La sposa in bianco

Si era tutti a casa di mia mamma per la festa di compleanno di mio figlio Fabio. Il pomeriggio stava trascorrendo in allegria tra un bicchiere di vino e una fetta di torta.
Mio marito mi era seduto al fianco sul divano ed insieme stavamo parlando con suo padre e mio padre di come stava andando il mio nuovo lavoro al supermercato.
Ad un tratto Marco si era alzato per andare a salutare dei cugini che erano appena arrivati ed io ero rimasta tutta sola sul divano tra mio papà e il signor Francesco.
Quel giorno indossavo un corto abitino bianco a fiorellini, di quelli con i bottoni in mezzo e le spalline strette, e sotto dei collant bianchi.
Continuavamo a parlare dello stesso argomento, ad un tratto il papà di Marco disse:
“chissà quanti corteggiatori avrai sul lavoro, una ragazza così sexy non può certo passare inosservata? ” mi sentii in imbarazzo per quell’apprezzamento mal celato, soprattutto perché fatto davanti a mio padre, con il quale certi argomenti non erano mai stati toccati.
Ed invece con mia sorpresa fu proprio lui a continuare sullo stesso filone e si mise a raccontare di quando adolescente a volte mi aveva scoperta con qualche compagno di scuola a toccarci, disse poi :
“anche allora avevi un corpo molto invitante”,
“dai papà non dire queste cose che mi vergogno e poi sono cose private non si vanno a raccontare in giro! ” dissi un poco scocciata.
Intanto mi era sembrato che tutti e due si fossero lentamente avvicinati a me, ed in effetti adesso facevo quasi fatica a muovermi.
Il signor Francesco disse:
” no adesso che ti sei sbilanciato devi raccontarmi cosa faceva da piccola questa bricconcella di Cristina”.
“Mi ricordo che una volta ero tornato a casa prima delle cinque ed entrato in camera sua l’avevo trovata tutta nuda, con le gambe aperte e il ditino che si muoveva su e giù, figurati che era così arrapata da non accorgersi neppure che io fossi lì a guardare, e mi ha eccitato così tanto questa bricconcella che sono dovuto correre in bagno per non bagnarmi i pantaloni”.
“Papà, smettila subito di dire queste cose, hai bevuto troppo e forse è ora che tu vada dalla mamma”.
“Dai piccola mia non ti offenderai mica” disse, e intanto mise una mano sulla mia coscia scoperta,
“sai che ho sempre avuto un debole per te, non ti sei mai accorta di quante calze e mutandine ti scomparivano dalla cesta della biancheria sporca ? ” guardavo i suoi pantaloni e non potei fare a meno di notare un vistoso ingrossamento a livello della patta.
“Non posso credere che e! ri tu a rubare la mia biancheria, pensavo fosse mio fratello, e poi cosa mai ci facevi con dei collant ? “.
“si anche lui a volte la prendeva ma in genere ero io che frugavo nel cestone e poi mi divertivo ad annusare le calze e a giocarci con… , beh insomma poi erano rovinate e non potevo certo ridartele, pensa che ne conservo ancora qualcuna di la in camera, la vuoi vedere ? ”
Più per convincere me stessa che tutto quello fosse un scherzo mi alzai ed insieme a mio padre e al signor Francesco andai nella mia vecchia stanza.
Era tutto come una volta, il letto con la trapunta rosa e gli orsacchiotti sulle mensole.
Mio padre aprì l’armadio e da sotto alcune coperte tirò fuori una scatola delle scarpe; dentro c’erano due paia di collant, uno color carne e l’altro nero.
Erano tutti stropicciati e pieni di macchie.
“e queste macchie cosa sono ? ” chiesi io quasi di getto.
Mio padre sorrise guardando il signor Francesco e disse
“adesso ti faccio vedere”.
Sentii la chiave girare nella serratura, poi mio padre si sbottonò i pantaloni, estrasse il cazzo ed iniziò a masturbarsi avvolgendolo con i collant chiari.
Avevo davanti agli occhi il suo cazzo lungo e duro, ero paralizzata sulla gambe.
Lui si avvicinò prese la mia mano e la guidò sulla sua cappella, quindi iniziò a muovere il cazzo tra le mie dita.
Da dietro intanto il padre di Marco mi aveva sfilato i collant e le mutandine e mi stava leccando tra le natiche.
In un attimo mi ritrovai chinata a novanta gradi con il pisello caldo di mio papà in bocca, avvolto dalla mie calze sporche.
Aveva una cappella molto grossa, che sapeva di pipì e la muoveva lentamente dentro e fuori scopandomi le labbra. Il papà di Marco intanto aveva iniziato a sbattermi e mi chiamava puttana.
Nessuno mi aveva mai chiamato così, sentire darmi della troia mi faceva impazzire e iniziai a leccare in cazzo con tutto l’ardore che possedevo.
Poi mi stesero sul letto, mio padre mi allargò le gambe e iniziò a scoparmi. Il signor Francesco lo aiutava a tenermi aperte le gambe, poi mi tolse le scarpe e mi leccò i piedi.
Da quella posizione passai alla pecorina con mio padre nella figa e il signor Francesco in bocca.
Avevo le loro mani sulle tette e sui fianchi.
Ero già venuta un paio di volte quando decisero di finire quel rapporto scopandomi a turno riempiendomi la figa di sborra.
Mi ritrovai infine a succhiare contemporaneamente i loro cazzi sporchi di sperma.
Fecero appena in tendo a rivestirsi che mio marito bussò alla porta.
D’istinto mi infilai sotto le coperte mentre il signor Francesco andò ad aprire la porta.
Disse a Marco che non mi ero sentita bene e che loro due mi avevano accompagnato a letto.
I due uscirono mentre Marco si avvicinò a me tutto preoccupato, mi diede un bacio sulla guancia e mi disse di riposare… e pensare che dalla mia fica usciva tanta di quella sborra da poter rimanere incinta altre quattro volte. FINE

Aiuta il sito chattando con le ragazze cliccando QUI. Iscrizione gratuita!

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un'altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti. Aiuta il sito chattando con le ragazze cliccando QUI. Iscrizione gratuita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.