Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / BDSM / L’incubo di Laura
copertina racconto erotico

L’incubo di Laura

Laura è una ragazza di 18anni, è piuttosto carina, anche se si veste sempre con degli abiti che non sono adatti ad una ragazza della sua età, ha i capelli castani che lei porta sempre raccolti in una coda di cavallo, non si trucca mai perché sa che sua mamma non approverebbe. Sua mamma è una donna di 36anni, era rimasta incinta quando aveva appena 17anni e siccome il ragazzo l’aveva mollata appena saputo che aspettava un bambino, lei aveva dovuto crescere la figlia da sola, senza aiuto, infatti anche i genitori l’avevano cacciata di casa.

Vittoria, così si chiama la madre, aveva cresciuto la figlia inculcandogli l’idea che i ragazzi erano tutti dei mascalzoni, che dalle ragazze volevano solo una cosa, portarle a letto, ottenuto lo scopo le mollavano e le poverette erano fortunate se nel frattempo non erano rimaste incinte.

Laura non aveva mai frequentato i maschi della sua classe, da quando era all’asilo aveva imparato a tenerli alla larga, nessuno era mai riuscito a strapparle un bacio, adesso sentiva le sue amiche che parlavano solo di ragazzi, di come baciavano, di quello che facevano quando uscivano insieme, lei ascoltava quasi scandalizzata, e si asteneva dal fare commenti.

Si avvicinava la fine dell’anno e le sue amiche ogni giorno pensavano a come organizzare la festa, chiesero anche a Laura se voleva partecipare, lei rispondeva sempre che doveva chiedere il permesso alla madre, infatti non poteva mai uscire senza il suo consenso, le amiche la prendevano in giro dicendole che ormai era maggiorenne e che la madre non poteva sempre obbligarla a rinunciare a tutto.

Laura si fece coraggio e la sera a cena tirò fuori l’argomento, la madre all’inizio non voleva concederle il permesso ma poi l’aiuto inaspettato di Gianni, l’uomo che da due anni conviveva con la madre, convinse la madre che però come condizione disse che doveva ritornare a casa per le due del mattino e non più tardi, Laura accettò.

Qualche giorno prima della festa che si sarebbe tenuta in un locale poco lontano da casa sua, Laura si trovava in casa di Sara, una sua amica, e stavano provando i vestiti e il trucco che avrebbero indossato, avevano quasi la stessa taglia così Sara diede a Laura un suo vestito, era tutto nero, molto scollato e con la gonna molto corta, quando Laura si guardò allo specchio disse all’amica che non avrebbe mai trovato il coraggio di indossarlo e che se sua madre l’avesse vista le avrebbe tolto il permesso di andare alla festa, ma Sara le rispose che il vestito le stava benissimo e cominciò a provare i trucchi.

Arrivò la sera dell’ultimo dell’anno, Laura si recò a casa di Laura dove si sarebbe cambiata, quando fu pronta si guardò allo specchio e quasi non si riconobbe, arrivarono al locale dove si svolgeva la festa e furono travolte dal casino che c’era, la musica altissima poi impediva qualsiasi dialogo, Laura ballò per tutta la sera con vari ragazzi, verso le 11 venne invitata a ballare da Mirco, un ragazzo che lei conosceva bene e per il quale aveva avuto una cotta, mai confessata, ballò con lui fino a mezzanotte e quando ci fu il brindisi per festeggiare l’anno nuovo lui la prese tra le braccia e la baciò dandole un leggero bacio sulle labbra che però si trasformò ben presto in vero bacio, Mirco con la lingua cercava di forzare le labbra di Laura che si ostinava a tenerle ben chiuse, non voleva fare una figuraccia, non aveva mai baciato un ragazzo in vita sua.

Fecero ancora un ballo insieme poi Mirco le propose di uscire per fare quattro passi e per poter chiacchierare un po’ visto che li dentro era impossibile. Laura si guardò intorno per cercare Sara, quando la trovò la trascino in bagno con se e le disse della proposta che le aveva fatto Mirco, quando la sua amica le assicurò che non ci sarebbe stato nulla di male ad uscire con lui, al limite l’avrebbe portata in macchina a pomiciare un po’ prima di riportarla a casa.

Tornata in sala Laura si diresse verso Mirco che prendendola sottobraccio la portò fuori, l’aria era veramente fredda, e ogni tanto si sentivano ancora scoppi di petardi così Mirco le propose di salire in macchina.

