Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Ricordi / Rievocazioni malinconiche
copertina racconto erotico

Rievocazioni malinconiche

Sdraiata sulla mia poltrona preferita rievoco con malinconia la mia vita, ora che sono sola. Anche Roberto, l’unica ragione della mia vita, il mio bambino mi ha lasciata per andare a studiare all’estero.

Mia madre, non ancora 18enne, mi diede alla luce 39 anni fa. Mio padre, suo coetaneo, la amò fin dalle scuole medie. Furono amanti precoci.
Vivevamo nella grande dimora di famiglia, ubicata sopra la tipografia dove mio padre Luca era occupato.
I miei giovani genitori, spensierati e felici, mi adoravano e mi vezzeggiavano, io ero il loro giocattolo più prezioso. Si amavano con passione e non avevano tabù nel farmi assistere alle loro continue effusioni amorose, a volte anche più bizzarre.
Ero abituata a vedere girare per casa mia madre nella sua splendida nudità di ragazza mora, bella, prosperosa. Così pure mia padre bellissimo giovane uomo, muscoloso, atletico.
Ero felice in quell’epoca infantile, morbosamente legata al mio papà per il quale stravedevo. Quando assistevo alle effusioni amorose dei miei genitori cercavo di imitare mia madre sostituendomi a essa con innocente gelosia infantile. Ricordo con quale passione abbracciavo il mio papà, baciandolo addirittura sulla bocca sbavandola, maldestramente chiamandolo con tutti i nomignoli che vezzosamente usava mia mamma.
Gioivo quando riuscivo a dormire stretta fra loro due e quando insieme ci trastullavamo nella grande vasca da bagno.
Non fui mai sorpresa, ne curiosa, quando vedevo quello strano pendulo del mio papà che io e mamma non avevamo. Mi sono incuriosita invece, ponendo precise domande, quando mi sono accorta che quell’appendice alcune volte aveva assunta una dimensione insolitamente voluminosa, evidentemente a causa di qualche gioco più spinto di mia madre.
In quelle occasioni le spiegazioni sono state semplici e dirette, ma in seguito non si è più verificato un evento simile. I miei genitori saranno stati più accorti.
La mia mente infantile registrò quell’evento perché in seguito più avanti spesso mi sovvenne tale ricordo.
L’infanzia passò così, in quella atmosfera familiare felice fino al bruttissimo giorno quando, in seguito ad una gravissima malattia, la mamma ci lasciò per sempre.
A 12 anni rimasi solo con il mio papà, affranto e disperato.
Il mio amore per lui era immenso, il mio dolore era attutito dal pensiero che avevo nel consolarlo. Le mie attenzioni di bambina alle soglie della pubertà erano più marcate, anche esagerate. Credevo, desideravo sostituirmi alla mia mamma che gli mancava. Nel contempo ero gelosissima di qualsiasi figura femminile potesse frapporsi fra noi. Diventavo isterica, cattiva con lui se osava minimamente tentare qualsiasi innocente rapporto con qualsiasi altra donna.
Mio padre, a sua volta, mi rivolgeva ogni tenera attenzione e nella sua perenne tristezza non smetteva mai di ripetermi quanto somigliassi alla mamma, man mano che crescevo.

Era l’età della pubertà anche precoce, direi, a 12/13 anni avevo già constatato inattesi cambiamenti corporei, rispetto alle mie coetanee. Il seno si era sviluppato abbastanza, da tempo erano comparsi i peli pubici ed ascellari così come il ciclo mestruale, che la prima volta mi aveva sconvolta.
Mio padre, in questo cambiamento del mio corpo, mi fu di grande aiuto. Senza nessuna remora, con semplicità e naturalezza mi fornì ogni delucidazione.
Io non avevo mai smesso di rivolgergli le solite affettuose effusioni che fin da piccola ero solita fare.
Lo straziavo di carezze e di baci anche sulle sue belle labbra immobili. Mi accucciavo, spesso, fra le sue braccia nel grande letto mentre lui teneramente mi stringeva a se, soddisfacendo ogni tipo di domanda gli rivolgessi o consolandomi per qualsiasi problema mi affliggesse.
A 14 anni ero già una donna completa, matura fisicamente. Cominciai a sentire uno strano calore su tutto il corpo quando ero stretta al poderoso torace di mio padre.
Non trascurai di informarlo di questa misteriosa piacevole sensazione. Lui con delicatezza mi spiegò che ero una donna ormai, che simili sensazioni erano naturali e che forse non era opportuno che lui ne fosse la causa. Difatti da allora ha cercato di evitare di trovarsi con me in circostanze così particolari.
Io ne soffrivo, desideravo sentire quel calore che per me era gioia pura. Ci pensavo spesso ormai ed ogni occasione era buona per tentare di riprovare quello strano piacere che si trasmetteva in modo più accentuato nelle mie parti intime, sentendo nel contempo brividi lungo le cosce da farmi piacevolmente perdere il controllo di me stessa.
Non mi confidai più, con Luca, su questo mio desiderio proibito perché capivo che avrebbe fatto di tutto per evitarlo.
