Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incontri / Problemi con i vicini
copertina racconto erotico

Problemi con i vicini

Mi chiamo Concetta, abito in campagna, così ogni tanto al pomeriggio mi piace fare un giro in bicicletta.
L’altra settimana, subito dopo pranzo, visto che mio marito e mio figlio erano via, ho deciso di andare a fare un giro, ho preso la bici e dopo aver gonfiato bene le gomme, sono partita per la solita passeggiata.

Il pomeriggio era caldo, quindi ho indossato una canottiera e dei pantaloncini.
Arrivata a circa 1 km da casa, ho visto nel campo vicino alla strada che percorrevo dei miei vicini di casa, che erano li a lavorare.
La famiglia di questi vicini é costituita da padre, madre e 5 figli maschi, tutti noti in giro per la loro litigiosità.
Per questo motivo pochi vogliono averci a che fare.
Mentre stavo pedalando, il più giovane dei 5 fratelli, un ragazzo di appena 18 anni, mi ha chiamato “Buon pomeriggio sig. ra Concetta, si fermi un attimo” io mi sono fermata, quindi mi sono venuti vicino tutti i 5 fratelli.
Io non ho capito perché erano arrabbiati, ma il più grande mi ha fatto scendere dalla bici e mi ha fatto avvicinare, strattonandomi per un braccio, al rimorchio del loro trattore.
“Vede signora suo marito questa mattina, con la macchina ci ha rotto un fanalino di coda ! “.
Io non sapevo cosa dire, ho solo detto che avrebbero avuto pagato il torto e che mi sembrava strano che mio marito abbia fatto un tale danno, considerato che guida sempre con prudenza !
Ma i ragazzi erano arrabbiati, vedevo che invece che calmarsi si alteravano sempre di più, fino a che a furia di starmi vicino, il più piccolo non mi ha messo una mano sulla spalla, facendo cadere la spallina della canottiera.
Siccome faceva molto caldo, io non indossavo il reggiseno, quindi alla vista del seno i ragazzi hanno subito cambiato atteggiamento.
Signora venga ha vedere il fanalino da vicino, così mi hanno fatto appoggiare al rimorchio e mi hanno iniziato a palpare il sedere.
Io vedevo le macchine passare sulla strada, ma essendoci davanti il trattore loro non mi potevano vedere !
Mi hanno fatto abbassare i pantaloncini, in modo che potessero vedermi il culo e la figa.
Io ero come terrorizzata, quindi non ho opposto resistenza quando dopo avermi tolto tutti i vestiti, mi hanno fatto inginocchiare, e dopo aver tirato fuori i cazzi già duri, mi hanno costretto a fargli un pompino a testa.
Avevo loro mano del più grande in testa, che mi costringeva a prendere in bocca tutto ….. E mi costringeva ad andare alla velocità da lui imposta.
Mentre leccavo un cazzo, gli altri si tenevano il cazzo in mano “Signora, tuo marito ha tamponato il ns rimorchio e noi …….. tamponiamo te! “.
Io non capivo cosa volessero dire, fino a quando mi hanno fatto mettere a 90 gradi sul rimorchio, uno mi ha preso nella figa e dopo avermi sputato sul culetto…. un altro mi ha inculata.
Il ragazzo che mi ha inculato per primo, non ha fatto la minima precauzione, facendomi gridare dal dolore.
Ero presa in mezzo, senza pietà, quindi sentivo il loro alito su di me.
Non erano mai esausti, appena due finivano, gli altri erano pronti… per due ore di seguito.
Con i pantaloni abbassati alle ginocchia, mi giravano intorno e vedevo solo cazzo.
Ero sfinita, mi bruciava il culetto, la figa erra arrossata e la bocca era piena di sborra.
Poi dopo l’ennesima sborrata in bocca, mi hanno detto di dire a mio marito che “Il debito era da pagare entro la settimana! “.
Io mi sono rivestita, ma non riuscivo a stare in sella. Quindi sono dovuta arrivare a piedi a casa, spingendo la bici.
Arrivata a casa, ho fatto una doccia, poiché volevo togliermi di dosso il loro odore ed evitare che mio marito mi vedesse in quello stato : altrimenti avrebbe potuto fare una pazzia!
Ero inoltre arrabbiata con lui “perché non mi aveva avvisata dell’incidente ?
Mentre pensavo a come fargliela pagare, ho visto la macchina di mio marito : ma non aveva un bollo!
Ancora più stupita per l’accaduto, il giorno dopo ho scoperto che in realtà a bocciare era stato un altro vicino di casa…. ma i ragazzi pensavano che fosse mio marito…. oppure é sta solo un’occasione per farmi la festa?
Domani pomeriggio mi sà che andrò a chiedere spiegazioni ! In sono una signora onorata ! FINE

About Erzulia

Colleziono racconti erotici perché sono sempre stati la mia passione. Il fatto è che non mi basta mai. Non mi bastano le mie esperienze, voglio anche quelle degli altri.

Leggi anche

copertina racconto erotico

L’amichetta

L’amichetta Era estate , la città era deserta, i miei erano tutti al mare, io …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.