Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / Paola, mia moglie
copertina racconto erotico

Paola, mia moglie

Al venerdì sera esco da solo senza mia moglie (Paola, 26 anni). Quella sera decido di andare a ballare in un locale di una località termale dove puoi trovare una avventura di una sera. Entro in questo locale e mi fermo un attimo sulla balconata per dare un occhiata alla s ala, e nell’oscurità mi pare di vedere una sagoma familiare…….. mi concentro meglio e….. si è proprio mia moglie, è tutta avvinghiata ad un uomo che le accarezza la schiena e poi scende giù e le prende il culo e lo tira contro il suo cazzo e lei lasci a fare quella troia. Sto per correre da lei per dirgli che è una puttana quando sento il mio cazzo che diventa durissimo e un a voglia di toccarmelo, cosa che faccio scappellandomelo bene, quindi decido di guardare e vedere cosa succede. I due continuano a ballare i lenti in modo molto provocante, vedo la sua lingua che gli succhia il lobo dell’orecchio per poi dargliela tutta in bocca. il bacino di lui è talmente unito a quello di mia moglie e fanno movimenti avanti e indietro che pare stiano scopando. Poi si vanno a sedere in un posto un po’ isolato. Paola mia moglie si distende un po’, la sua minigonna sale e io dalla balconata le vedo le gambe, la mano di lui comincia ad accarezzarle e… salire, immagino che ormai sia arrivato alla figa e che gliela stia toccando, vedo la bocca di Paola che si apre e la sua lingua saettare, un invito che l’uomo non si lascia sfuggire e scendendo sopra di lei gliela succhia tutta (Tutto molto eccitante). Io non so più cosa fare so solamente che sono eccitatissimo e non più arrabbiato……… continuo a scappellarmi il mio durissimo cazzo, e sto godendo anch’io a guardare quella puttana di mia moglie. Finalmente escono, li seguo, si fermano in un posto isolato, Paola esce dalla sua macchina e si avvicina a quella di lui, si ferma, uno spallino scende e… una tetta si scopre l’altro spallino fa la stessa fine e l’altra tetta si scopre, il vestito scende e la Paola rimane praticamente nuda solamente con un piccolissimo perizoma. Il mio cazzo mi scoppia lo tiro fuori e continuo a toccarmelo. Lui scende dalla macchina si avvicina a Paola la stringe gli da la lingua in bocca e continua a toccarla da tutte le parti gli toglie il perizoma e sento la Paola che geme dal piacere (Ed anche la mia eccitazione cresce). Salgono in macchina e…… poco dopo si vede la macchina muoversi tutta, mi avvicino di più e vedo le gambe di Paola appoggiate sul cruscotto l’uomo con il suo cazzone che si avvicina e…… poi glielo infila tutto nella figa, la sta scopando ben bene e la Paola che urla dal piacere e gli dice si dammelo tutto riempimi la figa con il tuo cazzo e poi…….. sborro sborro al che sempre più eccitato la mia mano continua sempre più frenetica a scorrere sul mio cazzo e anch’io sborro sborro……….. poi mi sveglio e………………. era solamente un sogno. FINE

About A luci rosse

Mi piace scrivere racconti erotici perché esprimo i miei desideri, le storie vissute e quelle che vorrei vivere. Condivido le mie esperienze erotiche e le mie fantasie... a luci rosse!

Leggi anche

copertina racconto erotico

Il sogno realizzato

Quella mattina Sandra si era svegliata con un desiderio irrefrenabile. Per tutta la notte aveva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.