Avevo scoperto che lo stesso piacere lo potevo provocare da me stessa esplorando con le dita intorno ai miei capezzoli, premendo la mano sul pube, accarezzandomi intorno alla natura fino a quando una sera ho sentito una sensazione di svuotamento accompagnato da un completo incosciente abbandono che mi ha lasciata confusa, spaventata, appagata.
Avevo provato il mio primo orgasmo sfregando con le dita fra le labbra della vulva, stuzzicando quel grilletto sensibile fra esse. Non avevo capito bene allora, mi sono discretamente informata con alcune mie amiche, ho cominciato a guardare con più curiosità i ragazzi, ho tentato qualche approccio con qualcuno di essi, ma non riuscivo ad entusiasmarmi di questo diversamente dalle mie compagne.
L’interesse era per il mio papà, bello, atletico, tenero. Era il mio ideale.
Lo cercavo continuamente, il cuore era colmo di gioia ogni qualvolta gli ero vicina. Fingevo tremendi malori per cogliere le sue preoccupazioni e ricevere mille coccole, tutte le sue carezza fino a rifugiarmi fra le sue braccia e carpirgli il fluido che mi procurava le sensazioni piacevoli del suo contatto.
Avevo 18 anni ed ero innamorata del mio papà. Desideravo le sue carezze, evocavo le sue mani forti e delicate come quando le vedevo vagare sul florido corpo della mia mamma.
Rievocavo nella mente quel poderoso membro che da piccola avevo intravisto. Ormai sapevo dell’importanza di quello strumento, che era anche di piacere. Lo sognavo ed era oggetto delle mie masturbazioni quotidiane.
Non m’importava che quell’uomo fosse mio padre, per me era l’uomo dei miei sogni pur consapevole che tali sogni morbosi non potevano essere condivisi, difatti soffrivo per l’indifferenza che dimostrava.
Mio padre non mi aveva mai dato l’impressione che avesse qualche legame con un’altra donna. Forse era attento perché conosceva le mie reazioni in merito.
Lui era completamente dedicato al lavoro della tipografia, tutta nelle sue mani ormai, ed alla mia educazione, alle mie necessità. Non me ne rendevo conto allora, nel mio egoismo giovanile.

Da qualche tempo dopo la morte della mia mamma, avevamo in casa una colf che accudiva alle faccende domestiche per qualche ora al giorno. Anna una signora di 40 anni, gioviale e rotondetta. Aveva due figli, gemelli, Angela e Ludovico, miei coetanei che spesso venivano a casa mia con la madre.
Angela era una ragazza carina, molto precoce in tutto, direi sfacciata, sempre pronta a raccontarmi le sue avventure amorose, ben condite, fantasiose o vere che mi lasciavano alquanto turbata.
Avevo notato come il fratello diventasse rosso, quando la sorella, direi, quasi sadicamente si soffermava sulla descrizione del membro maschile che lei sospirando diceva di adorare e di sognare di vederselo strofinare sul corpo, fra le tette, fra le cosce. A volte accentuava fissando il fratello negli occhi mentre diceva che noi non potevamo immaginare una cosa del genere se non la provavamo. Raccontava queste storie come se avesse una esperienza eccezionale. Ma io dubitavo molto, ero certa che fosse tutto frutto della sua fervida immaginazione e godeva nel provocarci. Ci riusciva perfettamente ed il fratello era il bersaglio preferito, forse anche per scuoterne la timidezza.
Ludovico, il gemello, difatti era molto timido, uditore silenzioso delle fantasie della sorella che immancabilmente subiva le provocazioni.
Quei due gemelli erano inseparabili, si percepiva il legame speciale che li univa. L’abitudine di stare sempre insieme li aveva resi dipendenti l’uno dell’altra. Angela però era la parte dominante, Ludovico il sottomesso. Ogni iniziativa partiva da Angela.
A quell’epoca ci frequentammo molto, eravamo diventati compagni di divertimento, amici.
Un giorno, io ed Angela eravamo sole e lei come al solito cominciò a raccontarmi una delle sue avventure erotiche. Non sono mai riuscita a capire fino a che punto fossero inventate. Io ascoltavo volentieri perché la ragazza era divertente e colorita nel linguaggio. Ma quel giorno dopo la solita risata che condiva il finale di una storia piccante, si fece seria e disse:
” Però, Wanda, il mio cruccio è Ludovico, così timido non ha mai conosciuto una ragazza intimamente. Ho tentato tante volte di lanciarlo verso qualche compagna, ma la sua timidezza lo blocca. ”
Le risposi:
” Non è certo un problema, credo che tanti come lui a 18 anni trovano difficoltà, con le ragazze. Ma prima o poi si sbloccherà. ”
” Spero, tra l’altro lui non dispiace alle ragazza, è molto carino.. è ben dotato. Io lo so!! Lo visto spesso di nascosto. Possiede un bellissimo argomento che non lascerebbe insensibile nessuna.
