Home / Incesti / Trio in spiaggia
copertina racconto erotico

Trio in spiaggia

Quel giorno io, mia madre e mia sorella decidemmo di andare a spiaggia, una spiaggetta isolata dietro un fortino, nascosta alla vista dei turisti e conosciuta solo dagli autoctoni, essendo la fine di maggio non c’era nessuno cosicchè mia madre e mia sorella decidettero di prendere il sole integrale. Vederle passarsi la crema sui seni mi provocò una reazione che capirete, cosicchè decisi di andare in acqua, dopo un po’ mia madre mi raggiunse, aveva capito il mio stato d’animo e di qualcos’altro e decise che dovevamo farlo lì. Io ero indeciso, c’era mia sorella, ma mia mamma mi indicò un posto semi nascosto dagli scogli e lì andammo.
La presi per la gambe e le strinsi intorno alla vita, gli infilai il cazzo che aveva già avuto modo di assaggiare e me la stavo fottendo, finchè non sentii “che state facendo”? Evidentemente il posto non era nascosto come mia madre pensava, infatti era mia sorella che dalla spiaggia aveva visto tutto, subito mi staccai dal corpo di mia madre ma mia sorella non faticò a scoprire la verità, mise una mano sott’acqua ed impugnò il mio cazzo duro, “non ci posso credere stavate scopando……. ” “Ma Fabiola hai visto che bastone ha tuo fratello? ” cercò di difendersi mia madre…. “No, non l’ho visto che bastone avrà mai? E se anche ce l’avesse sarebbe una scusa per scoparti tuo figlio? ” “Alex faglielo vedere….. “mi disse mia madre convinta che la vista dell’arnese avrebbe fatto cambiare idea a mia sorella.
E così, incredibilmente fù” Caspita che cazzone…….. ma quanto è lungo” mi chiese “19! ” risposi fiero, “Dì la verità lo vuoi anche tu vero? ” chiese mia madre a mia sorella masturbandomelo appena, “Certo! ” rispose mia sorella, non mi feci pregare e andammo a nasconderci VERAMENTE. Arrivato allo scoglio mia madre invitò mia sorella a farmi un pompino, lei se lo prese in bocca e dopo un po riuscì a prenderselo tutto, mentre mi spompinava piegata a 90 mia madre si chinò dietro di lei e cominciò a leccargliela, mia sorella si voltò di scatto, ma anziché protestare allargò un po’ di più le gambe e continuò il suo lavoro, quella scena mi aveva eccitato maggiormente e mia sorella in bocca se ne rendeva conto e prese l’iniziativa, smise di sbocchinarmi, alzò mia madre e la piegò a 90 dicendomi di fargli vedere come lo si mette in culo ad una troia, io lo feci con un colpo secco che fece gridare mia madre e mentre la spingevo avanti e dietro, mia sorella si mise a leccargli i capezzoli e scese sino alla figa, allargò le labbra e gli succhiò il clitoride, mia madre eccitatissima infilò un dito in culo a mia sorella e gli venne l’idea che era toccato il momento di sfondarlo, mi disse proprio così, “Sfonda il culo a Fabiola” lo infilai con un colpo secco anche a lei che però era vergine e i 19 cm li sentiva tutti e li fece sentire anche a noi con il grido che lanciò e la lacrima che versò “Fottimi Alex sfondami” mi disse ed io aumentò a stantuffare con la sua testa schiacciata contro il fortino, mia madre non stava a guardare sotto mia sorella messa a pecorina, mi leccava la parte di cazzo che entrava e usciva dal culo di mia sorella, le mani di mia sorella cercavano il mio culo per spingerlo più forte contro di lei e capì che stava venendo spinsi fino a trovarmi con il ventre contro i suoi glutei segno che l’avevo riempita e gridando e dimenandosi annunciò l’orgasmo.
Toccava a mia madre, che mi fece sdraiare e mi si mise a smorza non in ginocchio però, ma accovacciata per decidere la penetrazione; su di me , in piedi, mia sorella si stava facendo nuovamente leccare la figa ed io le masturbavo il culo, mia madre ci andava giù di brutto, credevo di non avere più pelle nel cazzo per come me lo stava scappellando e quando venne mi fece male, partendo dalla punta della cappella si lasciava cadere facendolo entrare tutto, la sua faccia era affondata nella figa di mia sorella che teneva una gamba sopra la sua spalla per farsela leccare sino in fondo, un senso di bagnato mi fece capire che era venuta e si lasciò abbandonare su di me e nella figa di Fabiola. “Ora a te! ” mi dissero quasi all’unisono, decisero che sarebbe stata mia sorella a farmi godere, così si sedette sotto di me e si mise in mezzo alle mia gambe facendomi una spagnola con i seni, andava su e giù scappellandomelo benissimo e passandoselo di bocca in bocca con mia madre senza toccarlo con le mani e scambiandosi anche qualche slinguata vicendevolmente, la scena, ma soprattutto il passaggio da bocca a bocca, mi fece venire e si godettero lo schizzo in aria del mio sperma preoccupandosi di leccare i rimasugli rimasti su di noi. FINE

About erotico

I racconti erotici sono la mia passione. A volte, di sera, quando fuoi non sento rumori provenire dalla strada, guardo qualche persona passare e immagino la loro storia. La possibile situazione erotica che potranno vivere…

Leggi anche

copertina racconto erotico

E fu così che…

Ricordo ancora come arrivai a farmi masturbare da mia nonna: a piccoli passi, scalando questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.