Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Surreali / Giada
copertina racconto erotico

Giada

Si erano parlati poche volte, ma lui voleva fare l’amore con lei…. la desiderava e non solo come si desidera una cosa perchè è facile da prendere o perchè è bella, ma perchè ne vale la pena ….. perchè sarebbe bello fare sesso con una persona quasi come sarebbe bello stare con lei anche senza farne !
Non era solo una cosa fisica, ci voleva anche del sentimento, ed è proprio quello che in questa storia non mancava ….
Lei non conosceva molto di lui, ma ogni volta che gli parlava, sentiva qualcosa di strano…. una sensazione che le dava fiducia, la rassicurava e quasi la coccolava.
Una volta lui le aveva detto… “Giada, io ti prometto una cosa, non mi approfitterò di te … non voglio tradire la tua fiducia, la tua confidenza e il tuo affetto…….. sto dicendo che ti voglio rispettare come persona… non penso a te come una con cui “ci può venir fuori una scopata” …. quella è veramente l’ultima cosa (anche se ne sarei felice se succedesse! ) …… capisci cosa voglio dire ? ”
Lei aveva risposto con quel “sì” misto fra emozione e timidezza, tra passione ed irruenza…… insomma, con amore !!!
Decisero così di passare un week-end al mare…. per incontrarsi, per conoscersi e poi…. chissà ! Lui aveva una casetta affacciata alle onde, dove tutto intorno è come il paradiso terrestre e non vi è anima viva nel raggio di kilometri …… insomma un posto tranquillo, anzi delizioso per due persone come loro, che volevano entrare in intimità…..
E così fu, parlarono a lungo tutta la sera, su quel bel terrazzino a mare…. erano perfettamente in sintonia….. i loro occhi si incrociarono e poi…. quel bacio, che fu come l’impetuosità che dalla calma piatta trascina il mare alla burrasca….. come un’onda gigantesca che ti avvolge e ti trascina via…. dove non sai…… e ti domandi se mai vi tornerai, se il tuo corpo sarà ancora lo stesso ed i tuoi occhi avranno, dopo, quello stesso identico sguardo o vedranno le cose sotto tutta un’altra luce…..
Arrivò la mezzanotte e decisero di fare un bagno…. si diressero in spiaggia, avvolti solo dagli accappatoi…. e, con i corpi lievemente colorati da quel magnifico chiaro di luna che disegnava la strada davanti ai loro occhi, ….. si presero per mano come due innamorati e , senza fiatare, si baciarono di nuovo… teneramente, appassionatamente…… poi, ad un tratto….
“Ehmm, ho dimenticato il costume, fa niente se vengo senza ? ” .. disse lui con tono quasi timido !
“Penso di no….. tanto non c’è nessun altro…. e poi, in realtà, non ce l’ho neppure io ! ”
“Diavolo…. allora entro subito ! ”
Effetivamente Giada, togliendosi l’accappatoio, mise subito in risalto da sotto un velo legato come fosse un pareo, quelle sue belle forme….. si avvicinò alle onde, che la bagnarono….
“Dio mio, sei divina con quel velo che si attacca alle tue curve ! …. e con quei capezzoli bagnati e irrigiditi dall’acqua salata, che vi si spingono contro… e fremono ! ”
“Sì, è una sensazione bellissima… ed è ancora più bello il tocco delle tue mani su di loro… ”
Lui la abbracciò da dietro afferrandole i seni e lei si accorse effettivamente che era senza costume…. ed eccitato, lo spinse contro la sua schiena , riabbracciandola…. lei girò la testa e gli offrì le labbra….. lui la baciò e le sorrise….
“è bello nella scia della luna….. sembriamo macchie blu su una scia d’argento… un uomo e una donna che si abbracciano e si baciano in mezzo al mare………. andiamo dove l’acqua è più alta, dove siamo quasi senza peso… ! ”
Giada lo trascinò giù e lo baciò sott’acqua…. le sue labbra risultarono dolcissime nonostante fossero in contrasto con il salato del mare…. la sua lingua calda e morbida contro quella di lui, che presto l’avvolse con le sue braccia forti, stringendola a sè…..
L’accarezzò tutta sotto il velo…. il suo corpo era liscio e piacevole al tatto….. iniziò allora ad osare con una mano tra le sue gambe….. sentì il suo pelo…. poi le sue labbra…. che, a quel contatto, si schiusero……….. Era bagnata, ma non solo di acqua di mare…. iniziò a gemere e lui, ad accarezzare piano i suoi petali… continuando a baciarli…. lei sospirò, le piaceva da impazzire !
