Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Coppie / Il marito guardone
copertina racconto erotico

Il marito guardone

Avevamo risparmiato per diversi anni per poterci permettere la nostra “vacanza di sogno” ed il momento era venuto finalmente.
Il solo fatto di rimanere solo con lei lontano dal lavoro e dai ragazzi era una cosa magnifica, ma due settimane ai Caraibi erano il paradiso.
Mia moglie è una donna molto bella con capelli scuri ed una figura appariscente che di solito attira gli sguardi degli uomini.
All’inizio questa cosa mi infastidiva ma col passare degli anni mi ha eccitato sapere che la guardano.
Dopo un lungo volo eravamo finalmente arrivati al villaggio e ci era stato assegnato un bungalow.
Il villaggio era grande con spiagge appartate e tutto il sole che un adoratore del sole possa desiderare.
Mia moglie ed io stavamo sdraiati tutti i giorni sulla spiaggia sorseggiando pina colada da un guscio di cocco… eravamo veramente in paradiso.
Lei indossava il tanga bianco che le avevo comprato l’estate precedente ma che non aveva indossato perché era incinta.
Avevamo preso il sole e bevuto tutto il giorno e la sera abbiamo ballato alla discoteca del villaggio, poi siamo tornati al nostro bungalow alla fine della giornata.
Il giorno seguente avevamo deciso di smettere di abbronzarci e di utilizzare i giochi e la piscina del villaggio.
Dicevo a me stesso che era meraviglioso essere in un posto così bello e non avere in giro nessuno che si conoscesse.
Proprio mentre pensavo questo ho gettato uno sguardo al bar dall’altra parte della piscina e ho visto Marco.
Marco era un amico di mia moglie e mio che avevamo conosciuto per lavoro.
Eravamo stati amici per anni.
Era più vecchio di mia moglie e di me, noi avevamo 30 anni e Marco penso avesse passato la quarantina. Ho immediatamente segnalato la sua presenza a Laura (mia moglie) e ci siamo diretti verso di lui per salutarlo.
è rimasto molto sorpreso di vederci, come noi lo eravamo di aver visto lui.
Abbiamo cominciato a chiacchierare ed abbiamo scoperto che era venuto qui perchè la relazione con la sua donna era finita ed aveva bisogno di restare per un po’ da solo.
Io e Laura abbiamo suggerito di rimanere insieme per il resto della settimana e divertirci per tenere la sua mente lontana dalla fine della relazione. Ha detto che gli sembrava un ottima idea.
Per tutta la settimana io e Marco siamo rimasti insieme durante il giorno mentre Laura si abbronzava.
Marco ed io giocavamo a pallavolo o in piscina e soprattutto ci divertivamo come bambini.
In mezzo a questo divertimento ho cominciato a ragionare su cosa pensasse Marco di mia moglie.
Sapevo che lei da sempre lo attirava perché Laura mi aveva detto che a suo tempo aveva fatto dei commenti su di lei.
Non me n’ero mai preoccupato veramente perché sapevo che era solo invidioso dell’accordo che c’era tra me e Laura.
Comunque Marco c’era sempre quando qualcuno di noi due aveva bisogno di lui e la sua amicizia veniva prima di tutto.
Chiacchierando marco ed io ci siamo detti che poiché la notte successiva sarebbe stata per entrambi l’ultima alle Barbados, avremmo ballato e bevuto tutta la notte alla discoteca del villaggio.
Anche Laura si è dichiarata d’accordo perché sapeva che non avremmo avuto l’opportunità di avere una festa come questa per parecchio tempo.
Quella sera ci siamo vestiti per la cena e ci siamo preparati per la festa.
Eravamo d’accordo con Marco di trovarci dopo cena al bar perché Laura ed io volevamo che la nostra ultima cena sull’isola fosse una cosa privata.
