Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / La mia compagna Mariaeva
copertina racconto erotico

La mia compagna Mariaeva

Mariaeva è una mia compagna fighissima: 1, 85, magra e porta una 4°.
Il mio sogno è ambientato nella palestra della scuola dove tutti gli altri erano usciti a fare una prova di corsa ma io e Maria siamo rimasti perché non facevamo ginnastica quel giorno. Mentre eravamo lì seduti a parlare, lei si è alzato congedandomi perché doveva andare a ripassare nello spogliatoio delle femmine.
Dopo che lei se ne era andata mi alzai anch’io e mi avviai nella stessa direzione… Fuori dalla porta mi fermai e mi accostai: ad un tratto cominciai a sentire dei strani versi di piacere provenire dall’interno e ipotizzai che si stesse masturbando.
Ad un certo punto decisi di entrare silenziosamente ma non trovai solo Maria a masturbarsi infatti era distesa sul pavimento a scopare con un’altra mia compagna: Elisa.
La voglia fu talmente tanta che senza pensarci mi tolsi la maglia e mi sfilai i jeans, ma mi mentre mi spogliavo le due lesbiche si accorsero di me.
Maria schizzò in piedi per non farsi vedere ma Elisa allargò ancora di più le gambe masturbandosi.
Ad un tratto si alzò anche lei e, dopo esserci dati uno sguardo d’intesa, ci siamo avviati tutti e due verso Maria, che era rifugiata in un angolo.
Mentre ci avvicinavamo Maria era sempre più impaurita.
Una volta vicini Elisa la prese, si sdraiò e se la mise sopra come se la stesse inculando! Però quando mi avvicinai io Maria si cercò di ritirare ma Elisa, da sotto, le allargò le gambe per farmi penetrare.
Appena la mia cappella toccò la figa di Maria, lei lanciò un urlo di piacere e cominciò a seguire il mio ritmo.
Poi la girai e incomincia a incularla mentre con una mano penetravo nella figa bagnata di Elisa che stava godendo un casino.
Quando mi accorsi che stavo venendo chiesi chi delle due volesse ingoiare il mio sperma ma a quel punto entrambe si fecero avanti ma io scelsi Maria perché era la più figa, quindi gli misi tutto il mio cazzo in bocca ma quando scoppiò la sborra era troppa e gli scese sul mento e sulle tette. Elisa cominciò a baciarla per leccare lo sperma rimasto e cominciò anche a leccargli le tette.
Ad un tratto sentii la campanella di fine ora ma in realtà era la mia sveglia! Ma ora guardo con occhi diversi quelle due vacche delle mie compagne… FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Amore semi-incestuoso

Mi immergo nell’odore acre e untuoso della stazione: sono appena arrivato in questa città. A …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.