Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incesti / L’amica di famiglia (2 di 2)
copertina racconto erotico

L’amica di famiglia (2 di 2)

“La compagnia di un giovanotto piacevole come te. Quando facciamo?” Mi sento orgoglioso di averla convinta.

“Mi dica lei, all’ora di pranzo non ho mai appuntamenti, mi serve giusto saperlo un giorno prima per fare la spesa.”

“Vediamo,” dice lei pensierosa, “potrei far spostare la seduta, così mi trovo già dalle tue parti. Facciamo così: dammi il tuo cellulare che ti chiamo per la conferma.” Mentre lei scrive il numero su un’agendina che ha tirato fuori dalla borsetta, esco dall’auto per aprirle la portiera. Per uscire dall’auto compie una rotazione un po’ goffa. E’ costretta ad aprire le gambe. La gonna stretta e la visuale favorevole fanno il resto: non posso giurarlo ma mi sembra davvero che la signora Maria porti le calze o le autoreggenti. Però!

“Ma che galante! Con queste attenzioni le donne ti cadono tutte ai piedi”

“Ma certe attenzioni non sono per tutte!” ribatto,

“le riservo solo alle signore. Alle belle signore!” preciso, giocando a fare il cascamorto. Per tutta risposta mi lancia uno sguardo civettuolo da sotto il rimmel. Poi mi ringrazia per il passaggio e va via. Ho perso una mattinata per accompagnarla e adesso dovrò anche organizzarle il pranzo. Però, mi ripeto osservandola allontanarsi, per la sua età mette delle gonne davvero corte! La conferma del nostro appuntamento mi arriva due giorni dopo, per l’indomani: ha fatto spostare la sua seduta di laserterapia, così finirà poco prima di venire da me. Io, invece, non devo andare al centro, così le ripeto l’indirizzo e le spiego come arrivare, dicendo che l’aspetterò a casa. Quella mattina sono colto da una inattesa ansia da prestazione. Ho spesso usato le mie capacità culinarie come arma per sedurre: ma si trattava di ragazze assai più imbranate di me nelle faccende domestiche. Con l’amica di mia madre, invece, non posso barare: so quanto le donne di quella età tengano all’ordine e alla pulizia e io ci tengo a fare bella figura con la signora Maria. Cancello addirittura un appuntamento di lavoro per attardarmi a pulire e riordinare e anche in cucina mi dedico con grande attenzione alle ricette che ho deciso di realizzare. Sono pronto per tempo, mi sbarazzo del grembiule e in bagno, mentre mi rinfresco, decido che camicia e jeans è la giusta tenuta. All’una, puntualissima, suona il citofono.

“E’ questo lo scannatoio?” Un’espressione così cruda, da lei, mi lascia interdetto. Se ne accorge e cerca di rimediare:

“Scusa, volevo fare dello spirito… Non è così che dite voi ragazzi?”

“Bè! diciamo che è il covo dove attiro le mie prede, allora,” rispondo per alleggerire e toglierla dall’imbarazzo per la gaffe.

“E lei non ha paura di entrare?”

“Nooo! Sono troppo stagionata per avere paura di te. Poi tu sei un ragazzo molto educato…..” E’ una mia impressione o la signora Maria mi ha saettato un’occhiata maliziosa accompagnando queste parole? Sarà… Mentre le mostro rapidamente il mio bilocale la osservo. E’ truccata, stavolta, in modo più vistoso del solito, con molto ombretto intorno agli occhi e le labbra sottili evidenziate di rosa acceso. Indossa un tailleur elegante, con una giacca attillata e scollata, senza camicetta e una gonna lunga sotto il ginocchio, ma con uno spacco sul davanti. Le calze sono nere, e non molto velate, e ai piedi porta della scarpe di vernice, del tipo alla moda, con un cinturino alla caviglia, e tacchi decisamente alti.

“Lei è molto elegante, ma si tratta di un pranzo alla buona. Io stesso non mi sono cambiato….” dico indicando la camicia dalle maniche arrotolate e i jeans un po’ stinti. A queste parole la signora Maria distoglie gli occhi da alcuni poster affissi alla parete e per un attimo mi squadra:

“Stai benissimo”, è il suo unico commento.