Laura è uscita dal nostro bagno indossando il suo stretto vestito a stampe tropicali e sandali di tessuto.
Sapevo che sotto non portava niente perché raramente lo faceva. Appariva deliziosa!
Non appena ho visto quello che indossava ho pensato immediatamente a quello che Marco avrebbe pensato e tutto ciò che sarebbe passato per la sua mente.
Laura ed io abbiamo avuto una cena meravigliosa con una bella bottiglia di vino. Eravamo tutt’e due un po’ ubriachi ma pronti a ballare ed alla festa.
Laura era un po’ più sbronza di me perché dopo l’ultima gravidanza riusciva meno a tollerare l’alcool.
Abbiamo attraversato lo spiazzo per raggiungere la discoteca dove Marco ci aspettava.
Quando l’ha osservata credo sia è rimasto compiaciuto di ciò che vedeva, l’ha abbracciata amichevolmente, mi ha dato uno scappellotto ed abbiamo cominciato a parlare dei vecchi tempi.
Abbiamo parlato e ballato tutta la notte. Ho lasciato che Laura facesse un ballo con Marco così ho visto i suoi occhi percorrergli il corpo su e giù quasi ad insinuarsi in ogni curva.
Ho guardato le sue mani che guidavano le sue anche mentre ballavano.
Mi è sembratao strano, ma più guardavo e più mi sentivo bene.
Non avrei mai pensato di permettere che facessero cose del genere con mia moglie.
Vedere un altro uomo ballare con lei nella maniera che stava facendo Marco.
Mentre la notte proseguiva abbiamo continuato a bere.
Con Marco è stata una continua competizione per conquistare ogni ballo ed essere così in grado di stare vicino al corpo esile di mia moglie.
La volta successiva che Marco ha ballato con lei, si trattava di un lento,
Laura mi ha domandato se era opportuno che lei lo ballasse con Marco e gli ho detto che non c’erano problemi.
Ora Laura era veamente ubriaca e cominciava a pronunciare le parole in modo inintelleggibile.
è andata barcollando sulla pista da ballo fra le braccia aperte di Marco.
Lei gli ha gettato le braccia dietro la schiena e lui ha messo le mani sulle sue anche.
Quando la musica ha cominciato a suonare ho visto Marco stringerla a se.
Le sue mani lentamente si sono spostate sulle sue natiche e sembrava si muovessero sul suo sedere con un lento moto circolare.
Mentre giravano sulla pista mi guardavano con un sorriso allegro ed ho pensato che normalmente Laura si sarebbe offesa alle advaces di Marco ma, essendo ubriaca, in questo caso si divertiva.
L’avevo così duro che se mi fossi toccato sarei venuto.
Avevo sempre fantasticato di mia moglie con un altro uomo ma non mi ero mai deciso perchè pensavo dovesse accadere con qualcuno di cui mi potessi fidare… mi stava venendo un’idea.
Fortunatamente il DJ aveva scelto una serie di lenti che Laura e Marco hanno continuato a ballare.
Attraverso la folla vedevo le sue mani che continuavano ad accarezzargli il sedere.
Poi ho osservato che ha mosso le mani più in basso e gli ha alzato il vestito affinchè le sue natiche restassero scoperte.
Rapidamente si è tirata indietro e ha dato un’occhiata scioccata a Marco che era rimasto impassibile.
Gli ha sorriso e poi è tornata a ballare. Vedevo le dita di Marco toccare la parte inferiore delle sue natiche strofinando la pelle nuda.
Se ci fosse stato più chiaro quelli seduti intorno alla pista avrebbero potuto vedere la micia di Laura.
La canzone era finita e loro si sono ricomposti e mi hanno raggiunto al tavolo.
Laura si è scusata dicendo di dover andare al bagno ed io ne ho approfittato per parlare a Marco.
Gli ho detto
“Mi sembra che ti stia divertendo. ” Marco ha risposto di sì e mi ha ringraziato di avergli permesso di ballare con Laura, la cosa l’aveva aiutato veramente a togliere il pensiero dalla sua ex.
