Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Poesie / Senza titolo
copertina racconto erotico

Senza titolo

La donna è donna perché ci ha la fregna,
l’omo adè omo perché ci ha l’ucello,
poi tutt’e due, chi più chi meno bello,
ci hanno er culo, nun è ‘na cosa indegna.

Anzi Colui Che Sopra Tutti Regna
ebbe la grazia de facce, da fratello,
uguale a Lui, cor cazzo e cor budello,
come e quarmente er Sagro Libro insegna.

S’inferisce da ciò che la Madonna,
e nun ce sò sofistici contrari,
j’apri le cosce, è fatta come nonna.

Ma er papa, che ce sforma ai casi amari,
vole abolì sotto carzoni o gonna
rose odorose e pendaglietti rari.

Da quanno imboccò l’AIDS er canalone
de fà spartì er marito da la moje,
ai bizzochi nessuno je lo toje
d’intrigà pè diffonne er marmatrone.

“Dio manna ‘sto sfraggello pè ‘r zozzone;
smettete de inzuppà ‘ndò coje coje,
tenetive pè voi le vostre voje,
guardate invece la televisione. ”

Me feci casto e poi er dottore ha detto,
d’usà, si voi schivà er celeste sdegno,
preservativi senza arcun difetto.

Er che vor dì che l’AIDS è sagro segno
per cui Dio volle, infino ar coito anale,
diffonne l’uso anticoncezionale.

Quanno Garufa ottenne da Maria
la grazia de valorizzà Pantano
nojartri pensavamo: “Ecco l’arcano
ch’a l’opulenza spianerà la via”.

Poi m’ha detto jersera la mi zia
ch’a Viterbo er demonio, di sua mano,
distribuisce sordi a tutto spiano,
in piazza, ner passeggio, a l’osteria.

Mo, si trionfa ar fine ‘sto bordello,
pè noi cidavecchiesi sò casini,
perché io lo so già, nun sò pischello,

che danno Dio e er nemico: ortre ai quatrini,
a quelli culo, fregna o, a scerta, ucello;
a noi la castità cò li santini.

Baci, carezze, risa e poi sospiri,
capelli sparsi, il corpo dell’amica,
la lingua tra le pieghe della fica,
fervore d’indicibili desiri;

occhio incantato dovunque rimiri
dentro i percorsi di lussuria antica,
buco odoroso nella valle aprica,
mani danzanti, fervidi deliri.

E poi, con mossa lenta, estenuante
si gira e allarga il culo con la mano,
e mentre io cerco il sesso suo grondante

mi dice vergognosa: “Ma fa piano… “,
ed io radioso, incredulo e adorante
col dito insalivato le ungo l’ano.

Io sopra e lei incantevole distesa,
il cazzo che fa onore alla vagina,
dimentichi nell’estasi divina
che rotoliamo insieme in ardua intesa.

Entrambi disponibili alla resa,
le mani sul sedere e lei regina
che spinge, è spinta e provvida s’ostina
a stringere le cosce nella presa.

La bocca una fontana d’acqua fresca,
gli occhi persi nel verde dell’oblio,
l’ardore che nel tempo par che cresca

e lei che ormai, bruciata dal disio,
splendida e spudorata lancia l’esca:
“Mettimi un dito in culo, amore mio! ”

“Famme vedè quer forellino anale,
perché er mio dito vojo insalivato
fallo arrivà su su fino ar costato
e poi leccà ner fonno der canale”.

“Ecco, guarda er culetto mio nivale,
cor buco de rossetto imporporato,
ma er cazzo fori stia dar seminato,
che granne e grosso me farebbe male”.

“Gnente paura de ‘sto cazzo, amore,
lo so che ci hai er sedere ancora sano;
ci ho una lattina d’ojo de motore,

lo spargerò sur buco cò la mano,
e si senti uguarmente der dolore,
‘no strillo appena e ti risparmio l’ano”.

Ho letto sur giornale che er dolore
che ci ho sur braccio senza spiegazione
è dato, ne la modernizzazione,
dar maus pè governà er carcolatore.

Ma poi, fatto un colloquio cor dottore,
scoprivo, cò mia granne delusione,
che pè ‘nnà bene questa spiegazione
dovevo usà er computer tutte l’ore.

