Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Esperienze / Betty che tette!
copertina racconto erotico

Betty che tette!

Questo era il complimento che veniva più usato alle spalle di Betty, il suo insieme era molto sensuale ma le tette…..
capelli biondi occhi azzurri un culo da sesso ed una bocca da pompini…
e poi loro… le tette di Betty la troia….
tutta l’azienda lo sapeva e la chiamava così e invidiavano il fatto che fossi io a comandare e a godere di quella vacca da sesso, sposata da anni con un grosso coglione che la scopava pochissimo e che non le piaceva affatto…
sposata bè conviveva ed un giorno vi racconterò qualcosa della loro unione, arrivata alla soglia dei 30 anni, Betty era più desiderabile che mai e sempre assetata di sesso estremo, duro e crudo, il solo tipo di sesso che la potesse soddisfare pienamente…
la storia che vi racconto non mi vede protagonista ma solo guardone (del film) avevamo litigato aspramente e la causa era la sua eccessiva gelosia nei miei confronti…
e non ne aveva motivo…
per questo mi sorprese il suo invito un pomeriggio in cui era in permesso/ferie ed era sola con il marito lontano causa il lavoro… pensai volesse parlare e porre fine al litigio..
mi sbagliavo anche se poi facemmo pace lo stesso.
Arrivato a casa sua mi fece accomodare e mi offrì un buon caffè ed io notai la porta aperta in camera da letto e il treppiede della telecamera… il resto non potevo vederlo..
parlammo un poco e poi lei molto dolce mi stupì offrendomi la sua bocca..
la bacia e lasciai la saliva gorgogliare fra le nostre lingue mi stavo eccitando e la spogliai, alla vista del suo splendido corpo mi si drizzò il cazzo che ella afferrò e portandolo alle labbra mi scoccò uno sguardo feroce io pensai che era una gran troia ma il peggio doveva venire….
dopo una slinguata al mio cazzo che era duro come il granito…
mi disse: vuoi giocare con mè?
io pazzo di eccitazione le risposi di sì ed ella fece scattare la trappola insieme ad un paio di manette attorno ai miei polsi..
fece passare una cintura tra la spalliera di una sedia e le mie braccia poste dietro la schiena e mi fissò le caviglie alle gambe della stessa…
ero IMMOBILIZZATO le ricomparve lo sguardo negli occhi ed io mi insospettì a quel punto…
fece un fischio e dalla camera da letto uscirono 6 uomini nudi con una maschera sul viso che copriva il volto lasciando libera la bocca e gli occhi…
io trasalì e la guardai ella con sguardo fiero mi disse ora vedrai di cosa sono capace…..
due ragazzi mi sollevarono (sedia compresa) e mi spostarono fino alla camera da letto appena fuori da essa ma in modo che potessi vedere ogni cosa…
Betty accese la telecamera e mi disse che se anche avessi chiuso gli occhi ci sarebbe stato il film tutto mio da visionare….
mi mise un bavaglio stretto e andò sul letto con i sei maschi… dodici mani la accarezzavano sulla figa sulle tette e sul culo facendola impazzire ed eccitare e come se non bastasse la mia condizione di legato la faceva sicuramente bagnare ancora di più conoscendo la troia lo immaginavo..