Allora ho detto a Marco se poteva farmi un favore.
Gli ho chiesto di riaccompagnare Laura al nostro bungalow e fargli compagnia mentre io andavo a controllare che non ci fossero problemi per la partenza del giorno dopo.
Mi ha domandato con un’occhiata sorpresa cosa intendessi per fargli compagnia.
Gli ho detto che era veramente ubriaca ed era necessario metterla a letto.
Portala indietro, chiedigli di massaggiargli la schiena e mettila a letto per conto mio.
Marco mi ha guardato con stupore e mi ha domandato perchè le gli avrebbe dovuto lasciar fare una cosa del genere.
Gli ho risposto che gli avrei detto che volevo andare a vedere che tutto era a posto e che lui l’avrebbe riaccompagnata al bungalow.
Laura intanto era ritornata e Marco aveva un’espressione sconvolta mentre riferivo a mia moglie cosa avevo pensato.
Mi ha guardato imbarazzata ma si è detta d’accordo con me sul fatto di verificare che non ci fossero problemi per la partenza.
Gli ho detto di andare che poi li avrei raggiunti. Marco gli ha dato il braccio e ha accompagnato mia moglie ubriaca alla nostra stanza ed io sapevo cosa poteva accadere.
Rapidamente sono uscito, ho raggiunto il nostro bungalow e sono andato alla finestra.
C’erano fiori tropicali intorno cosicchè non potevo essere visto dai passanti.
Erano appena entrati e Marco l’aveva fatta sdraiare sul letto.
Laura era completamente ubriaca e stava distesa sulla pancia con i piedi fuori dal letto.
Marco ha acceso la televisione e si è messo a guardarla imbarazzato.
Ha spento la luce, si è seduto sul bordo del letto e gli ha messo una mano sul polpaccio mentre continuava a guardare la televisione.
Laura ha emesso un lamento e Marco ha cominciato a massaggiargli il polpaccio e togliergli le scarpe con l’altra mano.
Le scarpe sono cadute sul pavimento.
Si è inginocchiato ai piedi del letto e ha cominciato a massaggiargli i piedi.
Così facendo poteva vedere sotto i suoi vestiti ed avere una visione completa della sua passera.
Penso che ciò eccitasse Marco mentre le sue mani salivano a massaggiargli le caviglie e poi la parte posteriore delle gambe.
Allora è salito su di lei e si è seduto sui polpacci mentre le sue mani si sono mosse sotto il vestito e hanno massaggiato e pizzicato il sedere.
Il vestito di Laura ora gli era arrivato alla vita e tutta la parte inferiore del suo corpo era esposta.
Marco gli lavorava il culo con strette lunghe, profonde, intenzionali.
Si è fermato, si è allontanato e gli ha detto che gli avrebbe tolto il vestito per poter continuare il massaggio.
Laura ha emesso un lamento come se veramente sapesse cosa stava succedendo.
Marco ha fatto scorrere il vestito sotto di lei e poi dalla testa.
Mia moglie era nuda a faccia in giù di fronte ad un altro uomo, la mia mano ha cominciato a strofinare il mio cazzo e le mie palle.
Marco dopo avergli tolto i vestiti si è spogliato rivelando una grande erezione, poi è tornato su di lei e si è seduto con le palle appoggiate al suo culo mentre continuava a strofinargli la schiena.
Ho visto Laura contorcersi un po’ quando ha sentito le palle di Marco contro il suo culo.
Marco non poteva resistere di più… lei l’aveva eccitato e ha immerso la faccia e la lingua nel buco del culo di Laura.
Vedevo che cercava veramente di fottere il suo culo con la lingua.
Gli occhi di Laura si sono aperti e di è guardata intorno vedendo Marco che mangiava il suo buco del culo ma era troppo ubriaca per farlo smettere.
Non gli avrebbe mai permesso di andare così lontano se fosse stata sobria.
Dopo alcuni minuti Marco l’ha fatta girare sulla schiena.
