Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Viaggi / Pendolino
copertina racconto erotico

Pendolino

Eravamo sul treno che porta a Roma, il pendolino.
Ero in un vagone poco affollato al mattino alle 7. 45.
Di fianco a me non c’era nessuno.
A Bologna sale una ragazza, sui venti anni, e si siede proprio alla mia sinistra.
Si accomoda, mette la valigia sopra il portabagagli e si siede.
“Ciao mi chiamo Anna” mi dice.
Io saluto e mi presento, ma sono assonnato e continuo a giocare con il mio Gameboy.
La ragazza è molto carina, bel senso, gonna con finale in pizzo, tette grandi, capelli mossi biondi e occhi nocciola.
Lei si mette a leggere una rivista.
Arrivati verso Firenze si siede davanti a me e mi fissa.
“Ma tu non parli mai? ” mi chiede e io rispondo con un sorriso. “Sei molto carino e io voglio fare amicizia…. Smetti di giocare dai, dammi la mano”. Io mi lascio guidare quasi stordito e lei prende subito l’iniziativa facendomi toccare le gambe.
Sentivo il caldo della sua carne e la pelle liscia e morbida.
Sono restato in silenzio, mentre lei guidava la sua mano sempre più verso le mutandine.
“Mi spiavi vero, intanto giocavi al Gameboy…. Brutto porco…. e che facevi… ti masturbavi con il pensiero? ”
La mia mano oramai aveva raggiunto la sua figa, ed io evidentemente imbarazzato, ho scosso la testa in senso affermativo.
“Povero piccino… e pensare che bastava che me lo chiedessi, ed io da ti avrei fatto divertire da subito”.
Iniziava a masturbarsi con la mia mano, io mi eccitavo da morire.
“Ma non possiamo fare del casino qua, andiamo in bagno” le ho detto.
Lei mi fece un cenno col capo e io mi sono diretto all’inizio dello scompartimento entrando nel wc.
Lei mi ha seguito e appena dentro mi ha slacciato i pantaloni con foga:
“Voglio succhiartelo, dai” mentre lei continuava a pompare il cazzo io le ho sfilato la maglia e il reggiseno e ho iniziato a toccarle le tette.
“Alzati adesso” appena le ho detto così le ho sollevato la gonna e scostato le mutandine fradice. In un colpo ero dentro, tanto e tanto fino alla base del pene.
Pochi colpi e l’ho sentita venire.
“Adesso tocca a me” mi ha detto e ha iniziato a farmi un pompino magnifico finché, chiudendo gli occhi non le ho riempito la bocca di sperma.
Lei ha ingoiato tutto, senza fiatare.
Mi sono accasciato sopra di lei e mentre il pene ormai floscio scivolava fuori dalla sua bocca ci siamo guardati in silenzio.
La mia mano continuava a stringerle il seno.
“Torniamo a sederci” mi ha detto.
Fino a Roma non ci siamo più parlati, ma abbiamo vissuto momenti di grande pace e confidenza.
Bastava uno sguardo per capirci.
Alla stazione Termini ci siamo baciati e salutati, ma senza darci né appuntamenti e numeri di telefono. FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Viaggio in trasferta

“Ma chi me l’ha fatto fare? Appena torno in ufficio il mio capo mi sente… …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.