Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incesti / Una nonna comprensiva
copertina racconto erotico

Una nonna comprensiva

Cominciò tutto una mattina, mentre erano tutti e due in cucina. Marzia non l’avrebbe mai più dimenticato. Lei stava rassettando e Aldo stava finendo di fare colazione. Marzia era passata a trovare sua figlia di mattina presto. Aldo non era andato a scuola perché febbricitante. A un certo punto la figlia era dovuta uscire per una commissione pregando Marzia di trattenersi fino al suo ritorno per non lasciare solo il ragazzo. Marzia aveva acconsentito. Dopo un po’ il nipote si era alzato e lei gli aveva preparato la colazione. Marzia girava per la cucina, sciacquando qualche stoviglia e riponendo biscotti e marmellata nella dispensa. Era del tutto inconsapevole che Aldo la seguisse con lo sguardo ovunque andasse per la stanza. Accadde tutto all’improvviso. Marzia era chinata a sistemare scatole e barattoli negli scaffali più bassi del mobile. Non aveva sentito Aldo avvicinarsi. Sentì però il corpo di lui appoggiarsi al suo, le sue mani afferrarle il sedere. Si raddrizzò di colpo e allora le mani di Aldo salirono ad abbrancarle il torso, si fermarono sui suoi seni, glieli avvolsero, glieli palparono, glieli strizzarono anche, ma appena appena. Marzia si inarcò. Aldo si avvinghiò ancor più a lei, senza mollare la presa sul seno, spingendo in avanti il ventre contro il fondoschiena di lei. A Marzia, dopo, quell’istante sembrò che fosse durato minuti, ma tutto si consumò in meno che bere un bicchier d’acqua. Lei si divincolò dall’abbraccio e girò su se stessa, fronteggiando il nipote. Aldo stava rigido e ansimante, gli occhi sbarrati. Marzia, d’istinto, gli rifilò un ceffone. Nell’aria silenziosa della cucina lo schiocco delle dita di Marzia sulla guancia di Aldo rimbombò come un eco. Il rumore scosse Marzia. Ritrovò la parola:
“Ma sei impazzito? “, riuscì a mormorare. Ma Aldo già scappava via, lasciando sua nonna, sola e del tutto sconvolta. Quando riprese a respirare normalmente, si guardò la camicetta che era, ora, tutta stropicciata. Si era appena rimessa in ordine, quando il campanello annunciò il rientro di sua figlia.
“Meno male! ” pensò Marzia che, altrimenti, non avrebbe saputo cosa fare o dire. Aprì quindi la porta già con la borsetta in mano, oltrepassando frettolosamente la soglia di casa.
“Devo andare, ho dimenticato una cosa urgente…. ” borbottò, allontanandosi, lasciando sua figlia attonita per tanta precipitazione. Per il resto della giornata Marzia non riuscì a cancellarsi dalla mente il pensiero di suo nipote che le saltava addosso e le afferrava le tette. Era stupefatta e indignata. E ancor più si stupì e si turbò nell’accorgersi, a sera, a casa sua, mentre si spogliava per andare a letto, di avere ancora i capezzoli duri. Il pensiero di quel che era successo non abbandonò Marzia nei giorni seguenti. Si interrogò sulle ragioni del comportamento di Aldo, senza trovare risposta. Era stato tutto troppo imbarazzante per parlarne con altri, né poteva evitare di incontrare la sua famiglia. Aldo, dal canto suo, si comportò normalmente, senza alcun apparente disagio. Marzia finì con l’attribuire la causa di tutto a un istinto inconsulto, forse provocato dalla febbre, una sorta di delirio da sveglio, una specie di raptus. Aldo aveva diciotto anni. Il fisico era ancora acerbo, da adolescente, ma era un ragazzo sveglio e maturo. Le agitazioni, i turbamenti della pubertà. E lei… lei si era trovata nel momento sbagliato…. Marzia si appagò di queste spiegazioni, che però non eliminarono del tutto la sua curiosità verso il nipote. Un giorno, approfittò di una mezz’ora in cui era rimasta da sola in casa della figlia, per entrare nella stanza di Aldo. Voleva curiosare, senza cercare specificamente qualcosa. Invece trovò subito, non molto acutamente nascosti sul fondo della libreria dietro i libri di scuola, un mazzo di riviste pornografiche. Si disse che doveva vedere, perché una nonna è giusto che sappia. Cominciò a sfogliarle. Non è che fosse una sprovveduta in fatto di sesso. A 56 anni, vedova da cinque, si era messa il “cuore in pace”. Da giovane, con il marito il piacere nei primi anni non era mancato, poi la passione si era indebolita e Marzia aveva avuto due superficiali relazioni con colleghi di lavoro del marito. Le riviste porno non erano però certo il suo genere e il cuore le batteva per quel gesto proibito. Cominciò a guardare foto di corpi nudi e di scopate. Le sembravano tutte uguali, volgari, esplicite quanto disgustose. Ci mise un po’ a realizzare cosa le accomunava: erano tutte foto di donne di mezza età, con i capelli grigi, a volte addirittura bianchi, fotografate con partner più giovani, quasi mai completamente nude ma invece in lingerie, calze nere, reggicalze, guepiere. Marzia era