Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incesti / La zia in Toscana
copertina racconto erotico

La zia in Toscana

La scuola finalmente era finita, con la maturità in tasca, raggiunta senza grossi sforzi, ora dovevo pensare alle vacanze, ma come passarle?
Abito a circa 60 Km dal mare in una cittadina della Toscana situata in collina e di sicuro era una meta non raggiungibile tutti i giorni.
Come tutti gli studenti squattrinati bisognava arrangiarsi e proprio la mamma mi ricordò che la zia Vittoria e lo zio Piero abitavano in riva al mare, perché non chiedere ospitalità?
Per mia fortuna gli zii furono ben felici di invitarmi nella loro casa al mare, una bella villa nel sud-est Sardo a una settantina di Km. da Cagliari, dove ci vivono da ormai oltre 20 anni, proponendomi di trascorrere con loro tutto il tempo che volevo.
Gli unici ricordi della zia erano molto confusi, da almeno dieci anni non la vedevo e allora ero ancora piccolo, si e no otto, nove anni per avere delle immagini nitide sue e dello zio.
Solo con delle fotografie dell’album che la mamma conservava gelosamente, quei vaghi ricordi pigliavano forma.
La zia era una bella donna, alta e magra, con due seni sproporzionati per un corpo cosi esile, un viso simpatico sempre sorridente con due fossette che addolcivano il suo sguardo dagli occhi color ghiaccio, sì due occhi azzurri molto chiari che risaltavano in mezzo a dei capelli lunghi, lisci, nero corvino.
L’invito non me lo feci ripetere, accettai subito molto volentieri, preparai velocemente le valige e presi da Pisa il primo aereo disponibile.
Ad attendermi sapevo esserci la zia Vittoria, ho avuto difficoltà a focalizzarla in mezzo a tanta confusione, ma da lontano una voce : Giacomo sono qui, sono la zia.
Lei poteva riconoscermi visto che la mamma la teneva aggiornata inviandole regolarmente le nostre fotografie.
Io invece stentai a riconoscerla, davanti ai miei occhi una persona completamente diversa da come la ricordavo e da come appariva nelle foto, anche se recenti.
Capelli corti, biondissima e due tre taglie in più, di quante ne avesse dieci anni prima, la zia era diventata una botticella.
Si notava un bel sedere, strizzato in un paio di jeans attillati ed un seno grosso come sempre ma ora proporzionato alla sua mole.
Non immaginatevi una grassona ma solo una donna che con l’età si era irrobustita ed ancora molto bella, con il suo solito sorriso segnato dalle fossette, rendendola ancora attraente e desiderabile.
Due ore di macchina per giungere a destinazione, e finalmente la zia aprì la porta del suo regno.
La casa era molto bella, si affacciava sul mare con un bel loggiato arredato finemente di divani e poltrone in stile marinaro, un grande giardino ben curato ed un piccolo cancelletto che si immetteva direttamente sulla spiaggia dalla sabbia bianchissima.
Quei giorni in assenza dello zio passarono velocemente, oziando in spiaggia, io e Vittoria si chiacchierava molto, dandoci modo di conoscerci meglio e consolidare tra noi un bel rapporto di amicizia.
Zio Piero come mi spiegò la zia era un informatore farmaceutico e sarebbe rientrato solo il venerdì sera, per ripartire il lunedì mattina, lui è molto preciso e pianifica tutti i suoi appuntamenti portandolo lontano da casa tutta la settimana.
Puntualmente lo zio Piero rientrò e manifestò la felicità nel rivedermi dopo tanti anni, anch’io vivevo quel momento con estrema gioia, ci siamo uniti in un caloroso abbraccio.
Il giorno dopo per festeggiare lo zio organizzò una stupenda cena a base di pesce comprato direttamente da un amico pescatore.
Si volle cimentare arrostendo sul barbecue quel pesce freschissimo e il risultato fu che di così buono non ne avevo mai assaggiato.
Dopo cena ci si trasferì in salotto dove mi accomodai su un comodissimo divano e lo zio invece sprofondò sulla sua poltrona preferita, mi offrì del filu e ferru ( la grappa sarda ).
Bevi questo è un toccasana sentirai com’è buona.
Sorseggiavo gustandone il sapore, l’aroma, dal gusto forte molto particolare che lasciava in bocca un sapore gradevolissimo, unica pecca, un grado alcolico per me molto elevato.
