Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Viaggi / Spiagge e …
copertina racconto erotico

Spiagge e …

Spiagge

Settembre. Finalmente la partenza per le vacanze, come sempre in bassa stagione per motivi di lavoro. Destinazione, come al solito, la nostra isoletta greca preferita, minuscola e bellissima dove ormai conoscevamo anche i sassi ! Ce ne siamo innamorati subito, anni fa, e ad una piccola caletta seminascosta sono legati molti nostri ricordi… Eh si, dovete sapere che io e S. condividiamo un grande amore, ma anche una notevolissima carica erotica – detto in due parole scopiamo come ricci –
che esplode al massimo quando siamo all’aria aperta, sotto il sole !!! In quella caletta nascosta stiamo sempre nudi e, se la situazione lo consente, cioè non c’è nessuno, ci lasciamo spesso andare alle fantasie più sfrenate… Io nudo sotto il sole mi sento benissimo, mi sembra quasi un balsamo afrodisiaco, ed infatti ho quasi sempre l’uccello semi duro, ( se non c’è nessuno, perché so che potrebbe succedere qualcosa in ogni momento e quindi sono in stato di perenne eccitazione ) ma S. sembra impazzire, dice che la eccita sentire il calore del sole sul corpo, la disinibisce ( ? ? ) e la fa sentire libera … e bagnata come una vera porcellina ! . Tanto che può capitarmi di andare a fare un bagno da solo e ritornare trovandola
intenta e masturbarsi, oppure venir accolto, ancora bagnato, da un paio di labbra che mi si appoggiano sul cazzo per “.. sentire il sapore del mare … ” Adora succhiarmi il cazzo sotto il sole fino a farsi sborrare in faccia per poi gettarsi in acqua contenta…. Ha raggiunto il massimo della porcaggine quando abbiamo avuto il primo rapporto anale – sempre li !! – ,
ma questo sarà argomento di un’altro racconto ….

Ristoranti

Finalmente stava tornando. Quei dieci giorni del viaggio che per lavoro l’aveva portata in Spagna, erano stati lunghi, troppo lunghi per noi. Sebbene assieme da molto tempo, ci viene ancora difficile separarci l’uno dall’altra, abituati come siamo alla necessità del contatto delle nostre voci, dei nostri corpi…. Siamo sempre più innamorati, entrambi sessualmente molto attivi, amici intimi ed amanti appassionati, sempre a cercarci nei momenti più diversi, soprattutto all’aria aperta – ho già raccontato qui una delle nostre storie d’estate in “Spiagge” – , e quei giorni, privati com’eravamo delle nostre piccole abitudini quotidiane, erano stati duri …. Il sapore della fica di S. la mattina appena svegli è corroborante, è la migliore delle colazioni possibili, una visita al mio studio, senza mutandine, una sorprendente e piacevole pausa-caffè, la sua bocca che mi accoglie a casa stanco dal lavoro scivolando dal mio volto al mio uccello un balsamo rilassante, la doccia insieme prima di cena un rito … Piccole cose , forse ? ? ? …. e adesso ero all’aeroporto, ad attendere il suo volo, immerso in quei pensieri, e già eccitato….
ECCOLA !! Mi corre incontro lasciando la valigia, è bellissima con quelle tettone che ballonzolano sotto la camicetta, posso chiaramente vederne i capezzoli già duri, mi si butta al collo….. ciao, amore.. , mi si struscia addosso, baciandomi , non può non sentire il mio cazzo che spinge contro il suo pube, quasi a volerla scopare lì, seduta stante…. Sorride, un lampo negli occhi, mi da un rapido morsetto al lobo di un orecchio , e mormora un… lo sento, sai tesoro, che “siete” contenti di vedermi
…. anch’io… non ne potevo più … che promette bene …. La strada per tornare a casa è lunga, parliamo del più e del meno, del lavoro, del suo viaggio, di quell’albergo a XXX dove dobbiamo assolutamente andare assieme. Di quanto ci siamo mancati…. e qui la mia mano corre già ad accarezzarle il ginocchio, è uno dei preliminari di uno dei nostri giochi erotici automobilistici, un gioco che ci eccita molto…. la sua mano corre sulla mia patta gonfia, la accarezza, apre i bottoni … vediamo come sta
questo signorino dalla testa rossa…. lo tira fuori, paonazzo e umido, inizia piano quel suo delizioso va e vieni sull’asta mentre con il pollice stimola la cappella, strappandomi degli ansimi …. devo rallentare, e per qualche minuto mi godo questa manina fatata che mi masturba con grazia . Poi …. ora basta… come, basta ? ! ? Chissà cos’ha in mente…… ho una piccola sorpresa…. toccami… non guardare…. e comincia a sollevarsi la gonna, puntando i piedi scoprendo le gambe abbronzate. La mia mano sale dal ginocchio, piano, verso l’attaccatura delle gambe, non sento le mutandine, ma questa non è una novità , e… mi venga un colpo !!! le mie dita toccano la nuda pelle… se la è rasata !!! Si è rasata la fica !!! Quasi sbando…. Guardo, di sfuggita….. devo pur guidare, del resto FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Festa di compleanno

Le brevi vacanze trascorse dagli zii avevano sconvolto la mia semplice vita di adolescente solitario. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.