sbalordita: mai avrebbe supposto che donne così grandi si facessero fotografare in quelle pose. Lesse i titoli delle riviste: anch’essi non lasciavano dubbi, “Gnocche mature”, “Lady arrapate”, “Mamme e nonne in calore”. Quest’ultimo attirò la sua attenzione. Che razza di roba guardava suo nipote? Smise di sfogliare e le appoggiò in grembo pensierosa. Inclinate verso il basso, dall’ultima del mazzo di riviste scivolò in terra qualcosa. Erano foto. Quando le prese in mano il cuore di Marzia sobbalzò: erano sue! Ricordava quando erano state scattate: le aveva prese lo stesso Aldo con una macchina fotografica che gli era stata regalata per il suo compleanno, durante la festicciola in casa. Ma solo alcune erano foto di gruppo. Un paio ritraevano Marzia a figura intera, altre erano primi piani delle sue gambe mentre era seduta sul divano (ricordava la gonna che indossava quella sera e le scarpe con i tacchi un po’ alti che si era messa), del suo sedere, una perfino del profilo del suo seno, inquadrature prese ovviamente di nascosto tra le altre. E poi … poi ce n’era una a figura intera dalla quale era stato ritagliato il suo volto. Non avrebbe saputo dire come le era venuta l’intuizione, ma prese a sfogliare febbrilmente quella ultima rivista finché non la trovò: il suo viso ritagliato incollato sopra quello di una delle modelle, una donna a seno nudo, in bustino e calze a rete, sdraiata su un letto a gambe divaricate che si sditalinava, mentre un uomo nudo inginocchiato davanti a lei si toccava il membro come se si stesse masturbando. Rimase un po’ a osservare quella immagine, come ne fosse ipnotizzata. Si riscosse appena in tempo per accorgersi che da un momento all’altra gli altri potevano rientrare. Si affrettò, le mani tremanti, e non solo, a cercare di rimettere tutto a posto così come l’aveva trovato. La scoperta che Marzia aveva fatto nella camera di suo nipote fu l’inizio di una settimana di preoccupate elucubrazioni. Marzia era improvvisamente consapevole dell’attenzione morbosa che il nipote le riservava. Lo stesso episodio della cucina assumeva una luce nuova: non un casuale momento di follia, ma l’esplosione di uno stato d’animo represso. Ma altri episodi tornavano alla mente di Marzia, incastrandosi ora al loro giusto posto come i pezzi di un puzzle. Aveva avuto qualche volta la sensazione che la propria biancheria sporca, nel cestone del bagno di casa, fosse stata rovistata: mutandine che avrebbero dovuto stare sul fondo, erano in cima al mucchio, collant che erano stati buttati nel cestone distrattamente arrotolati che erano invece distesi come se … qualcuno li avesse toccati! Adesso che Marzia sapeva quel che aveva scoperto non faceva troppa fatica a immaginare che Aldo infilasse le mani fra i suoi reggiseni, le sue calze per… per farci cosa? Marzia aveva bisogno di capire. Non poteva creare uno scandalo, ma decise di affrontare il nipote. Trovò l’occasione:
“Aldo, per favore, vieni qua, ho bisogno di parlarti! “. Lo fece sedere accanto a sé sul divano. Tirò un sospiro e osservò per un istante il nipote, prima di iniziare. Aldo era biondino, con un paio di occhi nocciola e una pelle bianca che lo faceva sembrare ancora più giovane. E invece era un uomo, o lo stava diventando. Marzia decise di trattarlo come tale.
“Aldo, quello che è successo l’altro giorno…”, cominciò, fermandosi subito perché nemmeno Marzia sapeva bene in quale strada avventurarsi. Aldo la interruppe subito, aveva capito di cosa voleva parlare di sua nonna, esplose in un torrente di parole che avevano lo scopo di tapparle la bocca, farle perdere il filo, forse farle dimenticare il suo proposito:
“Oddio, nonna, ti prego, non ne parliamo, ti prego, dimentica tutto, non so cosa dire, scusami, non so spiegarti cosa m’abbia preso, ti prego perdonami, non lo dire a nessuno, ti sei offesa tanto? , non credevo, non volevo, non pensavo di fare nulla di male, non parliamone più…”.
“Ne parliamo invece! Non sono arrabbiata, stai calmo. Solo, vorrei una spiegazione. ”
“Non so, nonna, non so cosa m’abbia preso, non lo so davvero, lo giuro! ” E lo sapeva bene, invece, sebbene quel che non sapesse spiegarsi era perché proprio quel giorno non avesse improvvisamente più resistito alla tentazione di andare a toccare il culo e le tette di sua nonna.
“Aldo, guarda che con me puoi parlare, resta un segreto fra noi. Sono abbastanza vecchia da sapere come vanno le cose. Dì un po’: ce l’hai la ragazza? “, e, al diniego con il capo del nipote,
“Vedi, lo so che alla tua età… c’è una specie di subbuglio, ecco! Si fanno cose pazze, capisci? ” Aldo annuiva.
“Io credo che quel che è successo è una di queste cose…” diceva Marzia, ma pensava, più ancora che alle mani sul seno, al rozzo fotomontaggio.
“Sei d’accordo? “, chiedeva Marzia e sì, sì, sì, faceva Aldo con il capo, felice di cavarsela.