Nel frattempo Giada accarezzava lui, ovunque, e lo baciava…. toccava… e ribaciava. I loro movimenti si stavano facendo sempre più dinamici… come quelli di due “pesciolini” molto vivaci !!!
Giada afferrò il suo pene, lo strinse…. lo sentì durissimo…. le piaceva molto…. Tutti e due ora erano pronti ma, volendo prolungare quell’attimo di attesa……. Lui fece scivolare un dito… piano dentro di lei…. le strappò un gemito e poi un sospiro…. capì che era di piacere e non di dolore…. lei gli strinse l’asta ancora più forte, il dito cominciò lentamente a fare sù e giù….. si guardarono, era bellissimo leggere il piacere sui loro volti…. poi lei gli sussurrò…..
“Prendimi….. è bellissimo avvolti dal mare…. dà quella sensazione di calore “tiepido”…. prendimi, adesso ! ”
Lui la tirò sù, prendendola per le cosce, era leggerissima, si strinse a lui avvolgendolo con le sue gambe….. il pene trovò subito la strada, si appoggiò delicatamente…. lei sentì spingere… piano, piano…… insieme si avvicinarono, mentre delicatamente quel membro entrava in lei…. centimetro dopo centimetro ….. fino in fondo ! …. e lì vi rimase.
Le pareti della sua vagina erano accoglienti e calde, lui le sentiva e fremeva…. adesso erano una cosa sola ! Restarono un attimo fermi a gustarsi quella sensazione di unità… lui tutto dentro di lei…. la lingua nella sua bocca….. poi, inevitabilmente, senza nemmeno pensarci…. insieme…. cominciarono a muoversi, a vibrare, prima lentamente, poi volluttuosamente…. poi sempre più a fondo e velocemente….
Una danza magnifica, accompagnata dalle onde e da quel canto dolcissimo che queste regalano, infrangendosi sul bagnasciuga….. i loro sguardi, sempre più intensi, come le parole dolcissime che si sussurravano…. parole che si confondevano con il frusciare di quelle onde per far sembrare che lo stesso mare si eccitasse insieme a loro.
Lui la sentì sempre più calda e umida intorno a lui…. e lei sentì lui sempre più duro e gonfio….. il piacere stava inesorabilmente crescendo…. quel piacere che, come il canto delle sirene, li inebria e li confonde…. e quasi li ubriaca…..
Intanto la dolcezza stava rapidamente lasciando il posto alla frenesia…. iniziarono a cercare, quasi impulsivamente, il piacere reciproco…… le mani di lui sui seni turgidi, mentre lei si stringeva intorno al suo collo…… poi con una mano le afferrò una natica e, mentre saggiava le forme del suo culo, la spinse a lui ancora più violentemente…… mentre un sussurro…..
“Più forte…. ancora più forte… ti prego…. sta diventando impossibile resistere ! ”
L’orgasmo di entrambi era sempre più vicino……
“Non ne ho per molto ! ” … disse lui.
“Ti prego, aspettami….. sto arrivando anch’io… ”
Lui cominciò a concentrarsi sul respiro di Giada, per seguirla….. lo sentì crescere…. farsi sempre più intenso… mentre i loro corpi continuavano ad agitarsi uno contro l’altro…. senza tregua… da soli….
Improvvisamente si sentì un gemito… di lei…. sempre più lungo….. riconobbe l’inizio dell’orgasmo…. si lasciò andare anche lui, fino ad urlare insieme il loro piacere, stringendosi con le braccia ancora di più….
Furono attimi lunghissimi, con la sensazione di perdere quasi l’equilibrio…. lei intorno a lui…. rischiando di finire sott’acqua !!! La passione li aveva travolti completamente….. un’emozione incredibile !
Lui riprese fiato, la guardò in volto……. gli occhi chiusi e un’espressione beata….. dolcissima…. sembrava dormisse… quasi…. se non fosse stato ancora il respiro affannato a tradirla…. la baciò sulle labbra, che sapevano ancora di sale….
“è stato bellissimo…. Giada, tu sei meravigliosa…. ”
“Anche tu lo sei…. dolcissimo e affascinante….. un’insostituibile amante… ”
… Si distesero sulla sabbia, ancora coccolati da quella emozione….. ancora troppo eccitati…… poi, uno sguardo alle stelle e a quella luna….. così bella….. che li prese, per sempre….. nella sua magia. FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Sandra (2 di 3)

Il week-end finì, io vivevo nel dubbio angoscioso di quel biglietto. Lo osservavo, pensavo, non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.