Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Sogni / Sognando la mia ragazza
copertina racconto erotico

Sognando la mia ragazza

Sono un ragazzo di 30 anni e da 5 stò con una ragazza che si chiama Marta; lei ha un fisico stupendo che mette in mostra in ogni occasione indossando sempre abitini cortissimi e trasparenti da vera maiala e scarpe con i tacchi alti ed aperte che mettono in mostra i suoi piedi favolosi dai quali spesso mi faccio masturbare. Io mi diverto molto osservando come le persone la guardano ma nei sogni che stò facendo ultimamente mi spingo oltre e confesso che la cosa un po’ mi preoccupa. Nell’ultimo sogno che ho fatto ci troviamo al mare (dove ho un piccolo appartamento); io stò leggendo un libro sotto l’ombrellone mentre Marta stà prendendo il sole in riva al mare. Ad un certo punto passano vicino a lei due ragazzi sul modello dei California Dream Mens; lo sguardo della mia ragazza cade su di loro e, in particolare, sui loro organi genitali messi in evidenza da boxer elastici attillatissimi ma solo per brevi istanti, poi si ricompone. Resto incuriosito dai pensieri che stanno passando nella testa di Marta in quegli istanti e da come si sarebbe comportata di fronte a quei due ragazzi in una situazione diversa e allora decido di metterla alla prova.

Con la scusa di andare a prendere un caffè, mi alzo e raggiungo i ragazzi che nel frattempo si sono allontanati; gli spiego la mia idea e li invito a casa nel pomeriggio; loro, che avevano già notato il culo di Marta esposto in riva al mare, accettano volentieri. Nel pomeriggio io e Marta ci troviamo a casa e lei si stà preparando per uscire; suona il campanello: sono i due ragazzi incontrati in mattinata, li faccio accomodare e gli offro qualcosa da bere. Marta nel frattempo esce dalla camera da letto, è super-sexi, indossa una minigonna rossa che mette in mostra le sue gambe abbronzatissime e un top rosso molto stretto che gli comprime le sue tette da sballo. Marta, alla vista dei due ragazzi che tra l’altro riconosce benissimo, resta interdetta e mi chiede il perchè di quella visita; io gli rispondo dicendogli che, al mare, avevo notato come li guardava e pensavo che gli avrebbe fatto piacere; lei, dopo aver ascoltato le mie parole, comincia ad insultarmi e sà per uscire dalla porta ma i due ragazzi la fermano portandosi uno davanti a lei ed uno dietro. Marta prova a divincolarsi ma i suoi movimenti non fanno altro che indurire i cazzi dei due.

A questo punto i movimenti di Marta cominciano a diventare sempre più lenti e inizio ad ascoltare gemiti di piace re uscire dalla sua bocca mentre si struscia con il culo ad un cazzo e con la fica all’altro. Marta mi rivolge uno sguardo che sembrava volesse dire e, con una voce da troia navigata, invita i due ragazzi a seguirla sul divano. I due si siedono sul divano e Marta, dopo essersi inginocchiata per terra davanti a loro, apre le zip e prende e prende nelle sue mani da segaiola i due membri che hanno raggiunto dimensioni spropositate. Dopo aver massaggiato i cazzi libidimosamente e mostrando più volte la lingua ai due sconosciuti Marta si siede sul divano e si piega verso destra prendendo in bocca il cazzo di uno dei due che quasi sviene dal piacere; l’altro le solleva la gonna e, dopo averle sfilato il perizoma che lancia verso la mia direzione comincia a infilarle il pollice nel buchino posteriore effettuando dei piccoli movimenti circolari che la fanno impazzire; io raccolgo il perizoma umidissimo, lo annuso e osservo la splendida scena della mia ragazza che spompina uno e si fa infilare il dito in culo da un altro.

Il ragazzo spompinato non tarda a venire copiosamente nella bocca di Marta che ingoia tutto per bene dopodichè, dopo avermi guardato ancora con aria di sfida, implora i due di scoparla e di farla godere come una troia in calore. I ragazzi non se lo fanno ripetere due volte, fanno mettere Marta a pecorina e se la scopano a turno pompando come forsennati e aggrappandosi alle sue tette; Marta gode che è una bellezza, dalla sua bocca escono continuamente gemiti e inviti ai ragazzi a non fermarsi e a sfondarla mentre dalla sua fica è un continuo fuoriuscire di umori. I ragazzi dopo numerose pompate stanno per venire nuovamente e a questo punto Marta si sdraia sul divano prendendo un cazzo ancora in bocca ed uno in mezzo alle tette; la venuta contemporanea dei due la inonda di sperma con suo sommo piacere. Dopo aver ripulito per bene i due cazzi Marta prega i due a fare un ultimo sforzo: ha una voglia matta di prenderlo in culo e si mette in ginocchio sul divano appoggiata allo schienale inarcandosi quanto più le è possibile; i due ragazzi sono esausti ma alla vista di questo culo magnifico ed offerto così generosamente si preparano a incularla. Drinn, suona la sveglia e mi ritrovo a cazzo dritto con una voglia inquietante di vedere la mia ragazza che si fa inculare da due estranei. FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Leggi anche

copertina racconto erotico

In limousine con Wendy

Ieri ho fatto questo sogno: cammino per la strada, quando mi accorgo di essere seguito …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.