Quando furono in macchina lui accese il motore e partì, Laura era spaventata non voleva allontanarsi da sola con lui, ma lui la tranquillizzò dicendole che cercava solo un posto più intimo infatti davanti al locale dov’era parcheggiata la macchina era un continuo viavai di ragazzi , fermò la macchina davanti ad un parco, spense il motore e si girò a baciare Laura, lei dopo aver cercato di resistere rispose ai baci di lui e lasciò che la lingua di Mirco entrasse nella sua bocca.

Mirco le mise una mano sopra il seno, e cominciò ad accarezzarlo attraverso il vestito, Laura lo lasciò fare, lui le prese una mano e se la portò sulla patta dei pantaloni, Laura sentì attraverso la stoffa il cazzo che stava diventando duro, e si spaventò, tolse la mano e cercò di calmare Mirco che avendo messo una mano sotto la sua gonna cercava dio risalire verso il bordo delle mutandine, lei non voleva e gli chiese di smettere, lui che era ormai eccitato provò prima a tenerla ferma mentre cercava di tirare fuori dai pantaloni il cazzo e quando ci riuscì portò una mano di lei ad accarezzarlo, Laura era terrorizzata e gli chiese di accompagnarla a casa, ma lui non voleva saperne allora lei aprì la portiera e uscì fuori, lui la chiamava ma lei si era già messa a correre verso il parco, attraversandolo dall’altra parte c’era casa sua dove sarebbe stata al sicuro, sentiva Mirco che la chiamava dicendole di tornare indietro ma lei non lo ascoltava, quando si girò, vide i fanalini di dietro della macchina di Mirco che stanco di chiamarla aveva deciso di lasciarla lì.

Era quasi arrivata, vedeva attraverso gli alberi il palazzo dove abitava quando sentì delle voci, era capitata in mezzo a un gruppo di extracomunitari che avevano deciso di festeggiare l’ultimo dell’anno nel parco, avevano acceso un piccolo fuoco e sulle coperte che avevano steso a terra c’erano molte bottiglie ormai vuote, Laura ricominciò a correre verso casa ma loro la raggiunsero e la circondarono, dicendole di rimanere alla loro festa che si sarebbe divertita.

Laura era completamente circondata non aveva vie di fuga e questo la spaventò ancora di più e si mise a gridare, un negro la prese da dietro e passandole un braccio sopra la vita la sollevò come se fosse una piuma mentre con l’altra mano le tappava la bocca, Laura scalciava ma non riusciva a liberarsi da quella morsa che la soffocava, il negro andò verso il fuoco e senza tanti complimenti la sbattè per terra.

Laura ora era sdraiata sul tappeto sudicio, aveva intorno una ventina di uomini di colore che la guardavano e cominciavano a farle dei complimenti pesanti, uno di loro si chinò vicino a lei e cercò di baciarla, lei lo graffiò sul viso e lui per tutta risposta le diede uno schiaffo che la lasciò tramortita, sembrava un segnale, infatti gli altri si avvicinarono a loro volta e cominciarono a toccarla, lei piangeva e li pregava di lasciarla andare, ma il suo pianto sembrava eccitarli ancora di più.

Il gruppo di uomini cominciò a parlare tra di loro in una lingua che lei non capiva, poi quello che sembrava essere il capo, un tizio con la pelle molto scura, alto quasi due metri, con dei muscoli che farebbero invidia ad un culturista li fece zittire, poi le si avvicinò e nel toglierle il cappotto, siccome Laura lo teneva stretto a sé, le strappò due bottoni, poi cercò di toglierle il vestito, Laura guardava i bottoni che erano caduti e riusciva solamente a pensare che il vestito che indossava era di Sara e che non voleva si rovinasse perché doveva restituirlo alla sua amica, allora come in trance iniziò a toglierselo da sola rimanendo in reggiseno e mutandine, prese il vestito e lo ripiegò con cura mettendolo poi a terra sopra la borsa perché non si sporcasse.

Il solito negro le disse di mettersi vicino al fuoco, sia per scaldarsi un po’, sia per farsi vedere bene da tutti, Laura non reagiva allora lui la prese, la trascinò accanto al falò e le strappò il reggiseno che fece poi cadere nel fuoco, la stessa fine fecero le mutandine, ora Laura era in piedi davanti a tutti quegli uomini che la guardavano e non poteva credere che quello che stava succedendo fosse reale, non poteva capitare a lei una cosa simile, nemmeno nei suoi peggiori incubi era riuscita ad immaginare una cosa tanto orribile, teneva gli occhi chiusi e pensava che se li riapriva scopriva che aveva sognato e si sarebbe ritrovata a letto nella sua cameretta, ma quando trovò il coraggio di riaprire gli occhi vide che non era sparito nulla, era tutto reale, era ancora circondata da un branco di uomini che sbavavano nel guardare il suo corpo nudo.

