Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Prostitute / Il freddo
copertina racconto erotico

Il freddo

Lo sentite? Come non lo sentite? Il freddo.
Ho freddo, non riesco a scaldarmi. Il cuore. Con nessuno. Provo a scaldare il mio corpo e il cuore di qualcuno ma loro non lo sentono.
Ho freddo. Dentro. Esce calore, lo perdo, ma nessuno lo sente. Nessuno si affeziona, non ne vale la pena per me.
Se mi affeziono, se voglio essere abbracciata, baciata, fuggono.
Volevo essere abbracciata. E lui me l’ha dato l’abbraccio. Volevo sentirmi stretta a qualcuno e lui mi stringeva. Con le sue braccia. Volevo sentire il suo odore addosso. E si strusciava contro di me lasciandolo. Volevo complicità di pensiero. Non l’ho ancora trovata ma lui mi scaldava il cuore. Volevo affezionarmi essere gelosa del suo cazzo. L’ho fatto. Lui no.
<<mi scoccia se scopi con un altro ma non posso impedirtelo>> solo questo sono stata. Tre volte. Tre volte mi ha chiesto di stare con lui. Era preso da me. Ho detto no. Per paura. Ora è lui che non vuole più. Non ha più bisogno del mio corpo. Voleva infilarmi la lingua in gola. Li chiamano baci. Ora che ha scoperto il mio affetto non vuole più.
Erano baci da scopata non baci d’affetto.
<<meglio la verità che farti soffrire>> la loro verità è sempre diversa dal mio sentimento. Altri mesi passati, giorni trascorsi insieme, notti di calore, abbracci d’amore, solo un sentimento superficiale. Il ti voglio bene di circostanza. Un cazzo che pompa dentro la tua fica è solo un membro esterno, un oggetto di piacere dentro la tua anima.
<<Mi piace fare l’amore con te, non è una scopata>> cosa conta un cazzo che dura 4 mesi o 1 anno? è solo un cazzo in una fica bagnata. Di chi sia non importa. Una fica bagnata che cerca affetto.
Come se cercasse se stessa. L’altra parte dello specchio. Ho solo un corpo di donna, un involucro esterno che svia gli altri. In realtà sono morta perchè lo specchio rimanda solo l’immagine esterna non le lacrime del cuore. Mi guardo allo specchio mentre lui mi monta da dietro, mi possiede. Non riesco a riconoscere la parte al di là dello specchio mentre l’orgasmo del suo cazzo pompa dentro di me inondandomi il corpo. Non il cuore. Mi accarezzava le cosce con la punta delle dita, risaliva pian piano lungo il solco delle mie gambe per arrivare alla mia fica già bagnata. Le mani degli altri mi graffiavano, sbavavano il loro desiderio su di me, lui mi accarezzava. Loro volevano sborrarmi in bocca, nel culo da troia, sul viso. Disprezzo. Lui voleva venire dentro di me. Loro si alzavano aggiustandosi il cazzo dopo l’orgasmo sgocciolando il loro piacere su di me. Lo spurgo del desiderio. Lui mi coccolava stringendosi a me come un amante, dormendo con me abbracciato.
Il suo cazzo era sempre pronto per me. Era sempre palpabile il desiderio che aveva di amarmi. Io volevo possedere quel cazzo. Non sempre mi piaceva la sua eccitazione di maschio ma sapeva come toccarmi la schiena, come leccarmi i capezzoli, come bagnarmi con la sua lingua, come prendere possesso del mio corpo con le sue mani. E poi durava ore il piacere fino ad accasciarmi esausta senza averlo soddisfatto.
Quattro. Il numero quattro. La doppia ambiguità: la mia e la loro. Lo sbaglio ad affezionarmi quattro volte. Chiudevo le gambe, stringevo il suo cazzo per non perdere il calore dentro di me. Era il mio cazzo. Il cazzo del mio uomo che godeva dopo ore di piacere, di mio piacere per i suoi colpi, perchè non godeva con me, non pensava a me. Pensava solo alla fica sotto di lui preoccupato che non si asciugasse, che non perdesse piacere. Non godeva con me. Lo credevo.
Talvolta mi faceva male, cercavo di contrarre il più possibile il piacere, perchè volevo godesse di me. Godesse di ogni parte del mio corpo. Non avevo guardato la sua immagine oltre lo specchio: non avevo visto che era solo un “rapporto del cazzo”. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.