Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Poesie / Anonimo padovano, dal codice OTTELIO I
Racconto erotico

Anonimo padovano, dal codice OTTELIO I

Frelo, el me vien tal volta si avitò,
che ‘l me par un boleo piantò in le cosse;
el fa doe sguanze e doe sbaìse rosse,
che ‘l par un luzo che ‘n Brenta sia piò.

Se me ‘l strenzo e (se) me ‘l fazo scarpelò,
el se me driza e fa le vene rosse,
e se ‘l aluogo può che ‘l se riposse,
el me sta rebelio che ‘l pare un chiò.

El ge bate le tempie e sta mè duro
e tal volta de voia sta (sì) imborio,
che ‘l passarà da para ben un muro.

Per mi non g’è mo fante da mario
né altre che voia, né che per dinari
né che ne daga per l’amor de Dio.

Ben m’ha insignò i boari,
mo ‘l è peccò. Mo ti, che se letran,
dàme altro muò senza menarlo a man. FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.