Lo zio per farla breve, bevve un po’ troppo e iniziò a sragionare.
Giacomo tua zia a letto è una vera troia hic. sapessi che pompini e poi ha due mammelle piene di latte hic. hic. dovresti attaccarti hic. dovresti berlo hic.
Piero!!! Apostrofò la zia, cosa dici, sei sbronzo?
La zia era visibilmente scossa da quell’affermazione, paonazza in viso accesa dalla rabbia.
Lo zio era cotto e aveva la voce impastata, con la lingua attorcigliata e le pupille dilatate, era sbronzo, del tutto sbronzo.
Mi sto pisciando.
Barcollando e rovesciando una sedia che l’ostacolava si diresse al bagno.
Non capisco perché è cosi stronzo, vorrei che mi aiutassi a farlo ingelosire, spero che così la pianti di dire simili sciocchezze.
Certamente zia, cosa vuoi che faccia.
Digli quello che vuoi, parlagli del mio corpo delle mie tette del mio culo, cerca di farlo rodere dalla gelosia.
Dopo qualche minuto lo zio Piero si ributtava, a dire il vero cascava pesantemente sulla poltrona continuando a raccontarmi delle doti amatorie della zia.
Sai zio cosa mi piace veramente della zia?
Scommetto hic. quei bei mammelloni.
No, mi piacerebbe mettergliela in quel bel culone, mi fa impazzire, è bello grosso, tondo, mi fa rizzare il cazzo, dubito però che possa accettare, il bestione che ho tra le gambe.
Stai farneticando? Vittoria è una vera culattona hic, lo piglierebbe anche da un cavallo pur di godere hic. Dovresti chiederglielo, vedessi che voragine che ha per buco hic.
La zia a quel punto si era veramente incazzata, visto che le mie parole non avevano sortito quello che si aspettava, sottovoce mi disse: Quel maiale merita una lezione.
Vittoria era in piedi tra me e lo zio, con molta sensualità inizio a sbottonarsi la vestaglietta che indossava di almeno tre bottoni, oltre a quelli già aperti, scoprendo il reggiseno, un ultra corazzato bianco di notevoli dimensioni e infilandosi la mano prima in una coppa e poi nell’altra tirava fuori due tette enormi che faceva ricadere verso il basso, mostrandone la loro bellezza.
Un seno voluminoso forse una sesta o una settima, con un’aureola scura, grossa come un mandarino e un bel capezzolo eretto.
Un seno leggermente rilassato ma ancora molto bello, nonostante il peso e l’età si reggeva ancora bene.
Dai Giacomo fatti una bella poppata, attaccati al seno che la zia vuole allattarti.
Nel frattempo schiacciandosi un capezzolo, faceva schizzare un fiotto di candido latte.
Lo zio aveva ragione erano proprio mammelle piene di latte, passai il dito sul capezzolo raccogliendo il nettare che lo imperlava e lo portai alla bocca gustandone il sapore dolciastro.
La zia si inchinava verso di me facendo penzolare quelle magnifiche tettone all’altezza del mio viso, iniziai a toccarle, palpandole, strizzandole, accanendomi sui vistosi capezzoli.
La tirai verso di me facendola accomodare sulle mie ginocchia e mi portai un capezzolo alla bocca, mi attaccai succhiandolo, volevo berne il latte che a piccoli fiotti mi riempiva la bocca.
Il capezzolo a furia di succhiare era cresciuto a dismisura, lungo come un filtro di sigaretta ma sicuramente più grosso, con le labbra lo morsicavo, con la lingua lo tormentavo, facendolo vibrare come la corda di una chitarra, il sapore del latte m’inebriava, mi stava allattando.
Ti piace bel porcellino?
Si zia hai due tette da sballo.
Ora baciami, infilami la lingua in bocca e faccela frullare dentro.
Infilai la lingua in bocca alla zia in un bacio mozzafiato, istintivamente intrufolai la mano sotto la gonna incontrando direttamente gli slip, le gambe erano completamente spalancate e sentivo le mutandine umide, mi posai con tutta la mano aperta su quel figone, la zia era eccitata, si capiva da come gemeva quando mi soffermavo sui punti più sensibili.
