Ultimi racconti erotici pubblicati
Home / Adolescenti / Veramente bella
copertina racconto erotico

Veramente bella

Durante questa estate ho vissuto u esperienza bellissima che vi voglio raccontare.
Ero a Riccione nella mia casa al mare e stavo giocando in giardino con mio fratello quando vidi passare una ragazza veramente bella, occhi azzurri, capelli biondi e a caschetto, portava all’incirca la quarta, ed aveva un vestito talmente attillato che si potevano vedere gli slip e il suo fantastico culettto sodo.
Cominciai a sbavare su di lei e mio fratello mi disse che non mi avrebbe neanche notato e accolsi in peno la sfida.
Andai da lei e imbarazzato incominciai a parlarle; parlavamo di tutto e scoprii che era una ragazza oltre che bella anche simpatica ma non mi erano sfuggite le sue bellissime tette e notai che non portava reggiseno infatti le vidi i suoi bellissimi capezzoli e il mio cazzo divenne sempre più duro tanto che dovetti andare in bagno ha mettermelo a posto tra le mutande, intanto mi sparai un sega. Tornato le chiesi se poteva venire a cena da me stasera e con mio grande stupore lei accettò.
Aspettando sera pulì la casa e quando suono il campanello andai ad aprire e la vidi.
Non credetti ai miei occhi, portava un vestito tanto trasparente che riuscii a vederle i seni quasi come se fosse nuda.
Mio fratello l’avevo mandato a dormire e la feci accomodare e incominciammo a mangiare.
Notai che il suo piede accarezzava dolcemente la gamba.
Il mio membro non resisteva più e slacciai la cerniera facendolo uscire.
Le guardai le tette e lei accortesene mi disse
“Che c’è non ti piacciono le mie tette, non le vorresti assaggiare, non vorresti spremerle” ed io le dissi
” facciamo sesso”
Ci alzammo e mentre andavamo in camera da letto mi prese in mano l’uccello e mi disse
” è da stamattina che ti desidero”, arrivati in camera da letto mi spoglia e il mio cazzo trovò la libertà.
incominciai a baciarla e a strizzarle i seni veramente sodi, poi la mia lingua incominciò a leccarle i capezzoli duri facendo una specie di lecca-lecca poi incominciai a baciarle le coscie mentre lei urlava emettendo gemiti di goduria. Mi avvicinai sempre di più alla figa e vidi che ormai le sue gambe erano bagnate dei suoi umori. le tolsi le mutandine e vidi che aveva una splendida figa rasata,
” Leccamela ti prego fammi venire, fammi godere” e lentamente cominciai a leccarle il clitoride e poi giungendo sulle sue labbra le leccai e lei mi riempi dei suoi umori.
Poi mi alzai e gli dissi
” lo vedi questo grosso palo è tutto tuo, leccalo” e lei obbedì mettendoselo tutto in bocca e cominciò a slinguazzarmelo facendomi scoppiare e gli dissi
” ora ti sborrerò ma tu dovrai berlo tutto”
“si certo non ne uscirà una goccia ” e così fu il mio seme schizzo sul suo palato e lei lo bevve tutto con gusto e lei era venuta intanto 2-3 volte.
Poi mi disse
“basta ora mettimelo dentro, riempimi del tuo sperma” e cosi feci; prima glielo strofinai in modo da eccitarla sempre di più e alla fine glielo misi dentro e intanto le palpavo il suo culetto sodo seguendo il ritmo. Venni e le sborrai credo tutto quello che avevo immagazinato da una vita.
” siiii cosi fammi come una troia, saziami, aprimi AHHHHHHHHH si lo sento sto per venire ahhhh, dai su ah -ah ahhhh come è duro si cosi dai” io non capivo più niente la mia cappella stava esplodendo e quando senti che stavo per sborrare lo tolsi e glielo ficcai in bocca e lei bevve tutto senza far cader una goccia.
Poi la presi da dietro e la inculai; la sbattei fortemente con ritmi veloci e infine facemmo una spagnola fantastica e la bagnai del mio sperma.
Finita la stupenda trombata si vestì e mi disse
” tornerò domani sera cosi potremo farlo di nuovo, la baciai e con la lingua le prosciugai la bocca. FINE

About racconti hard

Ciao, grazie per essere sulla mia pagina dedicata ai miei racconti erotici. Ho scelto questi racconti perché mi piacciono, perché i miei racconti ti spingeranno attraverso gli scenari che la tua mente saprà creare.

Leggi anche

copertina racconto erotico

Le voglie e le masturbazioni

Eravamo in ferie in Puglia, avevamo affittato una casetta in un paesino in collina, durante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.