“Cominciamo dall’aperitivo.” La scorto verso l’angolo cottura, che è separato dal resto dell’ambiente da un tavolo alto con gli sgabelli, tipo bancone da bar. Verso in deu calici del prosecco. Lei si inerpica con un po’ di fatica su uno dei due sgabelli. Lo spacco della gonna, che è piuttosto lungo, a questo punto si apre. A me, che sono rimasto in piedi con i bicchieri in mano, mi si apre una buona panoramica sulle sue gambe. La signora Maria cerca di chiuderlo e cambiare posizione, ma nonostante i tacchi è troppo bassa per sedersi con disinvoltura appoggiando un piede a terra. Alla fine rinuncia e si accoccola in qualche modo. Nel prendere il bicchiere che le porgo, deve lasciare i lembi della gonna che tornano ad aprirsi. Questo mi permette di osservarle l’interno della coscia inguainata di nylon, un triangolo di pelle nuda e perfino il bordo più scuro della calza che disegna una lieve curva nel punto in cui è agganciato. La signora Maria porta un reggicalze e pare che non si curi in fondo troppo di nasconderlo! Com’è che prima d’ora non mi sono soffermato sulle sue gambe? La situazione è intrigante e mi vien voglia di giocare a fare l’audace.

“Cin, cin” propongo. Ricambia il brindisi e beve. “Lei mi mette in imbarazzo”

“Oh, bella! Perché?”

“Perché vorrei dirle che in questa casa non è mai entrata prima d’ora una donna della sua classe e del suo fascino. Ma siccome lei è un’amica di mia madre non so se posso permettermi di farle un complimento senza apparirle sfacciato.”

“Eeeh! Puoi risparmiarti con me queste smancerie. Sono troppo anziana ed esperta per abboccare!” A questo punto stiamo flirtando e la cosa mi elettrizza, anche perché lei non si preoccupa più della sua gonna e per quanto io mi sforzi di non tenere lo sguardo puntato dentro il suo spacco, le sue gambe sono ancora generosamente esposte sotto i miei occhi. “Lei scherza sempre sul fatto di essere vecchia. L’ho notato. Lo fa per civetteria, per farsi dire che non è affatto vero.”

“No. Lo dico proprio perché lo sono. Una vecchia signora.” Ridacchia e beve un altro sorso di prosecco.

“Ma via, lei ha più o meno l’età di mia madre.” “Non proprio. Qualcosina in più, direi. Ma adesso sei tu che mi stai prendendo in giro. Sentiamo: quanti anni ho secondo te?” Vediamo: mia madre ha quarantotto anni; lei è più grande, è vero, direi un 55, togliamone qualcuno per galanteria…

“Cinquantatre”, azzardo. Lei sorride e scuote la testa.

“Secondo me lo sai benissimo e menti solo per essere carino. Ne ho quasi sessantuno, caro il mio Antonio.” Resto letteralmente a bocca aperta. Sessantuno! E chi l’avrebbe detto!

“Non li dimostra affatto, signora. Li porta davvero bene”

“Grazie, Antonio, sei molto dolce nel dire queste cose che fanno piacere. Piuttosto, adesso che conosci il mio segreto, perché non la smetti con questa

“signora Maria” e mi dai del tu?”

“Ecco…io… si, perché no,” la richiesta mi ha colto alla sprovvista – come la rivelazione sulla sua vera età – non vorrei offenderla ma mi sento un po’ imbarazzato, “è che … sono abituato a darle del lei!”

“Non è vero. Quando eri più piccolo mi chiamavi “zia”. Poi da grandicello hai cominciato a chiamarmi “signora”. Ma non t’azzardare a chiamarmi zia: mi farebbe sentire ancora più vecchia del lei,” dice ridendo.

“D’accordo,” mi arrendo “… Maria!” Oh! bene!” batte le mani come per un piccolo applauso e con un saltello scende dallo sgabello.