Se sapessi quante volte mi è venuta la tentazione di farmi avanti e svezzarlo io stesso. Sai non credo di essergli indifferente, lo sorpreso spesso a sbirciarmi di nascosto, spiarmi in bagno mentre faccio la doccia. Quando me ne sono accorta non sapevo se arrabbiarmi o sentirmi lusingata, ma ero emozionata. Non mi vergogno di confessartelo mi sono anche eccitata. Ti confesso che qualche volta l’ho anche provocato esplicitamente…. ma lui è così timido!
Sai come siamo legati ma avrei paura di un rapporto intimo… è mio fratello!
Ma come posso fare? .. Sai ho pensato a te. ”
” A me, in che senso? ” Risposi allarmata. Lei così prosegui:
” So che tu le piaci, sei carina con quelle forme? L’altra sera l’ho sorpreso mentre si masturbava, ti assicuro che ha un uccello favoloso. Non ne ho mai visto uno tanto bello. Lui quando se ne è accorto, naturalmente si è bloccato con quel gioiello in aria. è avvampato per la vergogna e balbettando ha tentato di scusarsi. Se sapessi quanta tenerezza mi ha fatto! . Gli ho chiesto, divertita, per tranquillizzarlo, se stesse dedicando quella sega a qualcuna in particolare. Al momento non ha risposto, tentando affannosamente di ricomporsi. Ma dietro mia insistenza mi ha confessato: – Si… a te…. poi si è corretto… no a Wanda – Prima sono rimasta lusingata.. poi sorpresa. Ma non sono gelosa di te. Sei una cara amica.
Ho cercato di farlo parlare e lui mi ha confessato timidamente che tu sei bella, che gli sei sempre piaciuta, ma che nessuno al mondo gli avrebbe dato il coraggio di farsi avanti. Mi ha anche confessato che anche io stesso lo faccio eccitare, con i miei atteggiamenti provocanti e quando racconto le mie storie che ho con gli altri ragazzi.
Avrei voluto abbracciarlo in quel momento e continuare io l’operazione che lui aveva improvvisamente interrotto. La tentazione era forte perché avrei volentieri imboccato quel meraviglioso uccello, succhiato e vezzeggiato stuzzicando quelle sacche pendule senz’altro piene di linfa.
Ohh Wanda! Non riesco a spiegarti meglio, pensa la sera stessa, non togliendomi dalla testa quella visione mi sono torturata la passera fino allo sfinimento, ho immaginato quell’uccello che mi sfondasse e mi facesse morire di piacere. Insomma io desideravo mio fratello e questo mi spaventava, nello stesso tempo sono gelosa di qualsiasi altra ragazza che non fossi tu. Per questo ho pensato che tu avresti potuto aiutarmi…. Tu avresti potuto iniziarlo. ”
” Ma cosa dici? ” Insorsi ” Ma non ci penso nemmeno! Io non sono mai stata con un ragazzo e…. poi io starò solo con l’uomo che amo. ”
” Non ti chiedo mica di congiungerti con lui. Basta divertirti un po’. Io posso insegnarti come devi fare! ” Mi rispose con fare da saputella.
” Ma io non desidero tuo fratello! Non l’ho mai considerato sotto questo aspetto”
” Ma chi desideri tu? Non mi hai mai parlato di qualcuno che ti piaccia veramente. Eppure mi racconti come ti tocchi godendo tanto! ”
Non potevo certo confessare chi fosse l’oggetto dei miei desideri, che mio padre era la mia ossessione erotica, che mi faceva sospirare e disperare, che solo con lui sognavo di fare l’amore. Mi ricordo, invece, che le risposi così:
” Tuo fratello per me è solo un amico, un ragazzino anche se abbiamo la stessa età, poi non vedi la differenza fisica? Io sono quasi il doppio di lui!
Io desidero un uomo maturo, forte, sicuro. Non basta un bell’uccello per fare un uomo. ”
Dopo di ciò non tornammo più su questo argomento anche se continuavamo a frequentarci e divertirci insieme.
Mi sono accorta qualche mese dopo di un atteggiamento diverso di Ludovico nei miei confronti. Era più sicuro, più spavaldo, mi sembrava che stesse perdendo quella timidezza che lo contraddistingueva.
I gemelli erano sempre più insieme, a volte li vedevo passeggiare tenendosi per mano, chiacchierando e ridendo. Chi non li conosceva poteva scambiarli per due innamorati.
Non approfondii se il famoso svezzamento di Ludovico fosse avvenuto. Sospettai che Angela stessa lo avesse attuato. All’apparenza c’erano tutte le premesse.
Angela continuava a raccontarmi le sue storie erotiche, anche più precise e dettagliate, ma non citava mai il fratello. Evidentemente la storia con il fratello era vera mentre a lei piaceva raccontare quelle fantasiose.
Non fui curiosa dell’eventuale rapporto incestuoso. Non m’interessava più di tanto. Io avevo gia la mia fissazione.
Passò ancora un anno con la mia ossessione ancora più consolidata per mio padre.
Ne ero terribilmente attratto, ogni giorno di più, decisamente lo desideravo e sempre più sfacciatamente cercavo di provocarlo.