“Per cui, per me l’incidente è chiuso, anzi … non c’è mai stato. Però…”, Marzia non poteva fare a meno di fargliela quella domanda, che da più di una settimana le frullava per la testa senza che riuscisse a scacciarla, quella domanda che era la più importante di tutte,
“… dimmi la verità: ti sei mai masturbato pensando a tua nonna? ”
“Ma, nonna, no, assolutamente, ma cosa dici! ” fu la risposta di Aldo, tanto immediata quanto accompagnata dal rossore che gli invadeva le gote. E così Marzia seppe che mentiva. Aldo non si rese conto di essersi tradito. Anzi, benché non si fosse certo aspettato quella domanda a bruciapelo, si convinse che la sua risposta sarebbe stata creduta sincera. Aldo si masturbava eccome pensando a sua nonna. Non avrebbe saputo davvero dire cosa lo attraesse di lei, se il corpo maturo e rotondo, se le movenze sensuali, se quei capelli neri striati di grigio dove la tintura già andava via, se quelle piccole rughe che ne circondavano gli occhi azzurri o le labbra carnose. Ogni volta che pensava a sua nonna o le stava accanto, Aldo era preda di un inestricabile impasto di colpa e piacere, da cui in fondo non voleva veramente liberarsi e per questo andava in cerca di alibi e scuse. Come adesso che dava quasi la colpa a sua nonna e al fatto che avesse indossato proprio in quella circostanza calze fumè se non riusciva, nonostante si ordinasse di non farlo, a staccare i suoi occhi dalle sue ginocchia appena scoperte dal bordo della gonna. Aldo era troppo ingenuo per capire quanto sua nonna gli avesse letto nel cuore. Troppo ingenuo anche per rendersi conto che neppure la direzione e l’oggetto dei suoi sguardi erano sfuggiti a Marzia. Era preoccupato solo del fatto che sua nonna potesse notare l’incipiente rigonfiamento che aveva cominciato a crescergli dentro i pantaloni. Fu perciò felice quando una assai assorta Marzia rispose con un lieve cenno del capo alla sua richiesta di poter andar via. Aldo non pensava di masturbarsi, solo di ricacciare l’uccello dentro gli slip, quando entrò nel bagno di sua nonna. Ma quando vide, ben stesi sul bordo della vasca, un paio di collant grigi di sua nonna, non volle più trattenersi. Li prese e li portò al viso, respirando il profumo di donna che contenevano e lasciandosi accarezzare le guance. Si sbottonò i pantaloni e la sua mano corse a toccare il pisello già rigido. Tante volte aveva toccato i suoi indumenti intimi, ma mai aveva osato masturbarsi nel bagno di sua nonna! Non poteva immaginare che quel paio di collant, in una posizione in cui lui non poteva non vederli, era stata proprio Marzia a sistemarli, per avere conferma o smentita dei suoi sospetti sul nipote. Ma, dopo la candida bugia che le aveva rifilato, e le occhiate furtive che Marzia aveva colto dirette alle sue gambe, lei non aveva più bisogno di altre prove. Eppure, quando entrò nel bagno per controllare, dopo esser rimasta sola in casa, e vide i suoi collant appallottolati in cima al cestone li prese in mano e in quell’istante fu colpita dall’immagine di Aldo che avvolgeva l’asta turgida nelle sue calze. Dovette appoggiarsi al muro, per non cadere. Quando, qualche settimana dopo, la madre di Aldo pregò Marzia di ospitare il giovane per un week-end durante il quale lei e il marito si sarebbero concessi una vacanza, Marzia d’istinto pensò di rifiutarsi. Ma come l’avrebbe giustificato, si disse immediatamente, senza suscitare i dubbi di sua figlia? Così acconsentì, dicendo a sé stessa che non avrebbe potuto fare altrimenti. I genitori accompagnarono Aldo a casa di sua nonna sulla strada per l’aeroporto. Era venerdì pomeriggio. Marzia gli fece sistemare le sue cose, tra cui diversi libri.
“A che ti servono? “, chiese.
“Sono compiti a casa, da fare per lunedì. ” Se c’era tensione fra loro due, era solo Marzia ad avvertirla. Aldo si comportava come un nipote affettuoso, come se non si fossero mai detti nulla.
“Ragazzate, solo ragazzate”, pensava Marzia, “appena si trova una ragazza gli passano tutti questi strani grilli per la testa”, e intanto se lo coccolava con lo sguardo mentre Aldo in poltrona leggeva silenzioso, e pensava che la morosa se la sarebbe trovata presto perché era proprio un bel ragazzo. E intanto gli volteggiava intorno, continuando a spolverare e mettere ordine nel salone, e, adesso che ci stava attenta, notando con la coda dell’occhio tutte le volte che il nipote interrompeva la lettura per alzare gli occhi e guardarla e ricavando da questo atteggiamento anziché fastidio una lieve soddisfazione, una specie di calore. Finché, essendosi Aldo, dopo l’ennesimo passaggio di Marzia davanti ai suoi occhi, imbambolato con lo sguardo perso verso l’angolo della stanza dove era sua nonna, lei non gli rivolse la parola:
“Cos’hai Aldo? A che pensi? “.
“Niente” fu la risposta, accompagnata però da un leggero rossore. Marzia lo notò e ne fu curiosa. Ma non dovette rivolgere altre domande, perché fu Aldo stesso a continuare:
“Nonna, ti dispiace se ti faccio un complimento? Stavo pensando, proseguì senza attendere risposta, lo sai che sei veramente bona? ” Marzia si immobilizzò. Si mise a guardarlo, le mani sui fianchi. Anche Aldo la guardava. Marzia indossava una camicetta bianca e una gonna diritta, scura, al ginocchio, collant color visone e scarpe con il tacco medio. Marzia non si sentiva provocante, non aveva cercato di esserlo, eppure: quanti anni erano passati dall’ultima volta che le avevano detto
“bona”? “Ma cosa ti salta in mente? ” Fu a questo punto che Aldo cominciò a impappinarsi.
