Ultimi racconti erotici pubblicati

Vizi Privati

I

——————————————————————————–
Che sia di tela fina oppure spessa
la veste tua sempre mi nasconde
le zizze prosperose, l’ampia fessa,
protetta in sovrappiù dalle mutande.
Di te soltanto il cul m’è noto a fondo,
conosco bene la natica nervosa
quando capisci prossimo l’affondo
dalla cappella accosta alla tua rosa

e non accusi mai pena o lamento
se, per incuria, foia o volontà
entro lo caccio senza alcun unguento:
solo un sospiro, ed è di voluttà.

——————————————————————————–

II
Mi neghi sgustata la tua bocca
se tento l’insistenza di un pompino
ma non mi lagno: già mi tocca
limar da dentro quel culo divino.

Solo un sospetto a volte m’avvelena:
che quella fica che ho desiato invano
mentre sborravo come un fiume in piena
spanandoti con forza il deretano

non abbia mai raccolto alcun sollazzo
per conservarsi specchio di virtù
e t’abbia spinta a farti fare il mazzo
piuttosto che rischiar qualcosa in più.

——————————————————————————–

III

Non v’è motivo, sai, di questi pianti
nè di terrori, o panico sul viso:
piccolo duolo, e di piacere intriso,
per diventare, presto e bene, amanti.
Il mio bugliolo già ti è noto a iosa
lo guardi sempre molto, poi l’abbocchi
e ben conosco, leccando, la tua rosa:
so che col dito a fondo te la tocchi.

Lascia che spinga dunque la mia fava
in quel vulcano cheto che nascondi
lascia che dal contatto sprizzi lava,
miele che cola, e cento e mille affondi!

E quando sentirai la carne dura
entrare nella carne che l’accoglie
allora, scoperchiate le tue voglie,
saprai quanto n’è dolce la natura.

Apri le cosce, troia, e non frignare!
l’imene intatto non dà virtù nè vanto:
ora gorgogli quel tuo sciocco pianto
domani sarai tu a voler chiavare!

——————————————————————————–

IV

Non mi lasciare, amor, non andar via
non scivolar dal cazzo proprio adesso
questa scopata è stata un gran successo
fermarsi adesso sarebbe una follia
Apprezza ancora un poco la sostanza
del turgore novello del mio sesso
anzi a cotal durezza non è ammesso
prender licenza senza riluttanza

se la fica arrossata non l’accetta
se il culo si lamenta ch’è malmesso
tu prova a carezzarmelo lo stesso
prova a succhiarlo o fammi una pugnetta.

Se Priapo ti tributa tanto onore
non lo cacciar per tema dell’eccesso
e non pensare poi che accada spesso
avere il cazzo duro per sei ore!

——————————————————————————–

V

Anna rimembri ancora la tua prima volta?
Ricordi ancora il membro che spingeva…
lui ti baciava, rideva e sorrideva…
un colpo solo e la mazza era accolta…
Ricordi ora l’ultima che hai fatto?
Lui intostato pompava come un mulo…
tu che godevi e gli dicevi: matto,
oltre alla bocca, la fica e anche il culo?

Ma questi versi ahimè non son bastanti
a rinnovare gli umori ed i piaceri
che bagnano asprigni le mutande
come san farlo solo i cazzi veri.

Pensami allor dappresso, a te vicino,
pensa al mio baffo che punge la tua fica:
con gli occhi chiusi fatti un ditalino,
dolce, lontana, porca e pazza amica. FINE

About Erzulia

Colleziono racconti erotici perché sono sempre stati la mia passione. Il fatto è che non mi basta mai. Non mi bastano le mie esperienze, voglio anche quelle degli altri. Aiuta il sito chattando con le ragazze cliccando QUI. Iscrizione gratuita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.