E mentre che ‘na spiegazione degna
cercavo, incrudelito dar dispetto,
me sovvenne de quanto che s’impegna

er dito ne lo smucinà er grilletto
de Rita quanno, er cazzo ne la fregna,
sta lì estasiata a gode sopra er letto.

Un giorno, da cratura, giù in cucina
mì madre me faceva ‘na peretta
tranquilla, distaccata, senza fretta
mentre stava a sentì la sora Pina.

E intanto me spargeva margarina
ridenno ner tastamme la buchetta
pè famme entrà la cannula più netta
come ch’aveva fatto a mì cugina.

E Pina raccontava, rossa in viso,
che er sù marito je slargò er sedere
(pè via de stitichezza a l’improviso)

ungenno dentro e fori lo sfintere,
finché, lì lì p’entrà ner paradiso,
j’aveva detto: “E famme ‘sto cristere! ”

Mentre che stamio a letto sdirenati,
Tra ‘na scopata e l’antra, Caterina
Me riccontò, la faccia malandrina,
de un suo colloquio serio i risurtati.

Da cui se riccojevano ‘sti dati:
Anna Maria l’amica sua carina,
dorce, gentile, sola, piccolina
voleva stà ner mezzo a noi allancati.

E io, me corse un brivido a l’ucello,
risposi: “Ma che poi sarai gelosa? ”
e lei : “ma er desiderio è proprio quello;

vojo sentì la stretta dolorosa
che me sconquassa stomaco e budello
Quanno je sfonni er culo e a la pelosa. ”

Succhiannoje la fica Caterina
A Anna Maria, ch’a lei faceva uguale,
stavo paralizzato a quer segnale
siccome che a una befania divina.

Poi dopo la mia dorce amante e fina,
pè preparà a l’entrata quer canale,
j’ungeva cò assai zelo er foro anale
cò ‘na cariola e più de vaselina.

E proprio quanno stava sur più bello
Da quell’abbraccio se ‘n annava via
E spompinava a me ch’ero un torello;

e in qull’atmosfera de magia
piava ne la mano a me l’ucello
e lo appoggiava ar culo a Anna Maria”.

Questa mattina, il sole luminoso,
Cristina dalle reni in giù scoperta
Metteva in mostra in strepitosa offerta
Il buco del sedere generoso.

E allora un dito trepido e curioso
Cosparso di saliva in lei già aperta
Mettevo e della fica al gioco esperta
Un altro sul grilletto lussurioso.

Poi dopo che l’avevo ben baciata,
sul petto, sulla fica umida porta
di trine e di merletti circondata,

veniva e il suo sospiro ancor conforta;
E lei felice, bella e addormentata
Faceva finta o non se n’era accorta.

Laura, mignotta splendida e ignorante,
quanno je dissi: “‘N’opera immortale
fu scritta usanno un tempo er tuo segnale”,
me chiese: “Ma davero era importante? ”

E io nell’accostamme ansioso e ansante,
je recitavo un’egloga immortale,
lei, er culo che pareva un arsenale,
me stava ad ascortà, trepida amante.

“Erano i capei d’oro a l’aura sparsi”,
E lei se crogiolava ner piacere
“E il viso di pietosi color farsi”

E er cazzo j’appoggiavo a lo sfintere
“Qual maraviglia se di subito arsi”
E dentro, tutto dentro, ner sedere.

Mentre che j’infilavo a l’Angioletta
Un dito, due, tre o quattro ner sedere,
E lei se li piava cò piacere,
ansava e me diceva: “Scava in fretta”.

E io, preso da lei, je davo retta,
ma poi la mano tutta a lo sfintere
‘n entrava cò mio grande dispiacere,
ne la maniera giusta, chiara e netta.

M’arzai, allora, e presi ojo d’oliva
Scaccianno via da me ogni idea de resa,
E a lei che sorrideva ora lasciva

Nell’ano je cacciai la mano tesa.
E nun rideva più: tra morta e viva,
sembrò, culo a l’in su, Santa Teresa.

Quanno me scopo a sangue Mariolina
Je metto ar culo un dito insalivato
E si poi je lo levo da l’ovato
L’unghia m’è diventata marroncina.

E quanno me la fo a la pecorina
Ché er culo è come un secchio sdilabbrato,
dar buco palpitante, affatturato,
je sorte merda, un po’ a la malandrina.