Giravo per la casa spesso in reggiseno e mutandine, avevo imparato a valorizzare le mie procaci forme per attirare la sua attenzione. Mi sembrava una roccia o fingeva.
Mi chiedevo spesso: – Se agli occhi di qualsiasi ragazzo o uomo non sono indifferente, come sarà possibile che mio padre non mi vede con gli stessi occhi?
Evidentemente vedeva sempre soltanto la sua bambina anche se decantava con meraviglia, sospirando la sorprendente somiglianza con mia madre.
La disperazione ad un certo punto mi fece più audace, una domenica pomeriggio, facendomi constatare come la granitica indifferenza di mio padre potesse essere scalfibile.
Mio padre era un patito del calcio e si soffermava ad assistere ai programmi della tv su quello argomento.
A me non interessava gran che, ma mi sedetti accanto a lui sul divano, molto vicina.
Indossavo una gonna corta che non nascondeva niente. Appoggiai la testa sulla sua spalla facendo finta di guardare assorta come lui. Ero tesa allo spasimo, il cuore batteva a mille.
Ogni tanto, come di solito faceva mio padre, si girava per posarmi un bacio sulla guancia. Attesi con ansia un altro momento simile e quando mi accorsi che stava nuovamente girandosi mi trovai con la bocca all’altezza della sua ricevendo il bacio destinato al viso. Ne approfittai, socchiusi le labbra premendo trasformando il mio in un bacio d’amore.
Mio padre, dopo un breve paradisiaco attimo incollato alla mia bocca si ritrasse delicatamente con una leggera carezza sul mio viso. Non si scostò , anzi mi mise un braccio intorno.
Mi sono data più coraggio rischiando di rovinare tutto. Ho spinto il seno sul braccio strofinandolo leggermente. Lui era immobile, accorgendosi della mia manovra ancora delicatamente mi scostò alzandosi dicendo che doveva recarsi in bagno.
Al suo ritorno vide che avevo le gambe aperte e le mutandine bianche trasparenti a bella vista. Guardò ma subito abbassò lo sguardo. Io facevo finta di niente muovendomi sinuosamente.
Il cuore mi scoppiava in gola. Lui si era seduto di fronte, notavo una certa sua agitazione quando ogni tanto volgeva per un attimo lo sguardo fra le mie cosce aperte. Osai ancora affiancandomi di nuovo a lui ritentando la manovra di prima. Lui non mi strinse a se come prima ma posò la mano sulla mia coscia nuda, forse inavvertitamente. Sussultai e tremai dall’emozione. Posai la mia mano sulla sua e piano piano la trasportavo verso l’alto, lui lasciava fare.
Notai delle perline di sudore sulla sua fronte, intanto la sua mano ormai premeva a metà della mia coscia. Ero tesa ed eccitata, forse qualcosa stava per succedere, allora ancora più audace ho spinto tutto il corpo chiudendo gli occhi dall’emozione, mentre la sua mano spinta da me era ormai sul sottile velo delle mie mutandine umide ma l’incanto fu interrotto dallo squillò del campanello dell’ingresso e mio padre si staccò di soprassalto.
Era una mia amica, m’ero dimenticata, dovevamo andare a vedere una partita di pallavolo femminile.
Ero felice anche se un’occasione era andata persa, ma avevo fatto un passo avanti.
Avrei ammazzata quella mia amica che dovetti seguire, inoltre quella svergognata ogni volta che vedeva mio padre gli faceva gli occhi dolci.
Assistetti alla partita ansiosa che finisse presto. Speravo di ripetere l’esperienza del pomeriggio, ma al ritorno mio padre non c’era, ritardava a rientrare.
Sono andata a letto agitata, quella sera mi sono masturbata come una pazza immaginando come sarebbe bello avere il mio adorato papà fra le braccia.

Le mie morbose manovre nei confronti di mio padre non lo lasciarono indifferente.
Non si arrabbiò, anzi era lusingato, ma preoccupato.
Ero la sua deliziosa bambina, che adorava, per cui evitò il più possibile di trovarsi in situazioni scabrose con me, anche se gli comparivo davanti agli occhi sempre più bella e sensuale.
Questo me lo ha confessato in seguito aggiungendo che cominciava a vedermi, in quel tempo, come la donna più desiderabile ed attraente, scandalosamente sensuale.
Il senso di colpa che provava per l’insana attrazione era attenuato, diceva, dalla constatazione che ciò fosse dovuto alla impressionante mia somiglianza con la sua adorata moglie, che gli aveva lasciato intatto il ricordo di quel dolce lussurioso corpo prematuramente staccatosi dalla vita.
Mio padre, però, in quel periodo non si stancava mai d’invogliarmi a frequentare gente della mia età, specialmente ragazzi dei quali nessuno m’interessava o mi andasse bene, cercava così disperatamente di fuggire da ogni tentazione sperando in tal modo che io distogliessi l’interesse morboso che avevo per lui..