“Ma in questa casa non si mangia? C’è un profumino che mi ha messo appetito.” Servo le portate al tavolo apparecchiato e cominciamo a mangiare. Il “tu” ha creato un’atmosfera ancora più rilassata e durante il pranzo non smettiamo di flirtare leggermente. Lei non risparmia i complimenti per le mia qualità di cuoco, facendomi arrossire. Attraverso il tavolo, l’occhio adesso mi cade dentro lo scollo della giacca, sotto la quale si intravede il pizzo del reggiseno. Nonostante l’età, è una donna ancora attraente. Diciamo pure scopabile. Dopo il dolce le propongo di accomodarsi sul divano mentre preparo il caffè. Poggio il vassoio con le tazzine sul tavolino davanti a lei. Lei poggia la mano sul sofà invitandomi a sederle accanto. Così faccio e appena mi seggo le narici sono colpite dal suo profumo intenso. Con le gambe accavallate, attraverso lo spacco posso riprendere a sbirciarle la coscia.

“Mi sembri un po’ nervoso…”

“No,” in effetti lo sono ma non ha nessuna intenzione di ammetterlo, “penso a com’è strana questa situazione.” Strana? cosa intendi per strana?”

“Voglio dire, ehm…” mi schiarisco la voce, “non avrei mai pensato di ritrovarmi con …te, cioè qui a casa mia, ti ho invitata a pranzo, ci diamo del tu, cioè tu per me eri l’amica di mamma…”

“Lo sono ancora, se è per questo, anzi ti consiglio di non far vedere che si è creata tutta questa confidenza se ci dovessimo incontrare alla presenza di tua madre. Chissà cosa penserebbe!” aggiunge con un risolino.

“Già!” “… magari potrebbe pensare che sei un tipo capace di corteggiare le sue amiche.” Nel dire questo porta alle labbra la tazzina ma io riesco lo stesso a socrgerne le labbra che si increspano in un sorriso. Io invece lì per lì non dico niente, e comincio a sentire un certo caldo.

“Che ci sarebbe di male a corteggiare l’amica della madre?” osservo in modo che spero passi per disinvolto.

“Come? avresti il coraggio di fare il cascamorto con una donna sposata? con una donna più vecchia di te? magari con una che ti ha visto crescere, che ti ha tenuto sulle ginocchia?” Nel dire questo, disincrocia le gambe e poi le accavalla nuovamente dall’altra parte. Il movimento fa ondeggiare i lembi della gonna. Il ginocchio sfiora il mio. Mi sta mostrando sfacciatamente le gambe! “Non direi di te che sei una vecchia signora!” mormoro con gli occhi spudoratamente fissi sulla sua coscia velata di nylon.

“No? Ho l’età di tua nonna!”

“Non è vero. E’ poi mia nonna non è certo come te!”

“Cosa vuol dire? come sono?”

“Sei … una donna ancora piacente…” Ho usato un filo di voce: l’emozione mi sta giocando uno scherzo tanto quanto lei sembra padrona della situazione. Mi guarda. Mi guarda intensamente, negli occhi.

“Sei un bel ragazzo, Antonio. Sei carino e gentile. Ma penserei che sei un bugiardo, se il modo in cui mi guardi non fosse la prova che dici la verità!” “Il modo… in cui ti guardo…?” Lei allunga una mano e con le dita mi sfiora la guancia.

 “Quando sono entrata mi hai puntato gli occhi sulle gambe e non hai più distolto lo sguardo.”

“Come faccio a toglierlo se tu me le mostri…” dico questo con il cuore che mi batte in gola.

“Hai delle belle gambe” Lei non risponde e sorride. Mi chino su di lei con le labbra protese. Cerco la sua bocca, la trovo. Lei schiude le sue labbra, lascia che la mia lingua scivoli dentro, trovi la sua, lei si avvinghi in una danza erotica. Ci guardiamo. Mi infila la mano tra i capelli. Quando parla, ha la voce roca: “Lo hai fatto perché ti piaccio o per fare una buona azione?”