“Vo-volevo solo dirti una cosa carina, nonna, che stai molto bene…”
“E non ti viene in mente un altro modo di dire, a tua nonna? ” Calcò la voce sulle ultime parole, facendo un passo verso di lui.
“Beh, è che … secondo me sei proprio bona, nonna. Quand’eri giovane dovevi essere la fine del mondo! ” A queste parole Marzia rinunciò a fingersi indignata. Allargò le braccia:
“Vieni qui, dammi un bacio, furbacchione! ” Aldo andò verso di lei e Marzia se lo strinse contro il corpo.
“E grazie per il complimento”, gli sussurrò all’orecchio. Anche Aldo si strinse a lei e allora Marzia sentì qualcosa di duro che cominciava a spingere all’altezza del suo inguine. Ma non si slacciò dall’abbraccio, non subito: esitò ancora qualche momento, contenta di sentire tra le braccia il corpo tonico del nipote. Dopo cena, Aldo la aiutò a sparecchiare. Quando lo vide chinato a collocare i piatti sporchi nella lavastoviglie, Marzia decise di prendersi la sua piccola vendetta. Gli andò dietro e gli pizzicò il sedere.
“Ehi! sai che hai proprio un bel culetto! ” gli disse e si sentì stuzzicata nel vedere il nipote diventare tutto rosso. Finito di fare ordine sedettero insieme sul divano a guardare la televisione. Fu Marzia a sedersi vicino ad Aldo o viceversa? Lei sentiva le ginocchia del nipote contro le sue, ma non le scostò. A un certo punto Aldo fece distrattamente scivolare la propria mano destra fra la sua gamba e quella della nonna. Marzia sentì il dorso della mano di Aldo contro la gamba appena sopra il ginocchio, il contatto caldo attraverso il nylon, ma non cambiò posizione. Marzia si era anche accorta delle occhiate che Aldo furtivamente lanciava alle sue ginocchia. Il ragazzo sperava ed aspettava che l’orlo della gonna si alzasse e consentisse alla sua mano di risalire verso l’alto. Fu accontentato, ma non dalla sorte: Marzia accavallò improvvisamente la gamba sinistra sulla destra, poi, dopo che il movimento aveva fatto scivolare un po’ indietro la gonna, la riappoggiò sul divano. La mano di Aldo era scivolata nello spazio vuoto e così la gamba di sua nonna finì con l’atterrare sulla sua mano che rimase in parte incastrata tra la coscia di Marzia e il tessuto. Aldo trattenne il respiro, sicuro che sua nonna a quel punto si sarebbe allontanata. Marzia rimase invece in quella posizione, tollerando un po’ emozionata la mano morta del nipote. Fu quando Aldo cominciò a muoverla impercettibilmente, rischiando di trasformare il contatto in carezza, che Marzia si scosse e si allontanò bruscamente. Il ragazzo era già rassegnato a interrompere quel tocco intimo quando si sentì invece chiedere da sua nonna se fosse disposto a massaggiarle un po’ i piedi. Marzia aveva fatto quella domanda con una voce che le era uscita un po’ roca. E senza attendere aveva sollevato le gambe e le aveva deposte sul suo grembo. Aldo non credeva ai suoi occhi: sollevò delicatamente tra le mani i piedi di sua nonna e cominciò un delicato massaggio. La possibilità di toccare quelle gambe su cui aveva tanto fantasticato, la sensazione del nylon sotto i polpastrelli, il calore della sua pelle tra le palme delle mani: era un sogno ad occhi aperti! Ben presto le sue mani lasciarono i piedi, avvolsero le caviglie, si soffermarono a palpeggiare i polpacci, raggiunsero le ginocchia. Marzia lo lasciò fare, affascinata dal trasporto che vedeva da parte di lui, conscia delle occhiate sempre più scoperte che cercava di infilare sotto la sua gonna. Lei si impose di non lasciare alcuno spiraglio tra le cosce e intanto si chiedeva:
“Cosa spera di vedere? forse se porto le calze? “. Fu lei a interrompere il gioco, ritirando di scatto le gambe. Si alzò dicendo che si era fatta l’ora di andare a dormire. Quando fu il momento di scambiarsi la buona notte non osò però neppure baciarlo sulle guance. Quando fu sotto le coperte, si toccò tra le labbra. Si trovò bagnata. Se ne vergognò moltissimo ma contemporaneamente non riusciva a non pensare che suo nipote, nell’altra stanza, si stava probabilmente strofinando quel coso che quando si erano abbracciati le aveva puntato contro il ventre. All’indomani nonna e nipote andarono insieme in giro per commissioni. La sottile. ambigua tensione che s’era instaurata in casa si sciolse al sole della bella giornata, durante i loro giri. Marzia condusse il nipote a zonzo nel centro commerciale, poi consumarono insieme uno spuntino, e quando venne l’ora di andar via, puntò decisa verso un negozio di lingerie.