Ero ossessionato dal desiderio ma mi mancava il coraggio di esplicitare in modo diretto e chiaro la passione che mi divorava. Ero anche timorosa di farlo soffrire perché intuivo come lui stesse combattendo con certi sensi di colpa di cui ero la causa.
Il tempo trascorreva struggendomi sempre più, ma mi adoperavo almeno di non deluderlo per tutti gli altri miei doveri filiali. Ero una perfetta donnina di casa, una studentessa coscienziosa e diligente, con un profitto di cui lui era orgoglioso.
Quando raggiunsi la maggiore età, Luca mio padre mi spronò a dare una festa per amici e conoscenti.
In quella occasione tentai ancora più disperatamente di sedurlo, nella confusione della festa e dei balli ai quali eravamo tutti dedicati.
Durante un ballo lento ero letteralmente incollata al corpo di mio padre. Il mio seno, alquanto prosperoso, contenuto in una insignificante maglietta, senza reggiseno, puntava i duri capezzoli sul petto villoso coperto da una leggera camicia. Le cosce quasi nude si insinuavano fra le sue puntando sfacciatamente all’inguine. Quel contatto diretto mi procurava brividi di piaceri e di eccitazione fra le braccia che mi tenevano strettamente avvinta.
Luca era silenzioso, senza dubbio turbato. Tremava! Sentivo il suo calore ma sentii con mio sorprendente stupore la sua formidabile erezione che premeva fra le mie cosce all’altezza del pube. Approfittai subito nel strusciarmi con decisione.
Questa volta non riuscì a controllarsi, finalmente era eccitato dal mio corpo!
Ero felice ed incosciente in mezzo a tutta quella gente, per fortuna, eravamo assiepati nella sala non abbastanza ampia.
Luca sorpreso a sua volta e, forse, pentito riuscì a farsi forza cercando discretamente di allentare il contatto e staccarsi posandomi un caldo bacio sulla fronte. Mi ha lasciata comunque eccitata ed inebriata senza che mi rendessi conto che per il resto della serata mi aveva invece evitata.
Facemmo tardi, mio padre sarà rientrato ancora più tardi, mentre dormivo, dopo che ebbe accompagnato alcuni amici.
Il mattino dopo uscii lasciando campo libero ad Anna, la colf, che doveva riassettare nel grande disordine lasciato la sera prima.
Al rientro, qualche ora dopo, come sempre, già dalle scale udivoi la musica soffusa che solitamente Anna ascoltava mentre si dedicava alle faccende di casa.
Entrai così senza essere udita dirigendomi verso la camera da letto di mio padre dove immaginavo fosse Anna. La porta era socchiusa, udivo la voce strana di Anna, diversa da quella che ascoltavo quando canticchiava mentre lavorava.
Accostai la mano al pomello della porta, non l’aprii tutta perché rimasi agghiacciata dalla sorpresa, la luce della camera più forte di quella dell’atrio, ove mi trovavo, mi permetteva di vedere lo spettacolo sconvolgente che è rimasto intatto nella mia mente.
Tremavo dalla testa ai piedi, il cuore stretto. Sognavo? Ero vittima di un tremendo incubo? Mi conficcai le unghia nel palmo delle mani con forza. Non riuscivo a credere ai miei occhi. Non mi sembrava reale a ciò che assistevo. Trattenni il respiro e guardai. Non era un’illusione!
Anna con le mani appoggiate sul bordo del letto, con l’ampia vestaglia arrotolata sulla schiena, arcuata con le natiche bianche in aria, riceveva con colpi feroci quell’enorme perno di mio padre.
Il mio papà!! Il Traditore!!
Stantuffava con ferocia in quelle cosce oscenamente aperte, era in piedi, rigido, con i pantaloni abbassati alle ginocchia.
Luca era di fianco, con il dorso rivolto alla porta. Potevo vedere ogni dettaglio. Distinguevo il viso estatico della femmina ed il piacere che provava era così intenso mentre il meraviglioso bastone di gioia si ritraeva e riaffondava in quella golosa vagina.
Il viso di mio padre aveva un ghigno sadico, trasfigurato dal furore erotico che faceva sobbalzare quei fianchi larghi e pieni di Anna.
Udivo i sospiri, le grida, i momenti d’estasi della donna frammisti ai ruggiti di mio padre.
Ero vergognosamente eccitata da quella scena lubrica ma avevo la morte nell’animo, perché non potevo credere che quell’uomo fosse mio padre, ma ero nel contempo affascinata da quel mostro lungo e grosso sentendomi percorrere da un brivido delizioso per tutto il corpo.
Ma come era possibile che quella donna odiosa l’avesse ridotto in quello stato?
Lo spettacolo era interminabile, mentre i gemiti soffocati della loro estasi stavano esasperando la mia dolorosa gelosia.
Mi trattenni dall’irrompere in quella stanza, mentre le nocche della mie dita erano bianche per la forza con cui premevo il pomello della porta.
Per quale motivo non riuscivo ad interrompere quell’atrocità? Cosa mi tratteneva? Mi piaceva quello spettacolo doloroso?