“Tu sei una donna molto attraente…”

“E allora trattami come si tratta una femmina….” La sua mano scivola dietro la mia nuca, attira il mio viso contro il suo. Sento che l’altra sua mano prende la mia, la guida sulla sua coscia, poi me la fa risalire, finché sento il bordo della calza, e a quel punto i polpastrelli trovano il gancetto del reggicalze e poi sfiorano la sua pelle nuda. Poggia con forza le sue labbra sulla mia bocca ed è lei, adesso, a spingere la sua lingua, a ricacciare la mia all’indietro, a esplorare con prepotenza il palato, le guance, l’interno delle labbra. Quando anche il secondo bacio finisce, sento che l’emozione mi taglia il respiro. La sua mano va a cercare l’inguine, trova la mia erezione violenta, la accarezza attraverso la stoffa. Anche la mia mano è ancora sulla sua coscia su cui strofino languidamente il palmo.

“Ho voglia di fare l’amore con te…”, sussurro.

“Non ti vergogni?”, è la risposta che mi lascia sconcertato. Ma è un gioco, un vezzo: lei ha voglia quanto me, non molla il mio arnese ormai duro come il ferro e, anzi, comincia a sbottonarmi i pantaloni. Tira giù la zip e poi lo fa sgusciare attraverso l’apertura dei boxer. Il mio pene svetta all’aria aperta e lei comincia ad accarezzarlo delicatamente.

“Ce l’hai proprio bello…” è il suo commento, mentre lo fissa quasi ipnotizzata. Mi piace. Mi piace che lei mi tocchi. Mi piace continuare a sentire il calore della sua gamba. Mi piace che sia lei a prendere l’iniziativa. Sto per fare l’amore con una donna che potrebbe essere mia madre, una donna che appena poche ore prima mai e poi mai avrei considerato per fare del sesso.

“Andiamo di là?”, le propongo. Intendo la camera da letto. Maria fa cenno di sì, anche lei troppo emozionata per parlare. Appena entro, mi libero di pantaloni e boxer, restando nudo mentre lei è ancora vestita. La stanza è in penombra, vado per accendere la luce.

“No!” mi ferma, “non accendere la luce: non voglio che mi vedi le rughe.” Sorrido intenerito da questa confessione. Mi siedo sul letto, lei in piedi davanti a me e comincio a spogliarla. Prima la giacca, poi lascio cadere la gonna. Lei resta con un corpetto, cui sono agganciate le calze. Indossa una mutandina sgambata. C’è ciccia sulle cosce e sul culo, ma non m’interessa. Protendo il capo fra le sue gambe e prendo a baciarle con foga le cosce nude e tutt’intorno alla fica. “Fermo, fermo” mi dice prendendomi per i capelli.

“Così mi romperai le calze. Come torno da mio marito?” Si siede a sua volta e si sfila le calze. Io resto a guardarla affascinato. Toglie anche le mutandine e poi mi si butta fra le braccia. Ci baciamo di nuovo. Le mie mani le abbrancano il culo. le sue strappano i bottoni della camicia che ancora indosso e mi percorrono il torace. Mi sento eccitato come un toro. La mano di lei scende a tastarmi l’uccello: il suo palmo è caldo, si stringe intorno alla mia verga e l’attira dentro di sé. Scivolo fra le sue cosce spalancate. Dentro, ci trovo un lago.Ha la fica calda e morbida. E’ la fica più invitante che abbia mai incontrato. Sono sopra di lei. Sento le sue cosce che mi stringono i fianchi. Ci muoviamo l’uno dentro l’altra. Lei mi geme nell’orecchio. Con i denti le strattono il corsetto finché non le tiro fuori le tette. Sono flaccide e grinzose ma quando comincio a succhiarli i capezzoli diventano duri ed enormi.

“Ah, sì, ah, sì, ah, sì”, lei ripete come un mantra,

“scopami, sfondami, riempimi…” A un certo punto urla dal piacere. Affonda le unghie nelle mie spalle. Non rallento il ritmo. Sto per venire anch’io. D’improvviso mi spinge indietro il viso e mi guarda negli occhi. Sento la sua mano sul mio sedere, lo accarezza e con un dito mi stuzzica tra le natiche. Le esplodo dentro un autentico fiume di sperma, continuando a spingere e a sfondarla. Maria mi abbraccia, mi tiene dentro di lei. La bacio. Avrà sessant’anni ma è una delle scopate di maggior piacere della mia vita. Glielo dico.