“Devo comprare delle calze”, spiegò ad Aldo, i cui sensi entrarono subito in allerta. E lo ripeté alla commessa:
“No, non collant, vorrei vedere delle calze. ” Il ragazzo rimase a guardare affascinato sua nonna esaminare vari tipi di calze. Infilando dentro la mano e allargando le dita per saggiarne la velatura, un paio di volte si voltò anche verso il nipote, esortandolo con un sorriso a dare un consiglio. Alla fine ne acquistò due paia, grigio peltro e nero antracite, e uscì dal negozio portandosi dietro il nipote a braccetto. Più tardi a casa, Marzia propose ad Aldo di uscire per andare a prendere un film in videocassetta per la serata, mentre lei preparava la cena. Ad Aldo piacque l’idea e si diresse al videonoleggio. Qui scelse una commedia americana, che pensava sarebbe piaciuta a sua nonna, poi non resisté alla tentazione di dare un’occhiata ai video hard celati dietro una tenda. Un titolo colpì la sua fantasia e, eccitato com’era, prese anche questo. Lo avrebbe visto di nascosto, pensò. Se lo cacciò quindi sotto il maglione, convinto che sarebbe riuscito a nascondere la videocassetta a casa lontano dagli occhi di sua nonna. Aveva con sé le chiavi, ma Marzia lo sentì dietro la porta e gliela aprì. Si era cambiata d’abito: indossava una camicetta di seta color argento, una gonna a righe, lunga sotto il ginocchio, scarpe con tacchi alti e le gambe erano fasciate da calze nerissime, molto velate e al contempo così lucide che scintillavano quasi alla luce delle lampade. Gli istanti in cui rimase a guardare sua nonna gli furono fatali, perché lei si accorse del rigonfiamento sotto i vestiti, né le sfuggì quando sgattaiolò nella sua camera con aria furtiva. Nonna e nipote cenarono silenziosamente e, dopo aver tolto i piatti, Marzia disse ad Aldo di metter su la cassetta. Come la sera prima sedette molto vicino al ragazzo il quale avvertì subito il profumo leggero ma penetrante che veniva dal corpo di lei. Il film prese a scorrere ma nessuno dei due spettatori prestava molta attenzione. Aldo si era accorto che la gonna di sua nonna portava davanti una fila di piccoli bottoni e che alcuni di questi, cosa che non ricordava di aver notato prima, erano slacciati. Lo spacco si apriva in base agli irrequieti movimenti di Marzia e alle sbirciate di Aldo si offrivano visioni delle ginocchia e in parte delle cosce velate di nero. Anche Marzia non seguiva il film: seguiva il filo dei suoi pensieri e, soprattutto, quello dei movimenti di Aldo, incapace di rinunciare al piacere che la sfacciata ammirazione di lui le procurava. A un certo punto, memore della esperienza della sera precedente, Aldo si fece coraggio e chiese a sua nonna se volesse un massaggio ai piedi. Marzia rispose di no ma, sia pur senza staccare gli occhi dal televisore, si sfilò le scarpe, poi sollevò le gambe e le ripiegò sul divano sotto le cosce, allargando in questa mossa ancor più i lembi della gonna e portando le ginocchia a ridosso della gamba del nipote. Quest’ultimo si voltò istintivamente verso di lei e nel farlo, ancora una volta, gli parve che la camicetta avesse due bottoni sganciati in più e che attraverso la scollatura si vedesse molto meglio la parte superiore del seno. Passarono così, immobili e silenziosi, diversi minuti. Poi Marzia si schiarì la voce:
“Questo film mi pare poco interessante. Perché non vai a prendere l’altra cassetta, così la vediamo insieme. ” Ad Aldò saltò il cuore in gola:
“Quale? ” provò a dire.
“L’altra, ” insistè Marzia sorridendogli maliziosamente, “quella che non mi hai fatto vedere e che sei corso a nascondere. ”
“Ma no, non è vero. ”
“Come non è vero? Ho visto benissimo che te l’eri messa sotto il maglione. Perché l’hai nascosta? Su, valla a prendere che sono curiosa. ”
“No, nonna, non è possibile, non è un film, ” cercò di tergiversare il ragazzo, vistosi orami scoperto.
“Aldo, ” il tono di Marzia cambiò e si fece severo,
“se non la vai a prendere tu, vado a cercarla io. Questa è casa mia. Cosa dici, la troverò, no? è questo che vuoi? ” Sconfitto, il nipote si alzò rassegnato. cosa avrebbe pensato sua nonna? Come faceva a togliersi da questo casino? Quando tornò in salone tenendola in mano, provò ancora una volta a dissuadere sua nonna:
“Guarda che è una cosa per scherzo, volevo fare uno scherzo a un mio amico…” Marzia non lo stette a sentire. La prese in mano, notò che non aveva titolo ma che si trattava inequivocabilmente di un porno e gliela restituì senza una parola, solo indicando con un cenno del capo il videoregistratore. Aldò si chinò, cambiò le cassette poi si volse verso sua nonna che, immutata la sua posizione, gli fece cenno di tornare a sedersi vicino a lei. Il film cominciò. Era un pornaccio grossolano, in cui un giovane palestrato e tatuato si aggirava per casa con un paio di slip minuscoli che nascondevano un grosso pacco di genitali che continuamente si accarezzava. A un certo punto uno scampanellio annunciava una donna: era la nonna o la zia del ragazzo, visto che lo chiamava “nipote” e avrebbe quindi dovuto essere impersonata da una donna più vecchia ma, in realtà, pensò Marzia, sotto una parrucca dozzinale di capelli bianchi c’era il corpo di una modella appena più grande del protagonista maschile. La donna si spogliava rapidamente, rimanendo in autoreggenti e nel giro di pochi secondi di carezze cominciava a fare una pompa al “nipotino”. Marzia seguiva tutto questo in silenzio, con un’aria critica. Aldo aveva gli occhi bassi, e moriva di vergogna per quello che gli stava accadendo, anche perché all’umiliazione di essere scoperto si aggiungeva il fatto di non riuscire a controllare un principio di erezione di cui, temeva, sua nonna si sarebbe presto resa conto. Finito di succhiargli l’uccello, i due protagonisti erano passati alla vera e propria scopata, lei su di lui. Dai gemiti e dai movimenti la scena si annunciava noiosamente lunga. Marzia decise che avevano visto abbastanza:
“Aldo, ma ti piacciono davvero queste robe? ” Gli aveva preso il mento con la mano e ruotato il viso per guardarlo negli occhi.