Sentii distintamente la donna esclamare:
” Oddio…….. ohhhhh!! ” con un lungo sospiro, mentre Luca stremato si abbatteva, con il perno inficcato, sul corpo di Anna che a sua volta si era accasciata sul letto.
Ora erano tutte e due di fianco e di spalla alla mia visuale. Guardavo disperata e stavo per scappare via quando udii Anna:
” Signor Luca!! Come può essere accaduta una cosa simile? Che bello però! ”
“Non so nemmeno io, Anna, mi devi scusare, devo aver perso la testa quando sono entrato e ti ho vista accovacciata con quel tuo meraviglioso sedere per aria, tutto nudo. Ma non porti mai le mutande? ”
” Ma no! Ero sudata ed accaldata, ho dovuto faticare per pulire e mettere in ordine dopo tutta la confusione che avete fatto ieri sera, allora ho fatto una doccia, mi sono coperta solo con una vestaglia e mi sono messa a rifare il suo letto, quando mi sono sentita afferrare da dietro ed infilata senza nemmeno rendermene conto. Ma poi non si scusi, sa! Occasioni simili non me ne sono più capitate da un bel pezzo. Mi mancava una passata simile!!
Anche lei pero! Si vede che è tanto che è a digiuno! ”
” Si Anna, hai proprio ragione! è tanto davvero! Sai mi sono completamente tuffato nel lavoro e dedicato alla mia bambina. Sai, nessuna donna ha mai potuto sostituire mia moglie! ”
“Ho visto dalle foto come è impressionante la somiglianza di Wanda con la sua povera signora, sarà anche quello che gliela farà ricordare in continuazione! ”
” Si Anna, mi sembra sempre di averla davanti agli occhi, così bella, così fresca, cosi…. ! ” Non va oltre , poi prosegue: ” Ieri sera Wanda era splendida, mi è sembrato di rivivere la festa dei 18 anni di Rosa, mia moglie. Eravamo già sposati allora e nostra figlia aveva qualche mese. ”
” Signor Aldo, ma lei è ancora tanto giovane, deve darsi da fare, cercare una brava ragazza. Non si può vivere soltanto di ricordi sa! Lei ha bisogno di una donna. ”
” Sai Anna, non è facile. Wanda mi è troppo attaccata, non so se sopporterebbe un’altra donna vicino a me! ”
” Comunque, Signor Aldo è un peccato, quel suo bel matterello ogni tanto però deve tenerlo in allenamento! ” Così dicendo allunga la mano verso il membro a riposo accarezzandolo lievemente, sospirando:
” Può ancora approfittarne, se vuole! ”
Udito questo, ancora più disperata mi allontanai, sarei morta se assistevo alla continuazione.
Uscii, vagando per la città inebetita dalla disperazione per lunghe ore.
Non riuscivo a staccare dalla mente quella scena odiosa che forse si stava ripetendo.
Non avevo mai immaginato un amplesso simile, così crudo, con quel fascino violento.
Avevo sempre sognato, immaginando il mio papà, dolce, affettuoso, delicato, che avrebbe fatto solo a me mille carezze; che mi avrebbe condotta nel paradiso del piacere assoluto; che avrebbe donato a me, solo a me quel meraviglioso strumento di piacere.
Soffrivo ancora di più pensando che lui la sera prima mi aveva desiderato.
L’avevo sentita quella protuberanza fra le mie cosce mentre ballavamo insieme! Invece?
Mi aveva tradita, spudoratamente.
Non rientrai per tutto il pomeriggio. Avevo il folle desiderio di punire il mio papà, immaginando scenari diversi dove si doveva disperare per il torto che mi aveva fatto. L’avrei voluto ai miei piedi per chiedermi perdono, scongiurarmi ed io solo così l’avrei perdonato e costretto ad abbracciarmi, accarezzarmi a farmi sua.
Non mi sfiorava minimamente per la mente il dramma interiore che attanagliava mio padre per il desiderio carnale per la propria figlia.
Non immaginavo quando fosse torturato dal pensiero lussurioso per la sua bambina.
L’ho capito in seguito che quell’atto, quell’amplesso furioso e rapido che aveva consumato con Anna, non era altro che lo sfogo di quella tensione erotica che era giunta al culmine proprio alla sera del mio compleanno.
A quel tempo questo non potevo capirlo, accecata dalla passione.
Quel pomeriggio, dopo aver allentata la rabbia sfogandomi con un disperato pianto liberatorio, ritornai a casa. Era molto tardi, mio padre mi attendeva preoccupato ed arrabbiato per non averlo avvertito di tale ritardo.
L’ho avevo lasciato in ansia con tanti brutti pensieri. Aveva telefonato a diversi amici e conoscenti.
Vedendomi strana e con gli occhi arrossati per il pianto si preoccupò ancora di più, facendomi mille domande. Se non mi fosse successo qualcosa, se qualcuno mi avesse fatto del male.
Io ascoltavo muta al suo sfogo con un’intima sadica soddisfazione, ero ancora arrabbiata, volevo farlo soffrire e senza dargli risposta mi sono chiusa in bagno per ritemprarmi con una doccia ristoratrice.
