Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Esperienze / In balia di teppisti
copertina racconto erotico

In balia di teppisti

Una domenica pomeriggio di primavera inoltrata, eravamo in auto io e mia moglie Simona,
premetto che siamo una coppia di 37 anni e siamo insieme dall’età di 17 anni, quindi come si suol dire una vita.
Simona e una ragazza alta 1, 70 con due bei seni e un culo degno di merito è slanciata usa spesso scarpe con tacco alto sia con pantaloni e con le gonne, anche perché lavorando in ufficio deve tenere sempre un certo stile ed eleganza.
Io sono alto 1, 80 e peso 89 kg. ma mi difendo bene per il tempo che passa e chili che vogliono prendere il sopravvento.
Torniamo alla vicenda eravamo dalle parti di Monza all’altezza del parco reale e Simona mi dice perché non entriamo a fare un giro e così facemmo visto la bella e gradevole giornata, Simona entra vestita una camicetta bianca a manica corta e una gonna rosa con collant colore carne e scarpa con tacchetto aperta sulla punta tipo sandalo.
Sopra un golfino sulle spalle, mentre io più sportivo con jeans e maglietta.
Passeggiammo per un bel quarto d’ora fino a che mi disse che voleva vedere il circuito visto che eravamo molto vicini e trovai un cancello aperto per poter entrare fino alle reti e iniziammo a seguirlo per un certo pezzo fino a che non si doveva passare sotto un sottopasso che proprio sotto la parabolica la mitica parabolica anni “60” in quel momento passando dal sole all’ombra ebbi un attimo di esitazione perché non si vedeva nulla oltre la luce dell’uscita, Simona mi diede la mano e continuammo e ci incamminammo verso l’uscita subito dopo sentii dei ragazzi dietro di noi che ridevano e scherzavano.
Al momento non ci feci caso anche se fino a quel momento non li avevo ne visti ne sentiti,
ad un tratto uno mi disse “che bella figa che hai perché non la dividi con noi” mi girai di scatto e vidi quattro ragazzi di 18 anni che ridevano, Simona mi strinse la mano per farmi capire la paura che aveva, e io non risposi e allungammo il passo.
Ma sentii che anche loro iniziarono ad avvicinarsi e in un attimo due di loro mi afferrarono con mia grande sorpresa alle spalle e io cercai di divincolarmi mentre i due più piccoli bloccarono Simona che urlò di paura ma come detto precedentemente non c’erano persone in zona.
Iniziarono a chiedermi se era mia moglie, io risposi di si mentre Simona aveva la mano di uno di loro che le tappava la bocca, e cercai pacatamente di farli ragionare per capire cosa volevano da noi.
Dissi che se volevano soldi avevo si e no 100, 00 euro in tasca e potevo darli senza problemi e loro me li presero senza fiatare, vollero anche il cellulare mio e di Simona, a quel punto pensai al solito furto che si legge spesso sui quotidiani, e le dissi ragazzi non abbiamo più nulla lasciateci andare per favore mia moglie e terrorizzata, e uno di loro disse si vi lasciamo andare ma prima tua moglie deve farci vedere la mercanzia.
Io al momento rimasi interdetto e vidi Simona che mi guardava con gli occhi imploranti tipo fai qualche cosa per tirarci fuori dai guai.
Allora con tutta la forza che avevo chiesi loro di lasciarci andare e uno mi diede uno per tutta risposta mi diede uno schiaffo e mi disse di stare zitto, dando ordine al suo compare di spogliare Simona dicendomi stai tranquillo ci accontentiamo di guardare visto che è una bella fighetta.
A quel punto uno dei ragazzini iniziò a sbottonare la camicetta e Simona rimase in reggiseno un reggiseno di pizzo bianco dove si intravedeva sotto il pizzo i capezzoli rosa, e lì partirono i primi commenti tipo che belle tette da porcona facci vedere meglio maiala, e le strapparono in reggiseno io vidi la scena come a rallentatore al momento della rottura del reggiseno i suoi seni rimbalzarono e mi fecero uno strano effetto per la situazione in cui ci trovavamo, mi si indurì il cazzo nei pantaloni probabilmente nel vedere estranei che stavano palpando mia moglie sui seni, poi la fecero girare e mentre due la tenevano uno da dietro le sollevò la gonna facendo commento sul bel culo di Simona e le accarezzo le coscie e il culo fino a mettere una mano in mezzo alle coscie mentre mia moglie cercava di divincolarsi, io nel frattempo ero inebetito ed eccitato per la scena che mi si parava davanti, poi con due mani prese il cavallo dei collant e lo strappo in mezzo le gambe la fece girare e videro le mutandine in pizzo bianco abbinato al reggiseno dove si vedeva il pelo scuro della figa sotto il pizzo e le infilò la mano sotto le mutandine in quel momento mi sentii esplodere a momenti venivo nei pantaloni, e lui commentava nel dire quando morbida e profumata era la figa di mia moglie, poi disse ai ragazzi volete vedere anche voi e tutti eccitati lo incitarono nel farla vedere e lui strappo le mutandine lasciandola con la figa in bella vista.
A quella scena nel vedere mia moglie con le gambe larghe, le braccia bloccate dietro la schiena e il seno e la figa esposte a quei ragazzini mi sentii svenire dall’eccitazione con il misto di rabbia per il fatto che ragazzini stavano palpeggiando mia moglie mai toccata da nessuno oltre me.
A turno la palpeggiarono con i commenti più osceni che si possono immaginare fino a che sentirono gente in lontananza e scapparono lasciandoci lì senza parole.
Mia moglie si rivestì alla bene meglio e tornammo verso l’auto senza dire una parola ma arrivati a casa dopo una doccia rigenerante ci guardammo negli occhi e ci baciammo facendo poi l’amore con una foga mai avuta prima.
Da quel giorno qualche cosa cambiò in noi. FINE

About Porno e sesso

I racconti erotici sono spunti per far viaggare le persone in un’altra dimensione. Quando leggi un racconto la tua mente crea gli ambienti, crea le sfumature e gioca con i pensieri degli attori. Almeno nei miei racconti.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Quella volta che ne presi tre

Prima o poi lo avrei provato! Dopo l’esperienza a tre e cioè con due cazzi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.