Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incontri / La vicina di casa ha 30 anni
copertina racconto erotico

La vicina di casa ha 30 anni

Lei, la mia vicina di casa è sempre stata nei miei sogni erotici fin da quando è venuta ad abitare qui. è una bella donna sui 30 anni, bionda, capelli lunghi, magra e ben fatta.
Appena potevo la spiavo dalla mia camera mentre prendeva il sole nuda o in bikini sulla terrazza.
E io a masturbarmi pensando a cosa avrei potuto fare con lei.
Un giorno mentre ero solo in casa sento dei rumori fuori dalla finestra, esco e mi trovo davanti lei, si lei la mia vicina. Mi disse che stava cercando la sua gatta, non riusciva più a trovarla.
Io le dissi che prima o poi sarebbe tornata da sola.
Ma come!!! lei è qui davanti a me, e io non so dire assolutamente nulla? lei, la donna dei miei sogni, la donna che spio di continuo è qui e io non me ne resto imbambolato? ? ? Per di più vestita molto poco…
Alcune settimane dopo questo fatto, ero in compagnia di Franco, era venuto a trovarmi per fare una ricerca su internet, e sento di nuovo dei rumori. Usciamo e ci troviamo sempre lei che guarda caso cerca ancora la sua gatta.
Questa volta sembra molto triste. Franco, che è meno timido di me, parte in quarta e la consola dicendole che non c’è da preoccuparsi, la cercheremo tutti insieme, ma prima la invita in casa a bere qualcosa.
Lei accetta subito anche per ripararsi dal caldo di queste giornate di luglio. Indossa un’abitino a dir poco provocante che le mette in risalto le gambe e il seno, molto sodo.
ha un profumo dolce addosso, mi inebria.
Io quasi non ci capisco più nulla, lei è in casa mia, seduta al mio tavolo davanti a me, Franco le offre subito da bere e mentre parliamo le si avvicina e le fa battute a doppio senso, lei non fa una piega e ribatte colpo su colpo. io naturalmente seguo con ansia ed eccitazione tutto questo, sempre in silenzio,
non mi pare vero il tutto.
Lei, che scopriamo si chiama Nadia, è seduta vicino a Franco, il quale, con fare spavaldo mentre sta parlando con lei, mette una sua mano sopra il suo ginocchio.
Lei non fiata, guarda prima lui e poi me, io invece strabuzzo gli occhi per questa scena. non credo che franco possa fare questo davanti a me. Adesso vedo Franco che con la mano comincia a salire sulla coscia, lei allarga un po’ le gambe.
Ormai nessuno di noi parla più, ci sono solo sguardi tra di noi.
Il mio amico adesso si è alzato e la tocca sempre di più e in ogni posto, sul seno, sulle cosce, intrufola le mani sotto il vestito.
Io invece… sto solo osservando, sono inebetito, la mia eccitazione però è molto progredita adesso. Franco e Nadia si guardano come se si conoscessero da molto.
Le sfila il vestito e rimane in reggiseno e tanga, nero molto bello.
Per me è un’esplosione di sensi, se fino ad ora non ho mosso un dito, adesso mi alzo e mi avvicino a loro due che si stanno baciando. Non so ancora se avrò il coraggio di farlo.. ma lo faccio.. Mi chino su di lei e le allargo le cosce, scosto di poco il tanga e il mio cuore ha un colpo nel vedere il suo fiore
a pochi centimetri dal mio viso.
La sua fica è bellissima, con pochi peli come piace a me, comincio piano piano a leccarle le labbra e il clito.
la masturbo delicatamente con due dita, sia fuori che dentro, la sento bagnarsi sempre più.
mentre faccio questo, Nadia ha tirato fuori il cazzo di Franco e ha iniziato a leccarlo con piccoli colpi sulla cappella. intravedo che sparisce dentro la sua bocca a dir poco famelica, sembra quasi che fosse in astinenza, a vedere con quanta energia lo succhia.
Pochi minuti dopo, ci troviamo invertiti, tutti nudi ormai. Io con il cazzo nella sua bocca che sta quasi per scoppiare, e Franco che la lecca in modo convulsivo.
