Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Fantasy / Come rilassarsi da un compito faticoso
copertina racconto erotico

Come rilassarsi da un compito faticoso

(N. B. : Io sono un fan di “Star Trek” e avevo pensato di fare una storia con questo sfondo. Alexander Popov e Roberto Farnesi esistono realmente, ma ho voluto renderli due ufficiali della U. S. S. Voyager).

Alexander Popov e Roberto Farnesi erano due ufficiali della U. S. S. Voyager. Il primo era della sezione scientifica, era alto e snello e aveva i capelli e gli occhi neri. L’altro era della sicurezza, anche lui era alto e snello, aveva i capelli castani con delle ciocche di grigio (nonostante avesse solo trent’anni) e gli occhi azzurri.
Una sera i due erano nel loro alloggio. Erano entrambi nudi e nel loro letto. Erano reduci da una brutta settimana. Un alieno chiamato Q aveva chiesto a Janeway di accudire ed educare suo figlio, e questo aveva causato numerosi problemi all’equipaggio della Voyager. Alla fine comunque il compito fu svolto nel migliore dei modi e Q fece risparmiare alla “Voyager” alcuni anni di viaggio. (1)
— Oooh… finalmente un po’ di pausa – disse Alexander.
— Concordo – disse Roberto. – Con uno come Q nelle vicinanze non puoi avere altro che guai.
— Mi chiedo come facesse il Capitano Picard a sopportare le sue visite!
— Che stia tra noi, ma credo che mi sarei suicidato.
— Già, credo anche io.
— Ora non pensiamoci più, O. K. ?
— Va bene!
— Spero non ti piaccia se prima di dormire ti faccio una piccola cosa.
— Che cosa?
Roberto avvicinò una mano al pene di Alexander e cominciò a stimolarglielo. – Questa – rispose.
— Aaaah… uuuh… — gemeva Alexander. – Sei… un traditore!
— Credevo che mi conoscessi – disse l’altro – sai che mi piace prendere di sorpresa le persone.
— Mi sa che… aaah… dovrò cercare di anticipare le tue mosse – disse Alexander.
— Lo vedremo!
— Aaah… uuuh… e adesso cosa mi fai?
— Osserva e vedrai.
Roberto continuava a masturbare Alexander, e il piacere aumentava.
— Aaah… oh, santo cielo, non resisto… — diceva con parole disarticolate il giovane. – Non ce la faccio più… basta… oddio…
Roberto si tenne seduto sul letto, e cambiò la mano con cui lo masturbava. – Ma se ho appena iniziato – disse.
— Perché? Che vuoi farmi? – disse Alexander.
— Lo capirai subito.
Dal pene di Alexander cominciava a uscire sperma. Roberto fece in modo che lo sperma andasse a finire su tutto l’addome di Alexander.
Poi alla fine Roberto cambiò posizione e cominciò a pulire l’addome di Alexander… con la lingua!!!
— Aaah… aaaaaooooohhh…. – gemeva Alexander.
Roberto leccava l’ombelico, poi andava da un fianco all’altro, e alla fine si diresse verso il pene. Con le mani abbassò il prepuzio e poi… si mise il pene del compagno in bocca.
— Oohh… oh, no! Quello no! – gemeva Alexander, mentre sentiva la lingua dell’altro andare su e giù per il pene – quello è troppo per me! Non ce la faccio più… oddio… ti prego… non resisto… — e in quel momento fu vittima di un fortissimo orgasmo e emanò un urlo liberatorio – Ooooaaaaahhh…
Roberto lo lasciò andare.
— Oh, cielo… è stato incredibile! – ansimava Alexander.
— Ti è piaciuto? – chiese Roberto.
— Sì… — disse Alexander. – Mi piacerebbe riprovarlo!
— D’accordo… ora dormiamo, si sta facendo tardi!
— Va bene!
Roberto si rimise a posto e entrambi dormirono.

(1) Mi sto riferendo alla puntata “Q2”, per il momento ancora inedita in Italia. Q, il personaggio menzionato, è un’entità onnipotente e immortale e dall’indole bambinesca, che ha disturbato i capitani di numerose navi spaziali. In “Questioni di Q-Ore” ha procreato e dopo alcuni anni padre e figlio sono ritornati sulla Voyager a rompere le scatole al suo equipaggio. FINE

About erotico

I racconti erotici sono la mia passione. A volte, di sera, quando fuoi non sento rumori provenire dalla strada, guardo qualche persona passare e immagino la loro storia. La possibile situazione erotica che potranno vivere...

Leggi anche

copertina racconto erotico

Il Clown (con Post Scriptum)

C’era festa giù al paese. Nuvole di coriandoli si alzavano in volo. Nel cielo salivano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.