Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incontri / In costiera amalfitana
copertina racconto erotico

In costiera amalfitana

Incontrata ad inizio 2012 in costiera amalfitana. La mia prima esperienza, volevo farmi un regalo trasgressivo e trovo questa ragazza che dalle foto sembrava davvero una dea. La chiamo fissiamo appuntamento, prima non risponde, poi non rispondo io che ero in viaggio, insomma un paio di fraintendimenti, la richiamo ed era infastidita mi dice di avermi rimpiazzato con un cliente. Ero arrapato e volevo scoparmela così le dico che ripasso appena lui va via. Dopo una mezz’ora la richiamo e ci ritorno. Ospita in un bed&breakfast, mille seghe mentali su come dovevo fare per entrare (vieni veloce, non parlare con nessuno, ecc ecc.) nemmeno dovessi rubare dei dossier dei servizi segreti.
Arrivo finalmente alla sua porta e mi apre in vestaglia con perizoma, molto bella. Ambiente molto pulito. Le chiedo di usare il bagno per sciaquarmi e fare pipì visto che ero in strada da più di 1 ora. Do anche una lucidata all’attrezzo visto che sono un maniaco dell’igiene.
Saldo il pattuito e inizio a spogliarmi. Ero già in tiro mi metto sul letto, le chiedo di fare orale scoperto, nulla. Eh vabè mi incappuccia e inizia un BJ abbastanza mediocre. Penso vabè sarà il gommino che mi toglie sensibilità. Inizio a tastarle quelle tette, inizia con “Piano, non stringere, mi fai male” (io sono delicatissimo cazzo). Vabè penso non è cosa, scopiamola un po’. Iniziamo alla missionaria, entro e inizio a darle giù un paio di pompate, mi sembrava di scopare un cadavere nei primi 5 minuti, alché decido di prendere in mano la situazione e le prendo una gamba che volevo mettermi dietro la schiena o sulla spalla. “No, non posso, ho fatto palestra mi fanno male le gambe…” Io sconvolto, ma siccome sono un gentiluomo lascio perdere e dico mettiti a pecora, ma l’eccitamento stava già calando. La pompo un po’ a pecora, partecipazione ridicola e quei pseudo gemiti di finzione che fanno più irritare che provocare piacere… Vabè capisco che questa s’era fatta una scopata poco prima e era stanca o di pessimo umore, vabè. Capito che non si sarebbe arrivato a molto preferisco finire, volevo farmi continuare una pompa, nulla. Sega scoperta, nemmeno. Porca puttana le dico senti guarda me lo faccio in mano da solo a sto punto, posso venirti sulle tette “No non esiste, ti do un fazzoletto..” Inizio ad incazzarmi. Mi tolgo il gommino e inizio a segarmi da solo mentre lei sta lì con partecipazione 0, e mi fa “Stai attento che queste lenzuole non posso cambiarle quindi vieni nel fazzoletto capito?” Le dico sisi non ti preoccupare. Preso anche dalla rabbia inizio a pomparmi da solo proprio di vendetta, alché quando mi passa il fazzoletto ero già in modalità “schizzo” e vengo copiosamente prima di arrivare al fazzoletto, lasciando un paio di macchie sul letto.
Nemmeno il tempo di finire che la ragazza perde le staffe e comincia ad insultarmi. “Ma che cazzo fai qua devono venire altri clienti, io ci devo lavorare” mi attacca una pippa di 1 ora. Capisco che il mio controllo stava per finire, quindi decido di pulirmi per andarmene via. Uscito dal bagno mi fa “guarda scusa non volevo reagire così però devi capire che blablabla”. Me ne vado.

150 euro nel cesso mi sarei divertito di più facendomi una sega a casa. Evitatela. Tra l’altro le sue foto saranno di almeno 5 anni fa. FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Assunta all’istante

Ero proprio nei casini. Mancava una settimana alla partenza per le vacanze estive della mia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.