Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / Masturbazione
copertina racconto erotico

Masturbazione

Non sò da dove iniziare, dal sogno dopo aver scopato mi sono addormentata come un sasso, meno male che era sabato se no non sarei riuscita ad andare al lavoro.

Piccola premessa sono Sonia 26 anni sposata con Roberto di 34 anni, sono una bella ragazza e sono sposata da quasi due anni, a letto sono sempre stata timida e non ho mai preso l’iniziativa, non che mio marito sia molto attivo, a parte la notte che vi ho raccontato, sarà stato quel film alla TV che lasciava molto all’imma-ginazione.

* sveglia cara

Un buon profumo di caffè, è mio marito (è la prima volta) con caffè brioche

* sono già le 10. 00 sveglia pigrona

Mi guarda strano sono nuda le lenzuola sono a terra tengo le gambe aperte ho il sesso con le labbra socchiuse, ho i capezzoli duri, mio marito non riesce a nascondere l’erezione, allungo la mano mi tocco, mi sento strana il suo sguardo mi eccita, i suoi occhi seguono le mie, mani lentamente aprono le labbra, lo guardo il suo sguardo è un misto di eccitazione e bramosia si tocca si stà masturbando, vorrei che fosse lui a toccarmi leccarmi scoparmi.

* ti piace caro

* si continua non ti fermare fallo per mè

Chiudo gli occhi ripenso al sogno la negra mi stà succhiando la clitoride, non ce la faccio godo velocemente

* si, mmmm si ancora

Mi penetro con quattro dita sono tutta bagnata apro gli occhi mio marito è li vicino si masturba stà per venire si avvicina al mio viso lo voglio in bocca

* no!

Il suo getto mi ricopre la faccia le tette

* tieni puttana

è la prima volta che mio marito mi dice una cosa del genere, stò zitta quante cose sono cambiate in così poco tempo, vado in bagno mi butto sotto la doccia, sono sporca mentre mi lavo mi tocco, ma allora sono proprio una puttana godo di nuovo, esco mi asciugo mi guardo allo specchio toccandomi le tette ho le occhiaie, ma sono felice stò scoprendo la mia femminilità, però stò scoprendo anche un lato che non conoscevo di mio marito, gli piace guardare.

* cara io esco devo fare delle commissioni

* va bene poi esco anch’io per la spesa

è uscito senza dirmi dove andava, va bè vedremo esco passo anche in farmacia prendo un gel lubrificante, il farmacista amica nel darmi il pacchetto quasi sottovoce

* ne faccia buon uso

Che porco avrà circa 50 anni, calvo ho sentito da chiacchiere che corni fica la moglie a più non posso, a parte che mio marito un giorno ha detto che la moglie esce con la commessa, ma allora ero proprio una totolona che viaggiava con il paraocchi.

* stia tranquillo spero di divertirmi

Come ho potuto rispondergli così sono diventata tutta rossa

* se ha dei problemi sono disponibile per delle spiegazioni pratiche

Ha calcato sulla parola pratiche

* grazie lei è molto gentile

Lo scambio di battute allusive si è interrotto all’arrivo di una cliente

* arrivederci signora mi telefoni se non va bene

* stia tranquillo lo farò

Dio ma ero proprio io, ero eccitata un uomo mi aveva fatto delle avance spudoratamente, probabilmente avrei accettato si sarei andata a letto volentieri con lui, sono arrivata a casa eccitata mio marito non era ancora tornato, cosa potevo fare sono andata in camera mi sono spogliata completamente, sono davanti allo specchio mi tocco, prendo il tubetto di gel, sulla scatola c’è segnato un numero di un cellulare, il farmacista che porco, comunque la cosa mi lusinga e mi eccita ulteriormente, mi tocco metto un poco di gel sulle dita le passo sul buchetto infilo un dito due tre è ben lubrificato, penso mi alzo prendo da un cassetto due candele di diversa misura prendo la piccola la passo con il gel ha le dimensioni conica cerco la posizione migliore mi metto alla pecorina con il culo rivolto alla porta culo in alto mi punto la candela entra senza problemi è piccola spingo il gel facilita l’entrata anche se dall’altra parte è quasi grossa come il cazzo di mio marito ora lo sento bene è come se mi spaccasse in due, lo faccio andare e venire un po’ di volte poi lo tolgo prendo quello più grosso metto altro gel con il beccuccio all’interno del mio culetto, lo punto mi apre di più questo si ….. è fantastico lo spingo è dentro si è bello è un misto di dolore piacere senso di riempimento lo muovo è dentro quasi tutta il mio respiro è un rantolo stò godendo nello specchio vedo mio marito che si stà masturbando tolgo la candela

* vieni inculami

Si avvicina , ma non mi penetra viene dirigendo il getto sul mio culo e centra anche il buco dilatato

* sei proprio una porcona

Mi lecca la figa le chiappe il buco il suo stesso sperma

* ti piace caro

* si è cosi che ti voglio maiala e disponibile

* vorresti vedermi con qualcun altro

Un attimo di silenzio la lingua aumenta il suo lavoro poi

* si mi piacerebbe molto

* sei sicuro caro e con chi vorresti vedermi

Dico girandomi e aprendo le gambe per farmi leccare bene ho la clitoride che sembra un piccolo cazzo lo succhia

* mi piacerebbe vederti esibita

Un attimo di esitazione poi capisce che accetterò tutto

* anche con una donna meglio se una Domina

* vorresti vedermi lesbicare

* si , ma ad obbedire agli ordini

* e tu cosa faresti

* guarderei

* e se dovessi andare da sola?

* si va bene basta che poi mi racconti

Ma dove volevo arrivare, ma vedo che mio marito è tornato con una borsa

* cosa hai preso?

* quello che vorrei indossassi anche per andare a lavorare. Ha aperto la borsa calze a rete, reggicalze, tanga di diversi tipi, scarpe con il tacco alto e anche un paio di vibratori

* non posso mettermi quelle cose dovrei depilarmi le gambe e anche il sesso

* ti porto oggi pomeriggio, telefona a questa estetista

Lo guardato in modo interrogativo

* ha lo studio dall’altra parte della città nessuno ti conosce, ho fissato l’appuntamento alle 13. 30 apre alle 15. 30 e sarete tranquille

* va bene , ma mi accompagni?

* si ha detto di portare i tanga per vedere come depilarti

Chissà cosa vuole oggi

* ma entri anche tu?

* no ti aspetto fuori in macchina

Abbiamo pranzato dopo una bella doccia mi ha accompagnato dall’estetista. FINE

About Hard stories

Scrivo racconti erotici per hobby, perché mi piace. Perché quando scrivo mi sento in un'altra domensione. Arriva all'improvviso una carica incredibile da scaricare sulla tastiera. E' così che nasce un racconto erotico.

Leggi anche

copertina racconto erotico

A sua insaputa

Eravamo verso la fine i agosto. Lì, in quel piccolo paesino di mare, quasi tutti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.