“Nonna, è stata una stupidaggine…”
“Non ti ho chiesto perché hai portato un filmaccio del genere dentro casa mia, ” rispose Marzia con tono severo per aumentare il suo imbarazzo,
“ti ho chiesto se ti piace! ”
“Nonna, è la prima volta …. ”
“No, non capisci, voglio sapere se davvero ti eccitano le situazioni in cui una donna più vecchia seduce un ragazzo più giovane…” Aldo fu trafitto e non trovò forza di rispondere: come aveva fatto sua nonna ad indovinare il suo segreto?
“Ho trovato le tue riviste. Sono tutte uguali, donne mature e ragazzi. Allora è questo il tipo di cose che ti eccita? ” Aldo annuì con la testa. Marzia sorrise e con la mano che gli aveva tenuto sotto il mento gli fece una carezza. Poi si raddrizzò sul divano, riportò a terra le gambe e infilò nuovamernte i piedi nelle scarpe. Quindi prese a sbottonare, a uno a uno, fino alla fine i bottoni della gonna. Fatto questo si alzò, si diresse verso il televisore e lo spense. Ruotò su sé stessa e tornò verso Aldo, ancheggiando in modo tale che la gonna ondeggiando ad ogni passo rivelasse in tutta la loro lunghezza le gambe inguainate di nylon nero. Senza una parola, si sedette sulle ginocchia del ragazzo, appoggiandosi con tutto il peso del corpo sul suo grembo. Sollevò le gambe e le distese sul divano, badando che la gonna le lasciasse scoperte.
“Ho capito che ti piace anche un certo tipo di lingerie. Visto che ho comprato queste calze per te, oggi, perché non mi accarezzi le gambe? ” E dicendo questo gli prese la mano e gliela guidò sulla coscia. Quelle parole, il corpo di sua nonna, il suo profumo e il suo calore, la trama del nylon sotto il palmo della mano: Aldo credette di sognare. Risalì con gli occhi le gambe che sua nonna gli mostrava, le caviglie che uscivano dalle scarpe di vernice nera, le gambe lunghe, le ginocchia e le cosce grassocce, le calze che finivano a metà della coscia con un bordo alto e più scuro e la bretella del reggicalze cui erano agganciate. Prese a muovere la mano lungo quel bendidio, pregando di non doversi svegliare.
“Sono meglio io di quella del film? ”
“Oh, sì, nonna, tu sei … bonissima. ” Era così ingenuo quell’aggettivo, pensò Marzia con tenerezza, accarezzandogli i capelli mentre la mano di lui scivolava sul nylon.
“Nonna, tu mi insegneresti a fare l’amore? ”
“Ma, Aldo, ti sembra una cosa da dire? Farsi toccare le gambe è una cosa, ma fare l’amore… Sono tua nonna non lo dimenticare. ” Marzia si accocolò meglio per sentire sotto di sé il cazzo eretto di suo nipote.
“Perché mi hai fatto questa domanda? Perché pensi che come nonna non sarei capace di dirti di no? O perché ti piaccio proprio? ” Aldo non poteva seguire i giochi con le parole di sua nonna. Ma d’istinto diede la risposta che lei voleva:
“Sì nonna, mi piaci tantissimo, ti desidero…” A queste parole Marzia prese la mani il viso di suo nipote e lo attirò a sé. Poggiò le labbra aperte sulle sue. Inesperto com’era Aldo non capì subito come ricambiare il bacio. Fu Marzia allora che lo forzò ad aprire le labbra per permettere alla sua lingua di scivolargli dentro. Quando sentì la lingua di sua nonna penetrarlo, toccare la sua e cominciare a giocarci, Aldo avvertì una scossa elettrica lungo il corpo e contrasse la mano sulla gamba di lei. Sentire il desiderio del giovane eccitò a sua volta Marzia che continuò a baciarlo e a stuzzicarlo con la lingua, pensando fra sé che bella bocca lui avesse. Quando finalmente si staccò da lui, Marzia si accorse che l’abbraccio era stato così frenetico che la camicetta sia era ulteriormente aperta e un capezzolo faceva capolino dalla coppa del reggiseno. Si scoprì allora completamente la tetta, gli prese nuovamente la mano e ve la poggiò di sopra usando il suo palmo aperto per torturarsi il capezzolo.
“Ti ricordi quando mi hai messo le mani sulle tette, sporcaccione? “, gli sussurrò lasciva. Quando ne ebbe abbastanza riportò la mano di Aldo verso il basso ma stavolta la depose direttamente tra le gambe, che poi strinse imprigionandogliela e facendogli sentire quale fuoco vi fosse là in mezzo. Aldo prese quindi ad accarezzarle la parte interna delle cosce, strofinando le dita nel punto in cui il nylon finiva e cominciava la pelle nuda e spingendole fin verso il pube a sfiorare timidamente le mutandine. Marzia si lasciò sfuggire un sommesso mugolio di piacere, poi si risistemò il reggiseno e, di scatto, si alzò.
“Basta così. è ora di andare a letto. ” Quelle parole corrisposero per Aldo al risveglio dal sogno. Reso inebetito dall’eccitazione e con il pene teso come un palo seguì senza fiatare sua nonna fin davanti la porta della camera da letto. Marzia entrò e si fermò a guardarlo.