Faceva molto freddo quella notte e lei stava tremando, oltre che dalla paura, anche dal freddo, dopo aver parlato fra di loro gli uomini la trascinarono di peso verso una baracca che si trovava in mezzo al parco, dove venivano tenuti gli attrezzi del giardiniere, era una baracca di legno non molto grande, qualcuno buttò per terra un materasso e Laura vi venne spinta sopra, qualcuno accese il fuoco dentro due bidoni di metallo e questo contribuì a illuminare e riscaldare l’ambiente.

Quello che sembrava il capo si avvicinò a Laura e cominciò a toccarla, le prese le tette fra le mani, erano piccole ma sode, le massaggiò come se volesse scaldarle poi le prese i capezzoli tra le dita e cominciò a schiacciarli fino a farla urlare dal dolore, il suo grido sembrò un segnale, infatti tutti gli altri presero a toccarla, qualcuno cercò di baciarla in bocca, lei scuoteva la testa e chiamava aiuto, ma sapeva che nessuno sarebbe arrivato per salvarla, erano in tanti a tenerla, sentiva le loro mani dappertutto, uno di loro riuscì a infilare un dito nella sua figa, e scoprì che era ancora vergine, gridando eccitato lo disse ai suoi compagni che cominciarono a ridere, il capo le si avvicino e volle infilare anche lui un dito nella figa di Laura, ma lei scalciava, lui si spazientì e le mollo uno schiaffo sul viso, Laura rimase quasi stordita per la forza del colpo, e lui ne approfittò, fece segno a due che le presero le gambe e gliele divaricarono all’inverosimile, Laura gridava per il dolore, poi lui riprovò a infilarle un dito nella figa, questa volta lei non poteva fare nulla, era immobilizzata, lui giocherellò per qualche istante con le labbra della figa, poi introdusse il dito lentamente, Laura sentiva quell’intrusione e urlava per il dolore, per la vergogna e per la sua impotenza, quando il dito giunse alla barriera dell’imene il negro lanciò un grido di soddisfazione.

Nel frattempo quasi tutti si erano spogliati, Laura non aveva mai visto un cazzo dal vivo e improvvisamente ne aveva davanti almeno 20, continuava a supplicarli perché la facessero tornare a casa, non avrebbe raccontato niente a nessuno, ma loro la ignoravano, due di loro le si avvicinarono e le misero i loro cazzi contro la faccia, mentre qualcuno le teneva ferma la testa cercavano di infilarsi nella sua bocca, uno di loro ci riuscì, le mise il cazzo dentro e spinse fino a toccarle la gola, Laura sentiva un sapore acre, un puzzo di piscio e di sporco, e le venne da vomitare ma lui rideva e cominciò a fare avanti e indietro nella sua bocca, dopo qualche minuto dal cazzo cominciò ad uscire un liquido denso e vischioso, Laura all’iniziò pensò che le stava pisciando in bocca, ma quando sentì che era un liquido più denso capì che le stava sborrando in bocca, aveva sentito delle sue amiche parlare di quello che succedeva ai loro ragazzi quando loro gli menavano il cazzo, lei cercava di farsi uscire il cazzo dalla bocca per poter sputare quello che le aveva schizzato in bocca, ma le mai che la tenevano non le permettevano di muoversi e il cazzo rimaneva dentro la sua bocca, quando si accorsero che teneva ancora in bocca la sborra, le chiusero il naso e la obbligarono e inghiottire per poter respirare con la bocca, quando la sborra le scese nell’esofago pensava di morire, le andò di traverso e lei non poteva tossire perché aveva sempre quel palo di carne conficcato in bocca.

Finalmente il cazzo iniziò a smosciarsi e fu tirato fuori ma subito un altro prese il suo posto e il giro ricominciò, nel frattempo le sue mani furono riempite da altrettanti cazzi che fu obbligata a menare, qualcuno le allargò le gambe e sentì qualcosa di bagnato toccarle la figa, alzò la testa per guardare e vide che qualcuno la stava leccando, lei cercava di scalciare, ma venne tenuta ferma da altre mani, sentiva la lingua che la leccava, aveva paura che prima o poi l’avrebbe morsa, ma non poteva fare nulla.