“Nessuna mi ha mai toccato il sedere mentre faccio l’amore.” aggiungo. “Le donne della mia età devono compensare con l’esperienza la bellezza che se n’è andata,” risponde scompigliandomi i capelli,

“se no con quali argomenti potevo indurre un giovane bello come te a portarmi a letto?”

“Gli argomenti, direi che non mancano… E poi mi hai fatto capire che eri disponibile: le gonne corte, le battute su tuo marito…”

“Ah sì? Hai pensato che ci potevo stare solo perché ti ho fatto guardare un po’ le gambe in macchina?” Arrossisco, anche se era ovvio che lei si fosse accorta.

“Sì, lo pensavo, però….”

“Però eri timido perché ero l’amica di famiglia, vero?” Mi bacia:

“Se ti dicessi che mi sei sempre piaciuto? Da quando avevi diciassette, diciotto anni. Ho sempre pensato che fossi un bellissimo ragazzo. Ce l’ho fatto più di un pensierino su di te.! E’ da allora che sei un protagonista delle mie fantasie. Quando ti ho rivisto ti ho desiderato subito. Ma fino a quando non mi hai baciata non ero certa di riuscire a sedurti.” Quella confessione mi eccita. Il pene riprende vita dentro di lei.

“Ullallà, che sta succedendo?” Succede che ci mettiamo a fare ancora l’amore, a un ritmo, adesso, più lento, assaporando meglio il piacere che provano i nostri sessi. Mentre vengo di nuovo, penso alla faccia che farebbe mia madre se le dicessi quanto scopa bene la signora Maria!

“E’ tardi, devo andare. Non dimenticare che sono una donna sposata!” Si rimette le calze, osservandomi con la coda dell’occhio. La osservo affascinato. Per tutta risposta allunga un piedino e mi accarezza il cazzo che nonostante le due scopate sembra pronto a tornare in tiro. Lei ridacchia e scappa in bagno per rivestirsi. Ne esce truccata e impeccabile, nemmeno un capello fuori posto, come se non avesse fatto nulla questo pomeriggio: ah, le donne! Io mi infilo i boxer e l’accompagno alla porta.

“Ci rivediamo…”: è per metà un’affermazione per metà una domanda. Non so se lei voglia che questa storia abbia un seguito ma, soprattutto, nemmeno io son sicuro di volerlo. Ma lei mi abbraccia forte:

“Speravo che tu lo dicessi”, e, poi, ridendo,

“Anche perché, dopo quello che mi hai fatto provare, se non l’avessi detto tu, ti avrei sequestrato per violentarti!” Tre giorni dopo mi arriva un sms sul cellulare:

“Da me, domani, alle 13.00”. Ho passato questi giorni a pensare:  razionalmente, l’idea di farmi coinvolgere in una storia con una donna tanto più grande di me, conosciuta dalla mia famiglia, con un marito, bè, è l’idea più folle che mi potesse venire. Ma ricordando quello che è successo, mi accorgo che l’idea di scoparla di nuovo, il modo in cui mi dice che sono un bel ragazzo, la sensazione di aver a che fare con una donna esperta in giochi sessuali, mi attizzano da morire. Quando arriva l’sms il mio pene ha un sussulto: è il miglior segno che potessi cercare per decidere cosa voglio fare veramente. Così mi presento, puntuale. Ho il cuore in gola. Non le ho nemmeno chiesto dov’è suo marito, sebbene lei mia sembri troppo esperta per non prendere precauzioni, Ma mentre vado all’indirizzo mi accorgo con orrore di quanto abiti vicino alla casa dei miei. E quante probabilità ci siano che la mia macchina sia riconosciuta. Così parcheggio distante e comincio a costruire una versione credibile di un ipotetico incontro con un cliente. Quando mi apre la porta indossa solo una vestaglia di seta nera, con una profonda scollatura bordata di piume nere, piume che adornano anche i polsi delle maniche. Che look! E’ truccata in modo pesantissimo, ma eccitante, con colori forti, la matita che allunga i contorni degli occhi, le ciglia cariche di rimmel, le labbra rossissime. Metto un piede dentro e l’abbraccio cercando subito la sua bocca. Lei mie mani vanno sul culo e capisco che, sotto, non porta biancheria. Lei si sottrae, ridacchiando:

“Aspetta! cos’è questa fretta. Fammi chiudere la porta, almeno. Abbiamo tempo, sta’ calmo.” Mi sento come uno scolaretto, ma capisco che è lei che vuole condurre il gioco e la cosa non mi dispiace. Mi fa strada nella cucina-tinello. La vestaglia, fermata in vita da una fascia piuttosto alta, si apre ad ogni passo sulle gambe fasciate da calze nere velate. Ai piedi, delle pantofole fucsia con il tacco alto e dei batuffoli di pelo.

“Sei sexy”

“Più che sexy mi sono conciata un po’ da troia, non trovi? Ti piaccio un po’ troia?” A me, anche solo a sentirla parlare così, è venuto già duro: la distinta signora che conoscevo si è trasformata in una femmina che gioca a fare la puttana. Maria mi fa segno di sedermi al tavolo.

“E’ apparecchiato solo per uno”, le faccio notare.

“Siedi. Va bene così.” Obbedisco, piuttosto perplesso. Lei ha in mano un piatto di spaghetti fumante. Mi viene vicino e mi si siede sulle ginocchia. Sorridendo del mio imbarazzo e della mia sorpresa, si accomoda, strusciandosi il sedere sul mio inguine, facendo attenzione a non far cadere la pasta. Poi accavalla le gambe, lasciando che la vestaglia si apra e mostri il reggicalze che indossa. Facendo le fusa mi dice:

“Se non mi tieni per le gambe cado io con tutto il tuo pranzo.” Le metto una mano sulla gamba cominciando ad accarezzargliela. Con l’altro braccio le cingo la vita. Lei si accomoda meglio sulla mia erezione e comincia a imboccarmi, una forchettata io, una lei. Capisco il suo gioco erotico: ogni tanto afferra uno spaghetto del mio boccone e così risaliamo entrambi mangiandolo, io da un capo lei dall’altro, finché le nostre bocche si incontrano e lei mi infila la lingua. Tutto si svolge in silenzio. Il mio desiderio sta crescendo e non so cosa dire. Sono soggiogato dalla carica erotica di Maria. Quando finiscono gli spaghetti, lei si alza e va a prendere un altro piatto di portata. Dentro ci sono dei bocconcini di pollo. Stavolta però non si siede su di me, ma sul bordo del tavolo, le cosce aperte, i piedi sulla sedia ai lati delle mie gambe. Le mie mani cominciano a risalire le gambe dalle caviglie. Lei mi imbocca con le mani. Il pollo è piccante: una ricetta sicuramente afrodisiaca. Mi porge i pezzetti, mi sfiora le labbra con le dita, io gliele succhio. Lei me le infila in bocca toccandomi la lingua, stuzzicandomi il palato.

“E adesso il dessert!” esclama quando il pollo è finito.

“E’ una sorpresa, chiudi gli occhi!” Sento il rumore di uno spray. Quando li riapro lei sta davanti a me, le cosce oscenamente spalancate sulla sua fica tutta ricoperta di panna montata. I suoi occhi scintillano dal piacere. La mia espressione interdetta deve farla divertire. MI prende la testa con le mani e comincia ad attirarla verso quella nuvola bianca. Ma ho già capito e non ho bisogno di incoraggiamento. Tuffo il viso tra le sue cosce e comincio a leccare la panna desideroso di arrivare presto alla sua fica. Mi aspetto di sentire sulla lingua il suo bosco di peli, ma resto sorpreso: Ma, ti sei depilata?” Lei è sdraiata sul tavolo: mi guarda da sotto in su.

