Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Sogni / La prima volta. La cena è finita
copertina racconto erotico

La prima volta. La cena è finita

La cena è finita, stiamo ancora seduti un po’ a tavola, guardandoci negli occhi.
Nessuno dei due parla, quasi a non voler sciupare l’atmosfera che ci circonda. Ci alziamo e ci avviciniamo l’uno all’altro. I nostri visi si sfiorano, inaliamo i nostri profumi, le nostre mani si cercano, si trovano. Ci stringiamo in un lungo abbraccio.
Senza dire una parola lasciamo la stanza e saliamo le scale, sempre mano nella mano, sempre in silenzio. Entriamo in camera e ci sediamo sul letto. Ci baciamo a lungo, le nostre mani scendono sui nostri corpi, ci accarezziamo. All’improvviso ci blocchiamo.
Lei mi guarda a lungo. è giunto il momento, entrambi sappiamo che stasera ci ameremo, entrambi sappiamo che stasera ci doneremo l’uno all’altro. Mi alzo in piedi, lei mi segue e comincia a spogliarmi, mi toglie la camicia, accarezza il mio petto e lo bacia. Si stringe a me, le sue labbra salgono verso il mio collo, lo sfiorano, lo accarezzano, lo baciano. Si china, mi toglie i pantaloni e poi si ferma. è il mio turno. Con mano tremante sbottono la sua camicetta e la tolgo. Uno stupendo reggiseno nero di pizzo, fa capolino e incornicia il suo piccolo ma allo stesso tempo delizioso seno. Le tolgo anche quello e rimango a fissare il suo petto nudo. La stringo a me, il contatto tra le nostre pelli nude è elettrizzante, sento il calore del suo corpo sul mio. Le nostre mani scivolano sulle nostre schiene. Stiamo a lungo abbracciati, poi ci scambiamo un bacio improvviso, violento, lungo, quasi animalesco. Le nostre lingue rovistano nella bocca dell’altro, scavano, vanno in profondità. Sentiamo il respiro farsi sempre più affannoso, i nostri movimenti più audaci, le nostre carezze più spinte. Poi all’improvviso riprendiamo il controllo, le nostre labbra si staccano. Non una parola, non un sussurro, il silenzio regna. Lei si sfila la gonna e le calze e si distende sul letto. Giochiamo un po’ ognuno con il corpo dell’altro, finchè non riusciamo più a trattenerci. L’attesa è un dolce supplizio, ma in questo momento è difficile resistervi, poichè ognuno sa cosa abbiamo intenzione di fare, sappiamo che questa volta non ci fermeremo.
La guardo. è bellissima, con quell’aria da bambina innocente, ma allo stesso tempo maliziosa e piena di deliziosi presagi. Vorrei gettarmi su di lei, farla mia subito, sento l’eccitazione che cresce dentro di me, la desidero, e vedo nei suoi occhi il desiderio corrisposto, come se mi supplicasse di farlo, come se mi implorasse. C’è anche dell’altro, leggo un po’ di timore, forse ansia, sta tremando anche se non vuole che me ne accorga. Mi giro, prendo la scatoletta che lei stasera mi ha regalato, sfilo un profilattico e mi volto nuovamento. Sdrammatizzo: “Cosa vedo !! Una Paperetta in difficoltà !! Niente paura ecco Super Paperotto l’aiuta Paperette incappucciato” esclamo rivolto al mio membro. Mi guarda, vede il profilattico. Ride, gioiosa, felice.
è una risata liberatoria, che fuga l’ansia e il timore. Mi accorgo che è pronta. Gioco ancora un po’ “Forse non è il caso, sarà meglio rivestirci e magari lo faremo un’altra volta” le dico. Non sono credibile, io nudo con il membro in erezione e un profilattico in una mano davanti a lei nuda e distesa sul letto. “No ti prego non andare” implora, con quelli occhioni supplicanti. La guardo, non ho assolutamente intenzione di andare. Mi avvicino sempre di più, le prendo le gambe con le mani, le scosto lievemente, appoggio delicatamente la punta del glande sulle sue grandi labbra, la sfioro delicatamente, solleticandogliele. Non ho fretta.
Lei sta ansimando, le sue carezze sono sempre più veloci. Io sono sempre li sopra di lei con il membro appoggiato sulla sua vagina. Ci stiamo parlando, ci stiamo dicendo quanto ci amiamo, ma le nostre voci sembrano distanti, ci sono solo i nostri corpi vicini, sempre di più sempre di più. Entro dentro di lei con dolcezza. Il mondo sembra allargarsi, come se ci volesse inglobare. Non siamo più nella nostra camera. Siamo soli nel nulla, c’è solo la visione dell’altro che ci riempie. è una sensazione inebriante, perdiamo il contatto con la realtà. Siamo attaccati l’uno all’altro, ci stringiamo con forza come ad impedire un nostro distacco. Veniamo ……….. Mi alzo di scatto, sono tutto sudato e sto ansimando.
è buio, sono nella mia camera, da solo. Una sensazione di umido nella zona pubica mi riporta alla realtà. Cero che a volte i sogni sembrano proprio veri …. FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Leggi anche

copertina racconto erotico

In limousine con Wendy

Ieri ho fatto questo sogno: cammino per la strada, quando mi accorgo di essere seguito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.