Home / Adolescenti / Una bella festa
copertina racconto erotico

Una bella festa

Una sera di Giugno di quest’anno, siamo stati invitati ad una festa di 18 anni di una nostra conoscente.
Alla festa era richiesta la cravatta nera (che come sapete equivale a smoking e abito da sera).
Alle 20. 00 circa sono andato a prendere la mia ragazza Kerry (nome non reale) a casa, e appena l’ho vista, mi sono paralizzato a pensare quando bella fosse la mia ragazza; indossava un’abitino da sera nero molto corto (si intravedeva il bordino di pizzo delle autoreggienti) e una grande scollatura dietro la schiena che faceva appena vedere l’inizio del suo (a mio parere) bellissimo culo.
Dopo un po’ che eravamo in macchina Kerry ha richiamato la mia attenzione e mi ha fatto vedere che stando seduta le si era alzato il vestitino e si intravedevano i peli della figa (ERA SENZA MUTANDINE).
Per me tutta la serata ha assunto un aspetto diverso; ero veramente molto eccitato.
La festa si è svolta tranquillamente con il mio sguardo sempre rivolto a Kerry e alle persone che la guardavano (volevo vedere se si accorgievano che era senza mutandine); ad un certo punto della festa, Kerry mi ha detto che doveva fare pipì, e mi ha chiesto se l’accompagnavo.
Siamo andati dove avevo parcheggiato la macchina e senza dover fare troppa fatica, Kerry si è tirata un po’ su il vestitino e si è messa a pisciare.
La cosa eccitante è che in quel momento c’era un po’ di gente là nel parcheggio (era tardi e alcuni stavano andando a casa) e Kerry era coperta solo da una fiancata della mia macchina, e quindi qualcuno poteva passare di lì e vederla.
Poco tempo dopo questo episodio, abbiamo deciso di andare via (la festa era quasi finita).
Mentre eravamo in macchina e stavamo tornando a casa, ho iniziato ad accarezzare la coscia di Kerry fino ad arrivare al clitoride; mentre le massaggiavo il clitoride Kerry era eccitatissima e molto bagnata.
Ad un certo punto mi ha chiesto di girare in una stradina prima di arrivare a casa sua.
La stradina era abbastanza buia, e abbiamo parcheggiato là.
Abbiamo iniziato a baciarci con molta passione, e intanto io continuavo a muoverle il clitoride e ogni tanto le infilavo qualche dito in figa (glie ne ho infilate anche quattro contemporaneamente) e intanto lei mi aveva tirato fuori il cazzo e mi stava facendo una bellissima sega.
Quando siamo arrivati entrambi quasi al culmine del godimento Kerry mi ha chiesto di metterle il mio telefonino in figa (è un Motorola microtac).
Senza molta fatica visto che era bagnatissima, le ho infilato il telefonino completamente dentro la figa; Kerry stava impazzando di piacere e me lo faceva muovere sempre di più, ma ad un certo punto forse per un movimento sbagliato (il telefonino ha una forma rettangolare) le ha fatto un po’ male e allora glie l’ho levato.
A questo punto Kerry ha preso cinque penne da scrivere che avevo in macchina e se le è messe tutte e cinque (una alla volta) dentro in figa. Io mi sono piegato e contemporaneamente le leccavo il clitoride; Kerry stava impazzando.
Le ho portato un dito alla bocca (che lei ha prontamente succhiato) e poi le ho messo il dito ben lubrificato dentro il buco del culo.
A questo punto Kerry aveva le 5 penne in figa, un dito in culo e le stavo leccando il clitoride.
Pochissimo dopo, è venuta con uno splendido orgasmo.
Le ho lasciato il tempo di riprendersi e poi le ho fatto prendere il mio cazzo in mano e mi ha fatto venire su un fazzolettino di carta con una bellissima sega.
Ci siamo ricomposti e siamo andati a casa. FINE

About Esperienze erotiche

Mi piace partecipare al progetto dei racconti erotici, perché la letteratura erotica da vita alle fantasie erotiche del lettore, rispolverando ricordi impressi nella mente. Un racconto erotico è più di una lettura, è un viaggio nella mente che lascia il segno.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Amore semi-incestuoso

Mi immergo nell’odore acre e untuoso della stazione: sono appena arrivato in questa città. A …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.