Home / BDSM / La sorpresa bondager
copertina racconto erotico

La sorpresa bondager

Dopo aver dimostrato ai piedi di Anna , intrisi di pioggia d’orata, tutta la mia  devozione, fui rinchiuso da Cristina nello sgabuzzino. Mi furono tolte le  manette per potermi sgranchire le braccia. In quei minuti che passai nello  sgabuzzino pensai a tutto cio’ che si era verificato in non piu’ di un’ora, e  capii chiaramenteche tra me e Cristina si era di nuovo instaurato un nuovo  rapporto, pericoloso, esasperante, ma divinamente eccitante .Avevo ancora il  membro in erezione e volevo sfogarmi. Mentre pensavo tutto cio’ udivo le due mie  padrone che ridevano a crepapelle proprio dietro la porta dello sgabuzzino.  Improvvisamente la porta siapri’ ed Anna con la solita strafottenza si avvicino’  dicendomi “Ti e’ piaciuto stronzo?”…”Questo non e’ che l’inizio, stasera ti  abbiamo preparato una seratina particolare”. E mentre parlava si sfilò’ una  scarpa che mise subito nella mia bocca, poi si sfilo’ dolcemente una calza,  quella intrisa di pipi’. Poi mi disse“ Adesso sfogati un po’ bello, fammi vedere  come godi sulla mia calza”. Le riconsegnai la scarpetta ,presi la sua calza ed  iniziai ad avvolgerla attorno al mio membro che stava gia’ esplodendo. Iniziai a  , con vergogna, a masturbarmi . Giunse anche Cristina che forse impietosita  dalla mia situazione di schiavo devoto mifermo’e mi fece sdraiare a terra  dicendo “ Questa sera sarà’ dura per te, adesso voglio farti felice”. Si sedette  in uno sgabello , si tolse una scarpa e con il piede inizio’ a massaggiare il  mio membro oramai pietrificato. Alla visione di tutto cio’ Anna si appoggio’ al  muro si sollevo’ la gonna iniziando a masturbarsi,eccitandosi anche nel  proferirmi delle volgarita’.Sentivo le dita del piede di Cristina avvolgere il  membro sempre piu’ stretto fino a farlo esplodere in una sborrata epica. Inondai  tutto il piede di Cristina ed Anna ebbe l’orgasmo urlando “ Adesso la pulisci  tutta cane”. Anna prese di forza il piede di Cristina e melo infilo’ in bocca  ordinandomi di pulire tutta la mia padrona. Ancora eccitato dalla situazione,  ebbi una immediata erezione mentre pulivo servilmente il piede della mia  padrona. … Anna mi prese per i capelli, mi porto’ in camera dove notai subito  degli abiti femminili sul letto. Cristina mi disse che in serata sarebberogiunti  degli ospiti ed io dovevo apparire presentabile. Il gioco si faceva sempre piu’  intrigante. Ho un fisico asciutto e snello, non sono molto alto, quindi  sicuramente potevo vestirmi con quegli abiti senza problema. Mi diedero delle  mini mutandine che infilai subito cercando di nascondere il membro, infilai un  reggicalzenero, delle calze nere velate sottili con dei disegni che scendevano  dalle cosce al tallone ed indossai una specie di mini vestitino da cameriera.  Tutto cio’ era imbarazzante, ma tremendamente eccitante. Vedevo Cristina  toccarsi freneticamente mentre Anna mi aiutava a vestire. Mi diedero una  parrucca bionda che mi si adatto’perfettamente. Cristina mi diede delle scarpe  bianche con tacco altissimo che calzai senza alcun problema. Chiaramente subito  non riuscii a reggermi bene in equilibrio, ma non mi era cosi’ difficile. Mi  sentivo eccitato alla follia cosi’ vestito da troia. Anna mi condusse in bagno  dove volle finire l’opera d’arte. Mitrucco’ pesantemente mettendo anche molto  rossetto color rosso acceso.
Ero una vera troia splendida, se avessi potuto  mi sarei scopata da solo. Mi fu’ ordinato di andare in sala per camminare un po’  mentre Anna e Cristina iniziarono a lesbicare. Camminai senza difficolta’ sui  tacchi alti, e sculettavo vedendo le mie due padrone eccitarsi da matti. Ad un  certo punto Anna mi prese, era eccitatissima, mi spinse in bagno. Lei si sedette  nella tazza e mi ordino’ di inginocchiarmi davanti a lei. Udii’ tutti i rumori  della situazione e dopo aver pisciato , prese la mia testa e la avvicino’ al suo  ventre dicendo “ Pulisci tutto e lascia tutto il tuo rossetto sulla mia  fica”. Avidamente leccai tutto, mentre Anna iniziava a godere, ma lei non si era  del tutto scaricata in quanto schizzo’ un po’ di pioggia d’orata nella mia  bocca, che ingurgitai subito. Ero diventato la puttanella delle due donne, e  cio’ mi eccitava da morire…..l’unico mio pensiero era diretto a cosa mi  sarebbe aspettato inserata….

FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

La hall era deserta a quell’ora di notte

La hall era deserta a quell’ora di notte. Dal banco della reception, il ragazzo  che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.