Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / Ho posseduto lei e lui…
copertina racconto erotico

Ho posseduto lei e lui…

In seguito ad un annuncio a cui ho risposto, ho ricevuto una telefonata e abbiamo fissato un appuntamento.
Ho conosciuto Lorenzo, un ragazzo di ventisette anni.
Abbiamo parlato dei nostri desideri e della sua ragazza, Cristina, di ventiquattro anni, coi capelli lunghi e ondulati.
Mi ha fatto vedere delle loro foto e ho visto che lei non dimostrava più di diciotto anni.
Mi ha anche detto di essere bisessuale ma che Cristina non lo sapeva.
L’ho riaccompagnato a casa e per strada, parlandomi della sua ragazza e delle loro esperienze, mi ha tirato fuori l’uccello e ha cominciato a menarmelo!
Mi ha fatto venire e abbiamo fissato un appuntamento da loro, per quella sera alle nove.
Quando entro in salotto, vedo Cristina sdraiata a pancia in giù su un tavolo, con gli occhi bendati, le braccia e le gambe legate ai piedi del tavolo e un cazzo finto infilato fra le chiappe. Io e Lorenzo beviamo qualcosa parlando di Cristina, poi ci spogliamo.
Lorenzo mi masturba di nuovo e io lo faccio a lui.
Poi si mette in ginocchio fra le mie gambe per farmi un pompino.
Lo faccio alzare e lo bacio sulla bocca infilandogli un dito nell’ano.
Cristina, con gli occhi bendati, non può vedere il suo ragazzo che si sta divertendo con un altro uomo.
Lorenzo si stacca dalle mie labbra, afferra il cazzo finto che sporge fra le chiappe della sua ragazza e comincia a farlo andare e venire nel culetto che si dimena.
Cristina comincia a godere.
Mi alzo anch’io e le infilo il sesso in gola.
Mi lecca, mi succhia, e uso la sua bocca come un sesso.
Lorenzo smette di lavorarle l’ano e mi viene vicino.
Cristina comincia a succhiarcelo a tutti e due.
Dopo un po’, lascio Lorenzo con l’uccello in bocca alla sua donna e mi piazzo dietro di lui.
Gli infilo l’uccello fra le chiappe e comincio a sodomizzarlo.
Poco dopo, viene in bocca alla sua donna.
Lorenzo la slega e la porta in bagno.
Cristina sembra molto giovane, col suo gaio sorriso.
Quando torna, mi alzo e la prendo fra le braccia, incollandole la bocca sulla sua e insinuandole una mano in mezzo alle gambe.
Le accarezzo la fica rasata.
Scendo lungo il corpo, la lecco, le infilo la lingua nel sesso fradicio.
Lorenzo si mette in ginocchio dietro di lei e comincia a farle una foglia di rosa.
Nello stesso tempo le mette quasi tutta la mano, che per fortuna è minuta, nella fica dilatata.
Cristina gode di nuovo.
La afferro, me la tiro addosso sulla poltrona e la faccio impalare sull’uccello.
Lorenzo le presenta il cazzo che lei si mette a succhiare avidamente.
Ma io le prendo di nuovo la faccia, la bacio e la faccio chinare su di me.
Adesso ha il culo ben esposto e le dita del suo uomo raggiungono le mie nell’ano.
La masturbiamo tutti e due per un po’ poi Lorenzo mette l’uccello al posto delle dita.
Cristina si trova infilzata da davanti e da dietro.
Ce ne dice di tutti i colori, ma non ce ne frega niente; la usiamo, uno davanti e l’altro dietro.
Dopo essermi fatto una bella doccia, aspettando che Lorenzo si lavi anche lui, Cristina mi fa un delizioso pompino.
Faccio segno al suo ganzo di avvicinarsi, gli prendo una mano e me la metto sul sesso, vicino alla bocca di Cristina che, sorpresa, interrompe il pompino.
Lorenzo la bacia ma li separo e, premendogli la testa, gli faccio capire che mi deve pompare.
Non si fa pregare.
La sua donna lo guarda fare.
Mi dice che è bello vedere il suo ganzo che succhia un uomo.
Ci si mette anche lei e si dividono la mia eiaculazione.
Finiamo per addormentarci e, all’alba, Cristina me lo succhia e la prendo di nuovo davanti e dietro.
Lorenzo se lo fa succhiare poi Cristina vuole che si faccia inculare davanti a lei.
Mi metto quindi dietro di lui e Cristina gli apre le chiappe.
Glielo infilo nel culo e glielo sfondo, incoraggiato dalla sua donna.
Dopo quella notte di piacere, sono già tre volte che vedo questa coppia e tutte le volte con un copione diverso… FINE

About Storie erotiche

Luce bassa, notte fonda, qualche rumore in strada, sono davanti al pc pronto a scrivere il mio racconto erotico. L'immaginazione parte e così anche le dita sulla tastiera. Digita, digita e così viene fuori il racconto, erotico, sexy e colorato dalla tua mente.

Leggi anche

copertina racconto erotico

In 3 le cose vengono meglio

Era un giovedì sera, io e il mio amico C… sentivamo l’urgente bisogno di avere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.