Gli ha messo alcuni guanciali dietro la testa per sostenerla.
Poi si è messo a gambe divaricate sulla sua faccia.
Guardando verso mia moglie gli ha aperto le labbra col suo cazzo eretto e ha cominciato a pompare.
Gli ha afferrato la testa e ho visto tutto il suo cazzo scomparire nella sua bocca.
L’ho sentita rantolare un po’ quando ha ricevuto la spinta profondamente nella sua bocca.
Proprio quando pensavo stesse per eiaculare nella bocca di Laura, l’ha tirato fuori e gliel’ha messo tra le cosce abbronzate.
Ha spinto il suo cazzo ancora luccicante per la sua saliva nella micia di mia moglie, poi ha emesso un lamento come a dire che aveva aspettato questo per tutta la vita.
Ha cominciato a fottere Laura come se stesse vendicandosi mentre toglieva i cuscini per fargli appoggiare indietro la testa.
Per tutto il tempo ho visto il culo e le cosce di mia moglie assorbire le spinte che Marco le dava.
Marco gli ha succhiato i seni e ha preso i capezzoli tra i denti.
Tutto ciò che Laura poteva fare era lamentarsi, restare sdraiata e muovere la testa avanti e indietro.
Allora ha afferrato la sua testa e l’ha alzata, dopo di che ha abbassato le sue labbra a toccare quelle di Laura.
Mentre spingeva contro la sua pancia ha fatto scivolare la lingua nella sua bocca e l’ha baciata profondamente.
Lei ha risposto alzando le braccia ed afferrando il culo di Marco mentre lui continuava a pomparla.
Per la prima volta vedevo mia moglie abbracciata appassionatamente ad un altro uomo. Il mio cazzo era così duro che cominciava a farmi male.
Marco ha alzato la testa, l’ha gettata indietro ed ha lanciato piccolo grido come a significare che stava eiaculando profondamente nella fica di mia moglie.
Sono rimasti uno vicino all’altra per un momento e poi Marco rapidamente si è alzato e si è vestito per andarsene prima che arrivassi.
L’ha baciata profondamente e ha tira le coperte sopra di lei come a nascondere quello che era successo, quindi Marco è uscito di furia.
Dopo alcuni minuti sono entrato nel bungalow ed ho trovato mia moglie proprio come l’aveva lasciata Marco.
Ho alzato le coperte per esaminare la sua passera. Ho visto che era bagnata e ne usciva lo sperma di Marco.
Ha girato la testa, mi ha guardato nel suo stato di ubriachezza e mi ha sorriso.
Rapidamente mi sono spogliato, mi sono tuffato tra le sue gambe e ho cominciato a leccarla.
C’era un sapore familiare che era il suo miele ma ho cominciato a leccare ed inghiottire quello che sapevo essere lo sperma di Marco.
L’ho pulita tutta e poi ho messo il cazzo nella sua passera.
Ho pompato fino a riempirla con dello sperma fresco, poi ci siamo addormentati.
Il giorno successivo ricordava poco ma non riusciva a capire come mai fosse tutta indolenzita.
Gli ho raccontato onestamente gli eventi della sera precedente ed è diventata furiosa.
Gli ho assicurato che era stata bella da vedere e gli ho detto quanto mi aveva eccitato.
Allora ha cercato di ricordare ed alla fine ha trovato nel subconscio residui di quanto si fosse divertita.
L’ho baciata profondamente e ci siamo riaddormentati. FINE

About Sexy stories

Storie sexy raccontate da persone vere, esperienze vere con personaggi veri, solo con il nome cambiato per motivi di privacy. Ma le storie che mi hanno raccontato sono queste. Ce ne sono altre, e le pubblicherò qui, nella mia sezione deicata ai miei racconti erotici.

Leggi anche

copertina racconto erotico

L’amico

Quella sera io e mia moglie aspettavamo a cena Mauro, un nostro vecchio compagno di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.