Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Sogni / Rapito dalla massaggiatrice
copertina racconto erotico

Rapito dalla massaggiatrice

Il sogno che ho fatto è stato davvero inquietante ma altrettanto emozionante.
Una sera rientro a casa davvero molto stressato dal lavoro e decido quindi di andare a farmi fare un massaggio nella palestra in cui mi alleno.
Quando arrivo nella palestra rimango sorpreso in quanto è praticamente vuota(strano visto che la sera è frequentatissima) ma rimango ancora più sorpreso dalla donna che mi accoglie dietro al bancone della reception.
Mi dice di essere la nuova proprietaria(infatti non la conoscevo) e io non feci altro che ammirare la sua bellezza.
Sui 35 anni non molto alta ma con un bellissimo viso, un seno fantastico, un sedere da urlo e capelli neri mossi lunghi fino alle spalle.
Mi dice che sarà lei a farmi il massaggio e non posso che pensare dentro di me “che fortuna”.
Mi dice di seguirla e stando davanti a me non posso che ammirare anche il suo abbigliamento molto provocante: minigonna strettissima, top attillato e zatteroni ai piedi che la slanciavano.
Che donna! Quando entro nella stanza dei massaggi mi fa spogliare e stendere a pancia in giù sul lettino.
Qui la sorpresa: invece di massaggiarmi mi preme con forza un fazzoletto sulla bocca e mi dice: -tranquillo è cloroformio fai la nanna da bravo. –
Sono le ultime parole che sento poi tutto nero.
Quando mi sveglio sono in una stanzetta tutta buia provo a muovermi ma niente da fare.
Ho i polsi legati strettamente dietro la schiena.
Noto che anche le caviglie sono legate e giri di corda mi bloccano le ginocchia e le coscie.
Per finire anche le braccia sono legate al busto con diversi giri di corda.
Quando provo ad urlare escono solo mugugni: sono imbavagliato con la bocca piena di stoffa che è bloccata da tanti giri di nastro isolante.
Poco dopo entra lei la massaggiatrice.
-bene bene che fortuna averti qui non sai il piacere!
Mi è sempre piaciuto divertirmi con corde e bavagli e cosa c’è di meglio di un bel ragazzo a disposizione? –
Mi gira a pancia in su e nota la mia erezione
– A vedo che ti diverti allora direi di iniziare subito. –
Mi porta nella saletta dei massaggi mi lega al lettino e inizia a spompinarmi, poi mi salta addosso e iniziamo a fottere alla grande e devo ammettere che la paura iniziale ora è sparita completamente.
Mi cambia di posizione di continuo e sono sorpreso dalla sua forza.
Dopo essere venuto diverse volte lei si ricompone e io sfinito sono steso a terra ancora legato e col bavaglio. -sei fantastico e anche molto ubbidiente devo dire.
Tipi come te scarseggiano negli ultimi tempi, per questo rimarrai qua ancora a lungo. – Sono spaventato vuole sequestrarmi.
Cerco di ribellarmi e urlare ma è tutto inutile le corde sono strette e il bavaglio lo è ancora di più e poi lei mi inietta un tranquillante che placa subito il mio tentativo di fuga peraltro assurdo nelle condizioni in cui ero.
Semi-narcotizzato e legato come un salame vengo portato nella stanzetta di prima dove vengo lasciato solo.
-ci vediamo tra un po’ è ora della nanna adesso! Riposa che ti voglio bello in forma per dopo. –
Improvissamente mi sveglio con le mutande bagnate. FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.