Quando uscii, mio padre era ancora li, preoccupato ricominciando a interrogarmi. La rabbia era sbollita ed ora mi faceva tenerezza la sua ansia stampata sul bel viso. Ma ritornandomi alla mente quello stesso viso estatico mentre pompava la colf, mi rimontò la rabbia. Allora esplosi, gridando:
” Non eri così ansioso, stamani però.. quando fottevi quella cagna! Vi ho visto sai! ”
Mio padre mi guardava sbalordito, con gli occhi sbarrati:
” Cosa hai visto… cosa? ” balbettò
Allora scoppiando a piangere gli raccontai come li avevo sorpresi, come ero rimasta scossa ed addolorata, come avevo trascorso il pomeriggio con l’animo stravolto.
Mio padre allora, intenerito, mi attirò a se e tenendomi stretta mi disse:
” Mi dispiace tesoro! Oggi non ho resistito quando ho visto Anna in quella posizione eccitante.
Non sono riuscito a resistere. Non mi è mai successo una cosa simile.
Ero già turbato. Non ho chiuso occhio stanotte per quello che mi è successo ieri sera…. tu lo sai!
Perdonami tesoro mio, ti voglio tanto bene. ”
Udendolo parlare così, mi strinsi ancora di più a lui con passione e cominciai a baciarlo dappertutto fino ad attirare la sua bocca sulle mie labbra, fremente, incollandole in un vero bacio d’amore.
La resistenza di mio padre durò poco, perché rispose attivamente.
Mi massaggiava la schiena con le sue mani morbide e calde, vagava sulle anche, sulle cosce. Nel frattempo ho lasciato scivolare la vestaglia di dosso rimanendo completamente nuda. Intanto mi sono adoperata con più fretta possibile, per paura che la magia scomparisse, a fare scivolare giù i pantaloni del pigiama di mio padre, che aveva già un’erezione eccezionale.
Lui ormai aveva perso il controllo e lasciò a me l’iniziativa. Ero affannata e stravolta dall’eccitazione a mia volta, lo spinsi sul letto affannosamente liberandolo completamente da qualsiasi altro indumento.
Gli ero letteralmente saltato addosso e lui sotto di me si lasciava straziare dalle mia mani avide di quel corpo tanto sospirato. Il fallo svettava con tutta la sua potenza. Lo contemplavo, lo toccavo, finalmente, lo stuzzicavo. Palpeggiavo i testicoli gonfi, ero goffa nelle manovre. Accovacciata su di lui, non sapevo cosa fare, ma guidata dall’istinto, afferrai il membro, mordendomi le labbra dall’eccitazione, mentre lo spingevo verso la mia bagnatissima vulva, cercando di introdurvelo..
Mi sentii dilatare, era una sensazione forte quella di sentirmi inesorabilmente aprire la parte più intima, più nascosta del mio corpo.
Mio padre mi guardava attonito, scongiurandomi:
” Cosa fai? ? Bambina… non farlo ohhhh” Era rigido, fermo non reagiva. Facevo tutto io.
Il leggero dolore, per l’anomala intrusione, andava scomparendo annullato dal piacere che cresceva.. cresceva.
Il glande incontrò l’ostacolo della mia verginità, mentre lui mi fissava negli occhi, spaventato e sorpreso per la rapidità di come si erano succeduti gli eventi.
Mi calavo inesorabilmente, obbligandolo a darmi tutto quel membro enorme, per vederlo finalmente vinto, annullato.
Con lui fermo, mi strozzò un urlo in gola mentre io stessa abbattevo l’ostacolo della mia verginità.
Il dolore acuto svaniva con la sensazione nuova di sentirmi riempita per la prima volta da quel membro così grosso e duro.
Luca si era immobilizzato sotto di me, forse per dare tempo al mio corpo di adattarlo al fallo impiantato.
Ormai lui era vinto, la libidine aveva preso il sopravvento dopo la lunga tensione del desiderio represso per il suo senso di colpa.
Era tutto in me, avevo gli occhi chiusi per la beatitudine.
Prese lui il comando, mi afferrò i seni sfiorandomi i capezzoli, che non avevo mai sentiti così ritti, facendomi gemere. Poi sempre fermo dentro di me alzò la testa accostandola al seno per succhiarmi i capezzoli e l’aureola intorno.
Cominciò a muoversi lentamente, conficcandosi sempre più nel profondo.
Istintivamente seguivo il suo andamento lento roteando il bacino sul piolo.
Mi inarcai per riceverlo ancora di più e lo sentii squarciarmi con alcune potenti spinte fino a quando urlai il mio primo vero, violentissimo orgasmo.
Godevo intensamente, con scosse che ad un certo punto mi procuravano un nuovo intenso dolore.
Mio padre percepì questa mia sensazione e mi staccò da se, adagiandomi di lato.
Cominciò ad accarezzarmi il viso beato, mi pose mille baci su tutto il corpo, vagava lievemente su tutti gli angoli di esso con lievi massaggi che mi facevano sentire ancora più bene.