“Buona notte” farfugliò Aldo, che non sapeva che fare ma pensava fosse tutto finito.
“Dove vai? ” fece lei di rimando.
“In camera mia”, balbettò.
“Non questa notte. Questa notte rimani con me! ” Marzia lo afferrò per un braccio e lo attirò dentro. Si buttò contro di lui, usando il suo corpo per spingere Aldo contro la porta che per il peso si richiuse alle sue spalle. Lei gli buttò le braccia al collo, spinse in avanti il pube facendolo aderire alla patta rigonfia del nipote e lo baciò ancora, con passione, infilandogli nuovamente con furia la lingua in bocca. Quando si staccò da lui Marzia lo fissò, chiedendosi per un attimo se dovesse fermarsi. ma aveva ormai superato il punto di non ritorno e, comunque, non voleva fermarsi lì.
“Togliti i vestiti, tesoro! ” gli disse e si andò a sedere sul piccolo sofà che teneva in camera da letto. Aldo obbedì, spogliandosi completamente, senza mai togliere gli occhi da sua nonna che lo osservava di rimando, e specialmente dalle gambe che lei teneva provocantemente accavallate e dischiuse. Rimase nudo, con il cazzo eretto oscenamente sporgente.
“Che bella nerchia! ” pensò Marzia e si umettò le labbra con la lingua. Lo fece avvicinare e poi sedere in grembo a lei. Le parti si erano invertite. Le mani di Marzia cominciarono ad accarezzare il corpo nudo di quel giovane uomo. La destra arrivò in prossimità dell’asta pulsante di Aldo e prese a sfiorargliela leggermente. Quando vide che Aldo chiudeva gli occhi, rovesciava indietro il capo e gemeva per l’estasi, Marzia strinse le dita attorno al suo pene e cominciò una carezza più decisa.
“Dovrei sculacciarti. Mi hai detto una bugia quando ti ho chiesto se ti masturbavi. Ti sei fatto un sacco di seghe pensando a tua nonna, vero? Ti sei toccato perfino con le calze che ti lasciavo in bagno! ” Aldo riaprì gli occhi per guardare sua nonna: realizzava adesso di non avere più nulla di segreto da nasconderle.
“Che ci trovi in me? Sono vecchia, sono tua nonna, perché dici che ti piaccio? mi trovi arrapante, dì la verità, mi dici che sono bona, ma forse è perché pensi che sono una porca, una troia…” Mentre parlava Marzia continuava a strofinargli l’uccello scoprendogli il glande. Voleva sentirsi dire parole oscene, voleva che suo nipote la trattasse come la cagna che si stava dimostrando.
“Sì, nonna, sì, sei una gran fica, una gran fica…” gridò Aldo. Lei capì che stava per venire. Smise di sorreggergli la schiena, lui si piegò all’indietro e lei si chinò verso di lui, prendendogli il cazzo con la bocca. Avvolse la verga con le labbra e le bastarono pochi colpi con la lingua sul glande per ricevere giù per la gola un abbondante schizzo di sperma. Marzia sentì Aldo gemere. Il potere che in quel momento sentì su di lui le provocò un orgasmo. Strinse le cosce e sollevò la bocca, sospirando affannosamente a sua volta, e ripulendosi le labbra con la lingua dalle gocce di sperma, che gustò con avidità.
“Vatti a sdraiare sul letto, Aldo. ” Lui obbedì. Lei si alzò in piedi e lo osservò. Nonostante il pompino, il pene non era tornato del tutto molle. Sorrise maliziosa: non ci sarebbe voluto molto per riportarlo in tiro. Cominciò a spogliarsi lei. Davanti agli occhi del nipote, si liberò per prima della camicetta. Poi lasciò cadere la gonna e si fece ammirare nel completo bustino e reggicalze che aveva indossato mentre Aldo era via, intimamente pregustando l’effetto che gli avrebbe fatto vedere sua nonna così. Il pene del nipote riprese vita. Lei si affrettò a togliere il bustino. Non le importava che i suoi seni potessero apparirgli penduli e flosci, prese a strizzarseli e a carezzarli, per evidenziare i capezzoli duri e bruni. Per ultimo, si sfilò le mutandine. Restò nuda, davanti al nipote, le mani sui fianchi, le gambe divaricate e ben piantate per terra, le dita dei piedi di lui disteso sul letto che sfioravano le cosce adipose di lei, il pube peloso incorniciato dal reggicalze.
“Volevi vedermi la fica? Eccola! ” La sfiorò con le mani, scoprendo le labbra rosse e luccicanti di umori.