iniziò a leccare i coglioni di uno guardandomi negli occhi mentre un altro la inculava con due dita facendola sussultare erano un poco impacciati tutti ed io sperai che fosse finita prima di iniziare ed invece pochi minuti dopo l’atmosfera cambiò e li vidi più prepotenti e baldanzosi avevano capito di che pasta era fatta la troia nuda a loro disposizione…
cominciarono ad insultarla e vedendo che lei si eccitava ancora di più ci presero gusto e l’orgia iniziò sul serio con Betty impegnata sempre su due fronti figa e bocca e con il culo che veniva riempito a turno mentre gli altri si riposavano e si rivolgevano dicendole quanto era troia e puttana che l’avrebbero aperta in ogni modo ed in ogni buco..
La troia era seduta ed impalata nel culo al cazzo di uno mentre nella bocca veniva scopata senza pietà a turno da due uomini o ragazzi, dal viso coperto non potevo stabilirlo un altro le succhiava ferocemente i capezzoli facendola ululare di piacere e di dolore mentre un quinto le faceva un ditalino molto delicatamente…
la cagna impazziva di piacere ed io dovetti ammettere che erano bravi a lavorarla così…
il sesto si riposava parlandole in modo osceno e fumando una sigaretta…
i due ragazzi che la scopavano in bocca erano vicini oramai a venire e gemevano pure loro io legato nudo con il cazzo duro ero pazzo di piacere e gelosia…
i due si girarono e le affondarono il culo in faccia e Betty leccò loro il buco del culo prima uno poi l’altro rumorosamente e diligentemente poi si girarono e le ficcarono un cazzo in bocca…
la troia leccava la cappella ad uno e poi passava ai coglioni dell’altro che dopo un poco si girò e si fece leccare di nuovo il culo (probabilmente gli era piaciuto prima) Betty spompinava un cazzo e lappava il culo all’altro alternandoli con sapienza e perizia fino a che quello a cui leccava il culo si girò e le venne nella bocca protesa con cinque potenti fiotti di sperma che lei ingoiò a fatica deglutendo mentre lo stesso ragazzo la chiamava troia puttana vacca bevi la mia sborra bevi troia irrorandola in gola…
la troia era piena di sborra dappertutto e godeva come una cagna con il cazzo che le spaccava il culo mentre quello che la sditalinava aveva cambiato ritmo e conduceva un furioso assalto al suo clitoride facendola gemere poi ci infilò un dito penetrandola e facendola urlare di piacere mentre quello che era venuto le pisciava in bocca bagnando anche gli amici
Betty bevette sborra e piscia ululando come una maiala in calore ma subito fù soffocata dall’altro cazzo che reclamava i suoi diritti e chiedeva di godersi la bocca della troia ci mise poco perché l’eccitazione era altissima e la inondò pure lui di sborra quasi soffocandola…
le chiuse il naso e lei dovette ingoiare tutto in fretta rumorosamente rischiando di soffocare…
era il segnale questo gesto eccitò tutti i maschi che le legarono i polsi con una cravatta dietro la schiena e iniziarono a turno a scoparla alla pecorina mentre la vacca doveva fare un pompino ad uno messosi davanti e in quella posizione l’unico punto di equilibrio era il cazzo che succhiava voracemente…
ora veniva usata e ne godeva ancora di più…….

