Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Masturbazioni / Quando siete per strada guardatevi intorno
copertina racconto erotico

Quando siete per strada guardatevi intorno

Quando siete per strada guardatevi intorno, assaporate con lo sguardo quel bagliore di normalità e di pudicità che la nostra amata società ci impone e riflettete su cosa effettivamente si nasconda dietro uno sguardo, un sorriso o un gesto che una persona che vi passa accanto rivolge verso di voi…
Avevo diciotto anni e fino ad allora la vita per me era un gioco, il sesso un piacevole passatempo, o meglio un sogno, dato che all’epoca ero ancora verginello.
Passavo buona parte del mio tempo a immaginarmi di avere dei rapporti di qualsiasi tipo con mie coetanee, le amiche e le compagne di scuola non erano escluse da tutto questo.
Ero molto timido e una buona percentuale del mio tempo libero era dedicata al computer e ad internet, fu proprio questo a permettermi di conoscere una ragazza di un paio di anni più grande di me.
Passavamo intere serate a parlarle e dopo esserci scambiati i numeri di cellulare, cominciammo a messaggiarci sempre con maggiore insistenza, e come spesso capita, i nostri discorsi erano sempre inerenti al sesso.
Una sera, mentre tornavo a casa con qualche birra di troppo in corpo, mi feci più audace e le scrissi un messaggio
“Se fossi li con te in questo momento, che mi faresti? ” , la sua risposta mi lasciò di sasso “tutto quello che vuoi, basta che comandi”.
Ero eccitatissimo e arrivato a casa, mi sdraiai sul letto e le scrissi “Voglio che mi accarezzi, e che mi baci con passione” e lei “Voglio che anche tu mi tocchi, come mi sto toccando io”.
Non capivo più niente, una ragazza dall’altra parte del telefono si stava masturbando, quindi decisi di fare il passo successivo e la chiamai… Dopo diversi squilli lei rispose:
* Pronto… hei ci sei?
Non sapevo che rispondere il mio cuore batteva veloce e le parole mi si spezzavano in gola, la sua voce era eccitata e mi diceva
* Ci sei? Non vorrai mica lasciarmi divertire da sola… sono sdraiata sul letto
* Ciao Franci… come sei messa?
* Sono sdraiata sul letto a gambe larghe e mi sto accarezzando… aiutami però sono inesperta
Mi feci coraggio
* Accarezzati lentamente e comincia a metterti un dito dentro La sentivo gemere dall’altro lato e cominciai a masturbarmi
* Sei fantastica, continua così… mi ecciti da morire
* Siiii mi piace e tu che stai facendo?
* Mi sto masturbando
E lei, sempre ansimando
* Dai sciogliti di più…. Aahh dimmi che stai facendo
Ero eccitatissimo e stavo godendo
* Si amore mi sto facendo una sega
A quella parola lei gemette più forte e io continuai
* Dai mettiti due dita dentro…. Continua a sditalinarti… lo so che ti piace
* Siii sto godendo da morire… voglio il tuo cazzo
* Ti piace godere vero… dai metti tre dita… apriti quella figa
Il suo fiatone rimbombava nel telefono
* Siii ahhh mi fai impazzire, leccami il clitoride
* Dai, continua, voglio sentirti urlare dal piacere, la mia mano scorre veloce sul mio cazzo
* Sii continua, vienimi dentro… sono fradicia
* Si puttana, ti piace fottere mettiti quattro dita e rompiti la figa
Lei urlò
* Aahhh sii… sono quattro
* Dai continua…
* Siii vieniiiii
Il mio cazzo pulsava nella mia mano e continuai
* Dai amore… vieni, voglio sentirti godere
Lei ebbe un orgasmo tremendo, e io sentendola urlare cominciai a schizzare
– Ahhh sborrroooo….
* Ahhhh mi stai facendo impazzireeee….

Poi il silenzio interrotto solo dal nostro fiatone…
* Sei stata fantastica, ti adoro
* Anche per me è stato stupendo, ma adesso è meglio se vai a nanna
* Si credo di si, buonanotte Franci
* Buonanotte
Sono passati più di due anni e da allora ci sentiamo molto spesso per telefono e ogni notte è sempre meglio della precedente FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

La camporella

Una domenica mattina come gia era successo altre volte presi la mia bicicletta mountanbyche il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.