Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Incesti / Mia cugina e io: videoconferenza
copertina racconto erotico

Mia cugina e io: videoconferenza

Ciao, io sono Max e ho 20 anni!
Ho letto molti episodi riguardo gli incesti, alcuni belli e molto arrapanti, altri leggermente esagerati e un po’ meno credibili. Beh… dato che siamo in tema di confessioni e dato che rimango nell’anonimato, vi racconto una mia avventura capitata con mia cugina Giulia di 18 anni…. magari una sera che viene qui a casa mia le farò leggere ciò che ho scritto se verrà pubblicato… magari sarà un’altra buona occasione per farla eccitare.

Dunque…. premetto che io sono un appassionato di computer… e uso molto INTERNET e i programmi per le videoconferenze (io uso Netmeeting) e mi capita spesso di imbattermi in ragazze che mi chiedono di accendere la cam per far vedere il mio cazzo in erezione. Beh un sabato di qualche mese fa…. sono venuti quì a casa dei miei (come normalmente succede) per una cena, i miei zii e mia cugina Giulia; quest’ultima devo ammettere che va diventando ogni giorno sempre più bella e molto spesso è stata soggetto dei miei desideri più erotici.
Beh…. dopo la cena i miei genitori e i miei zii decisero di andare a fare una passeggiata fuori… ma io dissi che sarei rimasto a casa con Giulia per farle vedere com’è una videoconferenza…. e così fu.
Ora…. dovete sapere che se usate il NetMeeting e vi date come identificativo il nome di un Uomo ed una Donna… insomma una coppia… vi tempestano di chiamate per vedere se fate Sesso in diretta con altre coppie o mentre gli uomini si fanno le seghe (anche loro con la telecamera), e in effetti quando scelsi come nome da mettere “Max&Giulia con Telecamera” il risultato fu quello che mi aspettavo. Incuriositi da queste chiamate decidemmo di accettare la richiesta di una coppia “Sara e Mauro CoppiaSex” (così era il loro nickname), e aprimmo una lunga discussione.
Appena accesi la telecamera e mostrai la presenza di Giulia accanto a me…. i due si rassicurarono e decisero di accenderla pure loro (sapete molti si spacciano come “Coppia” anche se sono soli per vedere una scopata in diretta).
Fatte le presentazioni i due con cui chattavamo cominciarono sempre più a spogliarsi (come mi aspettavo, ma facevo finta di essere sorpreso), fino a ritrovarci nello schermo con un uomo ed una donna nudi e la mano della donna sul cazzo dell’uomo che era in erezione.
Giulia inizialmente si è messa a ridere, ma poi si andava facendo sempre più seria e pensierosa… d’un tratto mi mandò uno sguardo maliziosissimo mordendosi teneramente il labbro inferiore… il mio cuore batteva all’impazzata e il mio cazzo aveva raggiunto una durezza che i miei jeans si erano sollevati di molto, a quel punto la coppia chiese anche a noi di fare quello che loro avevano fatto…. beh io sinceramente ero un po’ imbarazzato, perché anche se avevo aspettato quel momento da quando avevo 14 anni mi sembrava incauto chiedere a mia cugina di spogliarsi…. eppure non so come mi venne il coraggio e la baciai sulla bocca delicatamente… temendo di ricevere uno schiaffo, invece lei mi fece un sorriso e non volendosi spogliare completamente per paura dell’improvviso ritorno dei nostri genitori, alzò la gonna e si levò le mutandine.
A quel punto sentivo il mio cazzo colare all’interno delle mie mutande e lo uscii fuori in tutto il suo splendore…. inquadrai perfettamente la scena con la telecamera e la coppia che era in videoconferenza con noi cominciò a scopare trasmettendo in diretta (è eccitantissimo provatelo!!! ).
Giulia aveva una figa bellissima, con ciuffetti di peli chiari attorno alle grandi labbra…. cominciai a toccarla (era ancora vergine) e aveva il clitoride duro e le labbra leggermente bagnate…. nel frattempo la baciai questa volta con la lingua… e mentre la toccavo sentivo dei gemiti che mi facevano bollire il sangue…. a quel punto le dissi che le volevo leccare la vulva, e lei anche sei inizialmente mi disse che le faceva un po’ schifo…. non resistette dall’eccitazione e acconsentì… il suo sapore era arrapante…. sentivo il duro del clitoride e il leggerissimo salato dei suoi umori (che comunque non grondano come qualcuno descrive), sentii la sua mano che mi accarezzava la testa mentre io la leccavo… il suo respiro si andava facendo sempre più affannoso fino a quando sentii un lungo gemito, e la sua bocca spalancata insieme agli occhi sbarrati come se fosse stata presa di sorpresa….. le chiesi se era la prima volta che provava un orgasmo credendo che la riposta sarebbe stata no, invece lei mi rispose con un siiiii sorridendo a chiudendo gli occhi.