A quel punto ogni limite poteva essere varcato da Betty la quale io sapevo che legata diventava una vera vacca da monta perdendo ogni pur recondido pudore…
dopo averla scopata tutti alla pecorina per parecchi minuti alternandosi oculatamente mentre altri si facevano spompinare dalla bocca esperta della troia che non smetteva neppure un istante di godere dei cazzi a sua disposizione inebriandosi degli umori e degli odori di ciascuno di essi…
ad un certo punto si sedettero sul letto e le fù ordinato di andare in ginocchio per casa..
si fecero portare le sigarette(che doveva tenere fra le labbra avendo i polsi legati)e mentre si fumavano una sigaretta le ordinarono di leccare i cazzi sempre in tiro ed ognuno di loro sputava in faccia a Betty chiamandola ora
Troiaaaaa…
Puttanaaaa….
Pompinaraaa
Bagasciaaaa…..
dopo un poco cambiarono il nastro alla telecamera e dandomi un rapido sguardo ricominciarono…
la troia era ai loro piedi…
e dovette leccare le dita ad ognuno di essi e qualcuno le chiedette a gran voce di impegnarsi di più (come se non bastasse… ) vollero essere serviti dalla sua lingua fra le dita dei piedi sulle piante dei loro piedi e Betty lavorava instancabile guaendo come una
cagna in amore… poi la misero sul letto con la testa fuori ciondoloni sdraiata sulla schiena e ad uno ad uno le ficcarono il cazzo in gola senza pietà fino in fondo….
facendole strabuzzare gli occhi che le si riempirono di lacrime e facendola tossire mezza soffocata…
ma la grandissima troia non si fece pregare a lucidare ogni cazzo ogni cappella che si alternava fra le sue labbra anzi il suo sguardo diventò sempre più lascivo sfidando i 6 maschi a compiere ogni genere di oscenità…..
mentre la troia spompinava a turno i maschi le leccavano la figa che era fradicia di umori e rossa dall’uso intenso…
in tre le godettero in bocca e sul viso urlando frasi oscene e strizzandole i capezzoli mentre quello che le leccava la figa la mordeva ferocemente sul clitoride…
Betty urlò…
il suo piacere in modo talmente forte e animalesco che i sei si fermarono preoccupati…..
al che la troia dagli occhi azzurri disse….
guardandomi…
ragazzi è tutto qui quello che sapete farmi? …
i suoi occhi dardeggiavano mentre veniva palpata da tutte quelle mani… apparve un vibratore che le fù infilato nel culo precedentemente violato da diversi cazzi…
le fù detto che lo avrebbe tenuto fino a che avessero voluto…
e fù portato in stanza un piccolo tavolino a cui fù legata come una vittima sacrificale le mani dietro la testa e le gambe a penzoloni legate alle gambe del tavolo il vibratore nel culo a quel punto non poteva certo più uscire….
il tavolino non alto consentiva a loro di arrivare comodamente alla bocca ed alla figa di Betty senza fatica e fù ciò che fecero…
il più perverso di loro mentre si faceva spompinare le strizzava i capezzoli in modo rude ed ogni volta che lei gemeva le ficcava il cazzo in gola
brutalmente per poi ricominciare con meno prepotenza fino al suo successivo gemito il suo amico che la scopava in figa si accorse e si uniformò al ritmo sfondandola con forti affondi per punire i suoi gemiti quindi Betty si trovò a dover subire la tortura dei capezzoli ed ogni volta che emetteva un gemito veniva soffocata dal cazzo in gola e sfondata in figa per diversi secondi….
gli altri si accorsero del gioco e si unirono al divertimento uno prese una candela la accese e durante gli affondi punitivi degli altri due lasciava colare della cera sulle tette della troia…
che urlava pur soffocata dal cazzo nella gola….
dal vibratore nel culo che sicuramente la sfondava e dagli affondi nella figa… le gocce di cera colavano e riempivano le tette di Betty creando dei suggestivi giochi sulla sua pelle chiara arrossata dalle carezze rudi
La troia era inebriata da quel trattamento e seguitava a godere dello stato di sottomissione e di sesso che tanto le era caro…
mentre uno le sborrava in gola l’altro le fece colare della cera sul collo….
poi si fecero leccare il culo spingendo forte sul suo viso che non poteva sottrarsi causa il tavolino e dovette leccare il buco del culo bagnato e sudato di ognuno di loro…
dopo parecchio fù slegata e messa sul letto a riposare ma non le tolsero il vibratore dal culo le liberarono i polsi preparò nuda il caffè per ognuno di loro che si accese una sigaretta cambiarono di nuovo la cassetta alla cinepresa e si sdraiarono sul letto guardandomi senza dire una parola la troia nuda aspettava che le ordinassero cosa doveva fare……. FINE

About Storie porno

Caro visitatore maggiorenne, sei qui perché ti piace la letteratura erotica o solo per curiosità? Leggere un racconto erotico segna di più perché la tua mente partecipa al viaggio dei nostri attori. Vieni dentro le nostre storie, assapora il sesso raccontato dove la mente fa il resto.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Il buchetto

Avevo 18 anni quando mi capitò di leggere un libro d’educazione sessuale che mi scombussolò …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.