Quello che la leccava ad un certo punto disse agli altri che la figa era pronta per ricevere il primo cazzo della sua vita, tirarono a sorte per vedere chi sarebbe stato il primo, quello che vinse le si avvicinò, e le fece prendere il cazzo in bocca dicendole di lasciarci sopra molta saliva, ma Laura aveva la bocca secca, sembrava fatta di carta vetrata, il negro si staccò dalla sua bocca e si portò tra le sue gambe che venivano tenute aperte da altri mentre le sue mani vennero portate in alto sopra la sua testa e tenute ferme in quella posizione, Laura vedeva il cazzo del negro che le si avvicinava e continuava a gridare, poi sentì che aveva appoggiato il glande alle labbra della figa e cominciò a spingere, sentiva il cazzo che si faceva strada dentro di lei, era entrata solo la punta, lui rimase fermo qualche istante, Laura sentiva un dolore incredibile, lui iniziò a spingere per entrare sempre di più, Laura sentiva come se un grosso palo la stesse squartando, ma non poteva sottrarsi a qual dolore e forse anche per quello le sembrava più terribile, alla fine con un solo colpo il negro le sfondò la figa, Laura sentì qualcosa lacerarsi dentro di lei e urlò con tutto il fiato che aveva, intanto gli uomini intorno a lei continuavano a incitare il loro compagno che dopo averle dato altri colpi, uscì all’improvviso da lei, mostrò il cazzo sporco di sangue poi puntò ancora il cazzo verso la figa e lo spinse tutto dentro, Laura sentì ancora un dolore che sembrava lacerarla internamente, lui cominciò a scoparla, Laura si era isolata con la mente, le venivano in mente le parole di sua madre e non poteva immaginare che era solo all’inizio dell’incubo che stava vivendo.

Quello che la scopava iniziò ad andare sempre più veloce finchè venne sborrandole nell’utero, Laura riprese conoscenza in quel momento quando comprese ciò che il negro le aveva fatto, era venuto dentro di lei, poteva rimanere incinta ma a nessuno di loro importava, infatti il posto nella sua figa fu subito preso da un altro, questo le faceva ancora più male del precedente, la scopava con violenza intanto le pizzicava le tette, ogni tanto si tirava fuori completamente e si rituffava subito dopo facendola gridare ogni volta, alla fine anche lui le sborrò dentro.