“Terrò il reggicalze. Contento? Penso che ti ecciti ancora di più vero? ” Montò sul letto, a cavalcioni su di lui. Gli afferrò il cazzo con la mano, saggiò con soddisfazione che fosse tornato duro e poi se lo infilò con un solo gesto dentro la fica. Entrò tutto senza fatica tanto era bagnata. Aldo si lasciò sfuggire un gemito. Marzia restò qualche istante ad assaporare la sensazione di essere riempita dal piolo del nipote, una sensazione che credeva d’aver dimenticato. Prese a cavalcarlo, con una frenesia possessiva, roteando i grossi fianchi come se la sua nerchia fosse un perno. Si mosse sempre più velocemente, con colpi di reni sempre più forti, i seni che sobbalzavano sul petto. Raggiunse almeno due orgasmi prima di sentire suo nipote mormorare un debole:
“Nonna, vengo! ” e poi ricevere dentro la fica una nuova eruzione di sperma. Continuò a pomparlo mentre veniva, godendo anche lei intensamente, e per la terza volta. Poi crollò su di lui, lo abbracciò, lo strinse a sé, lo baciò sul viso maternamente e gli disse:
“Non racconterai mai a nessuno di questa cosa! Promettimelo! Non lo dovrai dire mai a nessuno. ” La mattina dopo, appena aprì gli occhi, la prima cosa che vide Marzia fu la sagoma di Aldo sotto le lenzuola. Tornò subito alla realtà della sera prima. Lei stessa era ancora nuda, salvo che per il reggicalze. Si era addormentata subito, evidentemente, dopo quella che – Marzia non dovette stare a pensarci su – era stata sicuramente la scopata più fantastica della sua vita. Non provava nessun senso di colpa per quel che aveva fatto. Anzi, più ricordava, più si sentiva eccitata. Si avvicinò al nipote. Lo abbracciò da dietro.
“Dormi? ” gli sussurrò. Aldo cominciò a biascicare le parole di chi rapidamente passava dal sonno al risveglio. Marzia prese a passargli le mani sul petto, accarezzandolo. Lo baciò sulla nuca, dietro le orecchie, sulle spalle. Aldo ridacchiò. Era completamente sveglio, ora. La mano di Marzia scese a cercargli il pene. Lo trovò già in parte eretto. Felice, prese ad accarezzarglielo e lo sentì inturgidirsi tra le due dita. Aldo girò la testa, cercò le labbra di sua nonna, si baciarono.
“Nonna, facciamo l’amore di nuovo? ”
“Sei già pronto all’uso, eh? Ma anch’io. Senti! ” Gli prese la mano e la guidò tra le gambe. Le aprì e strofinò le sue dita contro le labbra della vulva.
“Senti che è bagnata? Vuol dire che sono eccitata, che anch’io ho voglia di te. ” Aldo prese quelle parole come incoraggiamento e cominciò ad agitarsi.
“Aspetta! ” Marzia gli passò un braccio dietro la testa, la spinse verso di sé finché le labbra di Aldo non si chiusero intorno a uno dei suoi capezzoli. Mentre lui prese a succhiarle il seno, lei usò le sue dita per masturbarsi: se le infilò nella fica poi le posizionò sul clitoride.
“Lo senti questo bottoncino? è come il cazzo per voi, tesoro, toccamelo, fammi impazzire. ” Aldò continuò a succhiarle i capezzoli, mentre lei giocava con le dita di lui, finché la voglia di averlo dentro non fu più forte di tutto: lo spinse su di sé, gli scostò la mano e la sostituì con il suo cazzo. Aldo cominciò a spingere come un ossesso e in breve nonna e nipote vennero, insieme, come amanti ormai esperti. Dopo l’amplesso, Marzia se lo coccolò a lungo, tornò a fargli giurare l’eterno segreto su loro due, ne ascoltò le parole d’amore e le ricompensò con baci appassionati. Poi lo mandò a lavarsi e gli preparò una sostanziosa colazione. Era domenica, si era fatto pomeriggio. Marzia propose di uscire per una passeggiata. Aldo infilò i jeans e tornò nella camera di sua nonna in tempo per vederla completare di vestirsi. Lusingata, Marzia prese l’altro paio di calze e cominciò a infilarsele languidamente, passando spesso le mani sulle calze per far scomparire le pieghe e facendo così crepitare il nylon. Si avvide subito del bozzo che si era formato nella patta di Aldo, ma solo quando furono sulla soglia di casa allungò la mano per tastarglielo.
“Aldo, ma non puoi mica uscire in queste condizioni. Ma cosa ti prende? ” Eccitata, lo spinse spalle alla porta. Gli mise la lingua in bocca.
“Ti basta vedermi indossare un paio di calze per fartelo venire duro, eh? ” e mentre dicevo questo prese a sbottonargli i pantaloni. Glieli abbassò alle caviglie, poi fece lo stesso con i boxer, e afferrandogli il pene sse lo trascinò fino al divano del salone. Spingendolo lo mise a sedere. Gli montò di sopra a cavalcioni.
“Non ti posso mica far restare così. Io ho fatto il guaio, Adesso devo rimediare. ” Si scostò le mutandine e si impalò su di lui. Cominciò a dimenarsi, godendo pazzamente al pensiero del suo comportamento da porca con quel ragazzino.
“Pensavi che tua nonna potesse essere così troia? ” In risposta, Aldo le sborrò dentro. Non uscirono più. A sera, nonna e nipote, i vestiti alla rinfusa per terra, si stavano ancora scambiando baci e carezze intime quando squillò il telefono. La mamma di Aldo annunciava un ritardo dell’aereo e la necessità che il figlio restasse a casa di nonna anche quella notte, pregandola di farlo andare direttamente a scuola il mattino dopo.
“Ti do una brutta notizia, ” gli disse ridacchiando,
“resterai con me fino a domani. Però non credo che tu dormirai molto stanotte. Dovrai darti da fare per soddisfare la tua vecchia nonna! ” Allungò il piede e prese a titillargli l’uccello.
“Nonna, mi sono ricordato di non aver fatto i compiti. ” esclamò Aldo con un sorrisetto impudente.
“Pazienza, ” disse lei chinandosi su di lui e offrendogli le tette da ciucciare,
“però alcune lezioni in questi giorni le hai imparate, no? ” FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

Al mare con nonna

L’anno scorso avevo dodici anni e ho avuto la mia prima esperienza sessuale durante le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.