Ha una lingua che saetta in continuazione, è davvero brava, è sempre li li per farti venire poi rallenta di colpo, per poi ricominciare a succhiare con forza.
Nell’aria c’è un’insieme di odori che non riesco a classificarli ma che mi danno alla testa.
Adesso la mettiamo sul tavolo e Franco la penetra con foga, io mi fermo un’attimo a osservarli… è .. pazzesco.. vi giuro che vedere loro due che scopano mi da… non so nemmeno io.. un’eccitazione da matti.
Al fine mi metto bene in posizione e me lo faccio leccare ancora, è bravissima in questo.
Io e Franco cambiamo posizione, stavolta sono io a penetrarla ma alla pecorina e Franco se lo fa succhiare.
Nei 15 minuti che seguono alterniamo le posizioni e adesso sono sdraiato sotto di lei mentre Franco la sta inculando con un certo vigore, lei ha sempre gli occhi chiusi e geme in continuazione.. ma anch’io non sono da meno a dire il vero.
A questo punto vedo che Franco esce da lei urlando che sta per venire, lei si toglie da me e si mette china sotto il cazzo di lui lo prende un’attimo in bocca e lo vedo schizzare dentro, prima uno schizzo dentro e il secondo fuori sul viso.
Alcune gocce cadono sul seno, lei si guarda e si spalma quelle poche gocce di bianco e denso sperma sul capezzolo.
A tale visione non resisto e la metto carponi, le dico che la voglio inculare anch’io.. non se lo fa ripetere due volte.. si china e mi offre il suo magnifico didietro.
le allargo un po’ le gambe e lo poggio lentamente sul buco.. spingo dolcemente e vado in fondo, la vedo che inarca un po’ la schiena, a questo punto comincio a stantuffarla sempre più velocemente.
Franco.. dopo che si era un’attimo appartato in bagno, ritorna e sta ad osservare la scena.. lo vedo che ha un’altra erezione in corso e non ci mette tanto a darglielo di nuovo in bocca.
è cosi per 10 minuti buoni, adesso sono io che non ce la faccio veramente più.. lo dico e si ripete la scena di prima.. esco dal suo culo, lei si china sotto di me.. lo prende in mano e non fa in tempo a leccarlo.. uno, due e tre schizzi di sborra le arrivano in faccia.
è bellissimo vederla cosi con la sborra che la ricopre il viso, lo sta pulendo con la lingua, un’ultimo schizzo le entra in gola e lo manda giù come se fosse vino d’annata.
Mentre fa tutto questo mi guarda negli occhi e vado in visibilio.
Ma non è finita qui, adesso Franco vuole ripetersi e io e lei non diciamo di no di sicuro, rifaremo al doppia penetrazione, ma con Franco di sotto, lei in mezzo con la faccia rivolta verso me.
lei con i piedi sulle cosce di Franco e a gambe aperte, una delle posizioni che mi piacciono di più, la stantuffo con facilità e non riesco a trattenermi, devo sborrare.. mentre lo sfilo.. anche Franco le viene dentro il culo(lo invidio per questo, è sempre stato un mio sogno) e mi avvicino di nuovo alla sua bocca, stavolta lo lecca per bene ancora un po’ prima di farmi venire una seconda volta sul suo bellissimo viso, vedo che stavolta lecca la sborra con più avidità, me lo ripulisce per bene.
Ci rialziamo tutti e tre esausti, Nadia ci da un bacio a tutti e due. Sentiamo il sapore dello sperma dentro di lei.
Mentre si riveste ci ringrazia… lei ci ringrazia? ? !! dovremmo essere noi e io soprattutto a ringraziarla per essere venuta qui a casa mia. Sono esterrefatto.
La vedo uscire dalla porta e si allontana con eleganza e calma.. da vera signora… io e Franco ci guardiamo e non diciamo nulla. FINE

About Erzulia

Colleziono racconti erotici perché sono sempre stati la mia passione. Il fatto è che non mi basta mai. Non mi bastano le mie esperienze, voglio anche quelle degli altri.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Voglia di sborra

Un altro giorno è trascorso con la consueta calma di quelle giornate che non hanno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.