La sentivo strusciarsi col suo culone sul mio cazzo diventato duro e grosso solo a vedere quelle meravigliose tettone.
Digli a quel porco quanto ti piaccio, pigliami come un animale, trattami da puttana, riempimi di sborra.
Lo zio ci osservava con gli occhi oramai ridotti ad una fessura.
Il linguaggio della zia stava diventando molto volgare ma non mi disturbava, a dire il vero mi eccitava e mi adeguai con i vocaboli più scurrili che conoscevo a quel modo di esprimersi da vera puttana affamata di cazzo.
Dai troia spogliati che voglio darti il cazzo, ti voglio far godere come una cagna in calore.
Sii.. sono una puttana, insultami, sono la tua zoccola.
Ci volle poco per vedere la zia completamente nuda, che armeggiava con la zip dei miei pantaloni.
Mi spogliò freneticamente acchiappando il bestione tra le sue mani.
Ooh. mamma mia questo sì che è un cazzo, lo avevo intuito dal bozzo sugli slip che doveva essere un bel gingillo ma una cosa così non avrei mai creduto di trovarmela tra le mani.
La zia con la mano andava su e giù lentamente mentre lo guardava estasiata, con l’altra mano mi massaggiava i coglioni, la lasciai fare per un po’, poi le tirai la testa e capì che volevo metterglielo in bocca.
Tenendolo in mano mi leccava il glande, scorreva lungo tutta l’asta per soffermarsi sui coglioni, cercava di metterselo in gola, ma era grosso, e faceva fatica, piano piano riuscì a risucchiarne una grossa parte dandomi un piacere intenso, nessun’altra donna era mai riuscita ad eccitarmi così con un pompino.
Succhialo bene che ti faccio bere un mare di sborra, oggi sarai la mia cavalla da monta.
Sii siii sarò felice di accoglierti in bocca, in faccia, riempimi non voglio perderne una goccia.
Lo zio ci guardava come inebetito, continuava a singhiozzare.
hic. hic. Hai visto quanto è troia hic. spompina da sogno hic. hic.
Il lavoretto della zia non durò molto a lungo, perché super eccitato da quello che inaspettatamente mi stava capitando o probabilmente dalla bravura della zia nel fare pompini che non seppi trattenermi e venni riempendole la bocca e il viso di sborra mentre a bocca aperta, lei aspettava che finissi di innaffiarla.
Tutta impiastricciata si avvicinò allo zio e lo baciò passandogli la sborra che aveva ancora in bocca.
Ti piace osservarmi quando mi comporto da gran troia?
Hic. Amore hic. Sei meravigliosa hic.
Puliscimi bene, voglio che il ricordo del peccato non ti abbandoni mai.
Lo zio senza scomporsi tirò fuori la lingua e raccolse i rivoli di sperma che colavano dal viso di Vittoria ripulendola completamente.
Una scena talmente eccitante da farmelo rimettere in tiro, più grosso e più duro di prima.
Vederla inchinata sullo zio con quel culone che muoveva con consumata esperienza, mi fece ritornare alla mente le parole di Piero ” lo prenderebbe anche da un cavallo pur di godere, dovresti chiederglielo, vedessi che voragine che ha per buco.
In quella posizione vedevo chiaramente il figone della zia già slabbrato e bagnato dall’eccitazione, ma il cratere che stava poco più su, animava in me l’indicibile desiderio di svuotarmi nel profondo di quelle pieghe.
Dai vecchia porca, apriti le chiappe che ti sfondo il culo, fai vedere allo zio quanto sei troia.
Piero pur in condizioni di semi incoscienza, abbozzava con una smorfia un sorrisetto ironico d’approvazione.
Giacomo hic. Rompigli il culo hic. a quella vacca hic.
La zia con le mani si allargò le natiche, dilatando leggermente il buchetto che si presentava più stretto di quanto mi aveva fatto intendere lo zio.
Su consiglio dello zio, dal suo comodino recuperai della vaselina e la preparai lubrificandone il canale con una quantità industriale di prodotto che con il dito spingevo dentro.
Sono pronta, ora aprimi il culo lo voglio dentro, fammi sentire le palle che si spiaccicano sulla figa.
Mi posizionai mettendo un giro di vaselina attorno al glande e puntai l’orifizio anale.
La zia mugolava di piacere mentre forzavo l’orifizio che lentamente cedeva facendo spazio alla mia tozza cappella.
