Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incontri / Una vecchia amica
copertina racconto erotico

Una vecchia amica

Era stata la solita giornata uggiosa. e in quel momento avevo una gran voglia di vederla: purtroppo lei era ancora indaffarata con il suo lavoro.
Così decisi di passarla a prendere appena smontava e la portai in un bar della periferia, dove nessuno poteva riconoscerci.
Ci piaceva flirtare in quel modo, ormai da molti giorni, ma il desiderio quel giorno era fortissimo: il desiderio di poter baciare ogni centimetro della sua pelle, di affondare tra quei seni morbidi e gonfi, di sentire il calore della sua femminilità avvolgersi su di me.
Lei lo sapeva benissimo, sapeva perfettamente quali erano gli sguardi giusti e le posizioni giuste del suo corpo affinché si stimolasse il desiderio, e in modo vagamente erotico, continuava a fissare i miei occhi.
Ad un certo punto fu lei a chiedermi se poteva restare da me a dormire, perché era molto stanca e non se la sentiva di affrontare il lungo viaggio di ritorno. Io ne approfittai e la portai a casa mia.
Appena arrivati le proposi di farsi una doccia, per togliersi di dosso la stanchezza e la fatica di quel giorno e lei accetto con immenso piacere, tanto che mi trascinò con se sotto l’acqua cercando di toccare ogni parte del mio corpo con le sue mani avide.
Mi tolse i vestiti ormai inzuppati così come feci io con lei, e quando fummo completamente nudi ci stringemmo in un abbraccio appassionato: sentii i suoi capezzoli duri premere contro il mio petto, spinti dai suoi seni che sembravano esplodere.
La mia asta si era eretta tra le sue gambe, appena divaricate davanti a me giusto per far spazio alla nascente erezione.
Così il mio glande si appoggiò alle sue labbra mentre ci stavamo baciando appassionatamente.
La sua lingua si muoveva rapidamente e ampiamente nella mia bocca intersecandosi con la mia… sentivo la ruvidità delle sue papille passare sulle mie. La mia asta pulsava e toccava ritmicamente la sua vulva, tanto che la sentivo scaldarsi, nonostante l’acqua che colava su di noi.
Le sue mani avvinghiavano le mie natiche e spingevano il mio pube contro il suo, e dopo un attimo scesero sul mio pene e cominciarono a massaggiarlo, scoprendo e ricoprendo il mio glande, e facendo attenzione a che esso strusciasse contro il suo clitoride.
Poi gentilmente mi abbassai e lei lo direzionò verso l’introito della sua vagina e sempre delicatamente mi rialzai penetrandola fino a quanto mi era consentito.
Lei alzo la sua gamba destra appoggiandola sul bordo della vasca per rendere più agevole la mia penetrazione e ondeggiando con il bacino inarcò la schiena spingendo il suo pube fino a toccare il mio e mostrandomi i suoi seni su cui affondai subito la bocca.
Mentre le succhiavo i capezzoli cominciai a muovere il mio bacino avanti e indietro, ritmicamente e sempre più velocemente, e lei lo assecondava con movimenti ritmici di suzione. Sembrava spremesse il mio pene al suo interno per poi lasciarlo scivolare fuori e ricominciare di nuovo da capo.
Continuammo quell’amplesso a lungo fino a che sentii la sua vagina contrarsi sempre più velocemente e disorganizzatamene e questo mi fece raggiungere la soglia del piacere fino a che entrambi scoppiammo in un orgasmo prepotente. lei mi baciò e si avvinghiò nuovamente a me senza far uscire la mia asta ormai esausta. mi lavò passando la schiuma ovunque e così feci con lei per poi sciacquarci l’un l’altra.
Ci separammo e ci asciugammo e già vedevo la scintilla nei suoi occhi: la sollevai baciandola e la presi in braccio portandola sul nostro letto dove l’adagiai, e dopo esserci guardati a lungo senza parlare ricominciammo un amplesso meraviglioso.
Fu la nostra prima relazione… da allora non siamo riusciti più a farne a meno! FINE

About erotico

I racconti erotici sono la mia passione. A volte, di sera, quando fuoi non sento rumori provenire dalla strada, guardo qualche persona passare e immagino la loro storia. La possibile situazione erotica che potranno vivere...

Leggi anche

copertina racconto erotico

Prima volta..sui binari

Era già un po’ di tempo che stavamo insieme, per entrambi alla prima esperienza, ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.