Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / La mia prima volta. Lara.
copertina racconto erotico

La mia prima volta. Lara.

Mi chiamo Lara, ho 26 anni felicemente sposata, sono napoletana ma vivo al nord e precisamente al Lago di Garda. Sono una vera porcellina (per andarci leggera) ed ho deciso di iniziare a scrivere una delle mie tante avventure sessuali, premetto che sono una esibizionista da tempi remoti ma solo da un anno circa insieme a mio marito facciamo lo scambio di coppia e tutto è nato per casualità grazie anche alla furbizia o direi intuito del mio amore (mio marito). Il tutto è iniziato per la prima volta a Dicembre del 2001 ora vi racconto: Un giorno mio marito ed io decidemmo di andare a farci una bella passeggiata e magari anche a cena in un ristorante, durante il tragitto mio marito Angelo mi chiese di fare un giochetto, al che io gli domandai che tipo di gioco e lui mi disse: una domanda a testa e la risposta deve essere la verità senza nascondersi dietro a paure o preoccupazioni o imbarazzo di nessun tipo. Io a quel punto gli risposi di si che ci stavo ma vi confido che mai avrei sospettato che mi chiedesse: quale il tuo sogno erotico? io dopo un po’ di imbarazzo e dietro la sua sollecitazione a rispondere gli dissi, che il mio sogno erotico era di fare sesso insieme a lui ed un altro maschio.

Poi io chiesi a lui qual era il suo di sogno erotico e mi rispose che era quello di fare sesso con me ed un altra donna, finimmo per riderci su perché ci sembrava una sciocchezza e mai realizzabile (almeno io lo pensavo), beh non ci crederete ma mi sbagliavo di grosso, il 30 dicembre dello stesso anno quindi un mese dopo circa mio marito mi disse che a cena da noi per l’ultimo dell’anno si sarebbe aggiunto un nostro amico in comune (per l’occasione lo chiamerò Luigi) in quanto per motivi di famiglia era rimasto solo a casa e non gli sembrava giusto per l’amicizia che ci legava fargli trascorrere il capodanno da solo, la cosa poi non mi diede per niente fastidio anzi a noi è sempre piaciuta la compagnia figuriamoci poi di un amico carissimo. Verso le ore 17. 00 del 31 dicembre ci raggiunse Luigi, dopo i vari abbracci e baci con affetto dati e ricevuti io ero in cucina che preparavo il pranzo e sia mio marito che Luigi si erano chiusi in camera a incasinarsi con il pc, fatta sera incominciammo a cenare scherzare etc. etc. a mezzanotte il solito rito del brindisi a base di champagne che Luigi aveva portato per l’occasione, finito il tutto continuammo a chiacchierare del più e del meno e finimmo per andare in camera da letto dove c’era il computer. Mio marito lo accese e incominciammo a chattare in un sito così per fare gli auguri a chi come noi era rimasto a casa, tra risate chattate e auguri mio marito ad un certo punto spense la luce della camera da letto e accese il faretto sulla scrivania, disse a me di continuare a scrivere in chat perché si era scocciato io mi sedetti e presi il suo posto sulla sedia.

Dopo pochissimi istanti che mi ero seduta incominciò a baciarmi sul collo davanti a Luigi io gli dissi di smetterla che sennò non riuscivo a scrivere e lui di rimando mi rispose e chi se ne frega facendo scoppiare dal ridere anche il nostro amico. Beh ad un certo punto girò la sedia mi fece alzare e senza problemi mi sfilò il vestitino che indossavo lasciandolo cadere ai miei piedi e mettendomi davanti al nostro amico in intimo. Indossavo come sempre faccio, un bel perizoma, autoreggenti reggicalze e senza reggiseno ero imbarazzata ma la cosa non nascondo mi piaceva un sacco, mio marito notò questo e senza indugi per mettermi a mio agio mi sussurrò che la cosa era eccitante anche per lui e mi sussurrò all’orecchio di abbassarmi e di prendere il cazzo di Luigi in bocca cosa che anche se con titubanza feci con piacere, misi le mani sulla patta dei pantaloni di Luigi e mentre gli tiravo giù la cerniera mio marito da dietro infilava le sue dita nella mia figa già bagnata di umori ed eccitazione mi abbassai e incominciai a succhiare con avidità il cazzo di Luigi che devo dire era grande. Lo sentivo crescere sempre di più nella mia bocca diventò durissimo lo leccavo con passione e mio marito continuava a titillarmi il Clito sempre più velocemente fino a che non ebbi un bel orgasmo che durò almeno 3 minuti. Dopo che ero venuta, quel porcellino di mio marito mi tolse il perizoma lasciandomi solo con le autoreggenti e mi disse di mettermi sul letto. lo feci con piacere e senza pensarci su due volte, appena sul lettone mi raggiunsero belli nudi con il loro cazzo durissimo. Luigi si sdraiò alla mia sinistra e mio marito mi disse di sedermici sopra allora con non poca fatica mi feci scivolare il suo cazzone tutto nella figa e incominciai a cavalcarlo.

A quel punto sentii la lingua di mio marito che mi leccava il buchetto e senza che me ne rendessi conto stava già stuzzicando il mio buchetto con la sua cappella mi sussurrò di fermarmi un attimino e me lo spinse piano piano dentro, sentii un po’ di dolore ma appena dentro fui avvolta da una eccitazione tale che imploravo tutti e due di scoparmi come una troia cosa che fecero senza perdere tempo. Che bello, avevo due cazzi dentro, uno nella figa e un altro in culo mi sentivo una troia felice e più gridavo e più loro ci davano dentro come tori infuriati. Dissi a mio marito di spingerlo fino alle palle era troppo bello avere due bei cazzi a mia disposizione, gli dissi che volevo leccare le loro cappelle e ingoiare la loro sborra calda, in men che non si dica me lo sfilarono dal culo e dalla figa e si misero sul letto e allora a quel punto io incominciai a leccare un po’ l’uno e un po’ l’altro fino a quando non mi vennero in bocca. Mi scorreva la sborra sulle labbra una bella sensazione e piacevolissima sorpresa visto che mai avrei pensato di arrivare a tanto, chiesi a loro se erano soddisfatti e contenti si guardarono negli occhi e dissero, si certo ma adesso tiracelo su di nuovo che vogliamo scoparti ancora.

Beh cosa vi devo dire, incominciai a leccare i loro cazzi la loro cappella ancora umida di sborra e appena si indurirono di nuovo nella mia bocca incominciarono a scoparmi come mai avrei pensato in tutti i buchi mi fecero venire altre tre volte e ogni volta era bellissimo. Mi scoparono nel culo a turno e a turno mi riempirono nuovamente la bocca di sperma calda, cosa che ho gradito con piacere e dimostrato a loro ingoiandola tutta. Il mio sogno erotico grazie a mio marito divenne realtà, questa è stata la mia prima volta. FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Leggi anche

copertina racconto erotico

La mia prima prima volta

Quando ero giovane ed un po’ imbranato, avevo da poco compiuto 18 anni, avevo una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.