Si sii siii spingi, sfondami.
Non fece in tempo a pronunciare quelle parole che con un colpo secco piantai il bastone per la tromba del culo facendo sbattere le palle sui quei bei chiapponi.
Vittoria urlò dal dolore, aaaaahh, ooohi, ooohi mamma ah aah fai piano è cosi grosso mi hai sverginato, aaah è dentro, brucia è meraviglioso , muovilo , spingi.
Si sii siii spingi, fammelo sentire , ah aah godo, come mi piace, sbattimi, sbattimi forte , si sii cosi sino alla radice.
La stavo inculando con violenza, vedevo la zia piangere, urlare e contorcersi dal dolore, ma non voleva che mi fermassi e m’incitava ad essere più brutale.
Non avere pietà sfondami, dimmi che sono una baldracca dal culo rotto.
Il culo della zia si era dilatato bene e ora il cazzo scivolava agevolmente nel budello, la tenevo per i fianchi per dare più impeto alla cavalcata, così come voleva.
Le urla si erano trasformate in gemiti di piacere, poi in grugniti e cambiare tono lanciando un ululato senza fine, quando raggiunse il primo orgasmo.
Continuavo ad incularla con spinte poderose, forsennate, dal ritmo infernale e ad ogni colpo le enormi tette ballavano meravigliosamente, saltavano andando avanti e indietro, eccitandomi enormemente.
La sbronza allo zio, non frenò l’eccitazione, vedere Vittoria posseduta dal nipote e in quel modo, lo ha ingrillito a tal punto da tirarsi fuori il cazzo dai pantaloncini per masturbarsi, menandoselo con foga, dicendo di essere felice di avere una troia per moglie.
Alla zia non era sfuggito il saliscendi della mano sul cazzo di Piero.
Brutto porco smetti di segarti mentre guardi come lo piglio nel culo, mettimelo in bocca che voglio mungerti e risucchiarti tutto il latte che hai in quei testicoli di merda.
La zia era insaziabile e non si accontentava del grosso palo che aveva nelle viscere, ora voleva due cazzi.
Malfermo nelle gambe, annebbiato com’era dai fumi dell’alcol era riuscito a presentarsi con un bel cazzo in tiro, naturalmente ben più piccolo del mio e si fermò davanti al viso di Vittoria che senza esitare lo inghiotti infilandoselo in bocca.
Ogni colpo che assestavo alla zia, corrispondeva ad un urletto dello zio, probabilmente più che una pompa dato l’alto ritmo che tenevo nel suo culo, la zia lo succhiava con i denti.
Gli stava masticando il cazzo ma imperterrito continuava ad affondare tenendola per la testa, spingendoglielo in gola, con un urlo venne dopo pochi attimi e così com’era venuto si ritirò nuovamente sulla poltrona.
Era la prima volta che una donna mi si concedeva analmente, e zia Vittoria con quel bel culone stava appagando il desiderio che inseguivo da troppo tempo.
Non resistevo più dalla voglia di svuotarmi, ero giunto al punto di non ritorno e mi abbandonai all’orgasmo gridando e schizzo dopo schizzo le ho riempito il culo di caldissima sborra.
Esausto mi accasciai sulla zia che continuava a ululare in preda all’ennesimo orgasmo mentre le mani si soffermarono a strizzare ancora le magnifiche tette.
Mi girai verso lo zio forse per cercare un suo cenno d’approvazione, ma si era addormentato cedendo alla sbornia, russava profondamente in modo alquanto rumoroso.
Decidemmo di non svegliarlo e di andarcene a dormire ritirandoci ognuno nella propria camera.
Il mattino dopo lo zio si svegliò con un forte mal di testa e non ricordava assolutamente quello che aveva animato la serata e ci guardammo bene dal fargli conoscere la verità, il suo unico rammarico di essersi risvegliato sulla poltrona e non nel suo letto.
Quei due mesi di vacanza passati in Sardegna non li dimenticherò mai, inutile dire che in assenza dello zio, il suo letto si è trasformato nel mio parco giochi e ora potrà affermare senza che nessuno possa smentirlo, che la zia ha una voragine per buco. FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Terry

Terry è una cugina acquisita, di quelle che, sposandoti, ti ritrovi come parente acquisito ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.