano libera mi carezzava l’interno della coscia, poi si inarcò ed iniziò a schizzarmi sulla pancia una quantità incredibile di sperma.
“”Mmh… una vera alluvione”” commentai.
Si sdraiò affianco a me esausto. La cosa aveva eccitato anche, mi accarezzai la figa e sentii il mio clitoride indurirsi.
“”Sai come far venire una donna? “” domandai a Marco.
“”Sì… però non l’ho mai fatto… “”
“”È ora che impari. Vieni qui”” gli presi la mano e la portai fra le mie gambe “”Lo questo bottoncino duro””
“”Sì””
“”Devi carezzarlo delicatamente, poi quando te lo dirò io devi accelerare il movimento. Ci sei? “”
“”Va bene mamma””
All’inizio fu un po’ maldestro ma poi la mano prese il ritmo giusto portandomi alla soglia dell’orgasmo.
“”Ecco adesso… accelera… “”
Strinsi le gambe e venni fra le mani di mio figlio.
“”Bravo. Sei stato proprio bravo”” lo baciai sulle labbra. Era visibilmente soddisfatto.
La cosa finì lì e non ci furono altri episodi del genere
Qualche mese dopo Marco mi confidò di aver conosciuto una ragazza che gli aveva fatto perdere la testa “”Si chiama Monica e dopo una corte serrata da parte mia ci siamo messi insieme, sono molto felice””. Gli feci le mie congratulazioni e lo pregi di tenermi informata.
Passò un po’ di tempo, una sera che eravamo a cena chiesi a Marco della sua storia con Monica. “”Stiamo sempre insieme “” mi rispose soddisfatto “”anzi, mi piacerebbe fartela conoscere”” “”Certo, mi sembra mi sembra una buona idea. Potresti invitarla a cena sabato prossimo? “”
“”Si è una buona idea, sono contento che vi conosciate, sono sicuro che vi piacerete””.
Attesi con una cera impazienza il sabato sera, ero curiosa ed eccitata all’idea si conoscere la ragazza di Marco e, devo confessare, anche un po’ gelosa.
Finalmente arrivò il sabato sera, alle otto in punto Marco arrivò accompagnato dalla sua ragazza. Era molto carina, alta e magra, capelli molto corti, aveva un vestitino aderente che metteva in risalto le sue forme ma con molto buon gusto.
Durante la cena Monica si rivelò molto simpatica e spigliata, non mostrava nessuna soggezione tanto che finita la cena la invitai a passare la notte da noi.
“”Naturalmente potrai dormire in camera con Marco se vuoi? “”
“”Certo che voglio”” mi rispose sorridendo e poi rivolta a Marco “”Hai proprio una mamma in gamba ed anche molto bella”” Fui molto lusingata del complimento.
Mi ritirai in camera mia, faceva molto caldo così spogliai e mi misi a letto. Non riuscivo a prendere sonno, l’idea che Marco e Monica stessero facendo l’amore mi turbava ed eccitava allo stesso tempo.
Mi alzai per andare in cucina a bere qualcosa e non pensai minimamente a mettermi qualcosa addosso, mentre stavo bevendo un bicchiere di vino bianco sentii dei passi alle mie spalle, mi voltai e vidi Monica anche lei nuda che aveva avuto la mia stessa idea.
Non si mostrò affatto imbarazzata, anzi mi sorrise “”Fa molto caldo”” si avvicinò “”Sei molto bella”” “”Anche tu “” le risposi, in quel mentre sopraggiunse Marco, nudo pure lui, “”Sei qui mamma? “” “”Abbiamo tutti sete”” dissi.
“”Stavo dicendo a tua madre quanto è bella”” disse Monica, Marco si avvicinò e mi abbracciò “”Si”” confermò “”è una donna bellissima””
“”Vedo con piacere che avete un bellissimo rapporto””
“”Si il sesso non è mai stato un tabù fra noi, vero Marco? “” lo abbracciai a mia volta.
“”Che bello”” fece Monica “”anche per me il sesso non è un tabù, mi piace farlo con le persone che mi piacciono”” Si avvicinò a noi baciò Marco sulle labbra poi mi mise una mano sul fianco mi attirò a se e mi baciò. Fu un bacio leggero a fior di labbra ma a me tremarono le ginocchia, Monica guardò Marco poi incollò il suo corpo al mio e mi baciò di nuovo, la sua lingua questa volta forzò le mie labbra e fu un bacio appassionato.
Con la coda dell’occhio vidi Marco che si avvicinava, poi sentii la sua mano carezzarmi la schiena, mi abbandonai fra le loro braccia.
“”Che ne dite di venire in camera mia”” sussurrai all’orecchio di Monica che per tutta risposta m’infilò la lingua nell’orecchio.
Una volta trasferiti in camera Monica s’inginocchiò fra le mie gambe e la sua lingua iniziò a tormentarmi il clitoride, i nostri sguardi s’incrociavano ogni tanto, cercai mio figlio che seduto su una poltroncina che guardava eccitato.
Sollevai Monica e le infilai la lingua in bocca, volevo sentire il mio sapore poi, la feci stendere sul letto e cercai con la mia bocca la sua figa, era ancora piena di sperma di Marco e questo aumentò la mia libidine.
“”Si continua”” mugolava Monica “”sei bravissima… “”
Ero proprio partita, feci cenno a Marco di avvicinarsi s’inginocchiò alle mie spalle, afferrai il suo uccello e lo guidai dentro di me, mi sentivo una vera troia. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Al mare con nonna

L’anno scorso avevo dodici anni e ho avuto la mia prima esperienza sessuale durante le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.