A quel punto le chiesi se lo voleva in bocca per far provare pure a me la stessa sensazione, e lei mi rispose di si ma con il preservativo messo.
E così fù… ne presi uno… me lo infilai e lo misi piano piano nella sua bocca calda e carnosa…. era stupendo… cominciavo ad affondarlo pian piano dentro la bocca…. il mio cazzo non era mai stato così duro…. sembrava di marmo e sentivo il glande come se mi stesse per scoppiare…. più di una volta stavo per venire, ma le bloccavo la testa per qualche secondo per poi ricominciare…. poi diressi meglio la telecamera verso la sedia e le chiesi se se la sentiva di essere penetrata dal mio cazzo… e lei anche se un po’ impaurita dalle dimensioni che il mio membro aveva raggiunto mi disse di si.
Mi misi seduto sulla sedia a gambe spalancate e poi lei sopra di me con le tette verso la mia faccia…. la telecamera inquadrava il suo bellissimo e sodo culetto che faceva intravedere la figa non poco gonfiata… le dissi che prima di cominciare doveva insalivare per bene il cazzo… in modo da non incontrare troppo attrito al momento della penetrazione.
Fatto questo… alzai il cazzo verso l’alto in modo da infilarlo bene nella sua calda e umida passerina… inizialmente lo facevo andare su e giù piano piano in modo da non farle male… aspettando la rottura dell’imene… in effetti fece un piccolo balzo quando esso si ruppe e poi vidi nello schermo del computer il mio cazzo inquadrato dentro la sua figa con un poco di sangue.
Dopo la rottura lei mi guardò legli occhi e mi disse
“tu sei stato il primo e sono contenta” così dicendo mi diede un lungo bacio con la lingua.
A quel punto cominciai a stantuffare ritmicamente dentro di lei, sentivo il suo respiro su di me, ansimava godeva, si toccava il clitoride mentre andava su e giù, era stupenda era tutta per me come sempre avevo sognato, le dissi che stavo per venire e lei mi prese le mani e le strinse nelle su tettine piccole ma sode…. ebbi un orgasmo da paura lei pure perché sgrillettava il clitoride come se lo volesse cancellare, togliere con il dito medio insieme ad una serie di gemiti.
Levai il cazzo dalla sua fighetta, e notai la quantità bestiale di sborra nel serbatoio del preservativo, rimasi quasi scioccato, però nonostante la sborrata il mio cazzo era sempre duro…. allora tolsi il preservativo e lasciai un po’ di sborra sulla cappella e dissi a Giulia di mettersi alla pecorina….. l’inquadratura con la cam era stupenda si vedeva tutto il buco del culo e io mio cazzo che si apprestava a sfondarla; lei aspettava la sensazione nuova che avrebbe sentito… mi chiese più di una volta se le avrei fatto male…. ma io dissi di no… dato che il mio cazzo era così scivoloso per via della sborra…. e in effetti fu così…. cominciai a spingere e ad andare avanti e indietro…. le piaceva…. ma dopo un po’ sentii il mio cazzo che
diventava un fuoco, e anche se cominciava a bruciarmi la cappella di contro questa sensazione mi scatenò un altro orgasmo da favola…. le sborrai dentro, sentivo la sborra che andava scorrendo sulla mia asta… ormai il cazzo entrava e usciva senza nessun ostacolo…. lei se lo godeva.
Uscii il cazzo dall’ano e cominciai a spalmarle la sborra che era fuoriuscita dal culo sulla figa, poi la volli leccare di nuovo per sentire il sapore della figa con la sborra… il salato leggero che c’era all’inizio era diventato più forte e misto ad una liquido gelatinoso (era la sborra) che c’era anche sul clitoride; le diedi un altro lunghissimo bacio con la lingua mentre le toccavo di nuovo i seni inturgiditi.
Presi il mio cazzo e lo inquadrai per bene prima di chiudere la videoconferenza; salutammo la coppia e chiusi il programma….. cavolo erano passati 40 minuti.
Cominciammo a ricomporci, andammo a farci un bidè veloce.
Ascoltammo poi un po’ di musica e continuammo a baciarci fino al rientro dei nostri genitori.
Il sogno proibito che avevo sempre avuto, SI ERA REALIZZATO!!!! FINE

About Erzulia

Colleziono racconti erotici perché sono sempre stati la mia passione. Il fatto è che non mi basta mai. Non mi bastano le mie esperienze, voglio anche quelle degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.