“Oh, quei brutti peli bianchi e peli grigi. Così è più facile, no? Su, fammi sentire se la tua lingua è abile come il tuo cazzo.” Prendo a leccarle la fica. Ci metto tutto l’ardore che posso. La sento gemere, gridare di piacere, inarcarsi, mentre le affondo la lingua, le bevo gli umori di cui è inondata, le succhio il grilletto. Lei stringe le cosce, mi tira i capelli, solleva il bacino per farsi leccare ancora più a fondo. A un certo punto non resisto più. Mi tiro su, sbottono i pantaloni e li faccio cadere. Il mio randello ha dimensioni mostruose. Glielo infilo tutto dentro, mentre lei grida coma un’ossessa, e me la scopo lì, sul tavolo dell’elegante tinello dove chissaà quante volte ha cenato con il marito guardando la tv. Dopo il nostro secondo incontro, Maria mi è entrata nel sangue. E’ la donna più sensuale che abbia mai conosciuto. Sono pronto a fare qualsiasi cosa per soddisfarla. Mi chiama al cellulare per chiedermi se ho impegni nel fine settimana.

“Nessuno, se posso vederti”, rispondo. Lei ridacchia e riaggancia. Venerdì sera me la trovo dietro la porta. Ha con sé una borsa. Ufficialmente, è andata a trovare la sorella: un’ottima copertura per passare l’intero week-end qui da me.

“Ma cosa hai detto a tua sorella?” chiedo. Lei è semisdraiata sul divano. Tolta la giacca del tailleur indossa una camicetta di voile trasparente. Ha una gonna stretta e lunga sotto il ginocchio, con dei bottoni davanti. Certamente, oggi pomeriggio, quando è uscita da casa e ha salutato suo marito erano tutti abbottonati fino in fondo. Adesso invece, li ha tutti slacciati e mi mostra sfacciatamente le gambe coperte dalle solite calze mentre, a beneficio dei miei ormoni, con le dita gioca con il bottoncino del reggicalze.

“Le ho detto che devo fare da baby-sitter a un bel ragazzo. Un po’ cresciuto. Ma ha bisogno che lo tenga d’occhio.” Mi strizza l’occhio. La raggiungo sul divano e ci scambiamo un bacio appassionato.

“Cos’è questa storia?”

“E’ la verità,” e nel dire questo mi prende la mano e se la porta fra le cosce per farmi sentire che non porta mutandine,

“tua madre mi detto di badare a te per questo fine settimana, per assicurarmi che non ti metta nei guai con le donne o che ti faccia troppe seghe. Su, va di là a metterti il pigiamino e poi torna da me. Ti metterò a letto presto stasera.” Capisco che sta seguendo una sua fantasia e l’assecondo. Torno dopo pochi minuti, in pigiama. E’ ancora seduta nello stesso posto.

“Sarebbe ora di andare a dormire, ma ti permetterò di guardare un po’ la televisione. Ho preso un film a noleggio per vederlo insieme.” Mi porge una videocassetta, senza etichetta, La introduco nel videoregistratore e la raggiungo sul divano. Comincio a toccarle il seno, a farle scivolare la mano fra le gambe per stuzzicarle la fica. Anche lei mi tocca il pene già di marmo attraverso la stoffa leggera del pigiama. Il film comincia: è un porno incredibile, dove c’è una donna di mezza età che si scopa un ragazzo in tutte le posizioni! Ora capisco quanto la ecciti l’idea di fare l’amore con un uomo più giovane. Senza smettere di manipolarmi l’uccello, mi sussurra all’orecchio:

“Un giovane beneducato non dovrebbe vedere questi film. Cosa direbbe tua madre se vedesse quel che ti faccio fare?”

“Chiuderò gli occhi,” le dico baciandola.

“Ho un’idea migliore,” e prendendomi per le spalle mi fa inginocchiare davanti alle sue cosce aperte. Mentre prendo a leccarle la fica non posso che pensare al week-end che mi aspetta: dovrò mettercela proprio tutta per soddisfare le voglie della “signora Maria”!

FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Terry

Terry è una cugina acquisita, di quelle che, sposandoti, ti ritrovi come parente acquisito ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.