Nell’incoscienza del piacere intenso riuscii ad accostare questo particolare momento riconducendolo a quelli, quando da bambina mio padre mi deliziava solleticandomi e sbaciucchiando il mio corpicino facendomi lanciare acuti strilli di gioia. Anche allora chiedevo continuamente al mio papà quel piacere infantile che amorevolmente mi procurava.
Il mio papà ora stava adorando la sua bambina che aveva resa donna. Non aveva infierito sul mio corpo.
Si era fermato senza raggiungere il suo orgasmo. Si era dedicato solamente al mio piacere.
Come lo amavo! Mi accarezzò a lungo tanto da farmi quasi desiderare di non svegliarmi dal sonno che sopraggiungeva dopo quell’infinito incanto.
Una nuova vita ebbe inizio per me, da quella sera.
Non ero mai appagata dagli amplessi appassionati del mio papà.
Non mi stancavo mai di possederlo, di essere posseduta. Lui aveva una resistenza eccezionale, godeva usando mille precauzioni, solo dopo che io ero sfinita ed avevo raggiunto orgasmi molteplici. Mi lasciava sempre disfatta e soddisfatta.
Io volevo di più, il mio amore si moltiplicava, un istintivo desiderio di maternità mi prendeva più spesso. Lo esternai a mio padre il quale si spaventò.
Lui mi disse che l’amore per la sua bambina-donna, la passione che lo travolgeva, il desiderio perenne per il mio corpo incantato, aveva sbaragliato ogni turbamento, ogni senso di colpa per il rapporto incestuoso, ma non poteva assecondarmi anche in questo mio nuovo desiderio.
Aveva paura.
Era sempre più attento, ma io ero decisa, ormai. Cominciai a studiare mille strategie per rimanere fecondata, era più forte di me.
L’amore per l’uomo, ormai della mia vita, che mi aveva messo al mondo, non poteva non perpetuarsi con un’altra nuova vita.
Non ci sarebbe stato un frutto dell’amore più vero, più bello, più sospirato.
Avrei vinto anche questa battaglia ed affilai le armi.
Una sera, dopo tre intensi mesi di interminabili schermaglie colme di lussuria e di libidine riuscii nel mio intendo, adoperandomi affinché mio padre, perdendo il controllo che lo aveva contraddistinto fino ad allora, depositasse incautamente il seme per una nuova vita.
Quella sera fu la volta buona, il mio periodo fertile era al culmine, la mia determinazione anche.
Dovevo inesorabilmente assumere ogni iniziativa, diversamente dal solito, perché il mio papà me ne lasciava poca, con la sua bravura, la sua esperienza, la sua passione che era capace di controllare.
Mi ero preparata in modo volutamente provocante, vestita di una sottile trasparente sottoveste che avvolgeva il mio corpo rendendolo altamente sexy. Mio padre era incantato.
Cominciai a sottrarmi subdolamente alle sue audaci carezze, sorprendendolo ed eccitandolo esasperando la sua lussuria. Lui cercava di succhiarmi i capezzoli rigidi con quelle calde morbidi labbra ed io come un’anguilla mi giravo sul suo corpo costringendolo a subire, invece i miei morsettini sul tutto il suo corpo per soffermarmi in modo esasperante sui suoi capezzoli ancora più sensibili dei miei, facendolo vibrare.
Lui cercava di straziarmi la vulva con i suoi baci intensi ed i titillamenti sublimi del clitoride. Io sottraendomi, ancora, afferravo il suo membro spasmodicamente eretto costringendolo a sottostare alle mie carezze delicate con le mani, con la lingua avvolgente con la bocca ingorda, succhiando con inusuale abilità quella verga adorata, conducendolo sull’orlo dell’orgasmo, ma fermandomi giusto in tempo per implorarlo languidamente a prendermi, penetrarmi con quel bastone luccicante. Lo implorai di fare presto, perché soffrivo per l’eccitazione, non ce la facevo più.
Questo mio invito accattivante, implorante, sensuale lo eccitava ancora di più e lui, a sua volta al massimo della sopportazione, non perse tempo nell’esaudirmi penetrandomi con un sol colpo violento e profondo.
Si agitava dentro di me con una sofferenza al limite del parossismo, stava perdendo il controllo per la libidine profonda.
Io mi affrettai ad avvolgere le sue anche nella morsa d’acciaio delle mie gambe, per non farlo uscire dalla mia vagina che lo accoglieva così bene.
La sua tensione era ai limiti, la mia ansia di sentirlo scoppiare dentro di me era spasmodica… ed il miracolo avvenne.
Un misterioso istinto mi rivelò che la linfa calda, vitale, che m’invadeva in concomitanza con il nostro reciproco piacere, aveva raggiunto l’habitat che la natura aveva destinato al miracolo della vita.
Quella sera fui fecondata, mentre mio padre, forse, consapevole di ciò si era fermato in me, distrutto, abbattuto sul mio corpo, stretto fra le mie braccia. FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Occhi di cielo

L’aria fresca d’aprile gli soffiò in faccia mentre accendeva il motorino. Non pioveva da parecchi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.