Ormai Laura sembrava rassegnata, un altro si sdraiò per terra e facendola alzare la obbligò a penetrarsi da sola la figa con il suo cazzo, nel frattempo aveva sempre la bocca piena e anche le sue mani erano impegnate a masturbare altri cazzi per farli diventare belli duri prima di passare anche loro a scoparla, il tizio che aveva sotto di lei la fece piegare e mentre la martellava le mordeva i capezzoli, poi iniziò a massaggiarle il culo, pizzicandolo come a sentirne la consistenza, Laura restava impassibile finchè sentì che un dito cercava di entrare nel suo culo, allora riprese ad agitarsi, il negro sotto di lei si divertiva vedendola muoversi con il suo cazzo lo eccitava di più che avere una bambola inanimata, così continuò a forzare l’ano di Laura con un dito, Laura sentiva quel dito che cercava di entrare e cercava, spingendosi in avanti di sfuggirgli, quando l’uomo sentì che stava per venire, le tirò fuori il cazzo dalla figa e facendola abbassare le sborrò il faccia, Laura era disgustata, aveva la faccia piena di sborra, quando respirava le entrava in bocca e la sentiva anche nel naso, con un lembo di una coperta cercò di pulirsi, altre mani la presero e la fecero mettere a quattro gambe, poi una lingua le leccò l’ano, lei gridava di non farle altro male, ma la lingua implacabile continuava a leccarla e mentre con le mani le tenevano separate le chiappe, mettendo bene in evidenza il suo buchino, la lingua cercava di penetrarla, arrivò la volta del capo, le disse che aveva aspettato per eccitarsi meglio perché voleva essere pronto per toglierle l’ultima verginità, Laura lo guardava avvicinarsi alla sua bocca, aveva un cazzo molto grosso e molto lungo, il più grosso di tutti quelli che aveva li intorno, quando lo appoggiò alle sue labbra, lei obbediente aprì la bocca e lo accolse dentro, faceva fatica a contenerlo, le mascelle le facevano male per tanto che erano aperte, lui si fece spompinare un po’, poi le disse che era arrivato il momento, Laura ricominciò a piangere, si mise in ginocchio e lo pregava di non farle anche quello ma lui fece segno agli altri che la presero come se fosse un burattino, la sollevarono da terra e la rimisero in ginocchio, le fecero abbassare la testa finchè non toccò terra, poi due di loro le tennero le braccia in avanti per impedirle di alzarsi, sentì che anche le sue gambe le vennero divaricate e qualcuno le teneva le ginocchia in modo che lei non potesse più richiuderle, quando fu pronta il capo si mise dietro di lei e le appoggiò la cappella al buco del culo, lei era terrorizzata, lui aiutandosi con le dita spinse il cazzo dentro di lei, dopo un po’ di resistenza il muscolo cedette e lasciò passare la cappella, Laura gridava dal dolore, le sembrava che stessero aprendola in due, sentiva il cazzo che si faceva strada e cercava, stringendo i muscoli dello sfintere, di impedire la penetrazione, ma così facendo sentiva ancora più dolore, il cazzo intanto continuava ad entrare nel suo intestino, lei gridava di non farcela più e lo pregava di tirarlo fuori, ma lui le rispose che se lo tirava fuori poi per lei era peggio perché avrebbe dovuto ricominciare dall’inizio, il cazzo sembrava non avere mai fine, lei lo sentiva entrare sempre di più, il suo ano le bruciava in modo insopportabile, il dolore era terribile, lui si fermò per qualche istante e lei credette che finalmente era riuscito a metterlo tutto dentro e mentre fece un sospiro di sollievo, lui diede una spinta terribile e Laura sentì le palle di lui che le aderivano alla figa. Quell’ultimo colpo era stato il peggiore di tutti, Laura sentiva il sangue che le colava lungo le cosce, il dolore era arrivato a punti inimmaginabili, non aveva più la forza neppure di lamentarsi, si sentiva riempita all’inverosimile da quel cazzo che sembrava le arrivasse in gola, pensava di non avere mai sentito un dolore simile finchè lui iniziò a muoversi dentro di lei, ad ogni colpo un dolore atroce le partiva dall’ano e le arrivava fin dentro lo stomaco, si sentiva morire, poi di colpo lui lo tirò fuori con un rumore di risucchio, a Laura pareva che anche le sue budella avessero seguito il cazzo e fossero uscite da dentro di lei, poi lui lo rispinse ancora dentro di lei, il dolore ormai faceva parte di lei, pensava che non se ne sarebbe più andato, lui la inculò a lungo, finalmente sborrò e lei sentì la sborra che le entrava nell’intestino e quando lui tirò fuori il cazzo lo lasciò appoggiato al suo ano, che lei sentiva essere rimasto aperto, e sborrò anche su di lui, Laura sentiva la sborra che quando scendeva sull’ano le provocava un bruciore indescrivibile, lui si fece ripulire il cazzo infilandolo ancora nella bocca di Laura, poi venne ripresa ancora e ancora per tutta la notte, la presero anche in due contemporaneamente, mentre uno stando sdraiato sulla schiena la scopava, un altro arrivava da dietro e la inculava, Laura ormai si lamentava piano, non aveva più voce per urlare e non aveva più lacrime per piangere, mentre la usavano probabilmente svenne, infatti quando aprì gli occhi vide che albeggiava, i negri dormivano quasi tutti, tranne uno che ancora la scopava malgrado lei fosse piva di conoscenza, il capo vedendo che si era ripresa le diede i suoi vestiti e le disse che poteva tornarsene a casa, le disse di non provare a denunciarli, infatti aveva preso dalla borsa i suoi documenti e non avrebbe esitato ad andare a cercarla.

Laura non poteva credere che veramente la mandassero via, ormai era sicura che l’avrebbero ammazzata, comunque prese i vestiti, infilò il cappotto e camminando piano piano per il dolore che sentiva in tutto il corpo si avviò verso casa.

Fortunatamente non aveva molta strada da fare, quando aprì la porta di casa erano quasi le sei del mattino, vide che Gianni, il compagno di sua mamma era sdraiato sul divano, si era addormentato con la tv accesa, quando la sentì entrare le si avventò contro dicendole che non era quella l’ora di rientrare, le disse anche la madre la sera prima dopo che Laura era uscita, era stata chiamata a sostituire una collega ammalata ed era andata a lavorare lasciando a lui il compito di controllare che la figlia rispettasse l’orario di rientro.