E questo poi me pare ‘na schifezza,
ma quanno che contento, rosso in viso,
preso in sessantanove ne l’ebbrezza,

devianno da la fica a l’improvviso,
scordannome de zozzo e de sconcezza,
Je lecco l’ano, quello è er paradiso.

Le cosce larghe, il viso sul lenzuolo,
i glutei pieni, esposti, generosi,
capelli mossi, lucidi, preziosi,
sento una stretta, inusitato duolo.

Vorrei tu mi scegliessi fra lo stuolo
D’amanti che di te sono bramosi,
perduti su sentieri perigliosi,
dimentichi di sé, prostrati al suolo.

E allora potrei osare con timore
Togliere lentamente la tua mano
Che da sotto la pancia, nel calore,

Protegge i buchi da ogni sguardo insano:
che bello naufragare ne l’odore
e nella vista di vagina ed ano!

Mentre stavamo ar buio dentro ar letto,
me disse che ci aveva ‘n’antra storia
e a me quasi ogni facortà motoria
m’abbandonava e me sentivo inetto.

Poi m’aggredì, rabbioso, un grande affetto,
e i santi sò finiti tutti in gloria:
la presi, la scopai, cantai vittoria,
spanando er buco largo e quello stretto.

Durò tutta la notte ‘sta manfrina,
Ché sempre all’erta rimaneva er sesso,
E lei ce stava, ar drtto e a pecorina,

ma dopo, senza chiede arcun permesso,
mentr’ero sdirenato, la mattina,
s’arzò, un saluto, e se ‘n annò lo stesso.

Giocando

Ner mentre me facevo Caterina
Leccannoie le zinne cò la panza
Lei che smaniava c’ebbe la creanza
De mettise cor culo a colubrina.

E a lei, morbida, docile, carina,
ché je mettevo ar culo, come usanza,
er cazzo e poi er sorfeggio e poi la danza,
j’uscì ‘na scurreggetta malandrina.

Io me fermai, ma poi tutta la mano
Je misi assatanato ne la sorca,
e lei, salita sopra a ‘n antro piano,

contenta de ‘sta trasgressione sporca,
cor viso un po’ implorante e tanto umano
me disse: “E dai, Giancarlo, e dimme porca”.

Quando, arrivata l’ora, ti alzi in fretta
E cerchi di sfuggirmi dalle mani,
sento un languore noto ed una stretta
avverto, ma i sospiri sono vani.

Ti vesti e la figura vedo netta
Tra quegli oggetti cupi e disumani,
i fiori, quella sedia maledetta,
e vola il mio pensiero in altri piani.

Vedo il tuo seno dolce e la vagina,
i corpi nostri ardenti nella presa,
la tua partenza acuta come spina,

il ricordo straziante dell’intesa,
la data dell’incontro più vicina,
e il gusto amaro e dolce dell’attesa.

Ner mentre che dicemio ogni cazzata
Sur sesso separato da l’amore
Infine decidemmo, ar primo arbore,
de fasse, pè provalla, ‘na scopata.

Erimio amici noi de vecchia data,
e presi da la voia e da l’ardore,
facemmo zozzerie d’ogni colore
davanti, dietro, in estasi affatata.

Quindi, ché er gioco adera troppo bello,
nun ce vedemmo più, ch’ogni antro laccio
avremmo rotto e fatto un gran bordello;

e er numero che sciojerebbe er ghiaccio,
che ce l’ho in mente come su un cartello,
agguanto la cornetta e nun lo faccio.

“Si strilla, smovi er culo, brutta troia”,
“Tu adopra bene lo stuzzicadenti”,
“nun me fà male, stronza, cò li denti”,
“Tu pensa a nun stroncamme da la noia”.

“Nun sta smosciato lì, ci ho ancora voja”,
“Ci hai chiappe come un par de respingenti”,
“Strapazzime, nun fà li complimenti”,
“Ce vole un reggimento a la tua foja”.

E questa e ogni antra cosa meno fina
Se dimo si er bersajo cerca er dardo,
Ma condizione certo adè divina

Quanno screpanti e privi de riguardo,
Io: “Zozza – dico – avanti, a pecorina! ”
Lei: “Troncamelo in culo, gran bastardo! “. FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

La porta era chiusa a chiave

Seduto, sul freddo marmo della stazione. un libro in una mano, una sigaretta nell’altra. gente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.