Laura si mise a piangere e raccontò quello che le era successo durante la notte, pregandolo di non raccontare niente alla madre, lui la fece alzare e la accompagnò in bagno dicendole che puzzava come una fogna, le disse di lavarsi e di raggiungerlo appena pronta.

Laura si fece una doccia e restò per quasi un’ora sotto l’acqua corrente, cercando di lavare via oltre all’odore anche i ricordi di quella notte terribile, dopo essersi lavata tornò in salotto e trovò Gianni seduto sul divano, le fece segno di sedersi accanto a lui poi le chiese di raccontargli nei minimi particolari tutto quello che le avevano fatto, Laura lo guardò, aveva uno sguardo strano, sembrava volerla spogliare con gli occhi, lei disse che era stanca e che voleva andare a dormire ma lui la prese per una mano e la costrinse a risedersi sul divano di fianco a lui, poi le mise una mano sotto l’accappatoio prendendole un seno tra le dita, Laura lo guardava e non aveva la forza di fermarlo, lui le prese la testa e la spinse contro la sua cominciando a baciarla, lei piangeva silenziosamente, quando lui se ne accorse le disse di non fare la scema, aveva soddisfatto un branco di negri e non era morta, quindi poteva soddisfare anche lui senza problemi, intanto tutte le vie d’accesso erano state liberate.

La trascinò in camera da letto, le tolse l’accappatoio che la copriva e tirando fuori il cazzo moscio dal pigiama le ordinò di farglielo diventare duro, mentre lei rassegnata si abbassava per accogliere il cazzo tra le sue labbra lui le chiedeva se le erano venuti in bocca, e si eccitava per le sue risposte affermative, quando fu pronto la fece mettere alla pecorina e la scopò a lungo incurante del dolore che Laura sentiva, poi le chiese le l’avevano inculata, senza aspettare risposta lo capì da solo vedendo l’ano di Laura, era tutto rosso, talmente gonfio che non si vedeva il buco, lui le mise dentro le dita facendola urlare dal dolore, poi sostituì le dita dal suo cazzo e cominciò a incularla violentemente, Laura gridava, le sembrava che avesse un palo arroventato che le sfondava il culo, lui le si accasciò contro la schiena con tutto il suo peso e con una mano le artigliava la figa, graffiandola ogni volta che le infilava dentro le dita, poi le venne in faccia, la obbligò a tenere la bocca aperta mentre lui cercava di fare centro con la sua sborra, quando fu esausto la mandò via dicendole che d’ora in poi la avrebbe soddisfatto ogni volta che lui glielo chiedeva.

Laura tornò in bagno a pulirsi, poi andò a letto, non riusciva a dormire pensava a quello che le era capitato, sentiva il suo corpo che ad ogni movimento anche ad un piccolo respiro veniva percorso da dolori lancinanti, voleva piangere ma non ci riusciva, alla fine si addormentò ma il suo sonno era pieno di incubi, si svegliò di soprassalto, era tutta sudata, sentiva delle voci giungere dalla porta chiusa, era Gianni che parlava con qualcuno, poi sentì la porta che si apriva, fece finta di dormire, sentì che le venivano tolte le coperte e una mano faceva risalire la sua camicia da notte fino a scoprirle le gambe, poi una mano le spostava le mutandine di lato e un dito si infilava dentro massaggiandole la figa, non ce la faceva più allora aprii gli occhi e vide Gianni con un altro uomo, era anziano, aveva i capelli bianchi, e un’espressione da maniaco, era lui che le aveva messo una mano nelle mutandine, quando Gianni vide che si era svegliata le disse che doveva darsi da fare con il suo amico che aveva pagato per passare un paio d’ore con lei, Laura non aveva più forze non ce la faceva ad opporsi anche a questa nuova violenza e dovette subire le mani del vecchio che la palpavano, fu obbligata ancora una volte a prendere un cazzo in bocca, a sopportare di essere scopata, a essere inculata, ormai il dolore faceva parte di lei, sembrava che fosse sempre stato così e che non se ne sarebbe più andato.

FINE

About Porno racconti

La letteratura erotica ha sempre il suo fascino perché siamo noi a immaginare e a vivere, seduti su una comoda poltrona o a letto, le esperienze e le storie raccontate qui, Vivi le tue fantasie nei miei racconti, i miei personaggi sono i tuoi compagni d'avventura erotica. Buona lettura.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Gita pasquale

Passeggio tra le stelle scampagnata pasquale con le dita sul mio corpo inutile ripercorro sentieri …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.